Jump to content

Tonno rosso in pericolo


Recommended Posts

una settimana fa circa,ho visto un servizio sul tonno rosso,che si riproduce nel mediterraneo,si diceva che presto se non verranno rispettate le regole imposte per la loro cattura,non ce ne saranno più.già adesso i pescatori catturano tonni al massimo di 50 kg quando una volta erano di cento e passakg.

allora sono andata a guardare su google,e ho visto che effettivamente,il tonno rosso rischia moltissimo.

magari la prossima volta che andate a comprare del tonno potreste sceglierne uno di quelli non a rischio.

allego un comunicato tratto dal "portale-coop" (non è un portale animalista ne ecologista),proprio per far capira quanto il problema sia grave e sottovalutato .in rete comunque ne trovate molti altri per approfondire se l argomento dovesse interessarvi. basta digitare tonno rosso estinzione su un qualsiasi motore di ricerca.

http://www.nordest.e-coop.it:80/portalWeb/..._pageLabel=home

Il tonno rosso è a rischio estinzione nel Mediterraneo. Coop raccoglie il grido d’allarme lanciato a livello internazionale da WWF e Greenpeace ed entro il mese di maggio, considerata la gravità della situazione denunciata, ha deciso di sospendere completamente la vendita del tonno rosso. Analoga decisione è stata presa anche per il tonno in scatola, per il quale sono stati sospesi gli ordini e si va allo smaltimento delle scorte. Con questa scelta ogni anno sarà risparmiata la vita ad oltre 6.000 esemplari di tonno rosso.

Il tonno rosso, infatti, quello che crudo è impiegato per la preparazione di sushi e sashimi, entra ogni anno da Gibilterra seguendo la corrente superficiale nelle sue diramazioni, a nord verso Sardegna e Tirreno centro-settentrionale, a sud lungo le coste della Sicilia, risale l’Adriatico per la riproduzione.

Le autorità competenti a livello europeo e quelle degli Stati interessati hanno, per il momento, optato per riduzioni considerate irrisorie (da 32.000 a 29.500 tonnellate annue), anche in considerazione del notevole quantitativo di tonno rosso pescato abusivamente (si stima che la pesca abusiva porti ad oltre 50.000 tonnellate il reale prelievo), a cui si deve aggiungere l'espansione dell'allevamento di tonno rosso: una pratica che, secondo il WWF potrebbe portare, nel giro di pochi anni, all'estinzione commerciale del tonno.

Nel rapporto “L'allevamento del tonno nel Mediterraneo”, pubblicato alla vigilia della Giornata Mondiale degli Oceani, si stigmatizzano anche gli impianti di allevamento del tonno - che consiste nel mettere all'ingrasso i tonni catturati vivi in natura - pratica ben diversa dall'acquacoltura in cui invece i pesci vengono fatti riprodurre in cattività e poi allevati.

autore:ignoto

Link to comment
Share on other sites

sul ultimo numero american del National Geographic xe un a specie de grido de alarme sula pesca in genere, che sta ridusendo i pesci in quasi tuti i oceani, i se la ciapa bastanza col Union Europea, i parla dei merluzzi ma anca dei tonni. Po i reclamizza le riserve marine dela Nova Zelanda, dela nostra de Miramar oviamente gnanca ombra. Forsi perchè la xe più picia.

Edited by babatriestina
Link to comment
Share on other sites

eh non solo per il tonno !!!

i criticava anche la pesca a strascico disendo che la rovina i fondali, la cattura anche i pesci più pici impedindo de creser e moltiplicarse... eh i dovesi far allevamenti si! ma se vedi che i costa ...

Link to comment
Share on other sites

Quello che forse vi manca, è vedere come vengono pescati i tonni nell'Oceano pacifico...dopo vi passerà davvero la voglia di mangiare la pasta con il tonno...

DISCLAIMER:

Questo video di Greenpeace è piuttosto crudo, e quindi sconsigliato a persone particolarmente impressionabili

Link to comment
Share on other sites

da

Journal Aquaculture International

Publisher Springer Netherlands

ISSN 0967-6120 (Print) 1573-143X (Online)

Issue Volume 13, Numbers 1-2 / January, 2005

QUA che xe l'abstract de una pubblicazione scientifica disi che:

B. M. Poli1 Contact Information, G. Parisi1, F. Scappini1 and G. Zampacavallo1

(1) Department of Scienze Zootecniche, University of Florence, Via delle Cascine, 5, 50144 Florence, Italy

Received: 10 October 2003 Accepted: 18 February 2004

Abstract . A reliable assessment of animal welfare-suffering and of its impact on product quality requires a multidisciplinary approach that takes into account fish behaviour and the different biochemical and physiological processes involved. This might be done by the contemporary study of changes of indicators of brain function, endocrine responses, post mortem tissue biochemical processes and quality changes. This work reviewed some of the most used indices of stress at the time of slaughter, commercial slaughter methods and related stress effects on physical and biochemical parameters of fish quality. The set of the available data seemed to indicate that, although of some results appear contradictory, pre-slaughter and slaughter stressful practices could have an important effect on the flesh quality in fish. A clear effect emerged mostly on the physical properties of flesh, because severe stress at slaughter time exhausted muscular energies, produced more lactic acid, reduced muscular pH, increased the rate of rigor mortis onset. In this way they could have significant negative effects on technological traits, flesh quality and keeping quality of fish. Asphyxia and electrically stunned fish were more stressed than spiked, knocked and live chilled fish. Combining various methods together might be a more satisfactory strategy for both animal welfare and product quality.

Keywords Fish quality - Fish welfare - Pre-slaughter stress - Slaughter methods - Stress indices

Che xe quel che disi uno dei commenti del video: ovvero non xe per esser umani o inumani che lo maza in quel modo ma per preservar la qualità della carne.

Link to comment
Share on other sites

Se è per quello esistono anche "normali scene" di uccisioni dei maialini, che non fanno meno pena..anzi, forse di più essendo mammiferi, e sicuramente scandalizzarsi non farà sì che queste crudeltà scompaiano...ma è difficile che lasci indifferenti...almeno me...

Per quanto riguarda la freschezza delle carni...era già ovvio che non lo facevano per sadismo, e non è che non esistano modi meno cruenti per ottenere lo stesso risultato...ma questo è il modo meno costoso...e, guarda caso anche il più crudele.

Edited by Bonovox767
Link to comment
Share on other sites

si fa impression però penso che xe da sempre che i pescatori maza i pesi in sta maniera... meio cussi che scuoiadi vivi come i conigli :S

quel che però i dovesi far xe far ripopolar un poco el mar... anche se magnemo meno tonno xe tanti altri pesi meno rari che ne sfamasi... xe che l'omo pensa sempre prima ai soldi...

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×