Jump to content
Le ultime news
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Search the Community

Showing results for tags 'Pallacanestro Trieste 2004'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • News del forum
    • News, segnalazioni tecniche, suggerimenti e feedback
    • Presentazioni e auguri vari
    • Articoli ed editoriali sportivi del SDS
  • L'angolo dello sport
    • L'angolo dei suntini sandrini mattutini
    • L'angolo dei video sportivi
    • L'Unione Sportiva Triestina 1918 e calcio in generale
    • La Pallacanestro Trieste e basket in generale
    • La Pallamano Trieste
    • La Pallanuoto Trieste
    • Basket femminile
    • Le altre discipline sportive triestine e regionali
    • Hockey inline
    • Tutti gli altri sport, nazionali e internazionali
    • Sezione sondaggi sportivi
    • Crese Cup
  • Trieste, l'Italia e il mondo
    • News dall'Italia e dal mondo
    • Trieste, i fatti odierni e il suo possibile futuro
    • Trieste: Storia e Cultura
    • Le immagini della città
    • ElForumDeL'Universita'
  • Varie ed eventuali
    • Discussioni Off-Topic
    • L'angolo dei sondaggi off-topic
    • Sezione informatica e tecnologia in generale
  • I giochi del SDS
    • Vota-Formula 1
    • Fantabasket SDS
    • Fantacalcio SDS
    • The King of Polls
    • Vota-Pronostici
  • Tutti gli altri giochi
  • Archivio del forum
    • Basket giovanile maschile
    • Basket giovanile femminile
    • El mercatin del forum
    • Mini Basket
    • Sezione cinema/teatro/tv
    • Sezione fotografia e grafica
    • Sezione libri
    • Sezione natura, ecologia, animali e bestiuze varie
    • Sezione musica
    • L'angolo degli utenti
    • Beneficenza col SDS

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Provenienza


Città:


Interessi

Found 19 results

  1. Mercoledì 4 giugno amichevole a scopo benefico tra i biancorossi e lo Jadran: http://www.elsitodesandro.com/pallacanestro-ts-2004-e-jadran-sfida-amichevole-per-gli-alluvionati-dei-balcani/
  2. Dal sito ufficiale di Pall.TS 2004 http://www.pallacanestrotrieste2004.it/inside.php?page=6&dett=503
  3. Conclusa l'iniziativa dei tifosi con esito positivo, apriamo questo topic ad uso esclusivo delle discussioni inerenti il prossimo futuro che aspetta la Pallacanestro Trieste 2004. Raccomando come sempre il massimo della costruttività nel trattare le tematiche
  4. Sono stati diramati i calendari del prossimo campionato di LegaDue Gold 2013/14: la Pallacanestro Trieste 2004 inizierà la propria avventura tra le mura amiche del palazzo dello sport “Cesare Rubini”, affrontando domenica 6 ottobre la formazione di Trento; la prima trasferta dei biancorossi avverrà invece sette giorni dopo, alla volta di Imola. Qui il dettaglio delle partite che ci riguardano: http://www.elsitodesandro.com/legadue-gold-201314-diramati-i-calendari-trieste-iniziera-in-casa-contro-trento/
  5. "APERITIVO SOTTO CANESTRO" - Il Web-Magazine del basket La pagina ufficiale Facebook di "Aperitivo sotto canestro" (click qui) P.S. un "Mi piace" è sempre ben accetto ------ IL RIEPILOGO DELLE PUNTATE SINORA TRASMESSE, DALLA PIU' RECENTE (#23) ALLA #11: Puntata #23, Lunedì 18 febbraio 2013 @ PalaTrieste con Nevio Giuliani, head coach SGT Calligaris ************************************************************************************************************************************************ Puntata #22, Lunedì 11 febbraio 2013 @ Pizzeria "Da Modesto" con Marco Carra, capitano dell'AcegasAps Trieste ************************************************************************************************************************************************ Puntata #21, Lunedì 4 febbraio 2013 @ "TriesteSport" con Guido Roberti, addetto stampa B4Trieste ************************************************************************************************************************************************ Puntata #20, Lunedì 28 gennaio 2013 @ Pizzeria "Da Modesto" con Lara Cumbat, guardia della Pallacanestro Interclub Muggia ************************************************************************************************************************************************ Puntata #19, Lunedì 21 gennaio 2013 @ Pizzeria "Da Modesto" con Roberto