Jump to content

Triestina - Dro | Domenica 23° Febbraio, ore 14.30 | Prima, durante e dopo


Recommended Posts

  • Replies 57
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Ultima partita dei nostri avversari:

Dro - Vittorio Falmec 2-2

RETI: 2' pt e 23' pt Cicuttini (D), 33' st e 38' st De Martin (V)

DRO (4-3-3): Bordignon; Scudiero, Ischia, Santorum, Calcari; Gennara, Marchione, Colpo; Tisi (40' st Adami), Cicuttini (25' st Bortolotti), Ajdarovski (17' st Chesani). All. Bandera

VITTORIO FALMEC (4-3-3): Tonon; Marison, Gaiotti, Villotta, Dal Bianco; D'Arsie (15' st Zanardo), Losada, Cervesato; Scarabel, De Martin, Dassie. All. Della Bella
ARBITRO: Leo di Roma2

NOTE: spettatori 250, terreno pesante. Espulso al 14' st Santorum (D) per doppia ammonizione. Ammoniti Marchione, Scudiero (D), Dal Bianco, Gaiotti, Dassie (V).

Edited by guiz
Link to comment
Share on other sites

Spesso i pareggi portano con sé un interrogativo: due punti persi o un punto guadagnato? Non è il caso di Dro-Vittorio Falmec, il cui esito lascia l'amaro in bocca ai gialloverdi, che ormai pregustavano il dolce sapore della vittoria quando una doppietta di De Martin ha di fatto equilibrato le due reti di Andrea Cicuttini, assoluto protagonista del match e bravo nel primo tempo a tramutare in oro due palloni giunti dalle sue parti. Deve così rinviare l'appuntamento con il ritorno alla vittoria interna la truppa di mister Mauro Bandera, la quale rimane al penultimo posto, ma cambiando compagno di viaggio: dopo il colpaccio esterno del Tamai sul campo del Montebelluna, è ora il Mezzocorona ad affiancare i gardesani.

Pronti-via e il Dro passaa in vantaggio: Ajdarovski con un bell'assist salta i centrali veneti, la sfera giunge a Cicuttini che salta il portiere e appoggia facilmente in rete. La rete è il preludio ad un primo tempo dominato in lungo e in largo dai ragazzi di Bandera. Al 9' una punizione di Ischia pesca Tisi libero in area, ma il numero 10 di casa invece di provare il controllo tenta la deviazione di testa, troppo debole per impensierire il portiere ospite. Ci provano poi Colpo (tiro a lato) e Cicuttini (battuta al volo alta), prima che Tisi al 16' faccia gridare al gol con un tiro dalla distanza che sembra infilarsi all'incrocio ma che poi esce di un nonnulla. Al 23' il secondo gol arriva veramente: lo straripante Cicuttini controlla sulla sinistra, rientra sul destro e trafigge Tonon sul palo lungo. Al 37' una punizione di Ischia dalla trequarti viene prolungata di testa da Cicuttini dalle parti di Marchione, che tira al volo di sinistro non inquadrando lo specchio della porta. Al 47' si vede anche il Vittorio Falmec, con una punizione calciata da Scarabel, il quale non trova la porta.

Il Dro va così al riposo con un unico rammarico: non aver "ucciso" definitivamente il match viste le occasioni avute. Nella ripresa si sveglia così la squadra veneta, che si fa subito vedere con una punizione di De Martin, respinta dalla barriera. I gialloverdi rimangono in dieci per l'espulsione ai danni di Santorum, ma riescono comunque a controllare la partita fino al 33', quando Scudiero atterra De Martin in area, con lo stesso bomber trevigiano che dal dischetto spiazza Bordignon riaprendo la contesa. I gardesani cominciano così ad aver paura, tanto che al 38' il solito De Martin raccoglie un cross dal fondo di Losada, ristabilendo la parità. Il 2-2 è un boccone amarissimo per il Dro, che già sognava di centrare la seconda preziosissima vittoria consecutiva.

Link to comment
Share on other sites

Il Dro è penultimo in classifica con 20 punti a parimerito coi corregionali del Mezzocorona, frutto di 4 vittorie, 8 pareggi ed 11 sconfitte, con 18 gol segnati e 42 subiti (peggior difesa del campionato alla pari della Fersina Perginese), in trasferta hanno raccolto 2 vittorie,1 pareggio ed 8 sconfitte. Sono quindi in piena bagarre per evitare la retrocessione diretta, ma dopo la sosta invernale sembrano essere entrati in discreta forma specialmente dopo il cambio di modulo, hanno infatti prima messo in seria difficoltà il Pordenone in trasferta per cedere solo negli ultimi 15 minuti, poi pareggiato il derby col Mezzocorona, fatto il colpaccio a Castelfranco Veneto contro il Giorgione e la settimana scorsa dominato in lungo in largo il Vittorio Falmec per poi farsi beffare e cogliere solo un pareggio una volta rimasti in dieci. Si diceva del cambio di modulo, sono infatti passati da un molto abbottonato 5-3-2 ad un decisamente più offensivo 4-3-3 e sembra che questo nuovo modo di giocare abbia dato i risultati sperati ed anche blindato una difesa che all'andata faceva acqua da tutte le parti. Mister Mauro Bandera (che tra l'altro assomiglia molto a Costantini) che li guida da 3 anni portandoli a vincere 2 campionati consecutivi, dice che il cambiamento tattico è stato possibile anche ad una notevole crescita atletica grazie ad un durissimo lavoro svolto durante la pausa natalizia, ed i fatti sembrano dargli parzialmente ragione. Vediamo quindi come dovrebbero essere schierati contro di noi e la rosa a disposizione.

