Jump to content

Guiz

Utente semplice
  • Posts

    39,445
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    245

Everything posted by Guiz

  1. Trasfermarkt è strumento utile, ma non certo affidabile. Per loro Correia ha sempre giocato da mezzala, per esempio, ma ce ne sono migliaia di errori.
  2. I due allenatori che sembrano essere i favoriti, sono molto diversi tra di loro. Donati difende a 3 e statisticamente la sua squadra ha pochissimo possesso palla, tanto che in questa statistica il Legnago è al 59° posto, gioca pertanto prevalentemente in contropiede. Probabilmente costretto dalla rosa a disposizione, ma un dubbio che assale è se riuscirà a evolversi, perché riprodurre quel gioco con la Triestina, la quale prevalentemente incontra squadre che si chiudono, non credo sia possibile. Altra statistica il Legnago è 54° per corner conquistati, a dimostrazione di un presidio dell'area avversaria piuttosto modesto. L'altro, invece difende a 4 ma in possesso costruisce a 3. Molto stile Mantova, senza i troppi eccessi nella costruzione da dietro, la sua squadra è al 6° posto come possessi e al 4° come corner. Poca produttività offensiva che però può derivare dalla scarsa qualità degli attaccanti. Forse più adatto a una Triestina. Premesso che mi piacciono entrambi e non sarei deluso venissero entrambi, e che ci sono tante altre componenti come staff, personalità, affinità con la società, ecc ecc. Seppure le statistiche hanno un'importanza relativa, credo che debbano essere considerate, per poi formare una rosa adeguata alle preferenze dell'allenatore.
  3. Parlanti non è un centrale ma una mezzala. Classe 2004. Fisicato, buon passo, buona proprietà di palla. Tende a intestardirsi ancora un po' troppo in azioni personali, visione di gioco ancora acerba. Però tutto sommato maturo per la sua età. Chiaro che andare a giocare in una piazza più grande, senza il conforto della vita in casa sarà per lui una sfida. Vale la pena farla? Direi di si.
  4. Per blindare il 4° e forse, classifica alla mano, un anticipo dei play off. Mancherà Matosevic per squalifica. Chance per Diakitè? Dovrebbero rientrare tra i convocati capitan Malomo e Vertainen.
  5. Qualcuno interessato ci sarà di sicuro, poi magari tra un anno rinunciano.
  6. Qualcuno può anche lasciarlo così... Certo non una società professionistica, ma dei dilettanti, del resto lo usava il Kras...
  7. Tesser o non Tesser, mercato o non mercato, il campionato lo vinceva il Mantova...
  8. Alla fine: americani, austriaci, italiani o triestini: se vinci hai ragione, se perdi hai torto. Però se lo facessi io lo farei a modo mio, quindi trovo giusto che loro lo facciano a modo loro.
  9. Assolutamente no. Basta leggere quello che ha sempre dichiarato Ben a tutte le testate americane quando è stato intervistato da quando è arrivato. Crescita della società, portare un asset B a livello A e rivendere. Poi che si adotti il "metodo Menta" è un altro discorso, loro ci credono. Noi vediamo, ma senza i paraocchi che sto notando.
  10. Partiamo dal presupposto che vincere in C non è facile. Guardiamo a quest'anno, tutte le cosiddette ricette vincenti sono state smontate. Il Mantova squadra rifatta completamente, con un budget basso, che scommette su un allenatore debuttante - perchè tutto si può dire di Possanzini, ma questo era il primo anno da capo allenatore e di esempi di vice che poi sono diventati bravi ce ne sono pochissimi - facendo un gioco per la categoria rivoluzionario, con qualche certezza, ma moltissime scommesse e tutto clicca al posto giusto e dominano. Ancor di più la Juve Stabia: un ds che tutti consideravano un figlio di papà, squadra fatta con gli scarti degli altri, eppure... Poi il Vicenza: allenatore vincente l'anno prima, rosa completa fortissima, però... Poi ovviamente ci sono anche esempi dove la programmazione paga come SudTirol, Feralpi ecc ecc. Insomma vediamo quel che succede, ma senza farci prendere dalla frenesia del sappiamo tutto noi...
  11. Poi verrà rispettata la visione anche dell'allenatore. Se arriva Donati per esempio, verranno presi giocatori che si adattano al suo gioco, se viene un altro che magari gioca con tre davanti verranno presi altri tipi di giocatori. Vogliono avere la squadra pronta al 90% per il ritiro di luglio, questo è sicuro.
  12. Possiamo discuterne all'infinito, però ognuno ha la propria visione. La loro visione è di vincere il campionato con una squadra fatta da un mix di giocatori di categoria e giovani stranieri, con un allenatore giovane ma di prospettiva. Funzionerà? Non lo so. Ma questo sarà.
  13. Ininfluente direi, ormai terzi non arriviamo più. Ci servono 5 punti per essere matematicamente quarti.
  14. Creare una società vincente con infrastrutture di livello, aumentandone di conseguenza il valore
  15. Per quanto posso capire a chi piacerebbe un DS esperto con le mani libere, ma poi mi spiegate Menta cosa fa? Si siede in ufficio in silenzio?
  16. Ma ottenere grossi ricavi dalle cessioni non è lo scopo principale.
  17. Indubbiamente, infatti implementare la società a tutti i livelli deve essere una prerogativa per evitare che si ripetano situazioni simili. Poi però fatto questo passo essenziale avere un allenatore giovane non vuol dire che non puoi vincere a condizione di costruire una rosa equilibrata.
  18. Molto diversi tra loro, anche questo entrerà nelle valutazioni
  19. Potrebbe effettivamente. Dipende poi molto dalle esperienze come giocatore, da chi sei stato allenato e dallo staff di cui ti circondi. Io credo soprattutto però che vinci se riesci a trovare una chimica di squadra, dove tutti lavorano nella stessa direzione: società, allenatore, giocatori. Al di là dei nomi.
  20. Perchè quello di Gvardiol che ha tempo di stoppare e neppure benissimo, controllare e tirare senza che nessuno lo ostacoli?
×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×