Degrassi, capo-servizio redazione sportiva "Il Piccolo" ************************************************************************************************************************************************ Puntata #18, Lunedì 14 gennaio 2013 ************************************************************************************************************************************************ Puntata #17, Lunedì 7 gennaio 2013 con Andrea Mura, head coach Jadran Trieste ************************************************************************************************************************************************ Puntata #16, Lunedi 17 dicembre 2012 con Matteo Praticò, assistente coach Pallacanestro Trieste 2004 ************************************************************************************************************************************************ Puntata #15, Lunedì 10 dicembre 2012 con Franco Cumbat, direttore tecnico Azzurra Basket ************************************************************************************************************************************************ Puntata #14, Lunedì 3 Dicembre 2012 con Matija Jogan, coach Pallacanestro Interclub Muggia: ************************************************************************************************************************************************ Puntata #13, Lunedì 26 Novembre 2012 con Eugenio Dalmasson, coach Pallacanestro Trieste 2004: http://www.youtube.com/watch?v=f5Oqgga-aTo ************************************************************************************************************************************************ Puntata #12, Martedì 20 Novembre 2012 con Alice Palliotto, pivot Pallacanestro Interclub Muggia: http://www.youtube.com/watch?v=Y9TN1LgKm1E ************************************************************************************************************************************************ Puntata #11, Lunedì 12 Novembre 2012 con Luca Gandini, pivot Pallacanestro Trieste 2004: http://www.youtube.com/watch?v=EmnXBkDtthQ (CONTINUA NEL PROSSIMO POST...)
  6. Sabato di campionato per l'Acegas, con un'ulteriore tegola dell'ultima ora: Andrea Coronica out per problemi al ginocchio (non quello già infortunato, l'altro....): http://www.elsitodesandro.com/acegasaps-sabato-a-trento-con-proverbiale-orgoglio-anche-se-linfermeria-continua-a-essere-piena/
  7. Dopo la pausa causa Final Four di Coppa Italia, ritorna il campionato: Trieste impegnata in quel di Forlì http://www.elsitodesandro.com/torna-il-campionato-lacegasaps-trieste-impegnata-sul-parquet-di-forli/
  8. Trattasi di rumour, ma sembra che nelle prossime ore verrà ufficializzato l'arrivo in biancorosso di Marco Diviach, mentre Davide Cantarello dovrebbe essere "lasciato libero": http://www.elsitodes...arrivo-diviach/
  9. Turno davvero difficile per l'AcegasAps: domenica arriva la capolista Pistoia e la sfida del PalaTrieste rischia di diventare una mission-impossible. La presentazione della gara: http://www.elsitodesandro.com/lacegasaps-allarma-bianca-contro-la-capolista-pistoia-in-mezzo-a-infortuni-e-acciacchi-vari/
  10. Brutte news: si è infortunato Fall, incerti i tempi di recupero: http://www.elsitodesandro.com/tegola-in-casa-acegasaps-infortunio-al-polso-destro-per-fall/
  11. Recitare il ruolo di vittima sacrificale non fa piacere a nessuno. E, a scanso di equivoci, neppure la Pallacanestro Trieste 2004 ha l'intenzione di cucirsi addosso un vestito di "papabile Cenerentola" che non risiede nel proprio DNA: scarpette dimenticate per strada e ipotetici viaggi in zucca fanno parte solo delle favole, non di un parquet di basket. L'AcegasAps, cosciente che oramai non si torna più indietro, ha messo definitivamente in ghiaccio la "querelle-americani" e affronta l'ultima parte di regular season con la forte convinzione che, pur senza punte di diamante, è possibile ugualmente far sudare gli avversari. Brescia e Ferentino sono state le prime tappe (perse) del post-rivoluzione: e, seppur all'arma bianca, la formazione biancorossa ha dimostrato di avere gonadi di peso, anche se la panchina corta ha finito col minare il risultato finale sul tabellone. Ma in fondo, se Trieste ha pochi elementi per sorridere, di certo Scafati (prossima avversaria