In porta da alcune settimane si è deciso di puntare sull'under Enrico Bordignon (95) prelevato dal Mori S. Stefano dove era stato titolare per 2 anni in Eccellenza alla sua prima esperienza in D, si tratta di un prospetto interessante che alterna grandi cose ad altrettante ingenuità, molto istintivo, non ha nessuna evidente lacuna tecnica ma a volte paga per l'inesperienza. Meglio comunque di Davide Angeli (91) titolarissimo l'anno scorso, ma che quest'anno sta avendo un annata storta. Difesa a 4 quindi. A destra dovremmo trovare Loris Scudiero (94) proveniente da quella fucina di campioncini che sono le giovanili del Mezzocorona, possente fisicamente e quindi molto potente, si propone molto bene in fase di appoggio, soffre però giocatori veloci che lo puntano (avversario ideale per Bussi) e quindi può essere che Bandera opti per Davide Baceda (93) che invece è più svelto anche se meno dotato tecnicamente. Al centro, squalificato il veterano Mauro Santorum (79), ci sarà capitan Michele Ischia (78) leader della squadra e di gran lunga il giocatore con maggior esperienza e classe, difensore arcigno e cattivo, tornato a casa dopo una lunghissima carriera nella quale ha militato per tanti anni in Serie C1, Vis Pesaro, Rimini, Cavese tra le altre, è stato anche per 2 anni titolare in Serie B col Frosinone e difatti lo abbiamo già incontrato sulla nostra strada dal 2006 al 2008, intorno alla sua esperienza viaggia tutta la squadra; ad affiancarlo ci sarà probabilmente Andrea Adami (87) ex Trissino, Somma e Trento in serie D, altro giocatore forte fisicamente ma non irreprensibile sulle giocate veloci, difficile infatti che si opti per il giovane Davide Chesani (95) anche se quest'ultimo sta facendo abbastanza bene e sembra un buon prospetto, possibile anche lo spostamento di Scudiero al centro con ovviamente Baceda terzino destro; a sinistra l'opzione più probabile è Luca Calcari (81) altro terzino che si distingue più per le cavalcate sulle fasce che per le coperture difensive, anche in questo caso l'alternativa è Baceda più che Chesani. A centrocampo non hanno un vero e proprio regista comunque davanti alla difesa dovrebbe giostrare Lorenzo Gennara (94) l'anno scorso alla Fersina Perginese, dinamico ed in grado di garantire coperture e ripartenze; mentre a destra l'indiziato numero uno è Mirko Colpo (82) sporadiche apparizioni nel Trento qualche anno fa, per poi diventare una bandiera del Mori S. Stefano in Eccellenza, giocatore ordinato con un buon tiro da fuori area; a completare il terzetto ci sarà Kevin Marchione (94), più un esterno in realtà, anche lui ex Fersina, forse il più forte dei tre, sa inserirsi in area di rigore ed andare al tiro, 2 gol per lui in questa stagione; altra possibilità è il talentuoso Omar Ruaben (95), stellina dei campioni d'Italia del Mezzocorona, che però è molto incostante e comunque più un trequartista. Possibile ingresso a partita in corso il macedone Rama Rilint (93), l'anno scorso a Trento. Nell'attacco il perno centrale, se recupera come probabile da un risentimento al ginocchio, sarà Andrea Cicuttini (84) che ci castigò all'andata e che è reduce da una doppietta contro il Vittorio Falmec, con 6 gol è il cannoniere principe della squadra, qualche presenza in D per lui ma la gran parte della carriera si è sviluppata in Eccellenza in varie squadre del Trentino, a dargli manforte ultimamente si sono ben distinti Davide Tisi (85) con una simile carriera, 3 gol per lui, e l'italo-macedone Samir Ajdarovski (95) che sta finalmente facendo intravvedere tutte le belle cose che si son dette su di lui, tecnico e veloce, molto estroso, se in giornata può mettere in difficoltà qualunque difesa, se invece la giornata è storta sparisce quasi completamente dal campo. Altre alternative sono Alessandro Poli (84), bomber nelle 2 passate stagioni con 27 e 17 gol ma che sta pagando oltremodo il salto di categoria e quest'anno è andato a segno in sole 2 occasioni, e Davide Bortolotti (87) la spalla di Poli l'anno scorso, ma come il suo compagno di reparto sta trovando la D indigesta. Se Cicuttini non dovesse farcela penso che il sostituto potrebbe essere Poli.

