Jump to content

Finale Scudetto Serie A 2013/14


Recommended Posts

68-72 FINALE Siena vince al Forum e si porta avanti per 3-2 nella serie della finale scudetto, con la possibilità di chiudere i conti mercoledì in casa. Davvero incredibile il carattere e la squadra. Sanno che domani non c'è futuro e son riusciti a risalire e ad essere ad un passo dal prossimo, ultimo scudetto.

Grande orgoglio a prescindere ...

Link to comment
Share on other sites

non ho idea delle voci che corrono sullo spogliatoio di milano, certo che ieri sera banchi ha fatto delle scelte alquanto discutibili. cj wallace non ha fatto un minuto in finale e l'ha messo in quintetto, cerella che non ha nemmeno toccato campo contro sassari, tanti minuti anche nell'ultimo quarto, poco spazio a lawal, moss irriconoscibile, strana gestione di gentile... non so.

Link to comment
Share on other sites

Io non godo per nulla della sconfitta di Milano, troppa tradizione per non ricordare che rimane una piazza fondamentale per tutto il movimento. Inconcepibile che sparisca/fallisca: augurarlo, oltre che di cattivo gusto verso chiunque, rappresenta miopia (tagliarsi ... per dare fastidio alla moglie).

Capisco che sia rimasta della ruggine per gli "scippi" passati ma è stata sempre colpa nostra visto che non siamo riusciti a dare continuità e spazio ad atleti o progetti forse troppo grandi per noi (Pieri-Rubini-etc. ... Stefanel ...).

Invece sottolineo l'orgoglio e il cuore di squadra di Siena per la quale, a questo punto, non posso che tenere.

Edited by GMarco
Link to comment
Share on other sites

Io non godo per nulla della sconfitta di Milano, troppa tradizione per non ricordare che rimane una piazza fondamentale per tutto il movimento. Inconcepibile che sparisca/fallisca: augurarlo, oltre che di cattivo gusto verso chiunque, rappresenta miopia (tagliarsi ... per dare fastidio alla moglie).

Capisco che sia rimasta della ruggine per gli "scippi" passati ma è stata sempre colpa nostra visto che non siamo riusciti a dare continuità e spazio ad atleti o progetti forse troppo grandi per noi (Pieri-Rubini-etc. ... Stefanel ...).

Invece sottolineo l'orgoglio e il cuore di squadra di Siena per la quale, a questo punto, non posso che tenere.

Concordo al 100%. Già il basket italiano è in crisi profonda a tutti i livelli. Togliamoci anche una piazza blasonatissima e storica come Milano, adesso come adesso il nostro club più importante, e allora si andrebbe di male in peggio.

Link to comment
Share on other sites

premesso che la serie è ancora aperta, e che Milano per me resta favorita.

premesso che l'Olimpia Milano è indiscutibile come "tradizione" (ma se la tradizione bastasse nello sport la Triestina sarebbe in serie A e il Sassuolo in C2...)

ma fa indubbiamente "sorridere" come una squadra con un budget totalmente fuori categoria - almeno in Italia - abbia raccolto al momento risultati non soddisfacenti (quest'anno hanno buttato via Coppa Italia, finali di Eurolega, e stanno faticando moltissimo nei playoff) ricalcando un po' le orme dell'Inter di Moratti dei bei tempi: spese folli,figure barbine e squadra/società in crisi di nervi.
E il pubblico milanese - quello che ai bei tempi della Breil Milano veniva in 800 al PalaLido... - onestamente sembra essere più modiaolo che veramente appassionato alla squadra.

ps: per me miopia è tutto quello che è stato fatto, a livello federale, in questi anni che ha affossato il movimento cestistico. Il movimento non è in crisi perchè "manca Milano in serie A", piuttosto perchè chi siede nelle alte poltrone di federazione e lega ha poco interesse verso il Gioco e molto verso il proprio orticello.

