Jump to content
Le ultime news
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Missilina

Archivio canzoni triestine

Recommended Posts

ooops !!! me son accorta che questa canzon stava già nell'archivio...

Per rimediar, meto questa:

TRIESTE MIA

Trieste mia, che nostalgia

mi go lontan de ti...

Son vagabondo, girago el mondo,

ma sempre penso a ti...

Poder tornar, a Miramar,

col vecio amor,

per dirghe ancor

te vojo ben, te me vol ben...

Trieste mia, te pregheria,

de farme un gran favor,

saluda tuti, e coi saludi,

te mandi un fior...

al vecio campanon

che sento far din don

ma in fondo al... cuor

Share this post


Link to post
Share on other sites

Visto che ve piasi el Can de Trieste, ve posto una version scherzosa che gavevimo fato nel 68: iera el momento del maoismo e la gavevimo trasformada nel can de Pechin

Xe tanti ani che

mi son lontan de ti

mia vecia Cina Rossa

me sento solo e

qua no ghe xe

gnanca una sommossa

Alora Mao Tse Tung

ma ga mandò un bel can

nato in una risaia

Però quel fiol d'un can

quel fiol d'un can d'un can

el iera sempre triste

nol fazeva mai casin

alora go mandà una cartolima

una cartolina de protesta

alora Mao Tse Tung me ga risposto

el me ga spiegà perchè

Solo davanti a un libro de Mao

quel fiol d'un can fa casin

Perchè el xe un can de Pechin

Perchè el xe un can de Pechin

e ghe piasi el Mao!

(Altre canzoni triestine le go postade in atrieste.org)

Share this post


Link to post
Share on other sites

BONA FORTUNA

(Gigia col borineto)

(Parole di F. e G. Venezian, Musica di E.Luzzatto - 1890)

I.

Gigia, col borineto

A caminar xe un gusto;

Da brava, svelta, vestite

E vien con mi a San Giusto

E là su quel mureto

Se sentaremo arente;

Coi oci parlaremo

E co' la boca gnente.

Ritornello:

A Roma i ga San Piero,

Venezia ga el leon,

Per noi ghe xe San Giusto

E 'l vecio suo melon.

II.

La luna ghe fa ciaro

Ai monti, al mar lontan:

Gigia, che bela note...

Guantime per la man.

Pensar da quanti secoli

Quel campanil xe là!

Pensar che in quela ciesa

Me son inamorà.

Ritornello:

A Roma i ga San Piero,

Venezia ga el leon,

Per noi ghe xe San Giusto

E 'l vecio suo melon.

III.

Scóltime bionda: el mondo

Te pol assai girar,

Cità come Trieste

Te stenterà a trovar.

Xe vero, tuto el giorno

Se sgoba in tel lavor;

Epur no se xe bestie,

Se ga qualcossa in cuor.

Ritornello:

A Roma i ga San Piero,

Venezia ga el leon,

Per noi ghe xe San Giusto

E 'l vecio suo melon.

IV.

E, quando vien la festa,

Lassèmo ogni secada:

A Servola o a Prosseco

Se fa la baracada.

La ciribiricócola

Farse scaldar col vin

E, saldi in gamba, musica!

El goto fa morbin.

Ritornello:

A Roma i ga San Piero,

Venezia ga el leon,

Per noi ghe xe San Giusto

E 'l vecio suo melon.

:vino::vino:

Share this post


Link to post
Share on other sites

LA BORA

(Comare che bora)

(Parole di "Ermanzio", Musica di S. Negri - 1903)

La sburta, la sbati,

El naso la impizza,

La jazza le jozze

Che in tera se schizza.

La sufia de soto,

La sufia de sora:

Ferai e camini

La manda in malora.

Ritornello:

Comare, che bora,

Comare, che inferno,

Che vadi 'n malora

La bora e l'inverno!

Co' un colpo de bora

Un sior se scapela,

Le còtole in aria

Ghe va ala putela.

Va via la paruca

De qualche vecieto,

A quel dei maroni

Se svoda el bancheto.

Ritornello:

Comare, che bora,

Comare, che inferno,

Che vadi 'n malora

La bora e l'inverno!

La porta nei oci

Sabion e scovazze,

I muri la passsa,

La passa le strazze

La va dapertuto,

Ma questa xe bela:

Che ti te la trovi

Perfin in scarsela!

Ritornello:

Comare, che bora,

Comare, che inferno,

Che vadi 'n malora

La bora e l'inverno!

:vino::vino:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa canzonetta la cantavimo sempre in corriera quando 'ndavimo a sciar a Sappada nel lontan 1964-65, spero che no la vegni censurada

I Love You Johnny (Mio Caro Johnny)

E adeso che xe partì 'l batel

No poso più fumar "Camel".

Caro Johnny, co ti te son partì

Mi me ricordo che iera un venerdì.

