Jump to content
SandroWeb

Rogo in via Gatteri, un morto

Recommended Posts

Passando ieri pomeriggio dalle parti de via Gatteri, go notado el casin de mezzi dei vigili del fuoco che iera in zona. Stamattina go appreso che ghe xe stado un incendio pauroso che ga provocado una vittima (un anziano geometra de 90 anni) e due feriti.

Voi gavè visto qualcosa ieri? Da quanto go letto, par che le fiamme iera talmente alte che se le podeva veder praticamente da ogni punto della città....

Link to post
Share on other sites

Cavoli, me dispiasi per el geometra.

No comunque, no go notado nula ieri pomeriggio..iero sule rive ale 18.40 circa, poi son ndado a far compere vizin piaza Oberdan ma sinceramente no go notà fumi.

Ultimamente a Ts xè n'escalation de incidenti e de morti. Na bruta coincidenza che và vanti da un po'. Speriamo che desso finissi sta catena teribile de avenimenti luttuosi.

Link to post
Share on other sites

Mi son passada de là giusto alle 15 e iera la strada bloccada da polizia e pompieri. Go deviado per via Ginnastica prima e poi per via Brunner, ma no go visto fiamme, solo tanto fumo, molta acqua e parecchia gente che stava là a guardar.

Che roba... :(

Link to post
Share on other sites

Un mia collega abita là tacà. La ga dito che el tetto no esisti più e che i ga evacuà el condominio. Chissà dove andarà a viver quella gente in attesa delle riparazioni.....alla prossima piova riverà acqua fin in porton penso :(

Edited by Stefano79
Link to post
Share on other sites

Un mia collega abita là tacà. La ga dito che el tetto no esisti più e che i ga evacuà el condominio. Chissà dove andarà a viver quella gente in attesa delle riparazioni.....alla prossima piova riverà acqua fin in porton penso :(

Penso che i gaverà zà talmente tanta acqua che no ocori che piovi per averla fin in porton :D Più de dieci anni fa iera successa una roba analoga el pian sora del mio, xe anche morto un signor, e xe stado un incubo: sveiadi dal rumor dele tegole che sciopava alle 3 de notte, casa evacuada (per un mese) e pompieri al lavoro... ma la roba peggiore xe stadi i mesi successivi: gavevimo acqua ovunque, fazeva muffa de tutte le parti e gavemo dovudo cambiar mobili, carte da parati, ripiturar tuto.... me ricordo che i pompieri gaveva messo un buiol sotto el lampadario de camera mia per raccoglier parte dell'acqua che vigniva zò per i condotti dei cavi della luce.... me par che in 12 ore go raccolto una ventina de litri de acqua.

Link to post
Share on other sites

Stamatina son passada de là e iera ancora i pompieri. I tg nostrani ga dito che la stra da sarà chiusa probabilmente anche i prossimi giorni. Ve posso garantir che veder quel fogo no iera un bel spetacolo, sto povero veceto che xe morto e tuta la gente che chissà per quanto tempo no poderà tornar a casa sua me fa una pena imensa!

Link to post
Share on other sites

El Piccolo de oggi disi che xe sta emesso un avviso de garanzia nei confronti del pompier centralinista che ga girado la chiamata per spuza de brusà qualche ora prima ai C.C. inveze che mandar un mezzo de V.V.F. che iera disponibile. El sopralluogo dei C.C. non gaveva trovà niente de strano.

Link to post
Share on other sites

Eh, deso sarà longhi per quel centralinista...

Mi anche lo capiso, al centralin dei pompieri riverà centinaia de telefonade de falsi allarmi de vecete che senti odor de brusà perchè magari le se ga dimenticà le polpette sul fogo :D, però mandar i carabinieri per un sospetto de incendio xe proprio una grezzada.....

Link to post
Share on other sites

Dal Piccolo de oggi

Via Gatteri, lavori a un anno dal rogo

Il restauro dell’edificio costerà un milione e durerà 280 giorni

di GABRIELA PREDA

Ad un anno dall'incendio più clamoroso della storia recente di Trieste, costato la vita ad un novantenne, Mario Marigonda, partono i lavori di ristrutturazione del palazzo distrutto dal rogo in via Gatteri, angolo con via Crispi. Lo rende noto l'amministratore del palazzo Fabio Reveri, che annuncia inoltre che il rimborso da parte dell'assicurazione è finalmente arrivato ed è «soddisfacente». «Il budget del restauro supera un milione di euro – spiega Reveri - perché i lavori sono estremamente delicati visto che si parla di un palazzo antico che risale agli inizi del ‘900».

L'incendio aveva inizialmente colpito un appartamento dell'ultimo piano, per poi estendersi a tutto il tetto causando i gravissimi danni che ancora oggi, per chi passa in via Crispi o in via Gatteri sono pienamente visibili.

Spiega l’amministratore: «Il restauro partirà dal tetto, per poi proseguire negli appartamenti – spiega - abbiamo a disposizione circa 280 giorni per finire i lavori e posso assicurare che la ditta che sta portando avanti il progetto si è impegnata a superare se stessa e a venire incontro alle esigenze degli inquilini che da più di un anno sono senza casa».

Già perché da più di un anno più di undici famiglie si sono dovute trovare una sistemazione ad-hoc da parenti, in affitto oppure, chi è stato più fortunato, in altre case di proprietà fuori Trieste. In tutti casi, è prevalso però un enorme disagio, perché al di là della perdita della casa e della carrellata di promesse di sostegno da parte di varie autorità il giorno stesso dell'accaduto, ad aumentare il disagio degli inquilini è stata nel tempo la mancanza di solidarietà ossia la solitudine, legata all’ assenza di certezze su tempi e modalità di risarcimento, come confessa uno degli ex inquilini del palazzo.

«A un anno esatto dal disastro, nonostante la solita propaganda, praticamente ancora nulla è stato fatto, se non la messa in sicurezza avvenuta, come previsto dalla legge, nei mesi successivi all'incidente» spiega Marco Cerato, un ex inquilino di un appartamento (di proprietà di sua madre) del palazzo di via Gatteri. «Per tutto l'inverno non è stato mosso un solo mattone – aggiunge - mentre l'acqua piovana, tra l'altro abbondante durante tutto l'inverno e la primavera, ha continuato a deteriorare le strutture dell'edificio. Per non parlare dello scarico di responsabilità delle assicurazioni». Cerato osserva ancora con amarezza, riferendosi alla mobilitazione seguita all’incendio che ha distrutto la «Voce della luna» a Barcola: «Mi chiedo come si fa a proporre una colletta per ricostruire un locale di divertimento estivo come la terrazza a mare, dopo non avere fatto alcunché per andare incontro ai problemi ben più gravi di chi si è ritrovato, da un giorno all'altro, in mezzo a una strada?»

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...