Link to comment
Share on other sites

premesso che la serie è ancora aperta, e che Milano per me resta favorita.

premesso che l'Olimpia Milano è indiscutibile come "tradizione" (ma se la tradizione bastasse nello sport la Triestina sarebbe in serie A e il Sassuolo in C2...)

ma fa indubbiamente "sorridere" come una squadra con un budget totalmente fuori categoria - almeno in Italia - abbia raccolto al momento risultati non soddisfacenti (quest'anno hanno buttato via Coppa Italia, finali di Eurolega, e stanno faticando moltissimo nei playoff) ricalcando un po' le orme dell'Inter di Moratti dei bei tempi: spese folli,figure barbine e squadra/società in crisi di nervi.

E il pubblico milanese - quello che ai bei tempi della Breil Milano veniva in 800 al PalaLido... - onestamente sembra essere più modiaolo che veramente appassionato alla squadra.

ps: per me miopia è tutto quello che è stato fatto, a livello federale, in questi anni che ha affossato il movimento cestistico. Il movimento non è in crisi perchè "manca Milano in serie A", piuttosto perchè chi siede nelle alte poltrone di federazione e lega ha poco interesse verso il Gioco e molto verso il proprio orticello.

Quoto in assoluto el tuo discorso...Riguardo a Milano la ruggine risale certamente al 1994 con la fuga del "magnaradicio trevisan",ma gli anni dopo quando sono/siamo andati a Milano abbiamo sempre ricevuto un'accoglienza pessima da parte dello "splendido" pubblico milanese,che ovviamente va in 12000 al Forum per una finale scudetto (chissà quanti omaggi) ma con la squadra in difficoltà come ieri invece di sostenerla la fischia...La loro fortuna è di avere il sig.Giorgio Armani che li foraggia altrimenti farebbero la fine di Siena,Fortitudo e Treviso...Il pubblico triestino non sarà il più caloroso del mondo anzi,ma rispetto ai fighetti milanesi è sicuramente più fedele,visto che faceva 1500-2000 anche in B2.Se Milano fosse in B2 dovrebbero giocare in Piazza Duomo perchè qualcuno li vada a vedere...

Link to comment
Share on other sites

de omaggi ghe ne xe pochi a dir la verità (te lo digo per conoscenza diretta ;) ), però xe un pubblico molto "sensibile" ai risultati e alla importanza delle partide (in alcuni match non de cartello i metti - anche sta stagion - i teloni neri nel secondo anello). co xe match de cartello xe facile che i fazi tutto esaurito, ma anche nelle finali de Coppa Italia al Forum ghe xe stai parecchi vuoti... e fidite che i prezzi non iera così esagerati.

a livello tifoseria ghe xe una grossissima spaccatura tra "ultras" e resto del palazzetto, dovuda anche agli screzi (anche de più...) avudi con Portaluppi.

Link to comment
Share on other sites

la stagione di Milano è strana

sembrava l'anno buono, ottime prestazioni nelle Final Sexteen di Eurolega al punto da arrivare secondi nel girone e asfaltare Barcellona in casa

poi gli infortuni prima di Langford e poi di Gentile e l'incredibile sconfitta in casa nella prima contro il Maccabi, con la vittoria già in cassaforte

da quel momento la squadra è entrata in una fase involutiva, fuori malamente in Eurolega, è arrivata alla 5^ contro Pistoia e alla 6^ con Sassari, perdendo per ben 2 volte al Palalido

quello che ad un certo punto era sembrato diventare una squadra è tornato ad essere un gruppo di solisti, che difendono quando ne hanno voglia, non spessissimo, e attaccano ognuno per proprio conto, nel classico 1 contro 5 che è stato il leit motiv di gran parte della stagione di Milano

eppure le premesse erano state incoraggianti, si era puntato su un gruppo " forte " di italiani, cioè Hackett Gentile e Melli i 3/5 della Nazionale che affronterà le qualificazioni all'Europeo

e su ottimi stranieri, Langford su tutti che è un vero fuoriclasse

ma nel finale qualcosa si è inceppato, anche se la serie possono vincerla ovviamente

mi sa che più d'uno degli USA è già con la testa alla prossima stagione da giocare altrove, Langford e Samuels in primis, e il coach è quello che è, come giustamente ricorda Gus

se poi ci sono veramente problemi nello spogliatoio tutto è più chiaro

Link to comment
Share on other sites

premesso che la serie è ancora aperta, e che Milano per me resta favorita.

