Jump to content

Triestina - Montebelluna | Domenica 9° Febbraio, ore 14.30 | Prima, durante e dopo


Recommended Posts

  • Replies 137
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Ultima partita dei nostri avversari:

CALCIO MONTEBELLUNA-VITTORIO FALMEC 2-1

MARCATORI: 8' De March, 17' Garbuio, 12'st De Martin

CALCIO MONTEBELLUNA: Rigo, Bressan, Frassetto, Perosin, De March, Severgnini, Bonetto, Nicoletti, Zanetti, Garbuio (27'st Bedin), Ogunseye. A disp.: Baù, Prosdocimi, Fabbian, Lazzari, Beghetto, Masiero, Ganeo. All. Pasa

VITTORIO FALMEC: Tonon, D'Arsiè (9'st Zanardo), Dal Bianco, Martini, Gaiotti, Marson, Posocco (9' st Granati), Cervesato, De Martin, Scarabel, Dassiè (30'st Balazs). A disp.: D'Antimo, Villotta, Lavina, Maiutto, tamba, Bance. All. Della Bella

ARBITRO: Davide Capelli da Bergamo. Assistenti: Andrea Selva da Portogruaro e Emanuele Lena da Portogruaro.

NOTE: ammoniti: Bressan, Ogunseye, Bedin, Tonon, Granati. Espulsi: Bedin al 39' st per doppia ammonizione e allontanato dalla panchina il mister del Vittorio Falmec, Della Bella. Rigore di Severgnini parato. Rec. pt 1'; st 4'.

Edited by guiz
Link to comment
Share on other sites

Il Calcio Montebelluna 1919 si aggiudica consecutivamente il suo secondo derby: la scorsa settimana era ai danni del Giorgione, questa volta giocando in casa contro il Vittorio Falmec.
Ad andare in vantaggio è proprio la squadra di casa guidata da mister Pasa, con una tiro su punizione di De March che all' 8' dai 20 metri si crea un varco tra la barriera schierata in difesa e sorprende l'estremo difensore Tonon. Al 18' Il Montebelluna allunga con Bonetto che serve un assist per Garbuio che infila in rete la palla del 2 a 0. I biancocelesti continuano a non mollare, ma sfortunati sia Zanetti che Bonetto non riescono a concludere positivamente le loro azioni. Il Vittorio Falmec dal canto suo spreca clamorosamente una palla gol servita a De Martin che al 27' calcia molto alto sopra la traversa non approfittando della porta sguarnita. Il Monte cerca di rispondere, ma Zanetti Garbuio e il nuovo arrivato Ogunseye non finalizzano.
Nella ripresa la formazione ospite sembra scendere in campo più aggressiva ed è bravo Rigo a rispondere prontamente a un potenta tiro di cervesato. All'11' De Martin accorcia le distante siglando la rete del 2 a 1. La situazione sembra ribaltarsi, ancora di più quando al 18' Tonon non si fa trovare impreparato quando Severgnini tira dal dischetto. Il derby si fa sempre più caldo, anche la panchina del Vittorio si fa bollente e al 31' Della Bella viene allontanato. Al 39' la squadra capitanata da Perosin rimane in 10 per la doppia ammonizione presa da Bedin che era entrato al 27' pre sostituire Garbuio. Il Vittorio negli ultimi minuti si gioca il tutto per tutto, ma il Montebelluna stringe i denti e difende il risultato, aggiudicandosi altri 3 punti importanti.
Il prossimo match sarà in trasferta, il 9 febbraio contro la Triestina.

