Jump to content

La rassegna stampa sandrina di sabato 22 ottobre 2016


Recommended Posts

LA RASSEGNA STAMPA SANDRINA DI SABATO 22 OTTOBRE 2016

Da Il Piccolo di Trieste

Alma, finale punto a punto per spaventare la Tezenis
Basket A2 Est: domani a Verona restare a contatto toglierebbe sicurezza ai veneti
ma servirà il coraggio di osare. E se l’ex Da Ros mandasse fuori giri l’ex Diliegro...

di Raffaele Baldini

Lo sport ad alto livello è anche un sottile gioco psicologico, dove le contendenti (nella fattispecie Alma e Tezenis) cercano di destabilizzarsi, entrando nei coni d'ombra altrui. «Non c'è sicurezza su questa terra, ma solo opportunità», diceva Douglas MacArthur, e l'opportunità è proprio colpire sulla guardia abbassata di un gigante come la Tezenis Verona. Che siano i primi 5 minuti o gli ultimi 3, la necessità per Coronica e soci è quella di spingere la truppa di Frates a un faccia a faccia con i propri fantasmi, materializzati con un inizio di stagione da 1 vinta e 2 perse (entrambe in casa, ndr), con un ambiente spazientito, con un’amalgama tutta da trovare. Se Trieste riuscirà nell’improbo compito di tenere a contatto i padroni di casa e ad insinuarsi nelle pieghe psicologiche sopra descritte, allora avrà più di una chance di portare a casa il successo.

CORAGGIO Le trasferte a casa di Giulietta negli ultimi anni sono state spesso un calice amaro da sorseggiare (ultimo successo a febbraio 2010, ndr), anche velocemente, prima di tornare in terra giuliana. Le sconfitte hanno portato appresso una piccola dose di sudditanza, una rapida rassegnazione. I grandi risultati sono per uomini coraggiosi, quelli capaci di vincere a Ferentino per andare ai playoff, quelli capaci di espugnare il PalaDozza, o quelli che snaturano la propria indole per conquistare Roseto giocando a 100 all'ora. «Quando si agisce cresce il coraggio, quando si rimanda... cresce la paura».

ATLETISMO vs ESPERIENZA Tanta qualità ed esperienza in casa Verona. Giocatori in grado di leggere correttamente le situazioni, ma che potrebbero pagare un gap dal punto di vista atletico e di freschezza. Per questo motivo l'Alma dovrà sfruttare la verticalità di Parks e Green (possibilmente senza pestarsi i piedi), anche spalle a canestro, l'imprevedibilità di Da Ros (peraltro un ex), attaccando il più statico (e falloso) Diliegro. Giocarla anche sul ritmo? Forse, potrebbe essere un'idea, stando attenti a non deragliare.

TUTTI I NUMERI PER L'ALMA, QUINDI? Inquietante. La ricca e strutturata Tezenis Verona, a cospetto della dignitosa Alma Trieste, è dietro sotto qualsiasi voce statistica: -12 contro un +10 canestri fatti/subiti, 31% da tre punti contro il 32% dei giuliani, un rimbalzo in meno rispetto a Pipitone e soci, -19 nel computo fra palle perse/recuperate contro il -15 dell'avversaria, 39 assist contro 41 dell'Alma. Le due contendenti si equivalgono alla percentuale nel tiro da due punti (51%) e l'unico vantaggio scaligero è ai liberi (68% contro il 66%). Quindi? Tristemente nulla... Sono numeri con troppe variabili incidenti non paragonabili, sono integratori per inguaribili ottimisti o sinistri presagi per amanti della legge dei grandi numeri.

FRASIER UN OVVIETÀ, OCCHIO A ROBINSON E DILIEGRO Pur essendo uomo da quasi 24 punti a partita, Frasier è incastonabile nella categoria "scontato, quindi non per forza incidente". L'asse play-pivot Robinson-Diliegro, essendo la colonna portante del gioco, potrebbe avere un peso specifico nettamente più importante. Nel loro rendimento sinusoidale risiedono anche i balbettii di Verona, sulla loro calibratura passa tanto delle possibili fortune dei padroni di casa. 

