Jump to content
Le ultime news
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Sign in to follow this  
SandroWeb

I suntini sandrini di giovedì 6 agosto 2020

Recommended Posts

GIOVEDÌ 6 AGOSTO 2020

- Vicenza e Reggiana sono già volate in serie B, ma il girone della Triestina del prossimo campionato non si prospetta certo una passeggiata, anzi. A fronteggiare l'Unione, di squadre quotate, non ci sarà solamente il Padova, con le solite eventuali outsider Südtirol e Feralpisalò (e occhio a Sambendettese e Modena che si stanno muovendo bene sul mercato). Il problema, come scrive Antonello Rodio oggi su "Il Piccolo",  è che nel girone B si prospetta innanzitutto il quasi certo ritorno della Ternana, ma in più c'è il grosso spauracchio del possibile arrivo del Perugia o del Pescara (o addirittura di entrambe), perché è ovvio che le retrocesse dalla B non incutono timore solo per il loro valore tecnico, ma anche del paracadute di cui beneficiano con relativi denari da investire. Ovviamente non c'è ancora nessun quadro completo, bisogna vedere chi sarà a posto con l'iscrizione, quali saranno ripescaggi e riammissioni, ma al momento ci sono delle novità certe per il girone della Triestina: come detto non ci saranno né il Vicenza né la Reggiana (promosse in B), non ci saranno inoltre (a meno di riammissioni) Arzignano, Rimini e Ravenna (retrocesse), e neppure il Campodarsego (rinuncia). Questa notevole perdita di squadre venete e romagnole, fa presagire un possibile allargamento geografico del girone. Ecco perché la Ternana dovrebbe sicuramente far compagnia all'Unione, che del resto ha già l'altra umbra Gubbio nel proprio girone. Ma la situazione è in evoluzione guardando soprattutto alla situazione in serie B e ai possibili scenari che si prospettano. Le tre squadre già retrocesse dai cadetti, ovvero Trapani, Juve Stabia e Livorno, non riguardano la Triestina. Ma il play-out che si giocherà il 10 agosto metterà di fronte Perugia-Pescara e in caso di sconfitta degli umbri, è quasi certo che anche il Perugia possa rientrare nel girone della Triestina, con ulteriori difficoltà in più visto che ai grifoni le ambizioni di risalita non mancheranno. Ma attenzione, in caso di sconfitta del Pescara, non è detto che anche gli abruzzesi non possano rientrare a far parte del girone B. Del resto, con il drastico abbassamento di squadre venete e romagnole, dipende dove si deciderà di allargare il raggruppamento, se verso ovest (squadre lombarde) o verso sud. In quest'ultimo caso anche Pescara e Teramo potrebbero rientrare. Ma c'è un dubbio sul play-out di serie B che verrà sciolto proprio oggi: nella giornata odierna si saprà infatti l'esito del ricorso del Trapani al Collegio di Garanzia del Coni avverso i 2 punti di penalità comminati per il ritardato pagamento degli stipendi. Qualora il ricorso venisse accolto e i 2 punti revocati, il Trapani sarebbe salvo, mentre il Pescara sprofonderebbe in C e Perugia e Cosenza si affronterebbero ai play-out. Nel caso il ricorso fosse solo parzialmente accolto, con la revoca di 1 punto di penalità, allora a retrocedere sarebbe sempre il Pescara ma il play-out si giocherebbe fra Perugia e Trapani. Insomma, se al Trapani ridanno indietro i punti, esiste il concreto rischio che la Triestina si ritrovi sia Perugia che Pescara il prossimo anno. E non è esattamente un'ipotesi incoraggiante.