dei giuliani) ha ancor meno motivi per lasciarsi andare a sentimenti di giubilo. Ed è il momento-no, in ambiti diversi e per cause diverse, il leit-motiv della prossima sfida di campionato dell'AcegasAps. Al "PalaMangano" la sempre più giovane truppa di Eugenio Dalmasson sarà ospite della Givova, organico che al momento attuale rappresenta il più classico esempio di come, nello sport, capiti di essere primi in classifica per poi infilarsi subito dopo in un tunnel di sconfitte che rischiano poi di rimettere tutto quanto in discussione. E', de facto, un brutto momento in casa gialloblu, alla sesta debacle di fila in partite ufficiali e con una situazione in graduatoria generale che è sensibilmente peggiorata: 18 punti in classifica (2 in più di Trieste), sinonimo di un sesto posto che sta decisamente stretto al team di Bartocci, specie per le posizioni più nobili ricoperte nel girone d'andata e per le aspettative dei campani. Se il coach gode ancora della fiducia della società, la cosa invece sembra non riguardare il play Antonio Porta e il lungo Patrick Baldassarre, entrambi a rischio-taglio e sui quali verrà a brevissimo presa una decisione da parte del presidente Piedepalumbo. Aldilà dei panni sporchi che vanno sicuramente lavati in famiglia, Scafati ha un roster a cinque stelle per la categoria: diventa evidente che superare il momento di crisi, con giocatori del calibro di D'Wayne Mays (con buona probabilità il giocatore più in forma in maglia Givova) e Ron Slay (un lusso per la categoria e un totem che ha bisogno di poche presentazioni), diventi un imperativo assoluto in casa campana. Senza dimenticare i vari Ghiacci, Sorrentino, Bushati e Tavernari, è evidente che Scafati ha indubbiamente molti più colpi da sparare di quanto non ne abbia Trieste nel proprio caricatore: la squadra giuliana ha dimostrato tanta generosità quanto "fiatone" (leggi problemi di falli, ma non solo) nei minuti finali di Ferentino. Anche per la sfida di domenica 17 febbraio (palla a due alle ore 18.15) l'ago della bilancia non punta dalla parte biancorossa, di certo Carra e soci avranno molta meno pressione emotiva rispetto agli avversari, questi ultimi chiamati a vincere a tutti i costi per riprendere la marcia verso i piani alti. Quanto conterà la tranquillità morale di chi giocoforza è chiamato magari a fare "solo" bella figura, potendo mettere in mostra (nuovamente giocoforza) i più giovani, senza correre il rischio di farsi venire il mal di testa per un risultato avverso?
  12. Non c'è più spazio per fazzoletti, pianti greci e possibili crisi depressive sul fronte biancorosso: l'AcegasAps, dopo i 15 giorni più travagliati degli ultimi anni, torna on-the-road all'indomani dell'All-Star Game di categoria, disputatosi domenica scorsa. E lo fa con la consapevolezza di chi si è gettato alle spalle la nuova situazione di roster: niente più Brandon Brown, addio anche a Jobey Thomas (volato a Barcellona, sull'altro lato dello stivale italico) e soprattutto, per buona e propria pace interiore, con nessun orecchio teso verso la stanza dei bottoni societaria. Una sorta di frullatore in continua attività che nei prossimi giorni potrebbe decretare l'auspicata entrata in gioco di nuovi soci e sponsor. Le ultime "distrazioni" su quanto successo lontano dal parquet hanno sicuramente minato la tranquillità dei tifosi, che continuano a manifestare il proprio dissenso su forum e social networks, meno invece ne ha risentito il lavoro certosino di coach Eugenio Dalmasson. Il tecnico, trovatosi a lavorare settimanalmente senza i due principali attori protagonisti di stagione, ha dovuto fare di necessità virtù: i voli immaginari verso sogni di play-off hanno preso la via del dimenticatoio, ma al tempo stesso la solidità del resto del gruppo (con Filloy e Mescheriakov gli unici "foresti" rimasti in maglia AcegasAps) è stata già rodata nell'ultima di campionato contro Brescia. Una battaglia incredibile, conclusa con la vittoria lombarda solo al supplementare, che ha significato inequivocabilmente come la "defraudata" Trieste ha l'immensa volontà di giocarsela sino alla fine, contro tutto e contro tutti, senza piagnistei. Aldilà del suo status di team "de-americanizzato". Una sfida gustosa