E la sera butada sul paion,

te disevo: "I love, I love you, John!".

Mi go pianto, go pianto dal dolor

Perché te jeri un negro cussì bon!

Bon! Bon! Bon!

E mi mai più no troverò un altro american

Come ti che te me davi in man el chewinggum

I love you Johnny, I Love you Texas

se tu vuoi far l'amor con me,

tu mi dare ciocolata,

io ti dare la patata

tu mi dare sigarete,

io ti dare bele tete

'Sti Americani xe tutti muli OK

i fa barufa tirandose i cavei

i ga inventà però una nova moda

co' i fa barufa i bevi wiskey e soda

e mi no trovo un' altro american

cussi bon cussi bon

che me daghi el chewinggum in man

I love you Johnny, I Love you Texas

se tu vuoi far l'amor con me,

tu mi dare ciocolata,

io ti dare la patata

:vino::vino:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora mi conosso sta canzon...

ZITA' VECIA

Zità vecia, crosada e ghetto

Ga formado un novo dialetto

Un incrocio furlan piranese

Che xe un misto fra el grego el barese

In sti tempi de progresso

Zità vecia la torna a fiorir,

ma però

xe pecà, xe pecà che i la vol demolir

Qua xe el grego che ingruma poltrone

Armadietti, caldere e madone

Qua finissi fra pianti e proteste

El mobilio de meza Trieste

In sti….

Alle donne de tutto el rione

Ga tajado a tutte el cocone

Ga tajado perfin i mustaci

Alla vecia che vendi pistaci

In sti….

Finalmente con arte e con gusto

I ga fatto i lavori a San Giusto

E più bela e più lustra difati

Xe la vecia capela dei Frati

In sti…

Secondo mio nono la xe stada inventada quando negli anni '30 xe sta butada zo per far el Corso parte de Zità Vecia e se no cascava el Fascismo probabilmente i la gavessi butada zo tutta...

Comunque qualchedun conossi altre strofe? Mi la cantavo alle elementari... e son quasi sicura che iera altre strofe ma non me le ricordo....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo mio nono la xe stada inventada quando negli anni '30 xe sta butada zo per far el Corso parte de Zità Vecia e se no cascava el Fascismo probabilmente i la gavessi butada zo tutta...

Comunque qualchedun conossi altre strofe? Mi la cantavo alle elementari... e son quasi sicura che iera altre strofe ma non me le ricordo....

Grande :D

Sta qua la cantava Cecchelin nei sui spetacoli all'epoca.

Iera proprio in quel periodo che i ga tirà zo 3/4 de zità vecia per far tuto novo come che xe deso :D

Me par che no altre strofe.. adesso la riscolto e in caso posto :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

O mula co te vedo

me inamoro,

dove te va?

in qualche magazin

del porto novo a lavorar

de pevere e cafè.

Sesolo-Sesolota triestina

con quel'anda e con quel far

simpaticon

Se pol giurar xè roba triestina

su dai dai dai

per mi te xè un bonbon

Se pol giurar xè roba triestina

su dai dai dai

per mi te xè un bonbon

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riporto sta canzòn che canto de cò iero mulèta. Mio nono e mia nona defonti i diseva che la iera de Cecchelìn, ma mi sinceramente in tute le registraziòni che go, no la go mai sentida. Però lori i andava vèder Cecchelìn praticamente ogni setimana, quindi pol anche darse che i la gabi imparada sentindola dal vivo.

Ah, no son sicura che le strofe le sia nel giusto ordine e probabilmente manca qualchedùna.

El tranvai de San Saba

Per digerìr 'sta qua, no xè una fiaba,

Xè un gran portento el tranvai de San Saba,

Xè quasi mezz'ora che lo speto,

Ecolo che'l riva, però xè zà al completo!

Mi me sburto, me fazzo un fià de strada,

Zapàndo calli, molando qualche piada,

Xè triestini quatro volte boni,

Che xè costreti a viagiàr in queste condizioni!

Un me sburta el comio qua,

Che me lassa senza fià,

Un me fraca in tel dedrio el suo zenocio.

Una siora passa in quel,

Con un ago in tel capèl,

E per poco no me cava fora un ocio!

Po de drio go un furlàn,

con un sigaro toscàn,

che me fa s'ciopàr de tosse drio man! Fiol d'un can!

A un certo punto el controlòr vièn suso,

Mi lo sbircio, lui me fis'cia in muso,

El me dimanda "Lei dove ci ha il bilièto?"

Mi ghe rispondo "La scusi benedèto!"

Lui se rabia "Non c'è niente da dire,

E di multa lei pagherà due lire!"

Due lire, questa si xè bela,

Che no rivo nianca tiràr fora i soldi de scarsèla!

Go de drio un contadìn,

Che se spela un crodighìn,

E la pele me la meti a mi in scarsela.

