Jump to content

I suntini sandrini di sabato 2 dicembre 2023


Recommended Posts

SABATO 2 DICEMBRE 2023

- Archiviata la questione Coppa Italia, la Triestina si rituffa in campionato con due difficili trasferte in tre giorni. Come scrive oggi Antonello Rodio su "Il Piccolo", tra la sfida di oggi a Verona contro la Virtus (al "Gavagnin-Nocini" inizio 18.30, arbitra De Angeli di Milano) e il recupero di martedì con l'Atalanta U23, gli alabardati sono attesi a due impegni probanti e anche per questo la squadra di Tesser, partita ieri per Veronello, rimarrà nel ritiro veneto anche dopo il match di stasera per ripartire solamente alla vigilia del secondo impegno a Caravaggio.

Ancora viaggi, chilometri e stress, ma il ritiro è il modo migliore per preparare bene le sfide, oltre a un'ulteriore occasione per cementare il gruppo: «Avendo un giorno solo dopo il post Verona per preparare la trasferta di Caravaggio - spiega Tesser - ben venga l'opportunità di poter rimanere in ritiro e di questo ringrazio la proprietà. Il gruppo è già sufficientemente coeso, sotto questo aspetto da inizio stagione c'è stata una crescita molto importante e questo è stato un fattore determinante per i buoni risultati. Essere in gruppo in questi giorni sicuramente ci aiuta, ma col tour de force di questo periodo è importante stare assieme soprattutto per recuperare».

Si parte con la sfida odierna contro la Virtus Verona, che nonostante l'ultimo periodo non brillante (un punto in tre partite) viaggia dall'inizio nelle zone alte e occupa tuttora la sesta posizione in classifica. Infatti Tesser ha una grande considerazione per la formazione di Gigi Fresco: «È una squadra di valore, che prendendo Ceter anche dopo il mercato dimostra di voler essere competitiva. È molto organizzata, ha grande fisicità e alcune qualità individuali importanti».

E poi da non dimenticare che c'è un campo di gioco infido e molto piccolo, che non favorisce chi predilige la manovra come l'Unione. Ma anche su questo Tesser ha le idee chiare: «Il campo è comunque regolamentare - afferma il tecnico - anche se ridotto, stretto e generalmente bruttino come terreno. Ma è una cosa che vale per tutti, dobbiamo quindi armarci anche noi. Senza mai rinunciare a giocare ma consapevoli che quando non si potrà farlo, bisognerà mettere in campo la battaglia. Sarà una partita molto intensa agonisticamente ma i valori tecnici di entrambe le squadre ci sono, mi aspetto comunque una gara particolarmente difficile».

Quanto alla situazione della squadra, ieri sono partiti tutti, ma con alcuni distinguo: Pavlev ha appena recuperato da una gastrorenterite e non può essere al cento per cento, quindi partirà sicuramente dalla panchina, e lo stesso Tesser ammette che per un discorso di rotazioni se fosse stato al meglio sarebbe potuto partire dal primo minuto. Quanto a Struna, invece, è ancora in via di recupero, quindi oggi non sarà disponibile, ma si spera di averlo a disposizione almeno per Bergamo. Pertanto oggi davanti a Matosevic vedremo la coppia Malomo-Moretti, con Germano a destra e Anzolin a sinistra. In mezzo al campo Correia in cabina di regia con Celeghin e Vallocchia mezzali. Sulla trequarti potrebbe forse giocare già dal primo minuto D'Urso dopo la buona prova di martedì, ma se non ha ancora i 90 minuti nelle gambe toccherà a El Azrak, mentre davanti Finotto parte leggermente favorito su Redan per giocare accanto a Lescano.

- «La Pallacanestro Trieste sta solo grattando la superficie». Come scrive oggi Roberto Degrassi, il concetto del "work in progress" in casa biancorossa adesso ha almeno una dimensione. C'è tanto ancora da fare e i margini di crescita sono in proporzione. Così, almeno, la fotografa il coach, Jamion Christian. Coerente con la sua filosofia e con sè stesso: slalomista quando si prova a dirottarlo su temi tattici o sui singoli, strenuo difensore dell'idea del gruppo. Domani si gioca ad Orzinuovi per la prima giornata del girone di ritorno, dopo il giro di boa ci sta però un primo breve bilancio.