attende Carra e soci, contro l'avversario per antonomasia dello scorso campionato di DNA: si va a Ferentino, compagna di una serie infinita di partite tra regular e post-season dell'immediato passato. E' cambiata la categoria per entrambe, neo-promosse nel calderone della LegaDue: di conseguenza, sono mutati gli obiettivi, trasformati in corso d'opera dalla salvezza sul campo a una semplice fine stagione relativamente tranquilla (per i noti fatti dell'esclusione di Napoli, tutti infatti possono dormire su due guanciali). L'FMC, nella persona del presidente non ha mai nascosto di voler svettare il più alto possibile già in questo campionato, ma i risultati per i ciociari non sono stati sempre positivi: i 12 punti in classifica, frutto di sei vittorie e dieci sconfitte, hanno costretto i laziali a piazzare le tende nella parte sinistra di classifica. Di conseguenza, anche il roster è mutato parecchio da quello messo in piedi durante l'estate: via Righetti, Carrizo, El Amin, Fiorletta e Perroni, un benvenuto è stato riservato invece all'ala Marco Allegretti (svincolato dopo la saracinesca calata in quel di Sant'Antimo) e al play statunitense Hamilton, approdato in maglia granata prima di Natale. Il cuore pulsante di Ferentino è però rimasto immutato: la classe di Guarino in cabina di regia, la fisicità di James ed Experigin, la mano mortifera di Gurini in sospensione. Una serie di variabili che, se diventano "impazzite", fanno il gioco del team allenato da Franco Gramenzi. Tanto i ciociari si sono dimostrati squadra leggerina in trasferta (solo due punti conquistati lontano dalle mura amiche) quanto sufficientemente solida in casa (5 vittorie su 7 partite disputate al "Ponte Grande"): un ulteriore elemento di riflessione per l'AcegasAps, che in fatto a cuore ha dimostrato di esserci nonostante le difficoltà extra-sportive. Per sbancare Ferentino servirà una prova enorme di tutti, veterani e "piccini", di certo non solo con l'anima in corpo ma anche dal punto di vista fisico e mentale. Nota importante per gli interessati: la gara di domenica 10 febbraio verrà trasmessa in diretta sui siti Legaduebasket.it e Sportube.tv.
  13. Dopo i terremoti degli ultimi giorni, probabilmente parlare di basket giocato rischia di passare in secondo piano. Ma, se ci togliamo per un attimo dalla testa la questione "americana" (con annessi i pesanti malumori che si sono generati sul fronte della tifoseria), c'è pur sempre una partita da giocare. Domenica, nel tradizionale orario delle 18.15, in un PalaTrieste tutto da scoprire a livello di ambiente che si troverà sugli spalti (ci sarà solo calma apparente o un principio di contestazione?) arriva la Centrale del Latte Brescia, formazione che naviga ai piani alti della classifica: sono però solamente 2 i punti che separano i lombardi dai giuliani, segnale evidente come questa Legadue sia estremamente livellata al punto di racchiudere le prime nove squadre in sole quattro lunghezze. I lombardi arriveranno all'ombra di San Giusto con tre vittorie di fila nelle altrettante ultime gare disputate sul parquet: un ruolino di marcia che ben si sposa con l'attuale quarto posto in graduatoria. Tutto sommato c'è poco da sorprendersi: le individualità bresciane sono tali da permettere al team di coach Martelossi di viaggiare a una velocità di crociera elevata. La Centrale del Latte arriverà con la punta di diamante Brkic a mezzo servizio (assieme a Barlos), ma punterà molto sul fenomeno Fernandez: il play argentino si sta dimostrando la più bella sorpresa di questa squadra, per una visione in cabina di regia che nelle ultime prove sta rasentando la perfezione. Attenzione infine al duo a stelle e strisce: sia Jenkins che Giddins viaggiano a buone medie realizzative, pertanto diventeranno due punti di riferimento importanti per la difesa dei padroni di casa che, giocoforza, dovranno da subito adattarsi alla realtà di dover fare a meno dei suoi ex-USA. Un banco di prova importante per i più giovani, che inevitabilmente finiranno col collezionare molti più minuti in campo rispetto al passato, e più in generale per un organico che ora dovrà far vedere di che pasta è fatto. Anche perchè, d'ora in avanti, si andrà avanti con un effettivo "mozzato".
