Jump to content

Una piccola riflession e una domanda....


The Rock

Recommended Posts

Nell'altro topic sul papa go letto che diversa gente se reputa credente ma non praticante...La mia sicuramente nn vol esser una polemica, ma solo voia de capir....cosa porta una persona a esser credente ma nn praticante...o meio cosa ghe impedisi de non esser praticante....

mi, parlando della mia esperienza, fino ai 16 anni praticavo...magari fino a 13-14 fazevo cusi xke me iera stado dito de far cusi, ma dopo praticavo xke credevo...quando go iniziado a farme delle domande e go smesso progressivamente de creder la conseguenza + logica xe stada smetter de praticar....

ripeto...nn voio far polemiche...voio solo capir...siccome secondo mi xe due robe ke va de pari passo....

Link to comment
Share on other sites

Forsi tuto nassi dall'idea de poder parlar col proprio Dio senza intermediari de mezzo. Senza intermediari che inveze de zercar de capirte, te disi solamente che tuto quel che te fa xe peccato e che xe sbaglià.

Forsi perchè i te disi quel che xe giusto e quel che xe sbaglià senza spiegarte il perchè.

Forsi per rifiuto de tuto il cerimonial, regole e regolette spesso fora tempo e contrari al ben dele persone (per esempio la proibizion del'uso de metodi anticoncezionali nei paesi poveri dove imperversa l'Aids e i fioi che nassi xe destinadi a morir de fame).

Forsi anche dalla consapevolezza che la cesa nela sua storia de ca...de ghe ne ga fate tante-troppe, nel nome de Dio.

Forsi perchè tanti che predica alla resa dei conti no da un esempio tanto positivo.

O forsi anche perche xe più comodo cussì... la domenica matina se preferissi dormir un poco de più, o far el liston in piaza Grande o 'ndar in gita o al bagno in Istria, inveze de 'ndar in cesa.

Link to comment
Share on other sites

Diria che cenerentola ga dito quel che volevo dir mi.

E sopratutto la prima parte, del fatto che uno pol benissimo esser credente,

creder in un dio o un qualcossa, ma rifiutando quela che xe l'organizazion

dela relativa Ciesa, disemo.

Mi iero praticante de picio, fin alla cresima... ma no credo de esser mai stà credente.

Par strano? Chissà quanti praticanti xe che non xe credenti, cusì come credenti non

praticanti.

E no ghe vol esser né praticanti né credenti per far proprie certe regole de vita

del Cristianesimo o de altre religioni (o per riconoser l'importante ruolo de questa

figura papale appena scomparsa).

:bye:

Link to comment
Share on other sites

bah secondo mi se un xe credente devi zercar de eser anche praticante, ogni dun dopo xe libero de far quel che vol, de acetar o meno certe robe ma se credi devi anche riconoser che sbaglia se non segui certe robe che vien dal suo 'credo'...

se cosi' non xe alora no se trata de fede ma de etica, coscienza o come volemo ciamarla...

Link to comment
Share on other sites

sensazion personale....un credente che non accetta quel che ghe se poni davanti va incontro al rischio de volerse crear una "sua" religion....ciolendo quel ke ghe va ben e mettendo da parte el resto....e questo xe un discorso ke nn rivo a condivider...

Link to comment
Share on other sites

apunto son d'acordo, se uno ciol in considerazion solo certe robe (che + ghe par giuste a lui) piu che una religion segui dele sue 'norme' .. ma alora pol eser un controsenso definirse credente... o mejo, el credi si, ma in quel che disi lui stesso..

poi come in tute le religioni xe chi xe piu oservante e chi meno, ma penso che l'obietivo de un che credi sia de eserlo el + posibile...

discorsi complicati ogi :D

Link to comment
Share on other sites

E no ghe vol esser né praticanti né credenti per far proprie certe regole de vita

del Cristianesimo o de altre religioni (o per riconoser l'importante ruolo de questa

figura papale appena scomparsa).