Edited by guiz
Link to comment
Share on other sites

Storia del Montebelluna

Fondata nel 1919 come US Montebellunese e poi diventata AC Montebelluna, partecipa per i primi trent’anni della propria vita solo a campionati regionali e tornei locali con risultati apprezzabili, ma non all’altezza del nome della città. Solo nell’immediato dopoguerra arrivano i primi risultati postivi anche se sempre in campionati minori. L’inizio della rinascita del Montebelluna avvenne nella stagione 1968-69, allorché la squadra vinse il Girone C di Prima Categoria Veneta, venendo promossa in Serie D. Il debutto tra i semiprofessionisti (infatti la Serie D all’epoca era semiprofessionistica e solo dal 1981 è gestito dalla Lega Nazionale Dilettanti) fu alquanto amaro per la squadra veneta: chiudendo 16ª nel Girone C di Serie D, retrocede in Promozione Veneta. Il ritorno nei campionati regionali dilettantistici durò solo una stagione: vincendo il Girone B di Promozione Veneta, venne promossa in Serie D. La stagione 1970-71 è da ricordare non solo per il ritorno tra i Semiprofessionisti, ma soprattutto per la vittoria della Coppa Italia Dilettanti e la partecipazione alla Coppa Ottorino Barassi del 1971 e di arrivare in Finale. Per un decennio in Serie D, il Montebelluna ottenne buoni risultati, fino alla stagione 1980, quando viene promossa in Serie C2. Nella stagione 1980-81 il Montebelluna debutta dunque nel campionato semiprofessionistico di Serie C2 (attuale Seconda Divisione). Tra alti e bassi vi rimane fino alla stagione 1986-87 quando, pur salvandosi sul campo, nell’estate rinuncia all’iscrizione per la stagione successiva per favorire il ripescaggio dell’Alessandria, a cui aveva ceduto i diritti. Per i seguenti quindici anni il Montebelluna ottenne risultati altalenanti, ma inferiori alle aspettative. A salvarla dall’onta della retrocessione addirittura in Seconda Categoria (penultimo livello del calcio italiano) avvenne però la fusione con l’US Monte, 16º in Eccellenza Veneto, che diventa così Montebelluna Calcio. Grazie alla fusione e all’ottenimento del titolo sportivo dell’US Monte, il Montebelluna non disputa la stagione 2001-02 in Seconda Categoria Veneta bensì in Promozione Veneta: la società ritorna finalmente competitiva e, classificandosi 1º nel Girone B di Promozione Veneto, ritorna in Eccellenza. Dopo una stagione di transizione (8ª nel Girone B di Eccellenza Veneto), nella stagione 2003-04, vincendo il Girone B di Eccellenza Veneto, ritorna meritatamente in Serie D. Finalmente ritornata competitiva, la società veneta al ritorno in D si classifica 5ª nel Girone C di Serie D, venendo ammessa ai playoff dove passa il 1º turno, ma si ferma al 2º turno. Nelle due stagioni successive ottiene due decimi posti consecutivi nel Girone C di Serie D, riuscendo nell’impresa di raggiungere, nella stagione 2007-08, le semifinali di Coppa Italia Serie D, che perde contro il Como. Proprio grazie al terzo posto ottenuto nell’ultima Coppa Italia di categoria, il Montebelluna viene ammesso a disputare la Coppa Italia Lega Pro 2008-09 insieme alle squadre di Prima Divisione e Seconda Divisione per meriti sportivi: concluse il Girone E al terzo posto, dietro all’Itala San Marco e al Venezia, ma davanti a Rovigo (che gioca in Seconda Divisione) e Sacilese (che pur giocando in Serie D ha ambizioni di promozione tra i professionisti). In Coppa Italia Serie D viene eliminata invece subito al 2º turno dal Girone I arrivando 3ª (e ultima) dietro ad Eurotezze e Calcio Belluno. In campionato tre vittorie consecutive (di cui 2 in trasferta) illudono il Montebelluna di poter vincere il campionato e ritornare nel calcio professionistico, ma un forte calo di rendimento porta la squadra addirittura a lottare per la salvezza e a poco servirà il cambio della guida tecnica con l’ingaggio di Angelo Colombo, ex centrocampista del Milan ed ex responsabile del settore giovanile rossonero, al posto di Gianfranco Borgato: la squadra manca di un soffio la retrocessione, salvandosi solo ai Playout sconfiggendo il Somma. Dopo due campionati di transizione, nella stagione 2011-12 il Montebelluna si classifica 4ª nel girone C di Serie D. Nell’estate 2012, con l’ingresso del nuovo appassionato Presidente Marzio Brombal e del nuovo direttivo, la squadra si è notevolmente rafforzata, pronta per ritornare ai fasti del passato.

Link to comment
Share on other sites

Dal Piccolo di oggi apprendo che i nostri virgulti si sono meritati 3 giorni di riposo, cioè torneranno ad allenarsi solo martedì prossimo…naturalmente la maggioranza delle altre squadre saranno impegnate in amichevoli per non perdere il ritmo e provare altre soluzioni tattiche, a noi non serve evidentemente, siamo perfetti così… ma del resto cosa possiamo aspettarci da Rossitto, l'uomo del "Venerdi libero"…

Link to comment
Share on other sites

Dal Piccolo di oggi apprendo che i nostri virgulti si sono meritati 3 giorni di riposo, cioè torneranno ad allenarsi solo martedì prossimonaturalmente la maggioranza delle altre squadre saranno impegnate in amichevoli per non perdere il ritmo e provare altre soluzioni tattiche, a noi non serve evidentemente, siamo perfetti così ma del resto cosa possiamo aspettarci da Rossitto, l'uomo del "Venerdi libero"

Forse rossitto si è reso conto che da questa squadra può ottenere poco........tanto vale cercare di non mettere troppa pressione. Siamo deboli ma se giocano rilassati forse con un po' di fortuna godeas risolve l ennesima situazione scomoda. Rossitto non ha colpe anche se molti vogliono il suo scalpo da capro espiatorio. Le colpe sono di chi ha assemblato questo pseudo progettino ridicolo e chi lo ha finanziato non so francamente cosa avesse bevuto quando si è fatto il business plan . Che fine ha fatto piscopino? Se fossi in suo Papá non lo farei rientrare anche se dovesse essere pronto......pena sporcarsi il curriculum oltre che le recidive.... Bah