  14. AcegasAps, il cuore non basta: Brescia la spunta dopo un supplementare Powered by Alessandro Asta TRIESTE - "Orgogliosi di voi": è questo il coro che si alza unanime dagli spalti del PalaTrieste, dopo 45 minuti incredibili. L'AcegasAps "de-americanizzata" ha cuore da leone per costringere una sciupona Brescia all'overtime, con i lombardi che con una panchina molto più lunga rimediano nel supplementare agli ultimi tre minuti regolamentari da incubo: sopra di otto, la Centrale del Latte ha visto azzerarsi il vantaggio, finendo poi vittoriosa nelle forche caudine dell'extra-time. Finisce 71-80, con i giuliani che hanno tenuto abbondantemente testa nonostante le assenze di Thomas e Brown. Nonostante l'amarezza per una vittoria solo sfiorata, Trieste ha dimostrato di avere un'anima: e solo un grande gruppo come quello giuliano può vantare tale caratteristica, e i “terremoti societari” non hanno minimamente scalfito le fondamenta interne di Carra e soci. La squadra di casa va di quintetto “sperimentale”, proponendo il giovane Coronica nei primi cinque assieme a Ruzzier, Filloy, Mescheriakov e Gandini, Brescia risponde con la formazione-tipo con Cuccarolo al posto di Brkic. Mentre dalla Curva Nord piovono coridandoli a forma di banconote da 100 Euro (uniti ai volantini “Falsi come le vostre promesse”, con i volti di alcuni dirigenti societari a farla da padrone), l'AcegasAps non lesina nell'iniziare il match correndo parecchio, seppure le percentuali al tiro siano deficitarie. La Centrale del Latte si affida principalmente a Jenkins per bruciare la retìna, ma anche i lombardi sciupano parecchio in fase offensiva, chiudendo sopra di quattro lunghezze il primo quarto. Brescia abbozza un timido tentativo di fuga con la tripla di Brkic (11-16), Trieste rimane concentrata e risponde col break di 8-0 totalmente firmato da Mescheriakov e Mastrangelo: i padroni di casa tornano così a comandare a 15' (19-16). Molti minuti di estremo equilibrio si susseguono immediatamente dopo, con micro vantaggi da ambo le parti: la “zona” ordinata da Martelossi manda in semi-tilt l'attacco biancorosso, che segna solo un tiro libero con Fall, permettendo agli ospiti di allungare sino alla sirena di metà gara (26-32). L'AcegasAps non demorde alla ripresa delle ostilità: si sveglia Filloy, sin lì impalpabile, e i giuliani continuano a tener testa a Brescia. La tripla di Coronica fa esplodere il PalaTrieste e il 2/2 di Gandini dalla linea della carità cancella totalmente il -8 dei primi minuti di frazione (36-36); la Centrale del Latte prova poi a pigiare sull'acceleratore, con le buone azioni di Giddens e Jenkins, spingendosi a +8 abbastanza repentinamente. Tale vantaggio rimane intatto sino al 30', sebbene i padroni di casa le provino tutte al tiro per rimanere attaccati alle calcagna lombarde: Brescia chiude il terzo quarto sul 41-50 e fa le prove generali di fuga nei primi minuti di ultima frazione, con l'AcegasAps che cerca di rintuzzare il gap con Cantarello prima (come non sentire minimamente il peso degli anni...) e con Mescheriakov. Ma il quinto fallo del bielorusso, che manda su tutte le furie il pubblico di casa, sembra tappare le ali ai triestini, in ritardo di nove a tre minuti dalla fine. Succede però i'inopinabile, con Brescia che butta alle ortiche tutto il vantaggio faticosamente accumulato: due bombe di Carra e quattro liberi segnati da Coronica e Filloy riequilibrano le sorti a un minuto dalla fine. E' ancora il gaucho a tenere in scia l'AcegasAps, che trova l'overtime sul 64-64 con un ultimo canestro a fil di sirena non convalidato a Barlos. Nei cinque minuti supplementari Trieste trasuda tutta la fatica accumulata nella rincorsa sin lì messa a segno: la Centrale del Latte inanella nove punti con Juan Fernandez che, con calma olimpica dalla linea della carità, interrompe il sogno giuliano. Ma, se questa è l'AcegasAps senza