Concordo in pieno con Starlite e anche con The Rock quando disi che se corri el rischio del cresrse una"propria " religione.

Se parlemo de FEDE allora bisogna, per cosi dir, giogare con tutte le regole previste (e cioè praticar) altrimenti non bisogna parlar de FEDE ma semmai de etica, moralità, filosofia di vita ecc ecc.

Proprio per questo mi, ad esempio, non go fatto la cresima, me son sposà in Comune ecc ecc e ciò non vol dire che comunque non riconosco l' enorme importanza de molti precetti del cristianesimo, e credo (spero almeno) de esser una persona che credi in certi valori.

Link to comment
Share on other sites

Vosi bisognassi distinguer tra creder in Dio o creder in una religion.

Esser credente per mi vol dir pensar che esisti un'entità suprema che 'gestissi' l'universo e che ghe da un senso a tutto, compresa ala nostra esistenza... e ala sua fine. Un'entità che ne parla direttamante attraverso la nostra coscenza, che ne disi diretamente quel che xe giusto e quel che xe sbaglià. Xe in fondo il cristianesimo a sostener che Dio xe ovunque, quindi anche dentro de noi...

Esser praticante pol aver 2 sensi completamente diversi:

Il primo, positivo, che porta a seguir e a comportarse secondo quel che se ritien giusto. E quando non te rivi a farlo no servi che ghe sia qualchedun altro che te disi che te sta sbagliando... te lo sa da solo.

Il secondo, per mi meno positivo, che te porta a viver in modo passivo senza senso critico quel che te vien dito de far. A seguir regole imposte dall'esterno da persone che ritien sia giusto 'convertir' i altri, che ritien giusto importe la loro interpretazion de Dio.

Argomento complicado per poder dar una propria vision esauriente in pochi minuti e in poche righe... spero de esser rivada a dar un'idea de quel che penso.

Link to comment
Share on other sites

Sono davvero pigra, quindi quoto Cenerentola... ha spiegato bene certi meccanismi.

E poi... diffido fortemente di chi non ha nessuna certezza e di chi non ha nessun dubbio.

Penso che credere sia come un rapporto interpersonale: va costruito, aggiustato e sperimentato giorno per giorno con desiderio di migliorarsi. Sennò è arido.

Diffido totalmente, invece, di chi non crede in niente di superiore. Credo possa essere una persona dannosa per sè e per la società.

Pace.

Link to comment
Share on other sites

Diffido totalmente, invece, di chi non crede in niente di superiore. Credo possa essere una persona dannosa per sè e per la società.

1) Quoto pienamente l'ultimo post de Cenerentola.

2) Per la citazione soprariportada de Tirabaralla inveze... no te par de esagerar? Perchè?

Par che i atei sia dei criminali senza etica e regole de vita... No me par niente "giusto" questo tuo pensiero (ocio che go la scubia). :rotfl:

Link to comment
Share on other sites

Quoto cenerentola che sta sviscerando el tema in maniera assai lucida e concordo anche sul fatto che xè molto complesso rivar ad esprimere compituamente tutte le proprie idee con un semplice post.

Pensoche ghe sia troppe sfumature da chiarire:

Credente inteso come credente alla religione cattolica o "sempilcemente" come credente ad un entità superiore?

O se pol creder non solo ad un entità che governa el mondo ma anche a dei valori?

E il cattolico pol esser un praticante "critico" come ga dito Cenrentola? (Me sembra una roba intelligente, ma la Chiesa lo ammetti? Credo proprio de no)....

..insomma non vado avanti, ma el tema xè molto stimolante... :D

Link to comment
Share on other sites

E il cattolico pol esser un praticante "critico" come ga dito Cenrentola? (Me sembra una roba intelligente, ma la Chiesa lo ammetti? Credo proprio de no)....

Per mi Fede no devi voler dir ciecità.

E sopratutto Chiesa non xe stesa roba che Religion.

Po' go come l'impresion che tanta gente credente e praticante no sapi ben cos che la fa.