Si è chiuso il girone di andata, la squadra è in linea con le attese?

Le mie aspettative per una squadra sono sempre incentrate sull'imparare a essere più profondamente connessi per poter raggiungere il massimo livello di prestazioni durante la stagione. Per me le vittorie e le sconfitte fanno parte del processo di un gruppo che impara e cresce di più durante la stagione. Il mio obiettivo è quello di avere una squadra che cresca giorno dopo giorno.

Non è stato un adattamento facile. Quale è stato l'ostacolo maggiore nel calarsi nel basket europeo? In cosa ha trovato maggiori difficoltà nel portare una visione americana?

Ho la fortuna di avere un ottimo staff che mi aiuta quotidianamente a capire la cultura e qual è il livello di comprensione qui. Non mi sono sentito solo nel mio apprendimento perché finora ho avuto un numero innumerevole di persone che ci hanno supportato. E per fortuna ho una grande squadra di giocatori con cui lavoriamo tutti insieme. Spesso faccio loro domande e me ne fanno a loro volta. Penso che stiamo costruendo qualcosa in cui a nessuno importa chi ottiene il merito, conta solo trovare le risposte giuste insieme.

A che punto è la crescita della squadra?

Abbiamo ancora molto da migliorare. Ci sono quattro fasi di un team che uso come comprensione generale. Formazione: è il momento in cui un team si riunisce e inizia a definire gli standard di interazione e di lavoro comune. Storming: quando un team deve vivere secondo gli standard stabiliti. È il momento in cui la leadership viene messa maggiormente alla prova. È la fase più importante, perché è qui che si stabilisce lo standard di realizzazione. La terza fase è la normalizzazione: si stabiliscono le norme quotidiane e si pone l'asticella dei risultati. È importante perché mostra agli altri cosa vogliamo e ci dice chi siamo. L'ultima fase è l'esecuzione: anche se nell'ultimo mese abbiamo raggiunto un livello elevato, ci sono ancora molte cose che dobbiamo migliorare per diventare la grande squadra che so che possiamo diventare. Stiamo solo grattando la superficie. Siamo nella seconda fase. Stiamo ancora imparando a fidarci l'uno dell'altro nei momenti cruciali. Anche in questo abbiamo molto da migliorare, ma sono molto soddisfatto della situazione attuale della squadra.

Dopo tre sconfitte consecutive ha temuto che potesse chiudersi la sua esperienza a Trieste?

No, non ho avuto alcun timore. Capisco che si tratta di un processo di crescita. Vedevo la squadra migliorare di giorno in giorno e questo mi spinge a non portare all'estremo le vittorie o le sconfitte.

Nelle prime giornate c'era un equivoco sui ruoli e la coesistenza tra Ruzzier e Brooks. Adesso Ruzzier è primo play, Brooks viene impiegato quasi sempre da guardia. E con questa chiarezza la squadra sta giocando meglio...

La mia fiducia nei giocatori è ai massimi livelli. Lo era e lo sarà sempre. Ruzzier è migliorato moltissimo perché è un grande giocatore e ci tiene a dare il meglio di sé. Ma potrei dire la stessa cosa per ognuno. È il fatto che si preoccupino di più dell'obiettivo generale e di migliorare ogni giorno che ci ha permesso di iniziare a fare grandi passi avanti.

Quale giocatore l'ha più sorpresa?

Non posso dire che qualcuno mi abbia sorpreso più di un altro, mi conforta vedere che c'è un gruppo che ha voglia di lavorare insieme. A turno ho visto giocatori diversi essere i migliori nei punti o nei rimbalzi.

Tre aggettivi per l'identità che vorrebbe per questa squadra.

Connessa, fisica, resiliente

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×