Jump to content

Tour 2018..dagli all'untore..ma magari vince lui lo stesso.


Recommended Posts

  • Replies 368
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Ebbene, il Tour non poteva iniziare in maniera peggiore.

Iniziare..in realta' non e' ancora iniziato

Ma il caso Froome, con la sua non negativita' alla Vuelta e la conclusione sorprendentemente positiva, per  lui  e con  tempistiche quantomai sospette (l'ASO aveva appena mandato una lettera alla Sky ove indicava come non gradita la presenza di Froome al Tour) ha avvelenato un po' la vigilia.

Ma riguardo a cio', e' stato speso fin troppo inchiostro e tempo.

Anche se il tutto si potrebbe ripercuotere sull'aspetto agonistico, visto che i Francesi, a torto o a ragione, non le manderanno certo a dire a Froome sulle strade del Tour.

Quindi  il Britannico giochera' le sue carte al Tour, giocando fuori casa in un'arena quasi sicuramente ostile.

Finora lui ha dimostrato una gran testa, e' una dote che gli va riconosciuta.

Oltre al resto.

La premessa credo sia doverosa, perche' potrebbe essere un fattore per lo svolgimento della corsa.

 

Il Percorso

Scorrendo le altimetrie di questo Tour de France, per un attimo potrebbe sembrare di essere tornati indietro nel tempo.

Se non fosse per la mancanza delle mega crono, tanto in voga in quegli anni, Indurain ringrazia ancora, il tracciato sarebbe uguale ai Tour anni 90.

Prima settimana dedicata perlopiu' ai velocisti, con qualche insidia, che andremo a scoprire, crono squadre e poi dal decimo giorno di corsa in poi,

iniziano le montagne, stavolta con le Alpi a precedere i Pirenei.

Di primo acchito, le Alpi sembrano piu' dure rispetto ai Pirenei ma, come sempre, saranno i corridori a fare la corsa e a certificare la durezza o meno di un percorso.

Si diceva della mancanza delle maxy crono e, in effetti, la crono di una trentina di km posta a fine Tour, non bilancia le salite previste in questa edizione della gran boucle.

Specialita' che potrebbe non piacere, ma che e' parte integrante di una grande corsa a tappe.

Gli organizzatori( forse il Giro e la Vuelta un po' meno) sembrano dimenticarsene.

In compenso Prudhommme, patron della corsa, ha piazzato una bella cronosquadra esageratamente lunga, che potrebbe influenzare la corsa in maniera forse spoporzionata.

Ma andiama a scoprire le tappe chiave, e quelle trabocchetto..

 

La tappe chiave:

Inizierei proprio dalla terza: la cronosquadre

35 km potrebbero decretare gia' distacchi che si contano a minuti tra alcuni favoriti.

Troppo lunga, secondo me.

8202_03.jpg

 

Tappa 9.

Anche qua, si potrebbe aprire un dibattito.Quanto e' giusto mettere del pave' in una grande corsa a tappe.

Sta di fatto che l'arrivo a Roubaix, di km  in pave' ne prevede una quarantina, alcuni, Mons en Pevele, per fare un esempio, sono tratti chiave nella classica Parigi Roubaix.Quindi non pezzi banali ma che potrebbero condizionare la tappa e anche la classifica.Se dovesse piovere, poi, come nel 2014, sarebbe un piccolo inferno del nord all'interno del Tour.Visto che questa tappa, sembra piu' impegnativa rispetto  a quella, che gia' fece i suoi bei danni, di 4 anni fa.

8208_09.jpg

 

Tappa 10

Dopo il giorno di riposo, particolare che va menzionato, visto che di solito il giorno di riposo ad alcuni risulta indigesto nella tappa successiva.

Arrivano le Alpi e questa e' una tappa di salita vera, anche se l'arrivo non e' in salita.

Assomiglia nel finale, a quelle del 2009, che fece ottima selezione.

Ma in quel caso si era a fine Tour.

Questa e' la prima tappa di montagna dopo 10 giorni di pianura, o quasi.

Interessante perche' qualcuno, secondo me, ci rimettera' qualcosa..o anche di piu'.

 

8221_10.jpg

 

Tappa 11

Se vi siete annoiati da 10 giorni di treni, fughe che non hanno alcuna possibilita' di arrivare, e paesaggi piatti, ora e' il vostro momento.

Tappa alpina la nr.10, tappa alpina la nr.11..con il primo arrivo in salita.

Tappa corta ma "sbisighina", con un dislivello importante.