--

A Treviso il match clou della giornata
Arriva la Kontatto Bologna senza tifosi al seguito. Mantova, 2 punti o sono guai

di Lorenzo Gatto

Quarta giornata che vive sulla supersfida del PalaVerde tra De’ Longhi e Fortitudo. La capolista Virtus Bologna ospita Ravenna, Jesi invece sarà impegnata sul non facile campo di Chieti.

DE LONGHI-KONTATTO PalaVerde al completo senza tifosi della Fortitudo bloccati, per motivi di ordine pubblico, dalla questura di Treviso. Squadre appaiate in classifica che arrivano al big match da risultati contrapposti: Treviso ha perso a Forlì, Bologna ha fermato la corsa di Ravenna. Puntiamo sul fattore campo. Pronostico: Treviso.

SEGAFREDO-ORASÌ Ramagli, coach della Virtus, ha trovato da subito la quadratura del cerchio. Inizio di stagione con i fiocchi e la possibilità di sfruttare il doppio impegno casalingo per allungare ancora. Tanti duelli interessanti in una sfida che sembra decisamente sbilanciata a favore dei padroni di casa. Pronostico: Bologna.

SHARKS-ANDREA COSTA Squadre alla ricerca del riscatto. Imola ancora al palo, Roseto reduce dalla pesante sconfitta rimediata a Ferrara. Scelta difficile anche perchè il secondo straniero esordirà solo la settimana prossima. Proviamo la sorpresa. Pronostico: Imola.

PALL. FORLI-GSA UDINE L’entusiasmo della nuova Apu targata Allan Ray contro la solidità di una Forlì che ha dimostrato tutta la sua compattezza fermando Treviso al palaFiera. Prevedendo un Blackshear decisivo. Pronostico: Forlì.

DINAMICA-BONDI Non c'è alternativa per gli Stings, che reduci da tre sconfitte consecutive sono chiamati al riscatto per cominciare la scalata in classifica. Diamo fiducia a Martelossi e ai suoi ragazzi. Pronostico: Mantova.

PROGER-AURORA Lo ha detto Boniciolli dopo la sofferta vittoria della sua Fortitudo: passare a Chieti non sarà facile per nessuno. Ci fidiamo del giudizio di Matteo. Pronostico: Chieti.

AMBALT-ASSIGECO Dal rendimento di Reynold e del neo acquisto Bader passano le fortune di Recanati. Piacenza è in salute (chiedere alla Tezenis) ma puntiamo sui marchigiani. Pronostico: Recanati. 

--

L’unica incertezza è Corteggiano
Torna Serafini dal primo minuto
L’italo-argentino aveva accusato una lieve contrattura ma l’allarme pare rientrato. Andreucci prova
comunque diverse soluzioni a centrocampo. In attacco i due “senatori” sorretti da Bradaschia

di Antonello Rodio

Il sogno di qualsiasi tecnico è di avere sempre tutta la rosa a disposizione. Andreucci per fortuna in questo periodo può effettivamente contare su tutti gli elementi, aspetto molto importante nell'ottimo campionato disputato finora dalla Triestina, e dato ancora più fondamentale in vista della trasferta sulla carta più difficile tra quelle affrontate finora dall'Unione. Domani in casa dell'Arzignanochiampo (inizio ore 15, arbitra Cosso di Reggio Calabria) gli alabardati infatti troveranno un avversario decisamente ostico, quinto in classifica con 11 punti e pronto a vender cara la pelle. A dir la verità, stavolta, un piccolo allarme in casa alabardata c'è, anche se sembra già parzialmente rientrato. In settimana, infatti, Corteggiano ha accusato una lieve contrattura, insomma un risentimento muscolare che l'ha rallentato nel lavoro. Ieri a Prosecco, però, l'italo-argentino ha disputato regolarmente tutto l'allenamento di buona lena e a ottimo ritmo.