E vivi la vita da bon cattolico più con la paura de finir all'inferno che con quela de volerghe

ben ai altri. Ma questo xe un altro discorso.

In generale quel che no capiso dele religioni e dele ciese xe perché sto dio,

indiferente qual che xe, devi eser riverido, se devi, per esempio, andar a messa?

Se sto dio insegna a volerse ben, che xe quel alla fine o no?

No xe el steso insegnamento che se pol dar anche senza che ghe sia sto dio?

Servi dio per volerse ben?

Per quel me ga irritado bastanza el pensiero de Tirabaralla :D

Come se esser atei volessi dir no gaver sentimenti, esser solo freddi e razionali,

no saver cossa xe giusto e cossa xe sbagliado...

Me par che sia un luogo comune... non credente = freddo razionale.

Son profondamente convinto che no xe dio che ga creado l'omo, ma viceversa,

come che ga dito za qualchedun.

No per questo son una me**a de omo che va in giro a mazar e no varda in faccia nisun! :wacko:O|

Link to comment
Share on other sites

Quella è una mia convinzione, Star... penso che mettere l'uomo e il solo scibile umano al di sopra di tutto sia pericoloso.

Poi...ognuno ha le sue convinzioni.

Non è obbligatorio essere tutti d'accordo.

E naturalmente non è qualcosa che va preso sul personale.

Link to comment
Share on other sites

Me par come se mi disessi che i fiorentini xe tuti dannosi,

solo per fato de eser fiorentini... :D

Cioè me par un giudizio esageratamente negativo e discriminante :D

E poi non creder in nulla de superiore non vol dir metter l'uomo al di sopra de tutto.

Per mi l'omo no xe altro che una parte de tutto.

Link to comment
Share on other sites

Avere un'idea personale e che pol eser scomoda no vol dir discriminare. Senò dovesimo pensarla tuti ala stesa maniera...

Metimola cussì: cossa xè per te che sta "sora" all'omo?

Una certa etica? Una certa morale?

O tuto e tuti semo su lo steso piano?

Te gaverà una tua idea de giusto/sbajado e de le prioridà, giusto?

Eco, per mi gaver "fede" in un qualcosa de superiore (no parlo de cristianesimo, parlo de fede in generale) xè una roba che me qualifica in ben una persona, cossa te posso dir? :confused:

Link to comment
Share on other sites

Eco, per mi gaver "fede" in un qualcosa de superiore (no parlo de cristianesimo, parlo de fede in generale) xè una roba che me qualifica in ben una persona, cossa te posso dir? :confused:

Anche i Satanisti? :D

Scherzi a parte.

Ovio che go una idea de giusto e sbagliado, delle priorità.

Xe queste robe che regola la nostra vita in generale, con noi stesi e con i altri, no?

Xe un codice de "comportamento", delle leggi piu' o meno scritte, che gavemo acquisido nel corso della nostra evoluzion intesa come specia, nel corso della Storia, nel corso della vita de ognuno de noi.

Questo xe, certamente, qualcosa che , come te disi ti allora, "sta sora" de noi.

Ma alora cossa cambia creder o no? Creder xe un bisogno che un pol gaver, o pol no gaver.

Link to comment
Share on other sites

Per quanto riguarda il paradosso dei satanisti: li disprezzo ma forse li capisco di + di qualcuno che non crede in niente.

Per il resto: l'etica che dai per scontata non è scontata per niente, anche per questo esistono, sono sempre esistite ed esisteranno sempre le religioni, le sette e le ideologie... Per mantentere l'uomo entro parametri "alti", o almeno per il tentativo di fare questo (poi strumentalizzato, sputtanato, etcetc).

Infine: non vedo la religione come un bisogno, vedo il credere in qualcosa di superiore come un sano anelito dell'animo e dello spirito... Oddio, sì, anche un bisogno, ma un bisogno che è sano avere, diciamo.

Se c'è una cosa che non mi da alcuna fiducia è il positivismo, quindi credo che diffcilmente ci incontreremo su questo terreno.

