Jump to content
Le ultime news
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Missilina

Archivio canzoni triestine

Recommended Posts

CIRIBIRIBIN PAGHE' 'NA BIRA

(Popolare)

I.

Ciribiribin, paghè 'na bira,

Ciribiribin, no go moneda,

Ciribiribin, domàn de sera,

Ciribiribin, la pagherò!

Ritornello:

Sei bella, sei cara,

Bella, non piangere!

Bella, non piangere!

Sei bella, sei cara,

Bella, non piangere

Non sospirar!

II.

Ciribiribin, ghe vol persuto,

Ciribiribin e mortadela,

Ciribiribin, la mula bela

Ciribiribin per far l'amor!

Ritornello:

Sei bella, sei cara,

Bella, non piangere!

Bella, non piangere!

Sei bella, sei cara,

Bella, non piangere

Non sospirar!

Nota dell'amministratore: ho messo a posto il titolo, la descrizione e i testi mal formattati. Per favore zerchemo de no far un zuf nelle discussioni, per i prossimi post qua dentro cerchè de mantenir colori e grandezza dei font, grazie

Edited by SandroWeb

Share this post


Link to post
Share on other sites

INO DEI MATI

(Popolare)

I.

E co càpita el primario

el domanda come xe,

come xe.

Sior primario, stemo meio:

siam rimasti solo in tre!

Solo in tre!

Ritornello:

E in zavate, capèl de paia,

la vestaia a pindolòn,

pindolòn,

finiremo 'sta marmaia

ne l'Otava Divisiòn!

Secessiòn!

II.

Sior primario, la saludo

perchè 'l mal me xe passà,

xe passà,

ma se ciapo un'altra bala

la me vedi tornàr qua!

Tornàr qua!

Ritornello:

E in zavate, capèl de paia,

la vestaia a pindolòn,

pindolòn,

finiremo 'sta marmaia

ne l'Otava Divisiòn!

Secessiòn!

Edited by SandroWeb

Share this post


Link to post
Share on other sites

LA MULA DE PARENZO

(Popolare)

I.

La mula de Parenzo

ga messo su botega;

de tuto la vendeva,

de tuto la vendeva.

La mula de Parenzo

ga messo su botega;

de tuto la vendeva,

fora che bacalà!

Perché non m'ami più?

II.

Tutti mi chiamano "bionda"

ma bionda io non sono:

porto i capelli neri,

porto i capelli neri.

Tutti mi chiamano "bionda"

ma bionda io non sono:

porto i capelli neri,

sinceri nell'amor.

Perché non m'ami più?

III.

Sinceri nell'amore,

sinceri negli amanti:

ne ho passati tanti,

ne ho passati tanti.

Sinceri nell'amore,

sinceri negli amanti:

ne ho passati tanti,

e passerò anche te!

Perché non m'ami più?

IV.

La mia morosa xe vecia

la tegno de riserva;

per quando spunta l'erba,

per quando spunta l'erba.

La mia morosa xe vecia

la tegno de riserva;

per quando spunta l'erba,

la meno a pascolar!

Perché non m'ami più?

V.

Se 'l mare fussi tocio

e i monti de polenta,

ohi mama che tociade,

ohi mama che tociade.

Se 'l mare fussi tocio

e i monti de polenta,

ohi mama che tociade,

polenta e bacalà!

Perché non m'ami più?

VI.

Se 'l mare fussi vino

e i laghi de marsala,

tuta la vita in bala,

tuta la vita in bala.

Se 'l mare fussi vino

e i laghi de marsala,

tuta la vita in bala,

polenta e bacalà!

Perché non m'ami più?

Edited by SandroWeb

Share this post


Link to post
Share on other sites

EL TRAM DE OPCINA

Popolare (1°versione)

(LA BORA)

