Jump to content

Recommended Posts

Dal Piccolo

I vigili multano anche San Nicolò. Donava cioccolata dalla carrozza

L’iniziativa organizzata dal Caffè degli Specchi è stata bloccata perché il conducente non aveva la necessaria autorizzazione: multa di 76 euro e allontanamento. Inferociti i genitori dei bimbi

Nella asburgica Trieste, sempre molto ligia al dovere, può anche accadere che il povero San Nicolò venga multato mentre distribuisce dolciumi ai bambini buoni.

La brutta avventura per il santo è capitata giovedì pomeriggio. In quel momento era a bordo di una carrozza in piazza Unità e stava offrendo del cioccolato ai bambini. Ma il suo “lavoro” è stato bloccato da una pattuglia della polizia locale che ha fermato la carrozza per sanzionarla. Vivaci le proteste soprattutto da parte dei genitori presenti. La gioia dei tanti bimbi che seguivano con entusiasmo l’iniziativa ha lasciato posto allo sconcerto. Gli adulti erano esterrefatti. Molti hanno alzato la voce perché nessuno capiva inizialmente il motivo dello stop, tanto meno i piccoli presenti. È scesa anche qualche lacrima: come osano - protestavano i piccoli - fermare un intoccabile come San Nicolò?

«C’era una lunga fila di gente accorsa subito dopo aver visto la carrozza con San Nicolò, un’immagine che al di là dei doni dava un’aria di festa; molte persone si sono arrabbiate, anche perché i bambini erano contenti di ricevere i dolci ed erano affascinati dai cavalli e naturalmente dalla presenza di San Nicolò», spiega un genitore indignato. «Per questo motivo altri genitori si sono messi a urlare, infuriati. Dispiace vedere che una manifestazione semplice, che non recava danni a nessuno, sia stata fermata, tanto più considerando che stava coinvolgendo tante famiglie», è il commento.

La carrozza è di proprietà di un privato, mentre San Nicolò è stato “offerto” dal vicino Caffè degli Specchi, che per la giornata ha regalato pezzi di cacao e cioccolata calda per tutti. «Ci ricordavamo già in passato della carrozza che in centro città faceva qualche giretto, per la gioia di molti bambini, in una cornice bella come quella della piazza e in un periodo speciale come quello natalizio – aggiunge qualcuno – peccato che si sia verificata una situazione del genere. Molti ci sono rimasti male. Il cavallo aveva le protezioni per non sporcare e anche gli zoccoli coperti per non rovinare il pavimento, potevano lasciarla lì, la carrozza, almeno per un pomeriggio».

L’iniziativa è partita attorno alle 15, ma poco dopo sono arrivati gli agenti della polizia locale che, dopo aver parlato con il conducente del mezzo, hanno fermato tutto. Presumibilmente il mezzo era provvisto di regolare licenza, ma non aveva il permesso per transitare nella piazza: da qui l’obbligo di spostarsi. E da qui anche la sanzione di 76 euro.

San Nicolò ha ritirato mestamente il suo sacco, davanti al caos generale, mentre la carrozza ha ripreso la strada al di fuori della piazza, sperando di non incappare anche in una multa per eccesso di velocità.

Veramente in sta città sta diventando vietato divertirse. Prima i alberi de Nadal de Piazza Unità che no xe più, deso la multa a San Nicolò. Cosa i ne caverà ancora? Leggendo ste notizie xe difficile no pensar che i voli impor un grigior de tipo sovietico.

Link to post
Share on other sites

Dal Piccolo

I vigili multano anche San Nicolò. Donava cioccolata dalla carrozza

L'iniziativa organizzata dal Caffè degli Specchi è stata bloccata perché il conducente non aveva la necessaria autorizzazione: multa di 76 euro e allontanamento. Inferociti i genitori dei bimbi

Nella asburgica Trieste, sempre molto ligia al dovere, può anche accadere che il povero San Nicolò venga multato mentre distribuisce dolciumi ai bambini buoni.

La brutta avventura per il santo è capitata giovedì pomeriggio. In quel momento era a bordo di una carrozza in piazza Unità e stava offrendo del cioccolato ai bambini. Ma il suo "lavoro" è stato bloccato da una pattuglia della polizia locale che ha fermato la carrozza per sanzionarla. Vivaci le proteste soprattutto da parte dei genitori presenti. La gioia dei tanti bimbi che seguivano con entusiasmo l'iniziativa ha lasciato posto allo sconcerto. Gli adulti erano esterrefatti. Molti hanno alzato la voce perché nessuno capiva inizialmente il motivo dello stop, tanto meno i piccoli presenti. È scesa anche qualche lacrima: come osano - protestavano i piccoli - fermare un intoccabile come San Nicolò?

«C'era una lunga fila di gente accorsa subito dopo aver visto la carrozza con San Nicolò, un'immagine che al di là dei doni dava un'aria di festa; molte persone si sono arrabbiate, anche perché i bambini erano contenti di ricevere i dolci ed erano affascinati dai cavalli e naturalmente dalla presenza di San Nicolò», spiega un genitore indignato. «Per questo motivo altri genitori si sono messi a urlare, infuriati. Dispiace vedere che una manifestazione semplice, che non recava danni a nessuno, sia stata fermata, tanto più considerando che stava coinvolgendo tante famiglie», è il commento.