Sicchè potremmo chiudere la conversazione, se per te va bene.

Link to comment
Share on other sites

Perfettamente d'accordo sul perché dell'esistenza delle religioni & co.

Sempre viste come uno strumento di educazione.

Cio' si ricollega al discorso dell'etica.

Scontatissima, da quando l'uomo s'è reso conto di essere senziente

e di poter articolare un minimo pensiero cosciente, e chiedersi, valutare

e prevedere le conseguenze delle proprie azioni.

Che si ricollega all'esistenza delle religioni & co. :D

Un circolo vizioso.

La nostra etica (intesa come concezione del bene e del male)

evolve, cambia, contrasta (vedi l'eutanasia)...

Per questo credo che l'etica sia scontata...

Può essere diversa dalla nostra comunemente accetata...

me c'è sempre in una società di esseri viventi intelligenti paragonabili

in qualche modo alla nostra idea di intelligenza.

Boh.... :D

Se non vuoi replicare non ci sono problemi.

Spero di leggere anche altri interventi :D

Link to comment
Share on other sites

Quoto Star; cioè non è forse il forte bisogno di etica, di morale, di regole di vita che ha fatto nascere le religioni?

Il punto sta, secondo me, nel "decidere" se queste cose sono dentro di noi come una sorta di "diritto naturale" che ogni uomo sente seppur in maniera diversa, oppure se questi valori sono espressione di un essere superiore.

Con la conseguenza che le primo caso è l'uomo artefice di se stesso nel secondo è Dio (o in generale la divinità) ad avere in mano i nostri destini.

Io, personalmente propendo per una visione più laica del mondo ma questo non vuol dire non porre nulla sopra l'uomo, anzi.

Propriola marale, l' etica, la capacità di raziocinare stanno "sopra" l' uomo e lo differenziano dalla bestia. :bye:

Link to comment
Share on other sites

Adesso xè el mio turno.. vedo de far un discorso che gabbi senso.

Anche secondo mi creder o non creder se riferisi ad un qualcosa che sta sora a tutto.. e la religion, la ciesa, xè soltato uno strumento, giusto o sbagliado, per avvicinarse a questo qualcosa.

Personalmente penso che la ciesa xè qualcosa de superfluo e decisamente sbagliado. Se mi voio creder in Dio, non go bisogno de uno che me fazi da intermediario.. non go nemmeno bisogno de uno che me leggi per un'ora dei passi che posso legger da sola se son interessada..

Prima de ciaparme critiche sulla parte "superfluo e decisamente sbagliado" ve riporto alcuni passi che go letto:

Lv. 20,13 (dal Libro del Levitico): Chiunque abbia giaciuto con un uomo come si giace con una donna, hanno compiuto tutte e due un'abominazione; siano messi a morte. Il loro sangue ricada su di essi.

Rm. 1,18-32 (dalla Lettera ai Romani di S. Paolo): …Per questo Dio li ha dati in balìa di passioni ignominiose: le loro donne scambiarono il rapporto sessuale naturale con quello contro natura; ugualmente gli uomini, lasciato il rapporto naturale con la donna, bruciarono di desiderio gli uni verso gli altri, compiendo turpitudini uomini con uomini, ricevendo in se stessi la ricompensa debita della loro aberrazione. Per cui coloro che compiono tali azioni sono "degni di morte", non solo le fanno, ma danno il loro consenso, approvando chi le compie.

1 Corinzi 6:10. “Non v'ingannate: né i fornicatori, né gli idolatri, né gli adulteri, né gli effeminati, né gli omosessuali, né i ladri, né gli avari, né gli ubriaconi, né gli oltraggiatori, né i rapinatori erediteranno il regno di Dioâ€.