- Flessibili e ambiziosi. Aggettivi declinati così, al plurale. Perchè il concetto, Mario Ghiacci presidente dell'Allianz Pallacanestro Trieste lo estende a tutte le anime in biancorosso. Lo scrive Roberto Degrassi: flessibili perchè «abbiamo imparato in questi mesi ad avanzare settimana per settimana, giorno per giorno». E il periodo della flessibilità è destinato ad allungarsi in uno scenario del basket italiano che dà poche certezze che non siano le date d'inizio di Supercoppa e del campionato. Si spera nell'apertura almeno parziale al pubblico, si spera in una immediata approvazione del credito d'imposta, si spera che i vincoli della quarantena imposti agli atleti dagli Usa possano venir ridotti con la verifica dei tamponi. Per navigare verso il futuro, in sostanza, serve flessibilità. La stessa usata durante il mercato, pronti a cogliere le occasioni.Ma al popolo biancorosso fa molto più effetto sentire l'altro aggettivo pronunciato da Ghiacci durante la conferenza stampa che condotta insieme al tecnico Eugenio Dalmasson ieri mattina all'Allianz Dome ha di fatto inaugurato la stagione della Pallacanestro Trieste. Ambiziosi. «Vogliamo essere ambiziosi - spiega Ghiacci - Abbiamo allestito una squadra competitiva, con giocatori con forti motivazioni, talento e fisicità. Una squadra che vogliamo far vedere al nostro pubblico perchè siamo convinti che saprà farsi apprezzare». E intanto il presidente e il coach respirano l'aria del palazzone di Valmaura. «Ci riappropriamo di un'emozione». Con un'occhiata al parquet a nuovo. «Lo abbiamo rinnovato, rappresenta un salto di qualità per abbellire un Palasport stupendo».Ghiacci ringrazia Cda, soci e staff. Allianz e Bluenergy «perché ci hanno permesso di essere concreti in questo mercato». E la lista dei ringraziamenti aspetta di essere allungata nelle prossime settimane, credito d'imposta permettendo.Intanto, da oggi per otto giocatori sarà il momento di cominciare la preparazione. Upson, che è stato il primo tra i nuovi Usa a iniziare il periodo di quarantena, dovrebbe unirsi al gruppo la prossima settimana. Un gruppo, ha osservato Ghiacci, «che abbiamo costruito insieme a Eugenio lavorando come ai vecchi tempi». I vecchi tempi di successi anche se il coach difende la squadra dell'ultima parte dello scorso campionato: «Eravamo intervenuti per migliorarla, stavamo crescendo e ci saremmo fatti apprezzare salvandoci sul campo». 

- Un giovane talento serbo per completare il roster e mettere a disposizione del tecnico Carpanese la rosa al completo. Nikola Arsenic (come scrive oggi Lorenzo Gatto) è pronto a partire, valigie fatte e la voglia di arrivare a Trieste per unirsi quanto prima ai suoi nuovi compagni di squadra. Il nodo da sciogliere resta però quello legato al ritiro del visto con cui poter entrare in Italia. La Pallamano Trieste ci sta lavorando sodo, senza soste, nel tentativo di trovare una soluzione e nel frattempo guarda alla prima amichevole della stagione che sabato alle 18, sul parquet di Isola, la vedrà in campo contro la locale formazione guidata da Fredi Radojkovic e che vedrà l'ex Thomas Postogna impegnato a difendere i pali della porta della compagine slovena. Arsenic e Trieste, un feeling nato nel corso di un mercato che ha visto il ds Giorgio Oveglia orientarsi con convinzione sul terzino centrale lo scorso anno in Italia con la maglia dello Sparer Appiano. «È un giocatore che ci ha impressionato da subito - sottolinea Oveglia - per l'ottima predisposizione a giocare in uno contro uno e per la capacita di mettere in difficoltà le difese avversarie grazie a un ottimo tiro da fuori. È giovane ma ha già diverse esperienze lontano da casa e il fatto che abbia giocato in Italia e conosca il nostro campionato è senza dubbio un valore aggiunto». Ad Appiano ha lasciato un ottimo ricordo, la società alto atesina ha confermato il mancino russo ma, se le norme l'avessero permesso, avrebbe trattenuto anche lui. «Quando ci siamo messi sul mercato alla ricerca di un terzino destro abbiamo pensato immediatamente ad Arsenic. Le valutazioni sull'impegno economico ci hanno dato margini di trattativa e siamo andati con decisione su un giocatore che può essere importante nell'economia della nostra squadra. Il suo gioco può liberare Dapiran e Bratkovic, trovando una buona intesa con Radojkovic e Hrovatin e creando spazi per Popovic che grazie alla sua vicinanza può trovare senza dubbio benefici». Trieste, dunque, pronta ad accoglierlo se le condizioni lo permetteranno. Nel frattempo continua la preparazione di una squadra che sta terminando la seconda settimana di preparazione in vista dell'esordio in campionato previsto a Sassari il prossimo 5 settembre. Dopo l'amichevole di sabato a Isola una serie di incontri già programmati dallo staff tecnico biancorosso. Venerdì 14 secondo match di questo intenso mese di agosto contro lo Zamet quindi il 21 sarà la volta di Umago e il 28 di Capodistria.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...