La carrozza è di proprietà di un privato, mentre San Nicolò è stato "offerto" dal vicino Caffè degli Specchi, che per la giornata ha regalato pezzi di cacao e cioccolata calda per tutti. «Ci ricordavamo già in passato della carrozza che in centro città faceva qualche giretto, per la gioia di molti bambini, in una cornice bella come quella della piazza e in un periodo speciale come quello natalizio – aggiunge qualcuno – peccato che si sia verificata una situazione del genere. Molti ci sono rimasti male. Il cavallo aveva le protezioni per non sporcare e anche gli zoccoli coperti per non rovinare il pavimento, potevano lasciarla lì, la carrozza, almeno per un pomeriggio».

L'iniziativa è partita attorno alle 15, ma poco dopo sono arrivati gli agenti della polizia locale che, dopo aver parlato con il conducente del mezzo, hanno fermato tutto. Presumibilmente il mezzo era provvisto di regolare licenza, ma non aveva il permesso per transitare nella piazza: da qui l'obbligo di spostarsi. E da qui anche la sanzione di 76 euro.

San Nicolò ha ritirato mestamente il suo sacco, davanti al caos generale, mentre la carrozza ha ripreso la strada al di fuori della piazza, sperando di non incappare anche in una multa per eccesso di velocità.

Veramente in sta città sta diventando vietato divertirse. Prima i alberi de Nadal de Piazza Unità che no xe più, deso la multa a San Nicolò. Cosa i ne caverà ancora? Leggendo ste notizie xe difficile no pensar che i voli impor un grigior de tipo sovietico.

ahahaha adirittura al grigior sovietico... che cazzada ara ... meio allora una carrozza con un settantenne circondado de puttanelle...

Torno serio : ho scritto cosi' per sottolineare come si riesce a commentare una notizia certamente deprecabile mettendo sempre sul piatto colorazioni politiche .. Sicuramente hanno fatto una stupidata , ma ricollegarsi a Lenin Stalin e rossi vari a pochi giorni dal 2013 mi pare (cit. Fantozzi) UNA CAGATA PAZZESCA.

Link to post
Share on other sites

ahahaha adirittura al grigior sovietico... che cazzada ara ... meio allora una carrozza con un settantenne circondado de puttanelle...

Torno serio : ho scritto cosi' per sottolineare come si riesce a commentare una notizia certamente deprecabile mettendo sempre sul piatto colorazioni politiche .. Sicuramente hanno fatto una stupidata , ma ricollegarsi a Lenin Stalin e rossi vari a pochi giorni dal 2013 mi pare (cit. Fantozzi) UNA CAGATA PAZZESCA.

El mio iera un modo de dir, me par inutile sottolinearlo. Però xe innegabile che certi provvedimenti "antispirituali" come questo e quel dei alberi de Nadal xe stadi presi solo da sta amministrazion qua, un'amministrazion supportada anche da chi credi ancora in quei due signori che te ga citado.

E lo digo da agnostico, vedi ti.

Edited by Stefano79
Link to post
Share on other sites

ahahaha adirittura al grigior sovietico... che cazzada ara ... meio allora una carrozza con un settantenne circondado de puttanelle...

Torno serio : ho scritto cosi' per sottolineare come si riesce a commentare una notizia certamente deprecabile mettendo sempre sul piatto colorazioni politiche .. Sicuramente hanno fatto una stupidata , ma ricollegarsi a Lenin Stalin e rossi vari a pochi giorni dal 2013 mi pare (cit. Fantozzi) UNA CAGATA PAZZESCA.

El mio iera un modo de dir, me par inutile sottolinearlo. Però xe innegabile che certi provvedimenti "antispirituali" come questo e quel dei alberi de Nadal xe stadi presi solo da sta amministrazion qua, un'amministrazion supportada anche da chi credi ancora in quei due signori che te ga citado.

E lo digo da agnostico, vedi ti.

allora caro stefano da agnostico come ti definisci (mah..) non devi far riferimento a nessuna colorazione politica .. l agnostico non prende posizione "politica" e poi , sinceramente , mi ripeto ... citare i 2 signori nel 2013 non ha nessun senso credimi ... o sei agnositco "per moda" ....

Link to post
Share on other sites

l agnostico non prende posizione "politica"

E questo dove l'hai letto? L'agnostico non prende posizioni religiose, qui si parla di un fatto di cronaca della vita di ogni giorno. Allora gli agnostici non dovrebbero nemmeno andare a votare??

e poi , sinceramente , mi ripeto ... citare i 2 signori nel 2013 non ha nessun senso credimi ... o sei agnositco "per moda" ....

Veramente li hai tirati in ballo tu, solo per provocare, come al solito. Io ho fatto solo una battuta.

Non mi sembra di essere uno che critica solo per partito preso, tant'è che nella discussione sul maltempo ho appena "difeso" il piano neve del comune.

Edited by Stefano79
Link to post
Share on other sites

Parlar de settantenni con le puttanelle effettivamente no xe certamente parlar con colorazion politica.

Quel che no capiso xe perchè quando uno leggi qualcosa "contro" un che fa parte della propria fede (e lo digo perchè no xe ideali, per certi xe addirittura una ragion de vita) i parti in quarta come giuli61.

Senza contar che Stefano solitamente me par che sia sempre sulle proprie idee e che disi senza problemi sia quando la nostra giunta la intiva sia quando no la intiva.

Detto questo, la giunta col Nadal finora no ne ga intivada una. Ma gnanche mezza.

Questo fatto xe agghiacciante. Il tutto poi davanti ai muleti.

Straquoto Stefano. Ormai xe vietato divertirse. :aracheroba::disgust:

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...