Jump to content

Boxe: esplode la rabbia azzurra


Recommended Posts

I due pugili italiani, Alfonso Pinto e Domenico Valentino, vengono sconfitti ed eliminati dalla competizione olimpica, ma l'entourage azzurro non intende accettare due verdetti che giudica vergognosi. "E' uno scandalo - dice Franco Falcinelli, presidente della Federazione pugilistica italiana - i nostri due pugili hanno subito dei furti clamorosi. Oggi qui ad Atene è morta la boxe: questi giudici e questi arbitri vanno mandati tutti a casa".

In lizza per una medaglia rimane quindi il solo Cammarelle, nei supermassimi, ma le sconfitte di Pinto e Valentino proprio non vanno giù al clan azzurro. Tutti, da Farcinelli ai tecnici Mela e Damiani, sono furibondi e si scagliano con accuse pesantissime sui giudici che avrebbe di fatto operato un'esecuzione ai danni dei pugili italiani. "Faccio appello ai membri italiani del Cio - dice Falcinelli - affinché intervengano nelle sedi opportune per far risorgere la boxe secondo le regole del vero spirito olimpico. Oggi era stato deciso a tavolino, prima degli incontri, che i nostri due pugili perdessero. Bisogna eliminare tutti questi dirigenti dell'Aiba - conclude - che stanno distruggendo la credibilità di questo sport: se continua così, il pugilato non potrà più rimanere nel programma delle Olimpiadi".

Nazzareno Mela, commissario tecnico della boxe italiana, è uscito dal quadrato urlando. Non riesce ad accettare quanto visto sul ring in occasione del match di Pinto. "L'hanno fatta scientifica - spiega - ce lo aspettavamo ma non in questo modo. Il richiamo alla seconda ripresa, quando era in netto vantaggio, è stato fatale. Lo ha costretto a cambiare tattica, lui è un difensivo-incontrista e così è stato facile metterlo in difficoltà". Ancora più pesante Francesco Damiani, tecnico dell'Italia: "Scusate ma abbiamo visto un incontro di pugilato? - tuona - Secondo voi questa è boxe o mafia o politica?". La critica degli azzurri verso il comportamento delle giurie va in due sensi: la prima all'arbitro polacco Groski, reo di aver richiamato ufficialmente Pinto alla seconda ripresa (penalizzazione di due punti) e poi di aver sorvolato su una testata arrivata all'azzurro. La seconda ai giudici che palesemente non hanno segnato i colpi andati a segno dell'azzurro ed invece hanno abbonato molti colpi dubbi al pugile turco. La spiegazione di quanto accaduto sarebbe molto semplice: il segretario generale della Fiba, la Federazione Internazionale Boxe Amatori, si chiama Gennaro Doganelli ed è turco.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×