Jump to content

Esperienze in bici


Recommended Posts

Premessa:

Io scelgo quasi sempre percorsi per strada...

Mio punto di partenza è casa mia, vicin le Torri...

Son andato a spulciare il mio database e le cose migliori le ho fatte nell'estate del 2004 con ben 530 km finali...

Percorsi preferiti 2:uno che considero di "allenamento" e uno di "fatica" .. in realtà il primo consiste in pochi km ,ma ripidi..il secondo molti + km,ma non tanti ostacoli! :D

Meta preferita dei miei giri piccoli è raggiungere il Ferdinandeo,zona villa Revoltella... evito ogni galleria possibile, quindi mi faccio le salitine per arrivare in largo Pestalozzi e da lì mi calo giù in p.Foraggi...poi Ippodromo..via Revoltella e inizia la salita..su per via S.Pasquale fin Ferdinandeo.

Da lì le varianti son molteplici. o torno indietro, o mi calo giù per il Boschetto,raggiungo via Giulia e poi torno a casa facendo le Rive o proseguo per Cattinara e torno a casa per strada di Fiume

Son circa percorsi tra i 16 e i 19 km...

Continuo dopo :bye:

Link to comment
Share on other sites

Continuo coi percorsi + lunghetti....

Il preferito e + ripetuto consiste nel raggiungere p.Oberdan, caricare la bici sul tram e partire da Opicina in direzione Sistiana via Prosecco...

Solitamente torno indietro per la Costiera, poi Rive e casa per circa 48.5 km

Una unica volta ho proseguito e son arrivato fin Monfalcone facendo 70 km circa

Le + grandi soddisfazioni le ho avute quando:

- ho raggiunto Opicina senza tram, passando per Ferdinandeo e poi su Padriciano, Trebiciano e continuando avanti fin Sistiana e poi verso casa.. 60 km circa , grande fatica,ma tantissima soddisfazione!

- dal Ferdinandeo abbiamo proseguito, ci siam calati giù per la strada che porta a San Dorligo fin quando siam giunti sulla ciclabile..da lì abbiam fatto la strada praticamente fino il confine e abbiam raggiunto Basovizza..circa 47 km,ma anche qua discreta fatica

- ho scalato il mio primo passo dolomitico..anche se è il minuscolo Campolongo, ero contentissimo di avercela fatta!

Ora tocca a voi... :D

Link to comment
Share on other sites

Anche io sono appassionatissima di bici, bici da corsa...i giretti che faccio di solito sono sull'altipiano, perchè preferisco quella zona a Barcola o alla Costiera... i giri che faccio di solito sono:

-Salita di Opicina e da là diverse varianti: o vado fino Prosecco e scendo per strada del Friuli (circa 35 km totali), o vado fin Sgonico per allungare, o fino a Monte Grisa, oppure, come ho fatto l'ultima volta, vado per Rupingrande, Zolla, torno Opicina, Padriciano, Gropada, Basovizza, e casa (ossia San Giusto) per una 50ina di km totali, ma massacranti alquanto.

-Salita di Prosecco e da là verso Opicina, Basovizza, a seconda del tempo che ho che non è mai molto purtroppo.

-Un'unica volta ho sconfinato in Slovenia da Samatorza, fino Komen...bellissimo giretto, si prende anche tanto sole!

-Alcune volte mi lancio per la salita del Boschetto fino via Revoltella, ma lo faccio solo quando ho poco tempo, e mi piace cronometrare il tempo di salita, tutto qua.

Giuli, il Campolongo è meraviglioso, anche io voglio farlo quest'anno! Qualche passetto lo farò sicuramente. Magari qualche volta ci siamo visti in giro...io ho sempre la divisa del sito Cicloweb bianca-rossa-blu e gialla e una vecchia bici Zanella rossa.

Se non sei una specie di mostro potremmo anche fare qualche giretto insieme io vado piano! Ciao!

Link to comment
Share on other sites

Complimenti per i tuoi percorsi :clapclap: ...niente male! :piacere:

Io al momento sono al minimo storico di forma (parlo di bici) e penso che difficilmente farei tanta strada :D

Andare in bici richiede un allenamento costante e al momento ho abbastanza latitato :caregaintesta:

Comunque mi sono messo in testa che mi riprenderò a breve e con una buona preparazione la prox primavera spero di essere al top :piria: e ..prenderò la mia prima bici da corsa :DDDD:DDDD:DDDD

Che bel! :ehsi:

Link to comment
Share on other sites

Oh che bel...se parla de bici! Alora. Contemo che go 16 anni e no fazo percorsi sai lunghi,però abitando sul altipiano go una vasta scelta.