E anche el tram de Opcina xe nato disgrazià

vignindo zò per Scorcola una casa'l ga ribaltà

Bona de Dio che jera giorno de lavor

che dentro no ghe jera che'l povero frenador

E come la bora che vien e che va

i disi che'l mondo se ga ribaltà

E come la bora che vien e che va

i disi che'l mondo se ga ribaltà

Co'l due se va a Servola, co'l quatro in Arsenal

col sie se va a Barcola, col zinque in Ospedal

con l'uno in zimitero, co'l sete a la staziòn

co'l nove in manicomio, co'l diese in canòn

E come la bora che vien e che va

i disi che'l mondo se ga ribaltà

E come la bora che vien e che va

i disi che'l mondo se ga ribaltà

E anche ste mulete tute mate pe'l capèl

le zerca de acompagnarse a quelche bel putèl

ma co i riva a casa se senti un gran bordèl

e pare, mare e fia copa simisi co'l martèl

E come la bora che vien e che va

i disi che'l mondo se ga ribaltà

E come la bora che vien e che va

i disi che'l mondo se ga ribaltà

L'Italia ga pan bianco, la Francia ga bon vin

Trieste ga putele tute piene de morbìn

Carbòn ga l'Inghiltera, la Russia ga cavial

e l'Austria ga capuzi che no se pol magnar

E come la bora che vien e che va

i disi che'l mondo se ga ribaltà

E come la bora che vien e che va

i disi che'l mondo se ga ribaltà

E anche ste mulete xe nate carigade

le tira zo le cotole per meterse le braghe

le fuma come cogome, le legi el Grand Hotel

e pare, mare e fia copa simisi co'l martèl

Edited by SandroWeb

Share this post


Link to post
Share on other sites

EL FINANZIER

de Lorenzo Pilat

Me ricordo che iero 'ssai picio

e mia mama con siora Teresa

la partiva de matina

pe' 'nda' in Yugo a far la spesa

Alla guida Vinivio Busani

pensionato benestante

con un 1100 nero

che xe un auto assai elegante

E co i riva al confin

i tira zo el finestrin...

Finanziere finanziere

cosa devo dichiarare?

Quanta trapa posso bere

quanta carne si può portare?

Cossa solo mezo chilo?

Me dispiasi che pecato

qualche volta passo lisa

e me vanza anche pe'l gato!

Cola carne nel regipeto

e la trapa nel baul

a Busani povareto

za ghe trema un poco 'l cul!

Passaporto per piacere

lei signora che dichiara?

Solo un poca de benzina

la de noi la costa cara

Finanziere finanziere

cossa la me sta palpando

qua xe tuta roba mia

no xe niente de contrabando!

A sto punto sior Busani

che za stava un poco mal

tuto int'un el te va insieme

e i lo porta in ospedal

Se questrato 1100

sul confin de caresana

Iera scrito sui giornai

che portava marjuana

Finanziere finanziere

cosa devo dichiarare?

Quanta trapa posso bere

quanta carne posso portare?

Cossa solo mezo chilo?

Me dispiasi che pecato

qualche volta passo lisa

e me vanza anche pe'l gato! X2

Share this post


Link to post
Share on other sites

CASA MIA

de Lorenzo Pilat

La mia nona me diseva:

"Ai muleti el vin fa mal

no sta bever come i veci

te va via come un cocal"

E de soto la credenza

la tegniva un bel fiascon

e ogni tanto la slucava

senza perder l'ocasion

Casa mia, casa mia

te son tuta un'osteria

ogni stanza un betolin

se respira odor de vin

Mi son nato in una bote

vin e late go ciucià

go savù che pe'l batizo

dentro 'l vin i me ga tocià

e sicome el iera santo

anche el prete ga bevù

in sta casa tuti bevi (uhlà!)

anche 'l can xe incanfarà

Casa mia, casa mia

te son tuta un'osteria

ogni stanza un betolin

se respira odor de vin

Go una oia 'torno al colo

de merlot o de refoco

e mio pare co'l xe duro

el me disi che xe inchiostro

No savevo come mai

mi son roso de cavei

xe pe'l marchio de la casa

casa mia de alcolizai

Casa mia, casa mia

te son tuta un'osteria

ogni stanza un betolin

se respira odor de vin X2

Share this post


Link to post
Share on other sites

TRIESTE MIA

Co son lontan de ti Trieste mia,

me sento un gran dolor, un gran dolor,

e più che zerco de pararlo via,

più me se ingropa'l cuor.

Le lagrime me cori zo pe'l viso

e digo tra de mi e tra de mi

che no ghe esisti un altro paradiso

più splendido de ti!

RIT.

Un buso in mia contrada,

un vecio fogoler,

un sial che pica in strada,

do rose in un piter,

e in alto quatro nuvoli,

de soto un fià de mar,

xe'l quadro più magnifico

che mai se pol sognar!