premesso che l'Olimpia Milano è indiscutibile come "tradizione" (ma se la tradizione bastasse nello sport la Triestina sarebbe in serie A e il Sassuolo in C2...)

ma fa indubbiamente "sorridere" come una squadra con un budget totalmente fuori categoria - almeno in Italia - abbia raccolto al momento risultati non soddisfacenti (quest'anno hanno buttato via Coppa Italia, finali di Eurolega, e stanno faticando moltissimo nei playoff) ricalcando un po' le orme dell'Inter di Moratti dei bei tempi: spese folli,figure barbine e squadra/società in crisi di nervi.

E il pubblico milanese - quello che ai bei tempi della Breil Milano veniva in 800 al PalaLido... - onestamente sembra essere più modiaolo che veramente appassionato alla squadra.

ps: per me miopia è tutto quello che è stato fatto, a livello federale, in questi anni che ha affossato il movimento cestistico. Il movimento non è in crisi perchè "manca Milano in serie A", piuttosto perchè chi siede nelle alte poltrone di federazione e lega ha poco interesse verso il Gioco e molto verso il proprio orticello.

Sì. La Federazione fa ridere, alle Final Four di Eurolega a Milano hanno presentato uno stand pietoso in un panorama di ottima organizzazione generale, il grosso dei problemi ovviamente arriva da lì. Certo che in uno sport che ha comunque bisogno di visibilità, l'eventuale sparizione di una società (ad esempio l'Olimpia) che garantisce tanta visibilità, sarebbe dannosissimo. Le società di vertice servono perché possono fare da traino a tutto il movimento. Guai a perderne altre. Vedi Bologna (per due), Treviso, Pesaro e adesso Siena. Una bella desertificazione...

Link to comment
Share on other sites

la stagione di Milano è strana

sembrava l'anno buono, ottime prestazioni nelle Final Sexteen di Eurolega al punto da arrivare secondi nel girone e asfaltare Barcellona in casa

poi gli infortuni prima di Langford e poi di Gentile e l'incredibile sconfitta in casa nella prima contro il Maccabi, con la vittoria già in cassaforte

da quel momento la squadra è entrata in una fase involutiva, fuori malamente in Eurolega, è arrivata alla 5^ contro Pistoia e alla 6^ con Sassari, perdendo per ben 2 volte al Palalido

quello che ad un certo punto era sembrato diventare una squadra è tornato ad essere un gruppo di solisti, che difendono quando ne hanno voglia, non spessissimo, e attaccano ognuno per proprio conto, nel classico 1 contro 5 che è stato il leit motiv di gran parte della stagione di Milano

eppure le premesse erano state incoraggianti, si era puntato su un gruppo " forte " di italiani, cioè Hackett Gentile e Melli i 3/5 della Nazionale che affronterà le qualificazioni all'Europeo

e su ottimi stranieri, Langford su tutti che è un vero fuoriclasse

ma nel finale qualcosa si è inceppato, anche se la serie possono vincerla ovviamente

mi sa che più d'uno degli USA è già con la testa alla prossima stagione da giocare altrove, Langford e Samuels in primis, e il coach è quello che è, come giustamente ricorda Gus

se poi ci sono veramente problemi nello spogliatoio tutto è più chiaro

Il discorso motivazione però potrebbe prestarsi ad un'altra lettura. Diciamo che per quanto riguarda giocatori che il prossimo anno cambieranno squadra, Siena ha il pienone, staff tecnico compreso. Però, d'altro canto, stanno giocando forte anche (e forse soprattutto) per mettersi in mostra in vista della prossima stagione.