8221_11.jpg

 

Tappa 12

Il trittico Alpino si concludera' con il tappone classico dei classici, come diceva Fantozzi riguardo al Film bolscevico che era costretto,per ordini aziendali, periodicamente a sorbirsi.

Qui nessuno ci costringera' a vederla questa tappa, ma chi e' appassionato la vedra' volentieri.Si arriva sull'Alpe D'huez.

Arrivo mitico, il maracana' del ciclismo, con antipasto interessante e duro, che ha i nomi del Col de Madaleine e la Croix de Fer.

Lunghezza adeguata, non esagerata, forse la tappa regina di questo Tour.Anzi, senza forse..

8211_12.jpg

 

Tappa 16

Arrivano i Pirenei, con le sue salite brulle, con il caldo asfissiante(se ci sara' caldo), con il suo asfalto che si scioglie  sotto i tubolari.

Tappa di antipasto..Potrebbe anche cambiare la classifica.Di sicuro non una tappa da far tremare i polsi:

8215_16.jpg

 

Tappa 17

E' un esperimento.Una tappa di appena 65 km.Negli anni 90 c'erano crono piu' lunghe.

Eppure e' una tappa che, secondo me, decidera' molto della classifica finale.

La salita su cui e' posto il traguardo e' inedita, lunga e dura..

Preceduta da altri due colli di una certa rilevanza,Peyersurde e Val Louron.

 

8221_17.jpg

 

Tappa 19

Terminano qui le salite.

Con una frazione di difficile intrepretazione.

Il suo svolgimento sara' condizionato dalla classifica generale.

Se ben assestata, potrebbe partorire il classico topolino.

Nonostante i nomi dei colli da scalare..mitici.

Tourmale, Abisque, Aspin

 

8218_19.jpg

 

Tappa 20

Chi si aspettava una crono, seppur corta, comunque adatta agli specialisti, restera' deluso.

Crono di 31 km dal profilo frastagliato con una salita nel finale che ne determinera', verosimilmente, l'esito..anche del Tour?

Difficile a dirsi.

Come detto, comunque una crono sottodimensionata per un percorso di un Grande Giro.

Dopo di questa mancano solo i Campi Elisi.

8221_20.jpg

 

Le tappe trabocchetto.

Della serie, non si dovrebbero perdere minuti...ma qualche secondo...forse...

 

tappa 5

Una piccola Liegi Bastogne Liegi.

Non dovrebbe generare distacchi.Ma antenne dritte comunque per chi ambisce alla gialla di Parigi.

8204_05.jpg

 

Tappa 6

Di fatto il primo arrivo in salita.

Non duro e non lungo soprattutto.Uno strappo.

Ma puo' far male..Chiedere lumi a Nibali che qui, nel 2015 , perse una ventina di secondi abbondanti, se ricordo bene.

8205_06.jpg

 

Tappa 14

Questa generera' distacchi anche tra i favoriti..e' quasi una tappa chiave.

Potrebbe essere anche decisiva, in chiave classifica finale..

Anche questa corsa anche nell'edizione 2015, dove Quintana e Nibali, con risultati diversi, attaccarono Froome sull'ultima salita prima di Mende.

Corta ma dura.

Tappa pericolosa, anche per quello che c'e' prima dei km finali.

8213_14.jpg

 

Tappa 15

Terreno per mettere alla frusta il leader della corsa e la sua squadra, c'e'.

Non so come sia la discesa prima del finale.Potrebbe venirne fuori una frazione interessante.

 

8214_15.jpg

 

Le tappe restanti sono di pura pianura, o quasi.

Al Tour e in genere nella grandi corse a tappe, anche se sembrano scontate, anche le tappa piatte possono far nascere situazioni interessanti, influenzando anche la classifica.

Ventagli, cadute, forature..

Imprevisti che devono....essere messi in conto nell'ambito di una corsa di 21 giorni.

 

Il giallo dei favoriti

A chi la maglia gialla finale:

 

1) C.Froome

chrisfroome.jpg

 

Rischiamo di ripeterci, dicendo che e' amato, odiato, sospettato, idolatrato.

Tenta una cosa mai vista nel ciclismo.La vittoria nel quarto Gt consecutivo, dopo tour 2017, Vuelta 2017 e Giro 2018.

Sara' difficile, maledettamente difficile, perche' 1) viene da un Giro dispendioso e l'ultimo a riuscire a vincere Giro e Tour nello stesso anno, risale giusto a 20 anni fa, un certo Pantani. 2) Avra', come gia' accennato contro un clima avvelenato.

Ma ultimamente, Chris ci ha sempre sorpresi.Se riuscisse nell'impresa, sarebbe, per quel che riguarda le grandi corse a tappe, nei primi 5 di ogni epoca.

