Jump to content

il doping in Italia nell'alba del nuovo secolo


Recommended Posts

c'e' anche da dire che il sistema antidoping costa davvero molto..e quindi e' molto remuenerativo per chi lo gestisce..

comunque manca la collaborazione di certe federazioni ridimensionare il fenomeno..non fatemi dire quali...

Link to comment
Share on other sites

  • 4 months later...

amen...ho avuto qualche leggerissimo sospetto quando McQuaid,padrone indiscusso dell'Uci,ammise candidamente di aver ricevuto 500000 dollari in benficenza da Armstrong(?) e di averil dirottati,su volonta' dell'americano stesso, sul perfezionamento delle tecniche e delle ricerche antidoping(????)...

evidentemente Novitzki,non il giocatore nba ma il procuratore antidoping americano, ha avuto la mia stessa leggerissima intuizione...

http://www.tuttobiciweb.it/index.php?page=news&cod=51683&tp=n

Edited by alvin66
Link to comment
Share on other sites

Sara' che son abituado, seguendo el ciclismo, a certe notizie, a come le vien fora e soprattutto alle reazioni dell'ambiente..

ma per fortuna xe internet..e certe menade ga le gambe corte..

Oggi xe tutti contro el crucco..mona,pirla(twitter de Moreno Moser.Attenzion chi de antidoping ferissi,de antidoping perissi),parole che non se pol dir in television(el suo allenador)...

tutto bel..el solito sempio che per scamparla e far qualche km in meno ciol epo,come fossi aspirina..nissun saveva niente,nissun lo ga mai isitgado in tal senso..e fin qua l'ufficialita'..a cui "dovemo" per forza creder se gavemo voia de guardar ancora sport...

dopo te va per vari forum e te scopri che i maratoneti olimpici italiani e quindi anche i marciatori(a rigor de logica), i xe andai a prepararse in giugno-luglio a Saint Moritz..bel posto,aria bona,lontan dalle pressioni e dai giornalisti.

si', lontan dai giornalisti...ma molto vizini al dott.Michele Ferrari, el guru dei preparatori dai mezzi leciti ma soprattutto illeciti..

el mulon ga la el suo studio,proprio a Saint Moritz..

el mulon xe stado recentemente inibido dai mericani per l'affaire Armstrong,

el mulon ga fatto si che Pozzato non andassi alle Olimpiadi perche' el ciclista veneto lo ga frequentado(attenzion,solo frequentado) nel 2008..non el iera nella lista dei medici proibiti per una curiosa disfunzion burocratica(qualche medaia a buon prezzo xe sempre utile), ma visto che xe de mezzo un ciclista,che diamine..fazemo un poca de bella figura..

el mulon ga ditto a suo tempo codesta frase "non xe doping tutto quel che l'antidoping non vedi".

mi non go la certezza che la federazion se gabbi rivolto a lui ma una fastidiosa pulce nel padiglion auricolare me xe nata..

non so voi...

e sempre restando in tema de forcaioli e di "dagli all'untore", tempo fa un certo signor Fanini,paron de una squadra de basso livel del mondo professionistio e el suo mentore Capodacqua, nota penna di Repubblica, ga accusado certi ciclisti de andar,per l'appunto , a saint Moritz, tutti vestidi de nero,con biciclette nere senza scritta pubblicitarie per non farse riconosser..ovviamente non per beccar aria bona e confonderse con gli altri ciclisti dominicali restando fora dalla gogna degli autografi e quant'altro...ma per andar in incognito dal grande vecchio del doping internazionale..

Fanini, giova ricordarlo, xe uno che ghe piasi sai sparar a destra e a sinistra contro quel o l'altro corridor..la ga passada sempre lissa, ma non xe stade mai riscontrade positivamente le voci che el metteva in giro..

la ga passada sempre lissa, ma non sta volta..

el ga fatto el nome de Nibali...el mulon sicilian stavolta se la ga ligada al dito...e li ga querelai a Fanini e Capodaqua.

e la' ga cominciado da parte de Fanini le pubbliche parole de stima nei confronti del ciclista sicilian..talento de qua.speranza de la'.e via dicendo..semplicemente penoso

In sede giudiziaria i legali de Fanini e Capodacqua altro non podeva far che cercar de metterse d'accordo per non andar al processo,visto che probabilmente i ga sparado una monada.

morale della favola, pubbliche scuse da parte dei 2 e una somma de risarcimento che NIbali ga voludo che vegni dada in beneficienza.

come vede' andar a saint moritz in questo periodo, istiga i babezzi..non andeghe se non espressamente necessario,,,