El mio preferì xe: Partenza da Duino fin Sistiana poi passo per Malchina e Ceroglie, Vado verso Campo sacro, là fazo inversion e nela discesa fin sistiana vedo cossa xe rimasto de mi. Se me sento ben vado a Sistiana Mare e risalgo e se fa un caldo porco torno a Duin, sennò vado su per Medeazza.

Un altra stada che adoro xe el Vallon che porta verso Gorizia.

Anche mi sempre parlo de bici da strada,essendo anche apasionado delo sport in question. :rolleyes:

Comunque complimenti a Giuli e Frencie (che tralaltro xe el mio idolo quando parla de Pantani,el mio campion preferito).

Link to comment
Share on other sites

Quando iero più in forma, ciapavo la bici e partivo più o meno dalla stazion. Me fazevo Viale Miramare fin al semaforo de Barcola, là giravo a destra per quela stradina che se inerpica fin a Strada del Friuli. Me la fazevo tutta fin Prosecco, là giravo a destra verso Borgo S.Nazario e avanti de là fin a rivar in statale. E dopo avanti Opicina, Trieste-Opicina e zo per via Commerciale fin casa mia :D

Ah, bei tempi...meno panza e meno cicche :sighsob::p

Link to comment
Share on other sites

boh comincio con la MTB (proprio nisun apasionado, qua? :D)

Alora, un gireto bon per scaldarse xe partir dala ceseta de Pesek, far fin in zima del m.te Cocusso, girar a dx verso Grozana, dopo de novo verso Pesek. Curto, ma bastanza appagante.

Dopo, zona poco conosuda (parechio asfalto, per andar su) xe la "traversata muggesana"

cmq, partindo da San Rocco me piasi andar su fin Ciampore, dopo zo per sentieri (grembani sai divertenti :D) fin là del molo a G, dopo, poco prima de Lazareto, girar su, sempre seguindo i cartei, tornar a ciampore > muja vecia > muja > Santa Barbara(dala strada dal confin), altro cartel da seguir a dx, se riva fin a Rabuiese (sai divertente anca qua la discesa), da dove se pol tornar tranquilamente a S. Rocco. Bastanza longa ma apagante (de no far in estate :D)

Dopo, go scoperto da poco un sentier che parti da Pesek, a dx del hotel, e va zo fin ala ferovia che porta a Draga. Xe IPER-TECNICO ma veramente bel...!

A questi ghe zonto le scalade del Taian, da qualsiasi parte se le fazi le xe sempre divertenti :D

Chicca: zona da scoprir xe el "altipian de San Servolo", bel per gireti no tropo impegnativi.. da Kozina direzion Capodistria (statale) se gra a dx per Klanec, in paese se postegia e, in bici, se segui verso Beka o Ocizla. Xe sentieri come in tondo su sto bel altipian, no esendoghe foreste xe dificile perder l'orientamento. andando avanti dopo sti paesi (su un sterado sai ben tignudo) se riva a San Servolo, dove che la vista sul golfo e sule baie de Capodistria e Muja xe veramente sai bela.

pel momento, questo xe quanto, spero de eser stado utile :)

------

Mi, piutosto, zerco informazioni su un posibile gireto in Istria, qualchidun ga mai fato? :)

Link to comment
Share on other sites

Mi no, però so che i stava predisponendo un giro usufruindo dela linea dela Parenzana. Pena trovo qualcossa lo posto.

El Cocusso lo go fato partindo da Basovizza, xe circa 15/16 km con un 300 metri de dislivel, un'ora e mezza circa. Atenzion che in Slovenia no se pol andar in mtb sui sentieri, al confin la guardia me ga fato una ramanzina (in sloven che go capì una cippa) perchè la forestale che se ciapa tornando zo iera bagnada e son rivà coverto de fango sula schena...

Altro bel giro facile xe sul altipian de Kostanjevica, partindo da Opatje Selo, circa 22 km, 250 m de dislivel, 1 ora e tre quarti.

E tanti altri te li trovi sui libri de Alce (Fabio Fabris): "Carso isontino, triestino e sloveno", "Alpi Giulie orientali e Carso" e "Carso senza confini", Ediciclo.

Link to comment
Share on other sites

Go visto solo oggi questa discussion e come save tutti la bici de corsa xe la mia passion, sopratutto adesso che son pensionado e che go più tempo.Anche stamattina iero a far un giretto, e son tornado a casa copà dal caldo più che dalla fadiga. Ecco el giretto.ciamado dal Gruppo CiclistiKofe Giro della 14.San Giacomo,Costiera,Sistiana,Cartiera ,prima de Monfalcon girar a destra verso el Vallon de Gorizia dove se riva dopo aver girado sotto el ponte dell'Autostrada. Se scendi fin ai Lupi e se torna San Giacomo. Km oltre 60.Facile perchè senza salite.