Genesi cap. 19, 1-38. (dal Libro della Genesi): "Quei due angeli (travestiti da viandanti, per cui Lot non li riconobbe come tali) arrivarono a Sodoma sul far della sera, mentre Lot stava ancora seduto alla porta di Sòdoma. Non appena li ebbe visti, Lot andò loro incontro, si prostrò con la faccia a terra e disse: "Ascoltate, vi prego, miei signori, venite in casa del vostro servo; vi passerete la notte, vi laverete i piedi e poi, domattina per tempo, ve ne andrete per la vostra via". Quelli risposero: "No, ma passeremo la notte sulla piazza". Allora egli insistette tanto presso di essi, che andarono da lui ed entrarono nella sua casa. Egli fece per loro un convito, cosse dei pani senza lievito e così mangiarono. Prima che andassero a dormire, ecco che gli uomini della città di Sodoma s'affollarono intorno alla casa, giovani e vecchi, tutto il popolo al completo, chiamarono Lot e gli dissero: "Dove sono quegli uomini che sono entrati da te questa notte? Portaceli fuori, perché vogliamo abusare di loro!". Allora Lot uscì verso di loro sulla porta e, dopo aver chiuso il battente dietro di sé, disse: No fratelli miei, non fate del male! "Sentite, io ho due figlie che non hanno ancora conosciuto uomo; lasciate che ve le porti fuori e fate loro quel che vi pare, purché a questi uomini voi non facciate niente, perché sono entrati all'ombra del mio tetto".

Chiedo scusa della lunghezza del post.. ma non podevo non riportar questo a testimonianza della mia diffidenza e, perchè no, del mio disgusto verso la chiesa che tanta gente considera fondamentale per la propria fede. Considerar omosessuali e ladri allo stesso piano? Un essere superiore o una religion ga el diritto de condannar a morte una persona perchè omosessuale? Xè normale parlar della propria fia nei termini scritti poco sora? Mi dovesi creder che questo sia giusto? Dovessi andar in ciesa dopo quel che go letto?

Questo me porta anche a dubitar del fatto che possi esister Dio, perchè a mi la ciesa me ga insegnado che Dio esisti.. e la stessa me ga insegnà che esser omosessuali xè sbagliado. Ma per mi esser omosessuali, e ne son sicura, non xè sbagliado (e son felicemente etero! :D) quindi.. esisterà Dio? Boh.. come go za dito a qualchedun.. son ancora in fase riflessiva.

Chiedo ancora scusa per la lunghezza del post.

:bye:

Link to comment
Share on other sites

L'8 aprile, giorno dei funerali del Papa, c'è una singolare coincidenza astronomica: come nel giorno della morte di Gesù il sole si eclissò e "fece buio su tutta la terra" fino alle tre del pomeriggio, anche stavolta è prevista un'eclissi di sole. Si tratta di un'eclissi mista, che a Roma non sarà visibile, perché arriverà solo in tarda serata. Il fenomeno si vedrà in Costa Rica, Panama, Colombia e Venezuela.

A seconda dei punti di osservazione, questa eclissi potra essere di tipo "anulare", "perlata" o totale. Al culmine del fenomeno, il disco della luna ha un diametro apparente di pochissimo maggiore di quello del sole mentre nelle altri fasi è leggermente inferiore. Per questo motivo, per brevi istanti da alcune zone l'eclissi appare totale, da altre si vede un sottile ma brillantissimo anello di superficie solare attorno al disco lunare, da cui la definizione "eclissi anulare" e nelle fasi prossime alla totalità i raggi solari filtrano tra le montagne del bordo lunare, da cui l"'eclissi perlata".

Link to comment
Share on other sites

volevo spender mezza parola su quel ke xe sta dito da iaga.....nn trovo de certo bel quel ke sta scritto in quei libri della Bibbia...ma da come la go vista mi e da come me xe sempre sta insegna (magari come alibi?) la lettura de testi come la Bibbia nn va mai fatta alla lettera....quindi se pol trovar un riscontro el dir esser contro i omosessuali, piuttosto ke i adulteri e via discorrendo nn so quanto le pene vadi ciapade alla lettera o quantomeno riviste con almeno 2000 anni ke alla fin fine adesso l'omo ga in + sulle sue spalle....

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×