Edited by alvin66
Link to comment
Share on other sites

Interrompo el mio lungo silenzio perché questa discussion merita un approfondimento. Innanzitutto da profano son rimasto meravigliado da certe performance de nuotatori e corridori, che ga fatto tempi da record o quasi con una facilità a dir poco imbarazzante e sospetta, non xe possibile che gente fazi tempi da record senza aver neanche una ioza de sudor sul viso... Me sembra sai strano che nessun gabbi verto bocca su tempi e prestazioni a mio avviso molto sospette (esempio la nuotatrice cinese de 16 anni). Dopo te vedi che un Schwarzer, atleta ormai in fase calante della sua parabola agonistica, vien trovado positivo mentre altri atleti che anche un orbo vedi che ga qualcossa de anomalo, i la passa liscia e i ga la loro bella medaia nel medaglier. Son rimasto sconcertà quando go savudo che el record dei 600 metri femminile (un tempo praticamente imbattibile)la detien un'atleta dell'ex DDR, nazion nota per l'uso scientifico de doping, i mati gaveva certe babe con i mustacioni alla Stalin che a fine carriera agonistica le ga deciso de diventar omini tanto le iera tempestade da ormoni e schifezze varie, eppur la Germania Est ga ancora le sue belle medaie (e record) ben esposti in bacheca, qualcossa no torna qua!

Link to comment
Share on other sites

teoria presa da altro forum..che abbia ragione?

La vicenda Schwazer è, a mio avviso, il caso più importante di positività all'antidoping che abbia avuto come protagonista un atleta italiano e preannuncia tempi cupi per lo sport tricolore, sicuramente a livello di politica sportiva. Questo è un forum di ciclismo e tendenzialmente si misura tutto su questi parametri; un ciclista gareggia per la propria squadra (spesso straniera) e una o due volte all'anno qualcuno veste le maglia della nazionale. Su 365 giorni forse una decina all'anno vengono sacrificati per le attività federali e se per caso uno di questi risulta positivo all'antidoping come, agli occhi di Petrucci e Co., l'infame Rebellin la colpa è tutta del ciclista e via con le solite menate propinate in questi anni. Per l'atletica leggera, come per la gran parte delle specialità olimpiche, non è così e gli atleti ai massimi livelli per gran parte dell'anno si allenano e gareggiano sotto l'egida della federazione, come Schwazer nello stage di St. Moritz.

Un atleta di alto livello sa perfettamente quando è "over line" e, soprattutto quando gareggia per la nazionale e gruppi sportivi militari, tende sempre a non farsi beccare; il compito dei dirigenti delle federazioni e dei comitati olimpici (il discorso non vale solo per l'Italia) è quello di coprire gli atleti e se questo non è possibile consigliare (obbligare) una "onorevole ritirata".

Io la vedo così: la FIDAL ed il CONI, visto che l'atletica è la specialità regina delle olimpiadi, sono disperati perché la spedizione sarà fallimentare ed hanno nel solo Schwazer l'unica concreta possibilità di conquistare una medaglia e se per caso vincerà sarà sicuramente più dorata delle altre conquistate dalla spedizione azzurra. Schwazer sa perfettamente che le iniezioni prescritte da Ferrari non sono vitamine però gli viene garantita la sicurezza che il CONI, come probabilmente in altri casi, lo coprirà sia con la WADA che con il CIO, vista anche l'inchiesta partita da Padova, e che potrà tranquillamente prepararsi per Londra senza mettere in campo la "onorevole ritirata" (come probabilmente qualcuno ha già fatto in questa edizione dei giochi). La gravità della positività di Schwazer sta nel fatto che il CONI non ha saputo (o non ha potuto) garantire la copertura all'atleta di più alto livello delle varie nazionali italiane: da adesso in poi quale altro atleta italiano di alto livello, se gli sarà richiesto di doparsi per ottenere dei risultati, rischierà una carriera sportiva ed un posto di lavoro in un corpo militare se non ha più la certezza della copertura fornita finora dal CONI?

dal forum di cicloweb

Link to comment
Share on other sites

Ma aldilà de tutto, mi me chiedo una roba essenziale: come fa un adulto a decider de metter in pericolo la SUA salute, la SUA vita per un successo sportivo? Qua no se tratta de imbroiar copiando ad un esame, qua se tratta de imbroiar rischiando de morir. Ma come se fa?

Me dispiasi ma a Schwazer, così come a tutti quei che utilizza sostanze per vinzer imbroiando, va inflitta una squalifica a vita. Non tollerò de veder altri Justin Gatlin alle Olimpiadi alla faccia delle lealtà sportiva enunciada da De Decoubertin.