Atro giro:San Giacomo,Costiera,Sistiana,Malchina,PreceniccoTernova, Sales,Sgonico,Rupinpicolo,Monrupino,Opicina,Banne,Trebiciano,Padriciano, Basovizza e San Giacomo.Km.64.Media difficoltà, dipendi molto dalla media che se tien.La prossima volta altre belle e facili gite. :vino::vino:

Link to comment
Share on other sites

2a puntata. Adesso comincemo con le robette un poco più serie. Allenamento pre Dolomiti: SanGiacomo,Lazzaretto, salita a Ciampore, parte campeggio ,molto dura (solo per chi ga allenamento) scendere dalla parte di Porto San Rocco,Muggia, salita verso Santa Barbara. Dopo la discesa portarsi a Bagnoli e salire verso Moccò ,San Giuseppe per raggiungere il bivio che va verso Basovizza.Il resto a discrezione ,se gave ancora gambe podè andar a Basovizza altrimenti scende verso Trieste.

La variante a questo giro xe de ciapar Ciampore da Porto San Rocco , meno fadigosa, scender al Lazzaretto andar a san Dorligo e farse Prebenico (Difficile), dopo andar a Bagnoli e idem come sopra. Se ve piasi continuo altrimenti... :bye::bye::vino::vino:

Link to comment
Share on other sites

  • 4 weeks later...

visto che el mio amico diego ve ga da dei percorsi ,volevo darve qualche percorso anche mi. solo che mi me piasi la salita al contrario de diego,se bellissimi percorsi in SLOVENIA per esempio Stiak ,la salita de predmeia verso aidussina ,la salita de Masun verso Knezak ,se ve interessa ve daro tante altre . bona fadiga .

Link to comment
Share on other sites

visto che el mio amico diego ve ga da dei percorsi ,volevo darve qualche percorso anche mi. solo che mi me piasi la salita al contrario de diego,se bellissimi percorsi in SLOVENIA per esempio Stiak ,la salita de predmeia verso aidussina ,la salita de Masun verso Knezak ,se ve interessa ve daro tante altre . bona fadiga .

Metti pure che son curioso :p

Sinceramente conosco poco la Slovenia, ma fa piacere leggere nuovi percorsi :ehsi:

Link to comment
Share on other sites

ve metto ancora qualche bel percorso,la salita de prebenico fino al castel de socerb (san servolo),la salita de BArca dopo le grotte de s. canzian, Lokue a nova goriza con la variante a monte santo (sveta gora) assai difficile pendenze 25 per cento per oggi penso che basti con le salite . (continua) ciao.

Link to comment
Share on other sites

Mi ve confesso che se go de ndar via de la città co la bici preferisso strade poco trafficade o nel verde. 'ndando po' in mountainbike, de solito me trovè su per la ciclabile de la val Rosandra da Campanelle fin a Draga S. Elia.

a Draga di solito xe l'arduo dilemma: tirar driti fin Kozina (Mahnic, per intenderse :piria:) o pur ndar su per asfalto a Basovizza...

de Basovizza de solito giro verso Gropada (asfalto oppur passando per la Slovenia) e me calo zo a Trebiciano per un sentierin. A quel punto de solito fa scuro, perché vado finì de lavorar, e torno casa... :pianto:

30 km circa in media... se qualchidun vol aggregarse fazi un fis'cio...

Link to comment
Share on other sites

Guardè che el Picio xe Kofe, se doveria andar drio de lui su 60 Km dovesimo far 50 de salita, el xe fora come un pergolo.Vegni con mi che no patire tanto, stamattina gofatto: S.Giacomo-Salita Boschetto - Basovizza-Monrupino-Zolla-Strappo Sagrado-e tutti i paesi ,Costiera e S.Giacomo. Tutto questo con un ritmo de omini normali, capito Picio ,eheheheh :vintoo::vino::vino:

Link to comment
Share on other sites

beh, dai ma le salite xe bellissime...

... solo perché al ritorno xe discese :p

Effettivamente el saver che te son riva in cima te da grande gioia e soddisfazion.El problema xe che xe sempre prima le salite, e sopratutto che tipo de salite.Ho visto e provato cose che voi uomini non vedrete e proverete mai .Frase sicuramente fatta per el Sottoscritto, visto e considerado che rivo in cima Stravolto xe dir poco e anche vedo la Madonna e vari Crocifissi, senza contar i granfi bestiali, roba de pianser.Sempre tutto grazie al fanatismo del Salitomane citado sora :baston::baston::vino::vino:

Link to comment
Share on other sites

el salitomane ve consiglia qualche altro bel percorso ,Branik verso Komeno con la veduta de un bellissimo castel ,monte s. michele sul vallon de gorizia,e andando un poco piu lontan,el passo Vrsic dopo Bovec nella splendida val di trenta,passo Predil con deviazion salita al mangart splendida .volevo darghe un consiglio al mio amico Diego meno biceri epiu pedalar. (continua)

Link to comment
Share on other sites

  • 10 months later...