Lontan de ti Trieste no go pase:

me manca el nostro ziel, el nostro mar

el verde dei tuoi pini, le tue case

e i muri del castel,

e penso al mio balcon in Rena Vecia

quel caro balconzin!

De dove vedo i monti che se specia

nel golfo zelestin.

RIT.

Un buso in mia contrada,

un vecio fogoler,

un sial che pica in strada,

do rose in un piter,

e in alto quatro nuvoli,

de soto un fià de mar,

xe'l quadro più magnifico

che mai se pol sognar!

Lontan de ti son come l'useleto,

che vivi in s'ciavitù, in s'ciavitù

e me dispero e pianzo el mio dialeto

che no lo sento più!

Ma quando torno canto de alegria,

me salta'l cuor in sen, el cuor in sen

e zigo: Ah sì Trieste te son mia.

Te vojo tanto ben!

RIT.

Un buso in mia contrada,

un vecio fogoler,

un sial che pica in strada,

do rose in un piter,

e in alto quatro nuvoli,

de soto un fià de mar,

xe'l quadro più magnifico

che mai se pol sognar!

NdM: Go solo formattado el testo per uniformarlo al resto

Edited by Starlite

Share this post


Link to post
Share on other sites
[OT] Benvenuto al nostro amico dcobau from Australia!  :ave:  :bye:

grazie, e eco un'altra:

La mia bela se ciama Sofia

La mia bela se ciama Sofia

note e giorno la speta al balcon

la ga el naso che par un'arpia,

grassa e grossa la par un balon.

Come se fa? Come se fa?

Co go visto Sofia, me go inamorà!

Come se fa? Come se fa?

Co go visto Sofia, me go inamorà!

La ga i denti che par una sega:

tuti negri, nesuno de bon.

E la boca che par 'na botega,

più de quele che vendi carbon.

Come se fa? Come se fa?

Co go visto Sofia, mi son incantà!

Come se fa? Come se fa?

Co go visto Sofia, mi son incantà!

La sua testa la par una zuca,

senza gnanche un cavel che sia bon

e la porta una zerta piruca,

che ga fato monsiù Lavagnon.

Come se fa? Come se fa?

Co go visto Sofia, me son inamorà!

Come se fa? Come se fa?

Co go visto Sofia, me son inamorà!

NdM: come sora

Edited by Starlite

Share this post


Link to post
Share on other sites

EL CAN DE TRIESTE

de Lelio Luttazzi

Xe tanti ormai

che son lontan de ti

vecia Trieste mia

Son restà solo e

gavevo voia de

voia de compagnia

Alora Trevisan

me ga mandà un bel can

nato in un'osteria

Però quel fiol de un can

quel fiol de un can de un can

el iera sempre triste

No'l me fazeva mai le feste

gnanca a mi che son el suo paron

Alora go mandà una cartolina

una cartolina de protesta

Alora el mulo Trevisan me ga risposto

el me ga spiegà perché

Solo davanti a un fisco de vin

quel fiol de un can fa le feste

perché 'l xe un can de Trieste

perché 'l xe un can de Trieste

Davanti a un fisco de vin

quel fiol de un can fa le feste

perché 'l xe un can de Trieste

e ghe piasi el vin!

Da qualche mese in qua

a bever go imparà

come un fachin del porto

E in sta maniera so

che un giorno sentirò

la mia campana a morto

Ma chi se ne... pardon!

Che i fazi pur din-don

se morirò contento

Perché quel fiol de un can

quel fiol de un can de un can

el xe cusìbeato

Adesso el me lecca come un mato

perchè spuzo sempre più de vin

E so che'l me vol ben che go un amico

per la prima volta in vita mia

E mi me basta un ano de sta bela vita

e po' sarà quel che sarà

Solo davanti a un fisco de vin

quel fiol de un can fa le feste

perché 'l xe un can de Trieste

perché 'l xe un can de Trieste

Davanti a un fisco de vin

quel fiol de un can fa le feste

perché 'l xe un can de Trieste

e ghe piasi el vin!

perché 'l xe un can de Trieste

e ghe piasi el vin!

e ghe piasi el vin!

e ghe piasi el vin! Si!

Viva là e po' bon!