La sensazione, però, è che se si fosse giocato ieri, Corteggiano non sarebbe stato rischiato. Nel vorticoso rimescolamento di carte che Andreucci opera sempre in ogni fase dell'allenamento, infatti, Corteggiano ha sempre preso parte ma con l'impressione che si procederà con molta prudenza per un suo eventuale utilizzo. Insomma bisogna vedere come va in questi due giorni. In caso di forfait di Corteggiano, che al momento sembrerebbe solamente una scelta precauzionale visto che come detto ieri l'italo-argentino è sembrato bene in palla, il sostituto designato pare Frulla, che si posizionerebbe sulla sinistra del perno centrale Cecchi, mentre a destra Turea sembra favorito per riprendere il suo posto da titolare. Detto questo, ieri a centrocampo il tecnico ha effettuato varie prove, che hanno coinvolto anche Di Dionisio da perno centrale ma anche Carraro e Celestri come mezzali. Per il resto, a parte questo dubbio, la formazione non dovrebbe discostarsi molto da quella canonica. In difesa, davanti a Voltolini, difficile venga modificata la coppia centrale Leonarduzzi-Aquaro, mentre i terzini come al solito saranno Bajic a destra e Pizzul a sinistra. In attacco resta il solito piccolo dubbio su chi resterà fuori dei magnifici quattro, ma il maggior candidato a partire dalla panchina resta Dos Santos. Non va dimenticato che la scorsa domenica, prima della leggera indisposizione di Serafini, nonostante le prove svolte in settimana con Dos Santos la formazione iniziale in attacco avrebbe dovuto essere quella della partita precedente, ovvero con Bradaschia trequartista alle spalle di França e dello stesso Serafini. L'impressione dunque è che ad Arzignano Dos Santos possa venire utilizzato in corso d'opera, come arma in grado di spaccare la partita in caso di bisogno. Su questo dubbio e sull'altra incertezza di centrocampo, potrebbe comunque essere fatta maggiore luce nella rifinitura di stamane.

--

Principe, è già partitissima per il primato e l’imbattibilità
Pallamano: stasera a Lavis, in Trentino, l’atteso confronto con il Pressano
Cosic e Di Nardo non sono ancora al top ma Hrvatin avverte: «Niente alibi»

di Lorenzo Gatto

«Il big match di questa sera? Non è una partita come tutte le altre. Ho sempre detto ai ragazzi che dobbiamo preoccuparci solo di prepararci bene e giocare una buona pallamano. Non cambio il mio modo di pensare, ma per la prima volta quest'anno ho dato un'occhiata ai nostri avversari: sono una buona squadra». Vlado Hrvatin rende omaggio al Pressano alla vigilia della partenza per Lavis, il comune in provincia di Trento dove questa sera alle 19 la Principe si gioca imbattibilità stagionale e primato in classifica. Reduce dal sofferto e prezioso successo ottenuto a spese del Cassano Magnago, Trieste arriva alla sfida per il primato in condizioni non ottimali. Elvin Cosic, infatti, ha recuperato ma non è ancora al meglio della condizione così come Max Di Nardo che continua a sentire dolore alla spalla. «Ma saranno in campo - continua Hrvatin - per cui nessuna scusa. Ci giochiamo questa sfida al massimo delle nostre possibilità rispettando un'avversaria che ha tante buone qualità. Offensivamente hanno la capacità di girar palla e trovare i punti deboli degli avversari, in difesa giocano normalmente con la 5-1 anche se mi aspetto che contro di noi possano cambiare qualcosa. Faranno grande attenzione ai nostri terzini, dovremo essere bravi a coinvolgere ali e pivot: se sapranno tirare con buone percentuali avremo la possibilità di giocarcela».

