Jump to content

hector

Utente semplice
  • Posts

    1,964
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Everything posted by hector

  1. Sarebbe il caso, forse, che il mercato di riparazione lo facesse qualcun altro. Se non altro per dare un senso alla speranza diffusa che gennaio sarà salvifico. Il problema è che Giacomini non ne sa nulla di calcio, e se riceve i consigli dalle stesse persone che gli hanno consigliato Romairone siamo a posto...
  2. Questa squadra contro il Renate ha fatto la partita della vita, per i suoi standard, e ha pareggiato. Tipico delle squadre che lottano per non retrocedere. Ogni tanto giocano bene ma non c'è affatto garanzia di vincere, anzi.
  3. Effettivamente sta facendo male. Ma sarebbe uno sbaglio, secondo me, cambiarlo.
  4. Ma siamo sicuri che le stesse persone che hanno creato questo disastro siano in grado di rimediarci? Io per nulla. Vediamo di evitare la retrocessione diretta e poi giochiamoci i playout.
  5. Il Piacenza perde. In questo momento siamo a più 3. Però a meno 6 dalla salvezza diretta.
  6. La Virtus Verona è in vantaggio. Siamo a un passo dalla zona retrocessione diretta. L'incubo è dover sperare nei playout come unica strada per mantenere la categoria.
  7. Il fallo sul nostro giocatore era evidente. Solo l'arbitro non l'ha visto. Come non aveva visto un palese corner per loro qualche minuto prima. Decide così di ingraziarsi un pubblico in subbuglio regalando un rigore. Un mix esplosivo di incompetenza e vigliacca compensazione.
  8. Ci può stare. In ogni caso sono per tifare sempre, salvo casi estremi come Pontrelli.
  9. È l'eterno dilemma: ha senso per un tifoso fare una valutazione a 360 gradi della società (solidità finanziaria, strutture, serietà, ecc.), oppure il tifoso dovrebbe limitarsi a fare il tifoso, ovvero guardare solo a quel che avviene in campo? Non ho una risposta univoca. Io in vita mia ho sempre un po' ondeggiato tra questi due estremi. Ma recentemente, in un'epoca in cui il signor nessuno, informandosi un po', può conoscere moltissimi aspetti della gestione societaria, mi sono al contrario convinto che in fondo queste cose non è che mi interessino granché, finché non impattano direttamente con i risultati della squadra. Quindi io no, non sono contento dell'attuale proprietà, poiché siamo terz'ultimi.
  10. Quando lo dice, Parpiglia si esalta, si emoziona, gli brillano gli occhi.
  11. Di solito, quando arrivano giocatori di una certa età, vengono fuori le legittime perplessità della piazza. Ricordo le feroci critiche a Milanese quando prendeva giocatori a fine carriera, in declino e senza motivazioni. Beh, queste perplessità non ci sono state per Minesso. Accolto come un fenomeno, punto. Giocatore fantastico. Ma non dimentichiamo che ha 32 anni. Che sia anche lui semplicemente sulla via del tramonto?
  12. Personalmente aderirò alla protesta. Ritengo giusto dare un iniziale, piccolo segnale, per rimarcare che questa situazione non è per nulla normale. A -5 dalla salvezza, fare come se nulla fosse per me sarebbe difficile, per cui mi sento quasi in dovere di fare qualcosa. Di fronte alla peggiore Triestina di sempre, credo che non sia inappropriato manifestare il proprio dissenso. Rispetto chi si comporterà diversamente, ma è giusto ricordare che all'iniziativa è invitata tutta la tifoseria.
  13. Un confronto del genere è quasi impietoso. L'anno scorso siamo arrivati quinti, ora siamo terz'ultimi. Non c'è paragone. Poi ripeto, che Minesso sia stato in passato un giocatore eccezionale non me ne può fregare di meno.
  14. Io penso che questa valutazione sia legata in gran parte al curriculum dei giocatori, che fa credere che la rosa sia tecnicamente valida. Ma a me di questo curriculum non importa nulla, a me interessa come giocano qua. E alla Triestina si stanno tutti (o quasi) dimostrando tecnicamente modesti. Almeno fino a oggi, ovviamente.
  15. Un po' di turnover ci sta, per carità, ma Felici è uno che metterei sempre in campo. L'unico a meritarsi la sufficienza piena e abbondante in questo inizio di stagione. Poi magari entra dalla panchina e spacca la partita. Vediamo.
  16. Sì ma non è che nelle partite conta solo il secondo tempo. Il primo lo abbiamo approcciato male, concedendo totalmente il possesso palla agli avversari e creando zero. In questo modo è ovvio che qualcosa si rischia dietro, e infatti due o tre occasioni sono arrivate da parte della Juventus. Abbiamo subito gol sull'unico tiro degli avversari del secondo tempo, questo è vero, ma nel primo di tentativi avversari ce ne sono stati eccome. Poi è chiaro, sei sotto nel punteggio e con l'uomo in più, è abbastanza ovvio che attacchi. E comunque anch'io ho visto una squadra viva nella ripresa. Ma solo in quella...
  17. Il fattore mentale è proprio quello che mi porta a preferire, al contrario di forest, una vittoria immeritata rispetto a una sconfitta dopo una buona prestazione. Perché la prima dà serenità al gruppo e porta con sé ottime probabilità di giocare bene la partita successiva, il che porta a maggiori possibilità di fare risultato. La seconda invece può generare ulteriore depressione e un circolo di negatività da cui è difficile uscire. Dopo la partita con il Padova ero moderatamente ottimista, oggi no. Non reputo il primo tempo un bel segnale, anzi. Siamo stati molto passivi e abbiamo lasciato fare la partita agli avversari, non rendendoci mai pericolosi e rischiando grosso in almeno due circostanze. Poi nel secondo tempo abbiamo attaccato molto, ma ci mancherebbe altro, visti lo svantaggio e la superiorità numerica. Il problema è stato l'approccio alla gara, molto rinunciatario. Per questo dico che ci vorrebbe una vittoria, anche sporca, per scacciare i fantasmi e la paura di fare la partita. È chiaro che l'obiettivo è la salvezza, e siamo a -4 dall'obiettivo. Credo che teoricamente questa squadra valga la categoria, ma è giunto il momento di passare dalla teoria alla pratica. Anche perché non farei troppo affidamento sul mercato di gennaio. Primo perché non dà garanzie, secondo perché non è esattamente dietro l'angolo e il rischio, a continuare così, è di avere in inverno una classifica ancora più tragica, con la salvezza ancora più lontana.
  18. Il primo tempo non è stato positivo. Non abbiamo proprio attaccato. Li abbiamo aspettati e nonostante ciò abbiamo corso due o tre pericoli notevoli. Nel secondo tempo siamo stati anche sfortunati, ma non buttarla dentro è una colpa.
×
×
  • Create New...