Viva là e po' bon!

Share this post


Link to post
Share on other sites

MARINARESCA

Una fresca bavisela

incomincia za a sufiar;

xe ponente su la vela,

ghe xe gusto a bordisar!

Te saludo, dona mia,

vado in barca a paiolar!

Se 'sta note stago via,

no te devi disperar!

Trieste dormi

e 'l mar se movi apena,

le stele brila

e le me fa sognar…

Se questa note

ciapo una sirena,

te la vojo

domani a regalar.

Go co mi tre grandi afeti,

quando vado a navigar:

go Trieste, i tui oceti

e la barca per pescar.

Ma domani, co fa giono,

te me sentirà cantar

e te porto, quando torno,

tuti i pessi che xe in mar.

Edited by Starlite

Share this post


Link to post
Share on other sites

ANCORA UN LITRO DE QUEL BON

Ancora un litro de quel bon

Ancora un litro de quel bon

Ancora un litro de quel bon

po' ndemo a casa.

No go le ciave del porton

No go le ciave del porton

No go le ciave del porton

pe' andar a casa.

Le go lasade in un canton

Le go lasade in un canton

Le go lasade in un canton

de la scarsela.

Marieta buta zol'pajon

Marieta buta zol'pajon

Marieta buta zol'pajon

che dormo in strada.

No vojo caffè nero, no

No vojo caffè nero, no

No vojo caffè nero, no

ma deme trapa.

Edited by Starlite

Share this post


Link to post
Share on other sites

TI COL MUSS, MI COL TRAM

Ti col muss, mi col tran

'ndemo a Servola doman,

'ndemo a Servola doman,

'ndemo a Servola doman.

Ti col muss, mi col tran

'ndemo a Servola doman,

'ndemo a Servola doman.

Sotto la pergola

'ndemo a Servola

Sotto la pergola

'ndemo a Servola

Sotto la pergola

'ndemo a Servola doman!

Ti col suf, mi col pan

'ndemo a Servola doman,

'ndemo a Servola doman,

'ndemo a Servola doman.

Ti col suf, mi col pan

'ndemo a Servola doman,

'ndemo a Servola doman.

Sotto la pergola

'ndemo a Servola

Sotto la pergola

'ndemo a Servola

Sotto la pergola

'ndemo a Servola doman!

Mi con ti, e ti con mi

'ndemo a Servola doman,

'ndemo a Servola doman,

'ndemo a Servola doman.

Mi con ti, e ti con mi

'ndemo a Servola doman,

'ndemo a Servola doman.

Sotto la pergola

'ndemo a Servola

Sotto la pergola

'ndemo a Servola

Sotto la pergola

'ndemo a Servola doman!

Ti col suf, mi col pan

'ndemo a Barcola doman,

'ndemo a Barcola doman,

'ndemo a Barcola doman.

Ti col suf, mi col pan

'ndemo a Barcola doman,

'ndemo a Barcola doman.

Sotto la pergola

'ndemo a Barcola

Sotto la pergola

'ndemo a Barcola

Sotto la pergola

'ndemo a Barcola doman

Edited by Starlite

Share this post


Link to post
Share on other sites
TI COL MUSS, MI COL TRAM

E ti col muss e mi i col tram

'ndemo a Servola doman,

'ndemo a Servola doman,

'ndemo a Servola doman.

E ti col muss e mi col tram

'ndemo a Servola doman,

'ndemo a Servola doman.

'Ndemo a Servola

sotto la pergola

'ndemo a Servola doman!

E ti col suf e mi col pan

'ndemo a Servola doman,

'ndemo a Servola doman,

'ndemo a Servola doman.

E ti col suf e mi col pan

'ndemo a Servola doman,

'ndemo a Servola doman.

'Ndemo a Servola

sotto la pergola

'ndemo a Servola doman!

E mi con ti e ti con mi

'ndemo a Servola doman,

'ndemo a Servola doman,

'ndemo a Servola doman.

E mi con ti e ti con mi

'ndemo a Servola doman,

'ndemo a Servola doman.

'Ndemo a Servola

sotto la pergola

'ndemo a Servola doman!