Sul sito Promotrieste.it ho trovato segnalato + di qualche èpercorso ciclo.turistico...

(1)Bike tour "Dal Carso al Mare"

La Flora del Carso e la Riserva di Miramare

Itinerario panoramico, in buona parte affacciato sul mare, che permette di conoscere la varietà degli ambienti naturalistici che contraddistinguono la natura ed il clima della provincia: il Carso, con flora e fauna di tipo continentale, il crinale carsico, rivestito dalla caratteristica flora mediterranea ed infine il mare. Si possono visitare inoltre il famoso Castello di Miramare (tel. 040 22 41 43 - foto), il suo Parco, il Parco Tropicale (tel. 040/224406) e la Riserva Marina, oasi blu del WWF.

Descrizione del tour:

Partenza da Piazza Oberdan con il tram per Opicina (foto), fermata a Campo Romano. L'itinerario inizia lungo la ex-SS. n. 202, in direzione Udine. Poco dopo, una stradina asfaltata nel bosco porta alla moderna costruzione del Santuario di Monte Grisa, meta di pellegrinaggi mariani. Si prosegue per Prosecco e ci si inoltra su uno sterrato verso Santa Croce, tipico paesino carsico con le sue strette stradine e le case con il tetto di pietra. Una breve e forte discesa fa imboccare Via del Pucino, strada panoramica in fregio al mare, il cui nome è dovuto al famoso vino che qui si produceva in epoca romana. Alla fine della lunga via, sempre in leggera discesa, si arriva al limite del Parco di Miramare. Bici alla mano si attraversa il rigoglioso giardino ricolmo di fiori pregiati e di essenze arboree esotiche, fino a giungere al Castello. Al Castelletto è possibile visitare il Centro del WWF e prenotare anche un'entusiasmante escursione subacquea. Lungo la ciclopista che corre sulla riviera di Barcola, meta delle estati al mare di tanti triestini, si ritorna al punto di partenza.

Caratteristiche del percorso:

durata 3 ore - km. 26 - qualche saliscendi - una breve discesa pendente a S. Croce, circa 5 km di sterrato a volte ciottoloso - percorribile con ountain-Bike o City-Bike

--------------------------------------------

(2) Bike tour "La Grande Guerra"

Luoghi delle Grandi Battaglie

Per gli amanti della MTB, questo itinerario unisce il desiderio di immergersi nella silente ed affascinate natura carsica e la voglia di riscoprire i luoghi teatro delle grandi battaglie della Prima Guerra Mondiale.

Sulla cima e sulle pendici del Monte Ermada, caposaldo austro-ungarico a difesa di Trieste, vi sono molti resti di postazioni e grotte fortificate, che raccontano ancora oggi l'asprezza di quei giorni.

Descrizione del tour: Partenza con il treno e bici al seguito dalla Stazione FS di Trieste fino a Visogliano. Da qui, pedalando in leggera salita, si arriva a Ceroglie e lungo la vecchia strada militare si raggiungono le pendici del Monte Ermada. Prima del confine di Stato si devia per il sentiero CAI n. 3 e lo si percorre fino a ricongiungersi con la strada militare, poco prima di Medeazza. Lungo questo sentiero sono visibili evidenti tracce di trincee e ricoveri, mentre le grotte fortificate sono sparse nelle vicinanze, un po' nascoste dalla vegetazione. Da Medeazza si discende a S. Giovanni, alle bocche del misterioso fiume sotterraneo Timavo. Si prosegue per Duino, dominata dal castello. L'ultimo tratto del tragitto si percorre lungo l'unica via transitabile in questa zona, la SS. 14, fino a Sistiana. Qui si può fare una bella passeggiata a piedi sul famoso sentiero Rilke,(foto) con splendida veduta del Golfo di Trieste. Si rientra infine a Visogliano per attendere il treno che riconduce a Trieste.

Caratteristiche del percorso:

durata 2 ore - km. 15 - percorso per un terzo in salita, quasi interamente su sterrato o sentiero, a tratti impegnativo. Fondo sconnesso e sassoso – percorribile solo con Mountain-Bike

Edited by giuli
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...