Edited by andreis
Link to comment
Share on other sites

Il compito di un allenatore è di preparare una squadra al meglio delle proprie possibilità, stare fermi 3 giorni può portare solo ad un aumento delle tossine nei muscoli, infatti nessuna altra squadra lo fa, come nessuna altra squadra si ferma al venerdì… Rossitto non avrà allestito la squadra ma di errori sia per la preparazione, sia tatticamente, sia di scelte ne sta facendo tantissimi, altro che non ha colpe…

Link to comment
Share on other sites

Il compito di un allenatore è di preparare una squadra al meglio delle proprie possibilità, stare fermi 3 giorni può portare solo ad un aumento delle tossine nei muscoli, infatti nessuna altra squadra lo fa, come nessuna altra squadra si ferma al venerdì Rossitto non avrà allestito la squadra ma di errori sia per la preparazione, sia tatticamente, sia di scelte ne sta facendo tantissimi, altro che non ha colpe

Ci tratta come dilettanti perchè questo siamo e siamo anche privi di talento che può risolvere le situazioni anche senza allenamento. Oppure rossitto sa giá che a fine stagione deve andarsene e quindi se ne stra frega. La barca fa acqua da tutte le parti. Siamo appesi al c.ulo e alle giocate solitarie di un solo giocatore. Mai così in basso secondo me........ma passerá ........è statisticamente certo....tra uno o due anni ma passerá

Edited by andreis
Link to comment
Share on other sites

e a dirla tutta il primo allenatore non aveva questa squadra a disposizione; non aveva Wagner, Sessolo (a parte una partita) oltre ovviamente a Bussi, Depetris e Burato e si è anche dovuto gestire l'equivoco Taddeucci - Godeas. avrà i suoi difetti ma ritengo Costantini migliore di Rossitto e anche di un bel po'.

Link to comment
Share on other sites

e a dirla tutta il primo allenatore non aveva questa squadra a disposizione; non aveva Wagner, Sessolo (a parte una partita) oltre ovviamente a Bussi, Depetris e Burato e si è anche dovuto gestire l'equivoco Taddeucci - Godeas. avrà i suoi difetti ma ritengo Costantini migliore di Rossitto e anche di un bel po'.

Wagner lo aveva non aveva Nakim e Cadorin, ma comunque è probabile che Costantini sia meglio di questo che l'unica cosa che sembra inculcare ai giocatori è di essere aggressivi a centrocampo… entrambi mediocri però…

Link to comment
Share on other sites

Se il prossimo anno ci sará il repulisti generale sono pochi i giocatori da salvare. Altro che terzo o quarto posto ...play out da evitare perchè se lo centriamo con quel clima di spogliatoio fatto da mercenari dilettanti e la maledizione del rocco andiamo giù come balini

Edited by andreis
Link to comment
Share on other sites

In certe situazioni l ottimismo a tutti i costi è solo un pretesto per non voler vedere le cose come stanno veramente. Forse è giusto così.

Mah… mi go visto tutte le squadre sto anno, alcune anche 2 volte, e presi singolarmente non xe squadra che ga la nostra rosa, tolte le prime 2, se xe dimme quali e perché…Che poi i nomi non fa una squadra xe vero ma questo spesso dipendi dall'allenatore…

Link to comment
Share on other sites

Mah.......ti dico solo che per me abbiamo un centrocampo imbarazzante e che reputo wagner lento e senza idee. Non abbiamo qualitá in mezzo. La rosa è assemblata male. Non abbiamo soluzioni offensive oltre a godeas che se si fa male ci lascia nella ....... La difesa è lenta e senza autorevolezza .....manca un libero classico......giochiamo con due stopper spazzatori alla vecchia maniera.....i terzini sono di almeno una categoria in meno ....con una percentuale di errori gravi sempre alta in ogni partita. Sulle fasce c è solo bussi . In porta del Mestre ha limiti tecnici. Bravo tra i pali ma scarso nelle uscite e nei rinvii.

Edited by andreis
Link to comment
Share on other sites

Mah.......ti dico solo che per me abbiamo un centrocampo imbarazzante e che reputo wagner lento e senza idee. Non abbiamo qualitá in mezzo. La rosa è assemblata male. Non abbiamo soluzioni offensive oltre a godeas che se si fa male ci lascia nella ....... La difesa è lenta e senza autorevolezza .....manca un libero classico......giochiamo con due stopper spazzatori alla vecchia maniera.....i terzini sono di almeno una categoria in meno ....con una percentuale di errori gravi sempre alta in ogni partita. Sulle fasce c è solo bussi . In porta del Mestre ha limiti tecnici. Bravo tra i pali ma scarso nelle uscite e nei rinvii.

Le altre invece? Tutti campioni? Semo in serie D, eh…

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×