Legere diferenze...almeno mi laa conosso cussi` :bye:

Share this post


Link to post
Share on other sites

CANTA SAN GIUSTO

I veci brontola che i tempi xe cambiai

no xe piu` maschere no xe piu` carnevai

che come in tempi andai 'sta nostra gioventu`

no se diverti e no la canta piu`

Canta San Giusto dal suo campanil

l'eterno canto che toca ogni cuor

Trieste tuta xe un canto gentil

che ghe somiglia al profumo de un fior

Canta la bora le onde del mar

e le sirene che ciama al lavor

una canzon che nissun sa cantar

Trieste tuta xe un canto de amor

Se 'desso i giovini xe mati drio el balon

se fin le suocere se ga taia' el cocon

se dura 'sta passion pel jazz o pel simi'

el nostro canto dunque xe fini`

Canta San Giusto dal suo campanil....

.........................................................................

Trieste tuta xe un canto de amor.

Share this post


Link to post
Share on other sites
che figada.. tuti i mp3.. uau.. gnanca su emul.e trovo cussi tanta roba.. :D

Ciao a tutti. Mi sono appena iscritto. Forse qualcuno può indicarmi dove posso trovare o scaricare la canzone di Luttazzi "El can de Trieste"? Sono anni che la cerco, ma non riesco a trovarla da nessuna parte. Purtroppo non mi fido del p2p...

Ciao e grazie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

MANDEGHE LA LISTA AL DIAVOLO

Finchè siam giovani,

abbiam da spendere

pagando i debiti a la fin del'an

Finchè siam giovani,

abbiam da spendere

pagando i debiti a la fin del'an

Pei debiti no i me impica,

la forca no i me dà,

mandeghe la lista al diavolo

mandeghe la lista al diavolo

pei debiti no i me impica

la forca no i me dà

mandeghe la lista al diavolo

che lui li pagherà

Cento, docento, trecento e anca più

se no li paga el diavolo

se no li paga el diavolo

cento, docento, trecento e anca più

se no li paga el diavolo

li pagherà Gesù

Caro Bebè, te ga ragion

chi no ga bori no ga remission

caro bebè, ta ga ragion

chi no ga bori no ga remission

Me ocori cento lire,

me ocori una centona,

ma chi sarà quel m..a

ma chi sarà quel m..a

Me ocori cento lire,

me ocori una centona,

ma chi sarà quel m..a

che me li impresterà...

Caro Bebè, te ga ragion

chi no ga bori no ga remission

caro bebè, ta ga ragion

chi no ga bori no ga remission

E mio marì xe bon

el xe tre volte bon

ma solo la domenica

ma sola la domenica

e mio marì xe bon

el xe tre volte bon

ma solo la domenica

el me onzi col baston...

Caro Bebè, te ga ragion

chi no ga bori no ga remission

caro bebè, ta ga ragion

chi no ga bori no ga remission

Share this post


Link to post
Share on other sites

LE MULE DE SAN GIACOMO

Le mule de San Giacomo

le porta el Cristo in peto...

le ga el marì che naviga

e l'amante soto el leto,

le prega el bon Gesù

ch'el marì no ghe torni più...

El prete de San Giacomo

ga predicado in ciesa,

ste atente mule mie,

ch'el triestin ve frega...

bim bum bam

bim bum bam...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ragazzi oggi scrivo le parole de una canzon triestina scritta dal grande Adolfo Leghissa ,dedicata all'amico Alberto Catalan.La canzon xe stada composta a Graz nel 1916 quando lui fazeva el militar con il 97°Reggimento Fanteria (Sibunàinzig) formato da 35enni o più .I disi che questa canzon xe quasi introvabile, mi la go grazie a mia mamma che la ga salvada ,la go trovada in cantina e la voio condivider con voi.L'ispirazion per questa canzon la riva da un certo Piero Scoria che lavorava come Capo Operaio . el metteva ribattini sulle navi in Cantier San Marco.Quando el iera militar el fazeva de tutto per no far un boro e salvarse giustamente la crosta. Testo:

Xe capita la guerra:

tutti persi e confusi

noi gaveva più testa.

Passando per Bariera

una guardia me arest,

la me mena in preson.

Che nova paron?

E con tuto che son vecioto,

mezo orbo e malandà,un primario,quel muso roto,

in Galizia'l me ga sgnacà!

<< Eins-zwei ! >> Passi de fero!

<< Eins.Zwei ! >> Salvite, Piero!