 

2)  Nairo Quintana

17quintanagnrc1.jpg

 

Enigmatico, una sfinge che calpesta le salite a suon di pedalate.Viene da un Tour 2017 deludente, con l'attenuante del Giro sulle gambe.

Ora e' fresco e ha puntato molte fiches su questa corsa.Che e' l'unico Gt che gli manca.Ha una squadra che annovera nientemeno che Valverde e Landa.

Potrebbe essere il suo  anno.Ha 28 anni, e' ormai maturo.Deve attaccare e non attendere.

 

3 Vincenzo Nibali

Nibali-491496.jpg

 

Torna nella corsa francese per far bene dopo 3 anni.

Nel 2016 corse in Francia, non senza mugugni, per preparare la prova in linea olimpica.Quest'anno ci torna per far classifica.

e se vogliamo, al netto del Tour 2016,appunto e dalla figura pessima della Vuelta 2015, il risultato peggiore di Nibali dal 2012 in poi nei Gt, e' stato il  quarto posto del Tour 2015.

Sara' vecchiotto, non avra' i cambi di ritmo di Froome, ne' le gli scatti spaccagambe di Quintana. Ma ha cuore, coraggio e fantasia.

Difficile vederlo in  giallo a Parigi.Non impossibile, ma difficile.

Piu' facile vederlo sul podio.Aspettando Innsbruck.

 

4) Romain Bardet

romain-bardet-vuelta-2017-tour-despagne-

Dopo 30,e piu', lunghissimi anni, riuscira' il buon Romain ad interrompere il digiuno dei francesi nella loro corsa?

Forse, chissa', se succedera'. Ha l'eta' giusta, un'ottima squadra ed un percorso senza troppi km  a crono.

Anche lui,come Nibali, non manca il coraggio ed e' abbastanza completo, crono appunto, a parte.

Potrebbe farcela.Froome potrebbe essere stanco per il Giro, e Quintana addormentarsi un po' tra le pieghe della corsa.

 

5) Tom Dumoulin

TOM-DUMOULIN-CRONO-1024x695.jpg

Come per Froome, grava l'incognita del Giro corso a 1000 una quarantina di giorni fa.

Ma abbiamo imparato ad apprezzarlo ancora di piu', in questo Giro, anche se non uscito da vincitore.

Non ha la crono per spezzare le reni agli avversari.

Ma lo considero molto pericoloso, perche' ha dimostato, proprio quest'anno, di avere classe.

6) Rigoberto Uran Uran

UranStage18-800x532.jpg

Normalmente maglia gialla.Direbbe Boscia se fosse per assurdo il suo DS:

E non avrebbe tutti i torti.Viene dal secondo posto dell'anno scorso e ha gia' 2 podi al Giro.

Ma e' corridore lunatico.Ma vantando questo palmares non si puo' ignorarlo, ne' metterlo dietro ad altri corridori che il podio non l'hanno mai visto.

7) Richie Porte

CORVOS_00026851-204.jpg

Lo sopravvalutiamo? Oppure lo consideriamo troppo poco?

Difficile a dirsi. Corridore dai Watt in salita disumani, ma che appunto, per un motivo o per l'altro, mai e' salito su un podio in un GT.

Diffetta di continuita', ma ha avuto anche le sue belle sfighe.

8 ) Ilnur Zakarin

small_160527-194217_To270516Spo_00132-Co

Attenzione al Russo.Regolarista per antonomasia.

Ma magari nascosto potrebbe tentare il colpaccio.Terzo alla Vuelta 2017 dietro a Froome e Nibali.

Gia' questo potrebbe bastare.

9) Mikel Landa Meana

movilanda-1024x683.jpg

Se non fosse che per far il capitano, dall'Astana se ne e' andato alla Sky(???),  poi comunque insoddisfatto, niente di meglio ha trovato che andarsene alla Movistar di Quintana e Valverde(?????),  sarebbe da mettere molto piu' in alto.

Ma c'e' comunque un punto grande a suo favore. I suoi piu' bei GT, giro 2015 e Tour 2017, li ha fatti quando non partiva da capitano designato.Come quest'anno.E in salita questo fa  male..ma molto male..

10) Adam Yates

adam-yates-3.jpg&q=80&w=753&zc=1

 

Fratello gemello di quel Simon, scoppiato in maglia rosa sulle Finestre, vanta gia' un quarto al Tour, nell'edizione camomillosa e narcotizzata Sky del 2016.Piu' un  quinto l'anno scorso.