Link to comment
Share on other sites

L'organizzazion della Final Four de Eurolega xe stada spettacolare... poco de far, i spagnoli xe bravi e sa come funziona el business (aiutadi anche da qualche "consulente" american... provieniente dall'NBA).

ps: sia chiaro, mi personalmente non voio che sparisi l'Olimpia (anzi, volessi riveder Reggio Calabria, Treviso... oltre che ovviamente Trieste in serie A assieme all'Olimpia) per quanto non gabbi molta simpatia nei loro riguardi (piuttosto se tifa la Pallacanestro Milano 1958 :) quella de Chuck Jura!).

Ma finchè non ghe sarà qualcun de serio a capo del movimento (ora a capo della FIP xe Petrucci... cioè Petrucci!) sarà tutto inutile. Qua ghe xe un movimento totalmente da rifondar: aver pochi soldi non xe una colpa, aver poche idee si...

Edited by Euskal Herria
Link to comment
Share on other sites

... ps: per me miopia è tutto quello che è stato fatto, a livello federale, in questi anni che ha affossato il movimento cestistico. Il movimento non è in crisi perchè "manca Milano in serie A", piuttosto perchè chi siede nelle alte poltrone di federazione e lega ha poco interesse verso il Gioco e molto verso il proprio orticello.

... Ma finchè non ghe sarà qualcun de serio a capo del movimento (ora a capo della FIP xe Petrucci... cioè Petrucci!) sarà tutto inutile. Qua ghe xe un movimento totalmente da rifondar: aver pochi soldi non xe una colpa, aver poche idee si...

Confermo: non ho detto che la causa della crisi sia Milano, ma che se saltasse ANCHE Milano allora sarebbe ancora peggio. confermo poi che il pesce puzza dalla testa, ma sta testa credo sia anche elettiva e non valga solo per FIP ma anche per LEGA. Quindi credo che la debolezza nasca soprattutto dai vertici delle società, impreparati e poco lungimiranti. poi ci sono anche i giochi (bleach ...) politici.

Peraltro la migliore stagione della Pallacanestro Italiana a mia memoria (vecio per dimenticare e non per ricordare...) è stata quella con la presenza di Petrucci ...(ma anche Porelli, Allievi, etc.)

Link to comment
Share on other sites

iera però un Petrucci de "millemila" anni fa ;)

adesso lo vedo molto bolso e con poche idee fresche (non che le società stia meio...paradossalmente chi - a livello societario quindi extra campo - sta lavorando molto ben xe l'Olimpia Milano. ga brave persone che lavora su novi progetti, sicuramente i xe spanne avanti rispetto ad altre società de serie A, che vedi la presenza de dopolavoristi o pensionati a far da "responsabili marketing" :)

detto questo, confermo purtroppo che senza milano saria molto dura per el movimento ;;)

Link to comment
Share on other sites

da sottolineare che nei decisivi minuti finali in cui Milano ha fatto il break decisivo aveva in panchina Langford e un tragico Samuels e in campo i 3 italiani, assoluti protagonisti

in particolare Gentile, top scorer con 18 punti e grande trascinatore anche perchè " impizzado " per essere stato scelto al secondo giro dall'NBA

Link to comment
Share on other sites

da sottolineare che nei decisivi minuti finali in cui Milano ha fatto il break decisivo aveva in panchina Langford e un tragico Samuels e in campo i 3 italiani, assoluti protagonisti

in particolare Gentile, top scorer con 18 punti e grande trascinatore anche perchè " impizzado " per essere stato scelto al secondo giro dall'NBA

per me oltre a Gentile, l'uomo in piu' e' stato Melli.

comunque hanno vinto soprattutto per la difesa nell'ultmo quarto..mi spiace per Siena..

Link to comment
Share on other sites

da sottolineare che nei decisivi minuti finali in cui Milano ha fatto il break decisivo aveva in panchina Langford e un tragico Samuels e in campo i 3 italiani, assoluti protagonisti

in particolare Gentile, top scorer con 18 punti e grande trascinatore anche perchè " impizzado " per essere stato scelto al secondo giro dall'NBA

Sara' anche stado scelto, ma el Gentile fio val 1/10 del suo Babbo!!! secondo mi...............

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×