Aldilà degli aspetti tecnici, resta da vedere quale sarà l'atteggiamento di una squadra che ha spesso sofferto le caratteristiche del Pressano. Se capitan Visintin e compagni saranno bravi a giocare con la stessa personalità e la stessa sicurezza che hanno contraddistinto la bella vittoria a Bressanone contro la Forst le possibilità di uscire dal Palavis con un risultato positivo aumenteranno. Quinta giornata che si apre con la trasferta della Forst sul campo del fanalino di coda Musile e si chiuderà a Cassano Magnago con il match tra i padroni di casa e l'Alperia Merano. Per il resto sfida sulla carta equilibrata tra Malo ed Eppan, Bolzano a caccia del riscatto nella trasferta a Mezzocorona contro la Metallsider. Programma della quinta giornata: Musile-Brixen (ore 18.30, arbitri Regalia e Greco), Pallamano Malo-Eppan (ore 19, arbitri Corioni e Falvo), Pressano-Principe Trieste (ore 19, arbitri Bassi e Scisci), Mezzocorona-Bolzano (ore 19, arbitri Fato e Guarini), Cassano Magnago-Merano (ore 20.30 arbitri Savarese e Calascibetta). Classifica: Pressano e Principe Trieste 12, Loacker Volksbank Bolzano 9, Forst Bressanone, Metallsider Mezzocorona 6, Alperia Merano, Pallamano Malo, Cassano Magnago 3, Pallamano Musile 0

--

Test tremendo a Busto per la Pallanuoto, Piccardo: «Proviamoci»
Serie A1: Trieste ospite dei veronesi della Sport Management
Influenzati Petronio, Mezzarobba e capitan Giorgi

di Riccardo Tosques

Primo test proibitivo in arrivo per la Pallanuoto Trieste. Oggi alle 18 alla piscina Manara di Busto Arsizio, gli alabardati saranno ospiti del temibile Sport Management nel match valevole per la seconda giornata di A1. Archiviata la meritata vittoria ottenuta sabato scorso all'esordio contro la Roma Vis Nova, la formazione allenata da Stefano Piccardo sarà chiamata ad un'autentica impresa. Il team veronese ha battuto all'esordio l'Acquachiara in trasferta con un perentorio 9-3, superando poi il secondo turno della Champions League grazie anche alla splendida vittoria per 10-9 sul campo degli ungheresi dell'Eger, una squadra tra le più blasonate d'Europa. «È una formazione completa in ogni singolo reparto, molto organizzata e forte da un punto di vista fisico: un avversario davvero temibile», ammette senza troppi giri di parole l'allenatore della Pallanuoto Trieste Piccardo. Trieste si prepara alla trasferta lombarda in non ottime condizioni fisiche. Capitan Giorgi e bomber Petronio sono alle prese con l'influenza, così come Michele Mezzarobba, allenatosi a singhiozzo. I tre, comunque, saranno a disposizione di Piccardo.

Il tecnico ligure non è particolarmente preoccupato: «Abbiamo avuto degli intoppi con tre giocatori, ma abbiamo preparato bene il match. Sarà interessante capire a livello fisico che tenuta riusciremo ad avere contro una formazione così ben sviluppata». L'anno scorso Trieste rischiò di fare lo sgambetto allo Sport Management (gli alabardati persero con un solo gol di scarto, siglato peraltro nei secondi finali del match). Alla piscina Bianchi invece il team di Marco "Gu" Baldineti si impose agilmente. In estate la squadra che oggi ospiterà Trieste si è rinforzata parecchio. Tra i nuovi acquisti gli azzurri Valentino Gallo e Niccolò Gitto, l'attaccante ex Acquachiara Stefano Luongo e il centroboa francese Romain Blary. Punto di forza, ovviamente, il nazionale croato Antonio Petkovic, capocannoniere dello scorsa serie A1. La partita tra Sport Management e Pallanuoto Trieste sarà diretta da Daniele Bianco e Lo Dico. Il programma completo della seconda giornata di campionato di serie A1: Ortigia-Torino 81, Roma Vis Nova-Bogliasco, Quinto-Acquachiara, An Brescia-Posillipo, Rari Nantes Savona-Pro Recco, Canottieri Napoli-Lazio. La classifica: Posillipo, Pro Recco, Pallanuoto Trieste, Canottieri Napoli e An Brescia 3 punti, Rn Savona e Bogliasco 1, Roma Vis Nova, Sc Quinto, Torino 81, Acquachiara, Lazio e Ortigia 0.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×