Se tanto mi da' tanto, visto come volava il suo gemello al Giro, un po' di apprensione agli avversari puo' metterla..

Gli outsiders

11D.Martin..riuscira' il nostro eroe a far dimenticare a Saronni la delusione di Aru nel Giro..Potrebbe..anche un podio e' alla sua portata

12) Jakob Fuglsang.Corre da capitano.Se non ha sfortune varie e cali di rendimento puo' arrivare nei 10.Di piu'?Anche si.

13) Alejandro Valverde Belmonte. Se Nibali e' vecchiotto, lui e' matusalemme.Ma ha l'elisir della giovinezza dalla sua. Se vincesse farebbe felice chi ha scommesso su  di lui.

14) Steven Kruijswijk .Se e' quello del Giro prima della sua escursione sulle nevi dell'Agnello e' molto pericoloso.

15 Rafa Majka. Sarebbe ora che confermasse tutte le buone cose dette di lui quando era giovane.Qualche volta ha fatto capolino nelle zone alte della classifica

16) Gereint Thomas.Alternativa Sky a Froome. Forse per questo il meno felice dopo la (non ) sentenza della Wada sul suo capitano

17) Bauke Mollema...Mollime dei..la vittoria al Tour non fa per te...ma so gia' che ci smentira'..no...difficile..un podio ,dai..

18) Primoz Roglic. Un Porte piu' giovane.In salita nelle brevi corse a tappe, e' una sentenza.Alla prova in una corsa di 20 giorni.

19) Warren Barguil.L'altr'anno spesso protagonista di giornata nelle tappe.Quest'anno conta di ripetersi.Almeno,lui dice cosi.Un pensierino alla classifica no, eh?

20 ) Egan Bernal. Ricco(forse), giovane (sicuro), e forse famoso tra venti giorni? Alternativa delle alternative in casa Sky.In confidenza, se dovessi giocarmi il jolly in un'agenzia di scommesse, lui potrebbe farmi diventare ricco(forse), giovane(ma quando mai) e famoso(arduo)

 

 

Link to comment
Share on other sites

Bella presentazione come sempre Alvin, non sono d'accordo solo su una cosa che metti al settimo posto il mio favorito numero uno Richie Porte che se viene abbandonato dalla sfiga( cadute più lui che i bambini alle prime armi in bicicletta) allora per me probabile maglia gialla a Parigi

Link to comment
Share on other sites

Le altre maglie.. Verde

1) Peterone Sagan

2970405_1200x.jpeg?rev=3

 

Probabilmente, per negargli la classifica finale a punti, dovranno inventarsi una squalifica..proprio come l'anno scorso.

2) Marcel Kittel

8c6d5c3444932ab9eb6518fe80e1b2f6-ktHB-U1

L'anno scorso non arrivo' in verde a Parigi, solo perche' una caduta lo estromise dalla corsa.

Pero' non c'era Sagan.

3) Fernando Gaviria

1494169133936.jpg--giro_d_italia__vittor

 

Forse il vero avversario di Sagan per questa classifica.

 

La maglia Bianca. I giovani

1) Egan Bernal

5a80a1ada4aa4.jpeg

Forse per quest'anno la maglia bianca gli bastera'.Se non si perde sara' il nuovo fenomeno mondiale delle due ruote.

2) Pierre Latour

20165710_333848_670.jpg

Con quel nome, non puo' essere che un predestinato.Contro Bernal, sara' una bella lotta.

3) David Gaudu

65508_capture.png

Altro giovane interessante..forse meriterebbe menzione anche il nostro Moscon, dato in gran forma.Ma correndo nella Sky, non si sa quali compiti avra' e se avra' tempo per pensare alla maglia bianca

 

Il miglior scalatore.La maglia a Pois.

1) Warren Barguil

20170716tdf8033_670.jpg

E' veramente difficile stilare un pronostico per questa classifica.Inizio con il vincitore dell'anno scorso.

2) Nairo Quintana

senza foto, lui ce l'ha gia'.Lo scalatore piu' forte nella corsa, merita una menzione nei pronostici.Anche se la classifica dei gpm e' ovviamente in subordine rispetto alla generale.

3) Ion Izaguirre

bettiniphoto_0271838_1_originali_670.jpg

Boh..spariamo un po' a caso..potrebbe starci se Nibali non gli chiede di stargli troppo vicino.