E co te capita 'l morbin,

faghela veder de bon Triestin!

Ritornel

Ma in mezo a ste disgrazie un tuo ricordo

me s'gionfa tuto el cuor de nostalgia,

e la me fa sperar

e tuto soportar,

pensando a ti lontan, Trieste mia.

Vestì con quatro strazze,

'na bareta cragnosa

e i stivai senza siola,

su un leto de scovaze,

senza 'ver una parola

che te pol confortar:

che bruto afar!

Con do rave e un crostin de pagnoca

e un brodazo mal consumà,

trenta mesi 'sta vita ghe toca

al fantasma de un vecio soldà.

<< Eins-zwei ! >> Passi de fero!

<< Eins.Zwei ! >> Salvite, Piero!

E co te capita 'l morbin,

faghela veder de bon Triestin!

Ritornel

Po capita 'l sergente,

el me dà 'na filada

o el minacia 'na piada:

<< Verfluchter Irredente!

Du marschierest so schleeht! >> <<Sior,

go le gambe de Pek!

Salamelek!>>

Po ghe digo con bela maniera

che a Trieste i la pensa cussì:

se altrimenti n i vinzi la guerra,

no i pol vinzerla gnanca con mi!

<< Eins-Zwei !>>Ara che truchi...

<< Eins-Zwei !>>...de mamaluchi!

Onzili pur col lustrofin,

basta che a casa te portio el cupin

Ritornel

Ma in mezo a ste disgrazie un tuo ricordo

me s'gionfa tuto el cuor de nostalgia,

e la me fa sperar

e tuto soportar,

pensando a ti lontan, Trieste mia.

Un giorno i me caluma

quatrozento patrone,

un fusil e 'na spada;

ma mi che no i me luma,

go petà na cascada,

me son fato <<marod>>,

<<Mein Gott!Mein Gott!>>

Frega e lustra, Pierin mio caro:

la tua pele ga un gran valor,

no sta venderla come un somaro,

ma combati de <<pomigador>>!

<<Zik-Zak! >>Daghe de oio!

<<Zik-Zak >>Xe tuto un imbroio!

Qua, per poderla scapolar,

no resta altro che <<pomigar>>

Ritornel

Ma in mezo a ste disgrazie un tuo ricordo

me s'gionfa tuto el cuor de nostalgia,

e la me fa sperar

e tuto soportar,

pensando a ti lontan, Trieste mia.

:vino::vino:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se qualchedun ga possibilità de poder conoser anche la musica saria el massimo. :vino::vino:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sta canzon no la go mai sentida.....

Questa altra se cantava ai tempi dela guera sula musica de Lilì Marlen:

PRIMA DELA GUERA

Prima dela guera

stavimo assai ben,

magnavimo capuzi

e luganighe col cren

adeso che i tempi xe cambià

neanche patate, no i ne dà

patate noi ne da, patate no i ne dà.....

quando che i tedeschi

i ga ciapà Roian,

tuti i rioni

xe stadi senza pan,

ma cosa mai sarà de noi,

co' i caverà anche i fasoi,

co' i caverà i fasoi, co' i caverà i fasoi....

anche sta guera,

no la vol terminar,

e un posto in cimitero

ne toca prenotar,

se de magnar no i ne vol dar,

alora ne tocherà crepar,

ne tocherà crepar, ne tocherà crepar....

e quando le caserme

le se ga svodà,

gavemo fato festa

in tuta la cità,

ma adeso che via i xe andai,

cantemo in coro, disperai,

adio mi bei soldai, adio mi bei soldai...

Share this post


Link to post
Share on other sites

ANCORA UN LITRO DE QUEL BON

Ancora un litro de quel bon,

ancora un litro de quel bon,

Ancora un litro de quel bon,

po' vado a casa...

No go le ciave del porton

no go le ciave del porton

no go le ciave del porton

pe'ndar a casa...

Le go lassade in-t un cantòn

le go lassade in-t un cantòn

le go lassade in-t un cantòn

de l'osteria...

No voio cafè nero, no,

No voio cafè nero, no,

No voio cafè nero, no,

ma deme trapa!

Marieta, buta zo el paiòn,

Marieta, buta zo el paiòn,

Marieta, buta zo el paiòn,

che dormo in strada...

:petesoni:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×