americani, saranno in molti a dover sudare parecchio per piegarla. AcegasAps Trieste-Centrale del Latte Brescia 71-80 d.t.s. (9-13, 26-32, 41-50, 64-64) AcegasAps Trieste: Coronica 7, Tonut n.e., Ondo Mengue 3, Mastrangelo 5, Ruzzier 2, Filloy 13, Cantarello 2, Carra 16, Mescheriakov 11, Gandini 9, Urbani n.e., Fall 3. All. Dalmasson Centrale del Latte Brescia: Fernandez 15, Stojkov n.e., Lombardi 7, Loschi, Jenkins 25, Dalovic n.e., Cuccarolo, Giddens 16, Scanzi 2, Vinati n.e., Barlos 5, Brkic 10. All.Martelossi Le pagelle dell'AcegasAps Trieste Coronica e mezzo Ondo Mengue Mastrangelo Ruzzier e mezzo Filloy e mezzo Cantarello e mezzo Carra Mescheriakov e mezzo Gandini Fall
  15. Pubblichiamo volentieri il comunicato stampa contenente la lettera che i giocatori della Pallacanestro Trieste hanno voluto inviare alla tifoseria, dopo quanto accaduto con l'addio ai giocatori americani
  16. Eravamo forse stati un pò troppo speranzosi, una decina di giorni fa, nel dare per "quasi conclusa" la situazione di crisi societaria in seno alla Pallacanestro Trieste 2004. Niente di così profondamente (e tristemente) sbagliato: un colpo di obice, sparato dopo le 3 ore di CdA nella mattinata di lunedì, consegna uno scenario tecnicamente molto più povero ai tifosi biancorossi. Si deve risparmiare, con il vantaggio che non c'è il rischio di retrocedere dopo l'esclusione di Napoli: morale della favola, si devono tagliano le spese, perchè 200 mila euro devono essere ulteriormente scavati da qui sino a fine stagione. Si aprono i cancelli e, per ragioni puramente economiche, la società decide di "scaricare" Brandon Brown e Jobey Thomas, seppur in maniera diversa: il primo vedrà una transazione del proprio contratto (e di fatto non potrà più essere schierato in campo), il secondo può liberamente cercarsi un'altra squadra, con rescissione annessa dall'AcegasAps nel momento in cui troverà la sistemazione più consona tramite il proprio procuratore (ma potrebbe anche accadere che di squadre a disposizione non ce ne siano, con l' "interessante" scenario di tenere in casa un giocatore con poco reale interesse di svettare sul parquet). Il termine più gettonato che arriva dalla "stanza dei bottoni" giuliana è quella del "dispiacere": in parole povere, in questo momento non si può fare diversamente, umanamente parlando la scelta è dolorosa ma non ci sono altre soluzioni. Appunto, soluzioni: tutto ciò che, tralasciando le mere cifre e i budget stagionali costruiti sulle promesse non mantenute da qualcuno, è mancato clamorosamente. E dalle "extreme measures" adottate si passa al sentimento di gran parte dei supporters triestini: tradimento. Perchè una LegaDue senza americani non è una vera LegaDue; perchè molti si aspettavano da tempo uno squarcio nel silenzio assenso in cui troppo spesso ci si è trincerati, ottenendo solamente il sibilo lancinante arrivato dal CdA; perchè, tutto sommato, di fronte a una situazione già difficile mesi fa, forse sarebbe bastata una presa di posizione forte ed intellettualmente onesta per dire le cose come stavano. La verità è che allontanare Brown e Thomas è solo la punta dell'iceberg di quanto si sia navigato a vista già da parecchio, checchè tutti i diretti interlocutori abbiano sempre fatto capire come le forze interne fossero unite per remare tutti nella stessa direzione. Sbagliato pure questo: un vice-presidente (dimissionario?) che con le proprie parole sul piccolo schermo fa presagire come sarebbe stato a suo modo preferibile partire da zero, "sconfessando" l'altro lato dei soci che invece preferirono la soluzione di continuità; un amministratore delegato che, non informando tutte le parti in causa (logicamente innervosite da questo comportamento), avvia dei contatti con i procuratori degli USA per poi arrivare a quanto accaduto ieri. La somma algebrica di tutti questi fattori porta inevitabilmente al "pastrocchio" da cui, in rapida successione, si arriva al travaso di bile di chi, nella stanza dei bottoni, non c'è proprio: alcuni abbonati ipotizzano una class-action contro la società, perchè la partenza dei due americani stravolge il roster formato questa estate; altri non vedono l'ora che arrivi domenica unicamente per urlare il proprio dissenso dagli spalti; altri ancora maledicono la vittoria in gara-5 di spareggio play-off contro Chieti, che ha portato "tutti questi problemi". Nonostante tutto si va avanti, ma con poche reali illusioni. E con zero sogni nel cassetto, perchè a Trieste l'ombra del "NO SE POL" torna ad aleggiare. E neppure tanto velatamente Alessandro Asta
  17. Dai nuvoloni neri e carichi di grandine...al sole che squarcia il grigiore dentro e fuori dal campo. In una settimana scarsa, la Pallacanestro Trieste 2004 ha potuto chiudere l'ombrello che teneva in mano (nella stessa maniera in cui Wile E.Coyote si riparava dai macigni cadenti sulla propria testa) e "festeggiare" una situazione globale che sembra essere nuovamente tornata a bolla. Se sul lato societario sono infatti arrivate news incoraggianti (buona parte della somma necessaria per concludere la stagione è stata trovata, ma si dovrà lavorare ancora per coprire totalmente il budget, oltre a dare un futuro degno nel medio-lungo periodo), anche sul "fronte parquet" l'AcegasAps sorride: la settima vittoria su otto tentativi al PalaTrieste sottolinea come i biancorossi abbiano sempre mantenuto un certo feeling tra le mura amiche, con il raggiungimento dei 16 punti totalizzati nel girone di andata che in questo momento signicano piena zona play-off. Un sogno che Carra e soci vorrebbero non si volatilizzi da qui sino alla fine della regular season, ma per farlo ci vorrà un ulteriore sforzo per mantenersi a questi livelli. Nell'anticipo di venerdì 18 gennaio (con diretta su RaiSport2 a partire dalle ore 20.45), il team guidato da coach Dalmasson (che tra le altre cose, siederà sulla panchina del Team Est all'All-Star Game di categoria) va in visita al "Pala Ruggi" per affrontare il fanalino di coda Imola: prima parte di campionato difficile per i romagnoli, con sole tre vittorie all'attivo. Attenzione però a dire che l'Aget Nature sia squadra "materasso" che da qui sino alla fine, anche "grazie" all'esclusione di Napoli e alla relativa impossibilità di retrocedere, farà favori a tutti: c'è tanto orgoglio negli effettivi guidati da Federico Fucà, il tutto ricordando che il team gioca attualmente senza un americano (Marigney è andato a Veroli) e un comunitario. Massimo rispetto dunque per la "Cenerentola" del campionato, abile a vincere (seppur con fatica) contro l'Upea di Gianmarco Pozzecco nel precedente turno casalingo: specialmente dall'ultima prova si evince come il gruppo abbia in DJ Gay l'uomo in grado di cantare e portare il Cristo all'unisono. Con quasi 16 punti di media a partita è il principale terminale offensivo imolese, a cui si affiancano i vari Foiera, Frassineti e una bella sorpresa come Chillo, il giovane lungo classe '93 che proprio domenica scorsa ha disputato un gran match, dimostrandosi sempre più all'altezza dei minuti che gli vengono concessi. Occhio anche agli altri in maglia Aget, tra cui Maestrello (sicuramente con parecchia voglia di rivalsa dopo lo 0/7 da tre contro Capo D'Orlando), Turel e Valenti. Per sconfiggere il "mal di trasferta", Trieste, attualmente con una sola vittoria in cascina lontano da casa, ha la necessità di trovare la marcia giusta: servirà innanzitutto maggior continuità e varietà offensiva, poichè proprio nelle sconfitte giuliane si è spesso vista una squadra poco propensa a cambiare il modo di giocare, adattandosi invece a quanto fatto dalle avversarie. Un test importante per l'AcegasAps, che a Imola ha tutta l'intenzione di cominciare il girone di ritorno col vento in poppa.
×
×
  • Create New...