Link to comment
Share on other sites

7 minuti fa, marcoc ha scritto:

Bella presentazione come sempre Alvin, non sono d'accordo solo su una cosa che metti al settimo posto il mio favorito numero uno Richie Porte che se viene abbandonato dalla sfiga( cadute più lui che i bambini alle prime armi in bicicletta) allora per me probabile maglia gialla a Parigi

Sono d'accordo.Ma su di lui pesa la statistica.Oltre che la sfiga.

A 33 anni il suo miglior piazzamento e' un quinto posto.

E' pericoloso e al netto di sfighe, lottera' probabilmente per la gialla.

Ma non lo metto tra i primi 3..proprio per una questione di precedenti.;)

Questo,ovviamente non lo esclude dalle possibilita' di vittoria finale.

Visti i numeri che produce in salita.

 

Link to comment
Share on other sites

Quest'anno Froome aldilà della tappa mitica che gli ha fatto vincere il giro ha mostrato per la prima volta di poter andar in crisi, in quanto se ricordate Yates fino a quando la forma ha sorretto è andato via più di qualche volta e non solo lui anche Pinot e Pozzovivo in una tappa l'avevano lasciato secondi indietro. Insomma mi pare che è il primo anno che non sia così matematico il suo trionfo, se poi avverrà nulla da dire ma penso che ci siano tanti avversari da poterlo mettere in forte difficoltà

Link to comment
Share on other sites

per il giochino, siamo in 4, finora.

Chi vuoel si accodi..fino a domani mattina c'e' tempo?

Il regolamenteo sara' come quello del giro

Solo con una novita'.

Oltre ai primi 3, si dovra' indicare per ogni tappa, chi sara' la maglia gialla al termine della stessa..

Punteggio se si indovina, punti 3.

 

10 punti per posizione indovinata nella classifica finale del tour.

6 punti per ogni corridore messo nella top five nella posizione sbagliata nella classifica finale del tour.

4 punti per ogni corridore indovinato nel piazzamento nei pronostici di ogni tappa.

2 punti per ogni corridore indovinato nei primi 3 ma nella posizione errata.

3 punti per chi indovina chi indossera' la maglia gialla al termine delle singole tappe.

I pronostici di tappa vanno postati prima dell'inizio della stessa.

Altrimenti verranno tenuti per buoni quelli postati nella tappa precedente.

Gli ordini d'arrivo si intendono quelli omologati dalla giuria.

Se un corridore taglia per primo il traguardo ma viene poi declassato per qualsiasi motivo dalla giuria, si terra' conto dell'ordine d'arrivo ufficiale.

Termine per postare i pronostici della vittoria finale al tour e quelli relativi alla prima tappa:

Domani, alle ore 11.00.

Edited by alvin66
Link to comment
Share on other sites

Classifica finale (xe durissima)

Quintana

Porte

Froome

Nibali

Bardet

come se fa a lasar fora dai 5 a cuor leggero Zakarin, Roglic e Landa che iero la e la per metterlo al posto de Nairo?!

 

1a tappa

Gaviria

Groenewegen

Kittel

 

Maglia 

Gaviria

Edited by Riodario
Link to comment
Share on other sites

ci provo anche io

 

1. Quintana

2. Nibali

3. Dumoulin

4. Landa

5. Bardet

 

I tappa

1. Gaviria

2. Sagan

3. Kittel

maglia gialla 

Gaviria

A me incuriosisce la breve tappa 17. Però mi sembrava di aver letto che volevano disputarla tipo una gara d'inseguimento di sci di fondo o me lo sono sognato?

Edited by Geppo
Link to comment
Share on other sites

21 minuti fa, Geppo ha scritto:

ci provo anche io

 

1. Quintana

2. Nibali

3. Dumoulin

4. Landa

5. Bardet

 

I tappa

1. Gaviria

2. Sagan

3. Kittel

maglia gialla 

Gaviria

A me incuriosisce la breve tappa 17. Però mi sembrava di aver letto che volevano disputarla tipo una gara d'inseguimento di sci di fondo o me lo sono sognato?

Si..a griglie...ma non ho approfondito bene l'argomento.

Uno per uno mi sembra difficile.

Sarebbe come una crono.

Pero' esperimento interessante.

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, alvin66 ha scritto:

Si..a griglie...ma non ho approfondito bene l'argomento.

Uno per uno mi sembra difficile.

Sarebbe come una crono.

Pero' esperimento interessante.

Partono come nella mountabike, scaglionati a griglie, la differenza la fai se pronti via parti a cannone tempo un paio di minuti e le squadre si organizzano.

P.s.: Ho tolto ogni tot perché qua non avrebbe senso... Semplicemente vengono inseriti in griglie prima della partenza, tolte le griglie e fatti partire.

Almeno credo

Edited by Riodario
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...