:disgust:

Link to comment
Share on other sites

Ma aldilà de tutto, mi me chiedo una roba essenziale: come fa un adulto a decider de metter in pericolo la SUA salute, la SUA vita per un successo sportivo? Qua no se tratta de imbroiar copiando ad un esame, qua se tratta de imbroiar rischiando de morir. Ma come se fa?

Beh, per lori questo xe un lavoro, non solo uno sport. Basti veder che tutti gli atleti fa parte de qualche forza armata, altrimenti no i rivasi a far un qualsiasi altro lavoro e trovar anche el tempo per allenarse. Per el lavoro e el prestigio i decidi de prenderse qualche rischio, in quest'ottica no ghe vedo niente de strano.

Un operaio dell'Ilva rischia ben de più per 1000 euro al mese e zero gloria.

Con questo no voio difender Schwazer, sia ben chiaro, ma me par ormai chiaro che in certi sport sia quasi tutti dopadi. La differenza sta tra chi se fa becar (imbroion, bastardo, disonor nazionale ecc ecc) e chi no (santo el cui impegno vien infangado dai suddetti imbroioni). A tal proposito quoto la frase de quel medico del doping citado da Alvin, che diseva che no xe doping tutto quel che l'antidoping no vedi, alla fine solo de questo se tratta, dell'eterna corsa tra guardia e ladri.

Te par possibile che una donna de 48 anni se qualifichi per l'ottava finale olimpica consecutiva nel K1 solo grazie a pane, nutella e oio de gomito? Per mi xe come creder a Babbo Natale :(

Edited by Stefano79
Link to comment
Share on other sites

boom...il cerchio si chiude? fosse vera questa notizia c'e' da rimarcare l'ipocrisia della Fidal.che ha voluto far credere che Schwazer avesse fatto tutto solo..

in verita' a Saint Moritz c'erano diversi esponenti della Fidal assieme al marciatore..non ultimo il suo allenatore Didoni che l'ha rinnegato in modo perentorio dopo la notizia della sua positivita'...mi riesce difficile credere che Didoni non sapesse nulla.soprattutto chi vi abita a Saint Moritz..

http://www.tuttobiciweb.it/index.php?page=news&cod=51770&tp=n

Link to comment
Share on other sites

Mi me vien de circoscriver, de contestualizzar la vicenda, spezzandola in due tronconi. Sportivo ed extra.

Nessuna pietà "sportiva". Con prove sicure che garantisi certezza della colpevolezza (quando te trovo con le man nella marmellata insoma o forse xe el caso de dir co' te se fa o vol far el sangue come marmellata...:lol: ), saria per condanne severe, a vita e non se ne parli più. Forse soprattutto per i atleti più giovani con molti anni de agonismo ancora davanti, podessi iutar ad aumentar l'effetto deterrente.

Xe finì là però. Xe un sportivo che la ga fatta fora dal vaso e che adesso la pagherà sazia anche nella vita extrasportiva essendo un carabiniere e dubitando che l'arma gradisca...

Ma soprattutto senza ipocrisie xe uno dei tanti...uno dei tanti atleti che decidi de correr sul filo...su quel lembo de confin tra lecito ed illecito, spesso superandolo anche magari, in alcune circostanze anche abbastanza palesemente, in questa corsa tra "guardie e ladri" come disi Stefano. Dove i "ladri" ga però purtroppo per lo sport, spesso vantaggi importanti, in quanto la ricerca e sperimentazion de certi medici (con magari alle spalle qualche farmo-mafia a finanziarli...?!? :rolleyes: ) xe quasi sempre un po' più avanti rispetto all'anti, che de conseguenza xe in ritardo ed in difficoltà per poder produrr prove.

Per no parlar delle connivenze de molti ambienti ed anche federazioni stesse in giro per tutto el mondo intendo, non solo circoscrivendo all'italia.

Le gogne mediatiche quindi, come quasi sempre, a mi me da el voltastomigo e spero che Schwarzer 'desso no paghi per tutti e no diventi el gran lup mann figl di etc etc de Londra 2012 e dunque l'ennesima vittima de ipocrisie varie e de questo insano e crescente desiderio de sfogo delle persone. Che spesso come vedi uno a terra el più delle volte ghe tira ancora un altro piadon in bocca...

Edited by chompo
Link to comment
Share on other sites

LA FANTASTORIA DI ALEX SCHWAZER

Il giovane marciatore aveva raggiunto l'apice della gloria, ora non ne poteva più, di allenamenti, di gare, di risultati, aveva provato a mollare abbandonando una gara ma gli altri gli stavano addosso, non lo mollavano, la gloria riflessa era troppo importante.