Go davanti un muradòr,

Con un vaso de colòr,

Che me freza tuto el tempo sula panza!

E po passa un stobasuàl (??)

Che me spuda in tel stivàl,

Perchè in tera disi lui, no xè creanza!

Son smontàdo in confusiòn,

Che fazzèvo compassiòn,

Ma go fato un'ecelente digestiòn! Orco tron!

Share this post


Link to post
Share on other sites

volevo ringranziar tutti perchè go finalmente trovado un pochi de testi de canzonni triestine, le se ormai diventade rare e non tele trovi nanche nei negozi de musica.

me piasi cantarle in compagnia ( alla vecia ) strimpellando con la chitarra e n grazie a voi ne so qualcheduna in più ma volevo ancora chieder se se trova anche le note, de certe che go visto me serviria anche l'intonazion perchè non le ga mai sentide. penso de poder aggiunger qualche vecchio pezzo anche mi( appena me le rivo a ricordar completamente

ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ve devo ringraziar anca mi.. de apassionado de folk triestin, ne go scovade tante anca qui.. in giro pel forum ghe xè tanti bei topic de cultura morbinara in general.. no lassemoli morir in tei meandri del forum.. zerchemo de riativarli e de riportarli a gala, perché i xè ssai bei e interessanti. :bandieraalabarda:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eh, volesi anche mi poderle scoltar sonade e registrade, son curioso de che "perle" che podesi saltar fora :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rispondo a memoria, Cecchelin Due e venti sul novo codice fascista dela strada

Per far che vadi in ordine

el movimento in strada

Xe bula star trovada del Comun

[..]

Ritornello:

No se cori in bicicletta

No se pica zo del tram

Tra le stricche se sgambetta

e ligà se tien el can

No se ingombra la contrada

Sul canton no se fa el pal

Se traversa in ( caregiada? carendada?)

co xe verde sul feràl

me paghè sta multa in strada?

o finimo in tribunal.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 3 dicembre 2007 at 14:23, Mirwen dice:

Allora mi conosso sta canzon...

ZITA' VECIA

Zità vecia, crosada e ghetto

Ga formado un novo dialetto

Un incrocio furlan piranese

Che xe un misto fra el grego el barese

In sti tempi de progresso

Zità vecia la torna a fiorir,

ma però

xe pecà, xe pecà che i la vol demolir

Qua xe el grego che ingruma poltrone

Armadietti, caldere e madone

Qua finissi fra pianti e proteste

El mobilio de meza Trieste

In sti….

Alle donne de tutto el rione

Ga tajado a tutte el cocone

Ga tajado perfin i mustaci

Alla vecia che vendi pistaci

In sti….

Finalmente con arte e con gusto

I ga fatto i lavori a San Giusto

E più bela e più lustra difati

Xe la vecia capela dei Frati

In sti…

Secondo mio nono la xe stada inventada quando negli anni '30 xe sta butada zo per far el Corso parte de Zità Vecia e se no cascava el Fascismo probabilmente i la gavessi butada zo tutta...

Comunque qualchedun conossi altre strofe? Mi la cantavo alle elementari... e son quasi sicura che iera altre strofe ma non me le ricordo....

La finisso mi. Go trova un foglio delle elementari! Anche mal stampada. Ma se leggi lo stesso.

 

In 'sto mondo ghe xe baroneti 

chi i ga l'auto e i xe cavalieri

de ignoranza i ga bona dose

i se firma fazendo la crose!

Tuto in bianco vestido de tela 

ogni vigile par 'na candela

de lavarse el sparagna la spesa

se 'l se intocia in tal gesso de presa!

Ma savè che xe una gran peste

caminar su e zo per Trieste.

Zitadini, ande per le striche 

se no el tubo ve guanta le fliche!

Se a sto sport i ga la tanta peste

vedaremo su e zo per Trieste

in ociai in gambai e bareta

anca i zimisi in motocicleta!

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come qualcun de voi saverà, me son sbizzarrido nei ultimi mesi a far qualche parodia :) Spero possa esser una sezion giusta dove poder linkar le mie "operete" con voi, sperando de regalar una ridada a qualcun :D 

In fondo no ne go fate 200, ma solo 3 :D

Tuto xe inizià ad aprile, grazie a una base sonada da Maxino e alle mie parole e voce e video: xe nata Piazza Brande, una parodia de Piazza Grande de Lucio Dalla :) 

Link Facebook Link Youtube

Ad agosto inveze me son spinto a far una parodia de "Matti", la canzon de Renatone Zero che xe anche sigla de Ciao Darwin :) 

Link Facebook Link Youtube

Infine l'altra setimana go publicà "Chi ve ga dado sta patente?", parodia de "Canzone intelligente" de Cochi e Renato :) 

Link Facebook Link Youtube

 

Me piasesi saver cosa ne pensè :D Grazie a tuti!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×