Jump to content

I suntini sandrini di martedì 9 ottobre 2018


Recommended Posts

MARTEDI' 9 OTTOBRE 2018

- Intervista quest'oggi sul quotidiano locale ad Andrea Procaccio, uno dei volti nuovi della Triestina ma anche una delle sorprese più positive degli alabardati in questo avvio di stagione: «Sapevo già che il salto di categoria sarebbe stato duro, lo vedevo negli allenamenti che c'era una differenza di qualità e di intensità. Mi sono detto: mi metto a disposizione e quando avrò la possibilità di giocare cercherò di dare il massimo. Sono contento, perché entrare e poi vincere la partita fa sempre piacere, e poi esultare sotto la curva è davvero emozionante. Sono contento che il mister mi fa giocare, e quando mi butta dentro io dò tutto. E sono felice di aver fatto segnare Granoche, sapendo quanto lui è importante per la Triestina. Poi lui ha cercato di contraccambiare il favore, purtroppo non ci ho creduto molto perché quando l'ho visto lanciato mi sono detto che andrà in porta. Comunque mi ha abbracciato e ringraziato». 

- Sul lato del basket, si torna a parlare della sconfitta di misura dell'Alma contro la Virtus. Così Dalmasson: "La squadra è stata bravissima ad interpretare i secondi venti minuti, abbiamo costruito una partita di grande qualità nella ripresa, considerando anche le difficoltà dettate dagli infortuni. Siamo delusi della sconfitta ma dobbiamo considerare che nell'economia della partita ci sono mancati i giocatori più esperti del campionato come Hrvoje Peric e Chris Wright. Abbiamo gestito alcuni palloni con poca accortezza nei momenti chiave ma sono molto più le cose positive che sono emerse in questo confronto rispetto a quelle negative. Abbiamo provato Mosley da "4" e direi che ha risposto molto bene, abbiamo fatto altri esperimenti che erano figli della contingenza, ribadisco che la sconfitta non ci rende felici ma ci mantiene ottimisti". 
Queste invece le parole di Sacripanti, coach della Segafredo: "Vorrei partire facendo i complimenti a Trieste, alla squadra che non ha mollato mai, dando tutto quello che aveva, ma soprattutto ad una piazza tornata grande. È una città competente, che trascina e che non nascondo sia fra le mie preferite. Non è facile vincere in questo campo caldo; porto via sprazzi di buona pallacanestro, e parlo dei primi venti minuti. Porto via la reazione sul break a favore di Trieste, l'aver finito gli ultimi sei minuti con i tre piccoli con cambi sistematici è atto di coraggio che è servito per vincere. Di negativo le superficialità in attacco e le proteste verso gli arbitri, devo capire bene cosa fare in questi momenti per evitare che si ripetano. Non credevo di essere così avanti come qualità di pallacanestro giocata"

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×