E' evidente che si tratta di una partita alla nostra portata, ma come sempre in queste occasioni bisogna stare attenti a non sottovalutare l'avversario e mantenere la massima attenzione nel corso della partita. Alla fine però i 3 punti devono arrivare contro l'unica squadra completamente dilettante che si allena per solo 3 volte alla settimana alla sera, o siamo nei guai…

Edited by guiz
Link to comment
Share on other sites

Io non avrei molti dubbi su quale squadra proporre contro i droati. Unico ballottaggio Ferrara/Frangu con preferenza per quest'ultimo con Cipracca dall'altra parte, od in subordine Burato, se Cipro non è a posto atleticamente. Quindi Franceschin in porta, per sopportare l'over sui terzini ed il resto della squadra confermata. Ma sicuramente l'ineffabile duo Rossitto/Turci non lo farà…

Franceschin

Cipracca (Burato) Piscopo Pimazzoni Frangu

Zetto Stentardo Nakim

Sessolo Godeas Bussi

Edited by guiz
Link to comment
Share on other sites

Guiz....non ci crederai ma sono d´accordo con te...come gia´detto Franceschin sino a fine campionato...dobbiamo capire se puo´essere il titolare...FERRARA l´ho visto stanco....in bambola su Acampora ( forse giocava al lato opposto alle sue qualita´ )......posi squadra che vince non si cambia ( anche se e´sfumata a 2 minuti dalla fine la vittoria ).....sempre sperando che Rossitto non si inventi una delle sue.....

Link to comment
Share on other sites

Direttori di gara:

arb.jpgRiccardo Campana di Seregno

bandierina.jpgGamal Mokhtar di Lecco e Veronica Martinelli di Seregno

campana.jpg

Nato a Bollate (MI) il 10-01-1985, residente a Paderno Dugnano (MI). Arbitro dal 16-12-2000, al C.R.A. dal 01-02-2004. Dirige gare della Commissione Arbitri Interregionale dal 01-07-2008. Nel 2003 Miglior Arbitro O.T.P. e nel 2007 Miglior Abitro C.R.A..

Link to comment
Share on other sites

Apprendo dal Piccolo che l'intero allenamento di ieri è stato dedicato al ripasso dei movimenti difensivi, e la cosa mi fa molto piacere perchè evidenzia come la tesi secondo cui fosse Rossitto a insegnarli sbagliati (tesi deboluccia, onestamente :)) viene a cadere.

Le cappelle nel piazzamento nelle ultime due gare non sono, evidentemente, passate inosservate.

Meglio così.

Apprendo che Ferrara torna a destra (bene) e che Frangu sarà disponibile a sinistra (bene anche questo).

Per il resto, formazione confermata come secondo me è giusto che sia, visto che difesa a parte nelle ultime due gare la squadra ha fatto il suo dovere.

Link to comment
Share on other sites

Apprendo dal Piccolo che l'intero allenamento di ieri è stato dedicato al ripasso dei movimenti difensivi, e la cosa mi fa molto piacere perchè evidenzia come la tesi secondo cui fosse Rossitto a insegnarli sbagliati (tesi deboluccia, onestamente :)) viene a cadere.

Le cappelle nel piazzamento nelle ultime due gare non sono, evidentemente, passate inosservate.

Meglio così.

Apprendo che Ferrara torna a destra (bene) e che Frangu sarà disponibile a sinistra (bene anche questo).

Per il resto, formazione confermata come secondo me è giusto che sia, visto che difesa a parte nelle ultime due gare la squadra ha fatto il suo dovere.

Ma Denis sta ben si? Go visto la foto del ginocchio fasciado sul suo fb..

Link to comment
Share on other sites

I convocati:


Portieri: Del Mestre, Franceschin, Zucca


Difensori: Ferrara, Frangu, Pimazzoni, Piscopo, Pratolino, Vianello


Centrocampisti: Burato, Cadorin, Stentardo, Nakim, Wagner, Zetto


Attaccanti: Bertoni, Bussi, De Petris, Godeas, Monti, Sessolo

Edited by guiz
Link to comment
Share on other sites

Formazioni Probabili:

Triestina

4-3-3

Del Mestre

Ferrara Piscopo Pimazzoni Frangu

Zetto Stentardo Nakim

De Petris Sessolo Bussi

Dro

4-4-2

Bordignon

Scudiero Ischia Adami Calcari

Ajdarovski Gennara Colpo Marchione

Tisi Cicuttini

Quindi probabile l'assenza di Godeas per il problema al ginocchio, mentre il Dro sembra puntare su un più prudente 4-4-2

Link to comment
Share on other sites

Certo che se uno aspetta di sapere qualcosa dal Piccolo...

Ieri davano tutti disponibili, oggi si scopre che Godeas probabilmente non gioca.

Visto che dei problemi al ginocchio di Godeas ne avevano già parlato Guiz e Misu '85, mentre io fidandomi del giornale avevo dato tutti disponibili, basterebbe che chi scrive sul Piccolo desse almeno un'occhiata al sito ogni tanto, giusto per aggiornarsi...

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×