Adesso vi frego io, pensò, e decise di andare dal dott. Ferrari, noto dopatore di atleti, si fece dare la provetta di un positivo all'EPO e aspettò...

Sapeva che per il solo fatto di essere andato da quel medico gli avrebbero messo gli occhi addosso, ed infatti, un giorno suonò il campanello e si presentarono gli emissari del Savonarola Donati. E' fatta, si disse tra sè, sono LIBERO!!!!!!

Link to comment
Share on other sites

Aldila' della frequentazione del medico Ferrari(inibito,per Pozzato si,per gli altri atleti ni,si,boh..zampino del coni anche in questo?), la storia raccontanta in tv da Alex in conferenza stampa,presenta un grosso buco..

lui ha detto che mai si era dopato fina ad ora, e che lo ha fatto sentendo il bisogno di andare forte dopo un periodo buio.aggiuge di aver comperato l'Epo in una farmacia in Turchia(me lo vedo andare in Turchia dal farmacista a chiedere l'Epo)e di essersi fatto la prima iniezione dopo il primo controllo,avvenuto il 13 luglio scorso..

dunque a luglio doveva provenire da un periodo lungo non proprio brillante..

pero'...pero'...in marzo fece una grande perfomance, stabilendo il record stagionale sui 20 km..sesto assoluto della storia..

mi chiedo, possibile che sentisse il bisogno di doparsi dopo che la stagione era iniziata con il botto?

rispetto i suoi sensi di colpa..rispetto pure le sue lacrime..

ma e' ovvia che voglia tutelare i suoi trionfi antecedenti al fattaccio. ed e' altrettanto pacifico,secondo me, che voglia coprire qualcuno..

Link to comment
Share on other sites

comunque meio de Ferrari,ciamado nell'ambiente testarossa, xe stado Fuentes..

ga fatto rivar tale Gutierrez Cataluna,chiamato el bufalo,secondo al Giro del 2006,ga fatto andar forte Basso a cronometro,ga rivado far andar el REAL SOCIEDAD in Champion..

pecca' che la sua lista non xe mai venuda fora se non qualche ciclista de secondo piano.,...immagino che saria stado un terremoto immane per tutto lo sport europeo...con tanti re nudi disarcionadi da trono...soprattutto,ma non solo,in terra iberica...

Link to comment
Share on other sites

secondo me il caso di Schwazer è un caso di doping "mentale" non fisico. Non ha retto il peso della responsabilità di essere un atleta di punta. Non ha avuto il coraggio di abbandonare quando era stufo dei sacrifici e dell'ambiente, come fece per esempio Niki Lauda, per non deludere la famiglia, il Coni, gli sponsor, la morosa ecc...

Si è dopato non per vincere, ma per farsi beccare e "liberarsi" della marcia.

Link to comment
Share on other sites

No te sol el solo ad aver recepido questo messaggio subliminale nella conferenza stampa..

pero' xe de dir che el suo nome xe nell'agenda de Roberti,pm de Padova che indaga su Ferrari e i suoi clienti..

saria ora, per dar una ripulida completa o quasi, a tanti settori del nostro sport, che questa lista vegni alla luce..non che vien fora che el iera za nel mirin quando i lo za pizziga' l'antidoping..

ma temo che sia una lista molto scottante..e che fara' la fine de quella de Fuentes...un mito per riempir le pagine de qualche forum..

Link to comment
Share on other sites

Ieri sera go tirado le 01 e passa, vardando su raisport la replica integrale della conferenza stampa che el gaveva fatto all'ora de pranzo.

Sicuramente qualche ombra e qualche buchetto nero (uno dei tanti ma forse anche uno su tutti ma perchè l'epo...?) ghe xe, ma complessivamente la go trovada davvero ricca de spunti interessanti e soprattutto molto diversa che non veder frasi estrapolade qua e là. El xe stado anche criticado perchè secondo alcuni el doveva evitar questo eccesso de autoflagellazion, per mi invece el ga fatto benissimo!

Quasi tutto piuttosto chiaro ascoltandolo per tutti quei 50 o 55 min. Non da ultima la bordata alla (ridicola) federazion, anche se con minima animosità e su cui, come su altre situazioni no el ga voludo disquisir, dato che el disi che ghe interessa solo voltar e chiuder definitivamente la pagina della marcia agonistica.

Un omo in palesi difficoltà e che ga fatto una super cagada, per cui xe giusto che el paghi quel che ghe spetta. Dopo di che ghe auguro de poder ritrovar o trovar...un equilibrio.

Edited by chompo
Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...