Jump to content

Poesie


Recommended Posts

Questa de Giotti xe de una tristeza infinita ma la me piasi 'sai.

I veci che 'speta la morte

I veci che 'speta la morte.

I la 'speta sentai su le porte

de le cesete svode d'i paesi;

davanti, sui mureti,

co' fra i labri la pipa.

E par ch'i vardi el fumo,

par ch'i fissi el ziel bianco inuvolado

col sol che va e che vien,

ch'i vardi in giro le campagne e, soto,

i copi e le stradete del paese.

Le pipe se ghe studa;

ma lori istesso i le tien 'vanti in boca.

Pipe,

che le xe squasi de butarle via,

meze rote, brusade,

che le ciama altre nove:

ma za

le bastarà.

Se senti el fabro del paese bàter,

in ostaria ch'i ciacola,

un contadin che zapa là vizin,

e el rugna

e el se canta qualcossa fra de sé

ch'el sa lu' solo;

e po' ogni tanto un sparo,

in quel bianchiz smorto de tuto,

un tiro solo, forte.

I veci che 'speta la morte.

I la 'speta sentai ne la corte,

de fora de le case, in strada,

sentai su 'na carena bassa,

co' le man sui zenoci.

I fioi ghe zoga 'torno.

I zoga coi careti,

i zoga còrerse drio,

i ziga, i urla

che no' i ghe ne pol più;

e quei più pici i ghe vien fina 'dosso,

tra le gambe;

i li sburta,

i ghe sburta la sèdia,

i ghe porta la tera e i sassi

fin sui zenoci e su le man.

Passa la gente,

passa i cari de corsa con un strèpito,

pieni, stivai de òmini e de muli

che torna de lavor:

e tra de lori ghe xe un per de fie

mate bacanone,

che in mezo a quei scassoni

le ridi e ridi;

e le ga el rosso del tramonto in fronte.

I veci che 'speta la morte.

I la 'speta a marina sui muci

tondi de corde;

ne le ombre d'i casoti,

cuciai par tera,

in tre, in quatro insieme.

Ma ziti.

I se regala qualche cica

vanzada d'i zigàri de la festa,

o ciolta su, pian pian, par tera,

con un dolor de schena:

i se regala un fulminante

dovù zercar tre ore,

con quele man che trema,

pai scarselini del gilè.

A qualchedun ghe vigniria, sì,

de parlar qualche volta;

ma quel che ghe vien su,

che lu' el volarla dir,

lo sa anca l'altro,

lo sa anca st'altro e st'altro.

Nel porto, in fodno, xe 'na confusion,

un sussuro lontan,

forte che se lo senti istesso.

I vaporeti parti

e riva drïo man.

I ciapa el largo, i va via pieni neri;

i riva driti, i se gira, i se 'costa,

i sbarca in tera

muci de gente

che se disperdi subito.

Resta solo el careto de naranze,

un per de muli

che i se remena tuto el dopopranzo

là 'torno,

e el scricolar sul sol del ponte.

I veci che 'speta la morte.

I la 'speta sentai su le porte

dei boteghini scuri in zitavècia;

nei pìcoli cafè, sentai de fora,

co' davanti do soldi

de àqua col mistrà;

e i legi el fòglio le ore co' le ore.

In strada,

ch'el sol la tàia in due,

ghe xe un va e vien continuo,

un mòverse, nel sol ne l'ombra,

de musi, de colori.

I legi el fòglio :

ma tute robe xe

che ghe interessa poco;

ma come mi i lo legi,

quando che 'speto su 'na cantonata

la mia putela,

che tiro fora el fòglio

par far qualcossa,

ma che lèger, credo de lèger,

ma go el pensier invezi a tuto altro;

e un caminar, 'na vose,

che me par de sintir,

me fermo e 'scolto.

Link to comment
Share on other sites

De Carpinteri e Faraguna:

MITTELEUROPA

Picio che ancora iero e iera ancora schei

gavevo l'abitudine

de 'ndar coi mii fradei e mama in treno a Udine,

però col passaporto,

perchè el defonto Impero no iera ancora morto.

Gorizia-Montesanto

iera una gran stazion con grando movimento

signori col baston col manigo de argento

e mai man senza guanto

e scarpe con gomasse

che saludava siore, tute de prima classe.

Consilieri segreti

e giudici in pension col Virginia o l'Avana

diseva: "I mii rispeti"

cavandose la cana

de soto del vagon con posto riservato

per Viena via Lubiana.

Gnente confin de stato, nè dogane, nè dazi

de qua fina ai Carpazi.

Link to comment
Share on other sites

Sai bella, una amara riflessione sulla vita oltre che (de riflesso) una descrizion sulla vita del suo tempo.

Me sa che col ga fatto 'sta poesia anche lui doveva esser vecio.. ga un finale "autobiografico" che però se ricollega alle sue riflessioni, anzi, sembra quasi esserne lo spunto.

:bye:

Link to comment
Share on other sites

Ogi ve propongo una de Saba 'sai più conossuda

Trieste

Ho attraversato tutta la città.

Poi ho salito un’erta,

popolosa in principio, in là deserta,

chiusa da un muricciolo:

un cantuccio in cui solo

siedo; e mi pare che dove esso termina

termini la città.

Trieste ha una scontrosa

Grazia. Se piace,

è come un ragazzaccio aspro e vorace,

con gli occhi azzurri e mani troppo grandi

per regalare un fiore;

come un amore

con gelosia.

Da quest’erta ogni chiesa, ogni sua via

Scopro, se mena all’ingombrata spiaggia,

o alla collina cui, sulla sassosa

cima, una casa, l’ultima, s’aggrappa.

Intorno

Circola ad ogni cosa

Un’aria strana, un’aria tormentosa,

l’aria natia.

La mia città che in ogni parte è viva,

ha il cantuccio a me fatto, alla mia vita

pensosa e schiva.

Link to comment
Share on other sites

Ogi ve propongo una de Saba 'sai più conossuda

Sì la conossevo, ma la go riletta volentieri!

:bandieraalabarda:

Toh!

EL NOSTRO CARSO

TULLIO PICCINI

Piera sbusada e dura che'l tempo ga smagnado,

che'l sangue dei soldai lo ga maciado.

No'l ghe somiglia niente a le altre tere,

ghe xe passade sora tante guere.

E l'ultima el la passa ogni momento,

perché i vol sofigarlo nel cemento.

La gente voleria farse casete,

e l'Industrial inveze fabrichete.

Xe meo che'l resti come che'l xe sta creà,

grote, doline, primule sul prà.

El vento sufia forte sora i pini,

le pigne casca in mezo ai ciclamini.

Cespugli de ginepro profumado,

ne la dolina el fior sta riparado.

In Primavera ghe xe tanti veceti,

che ingruma sparisi e bruscandoli a mazeti.

Dopo i li vendi, e i fa qualche soldin,

per 'ndar ciuciarse un bon bicer de vin.

I fioi co' le maestre i fa la gita,

el Carso pe' i muleti xe la vita.

E quando che l'età xe veneranda,

a respirar quassù el dotor ne manda.

La gente co ga voia de fraiar,

in Carso la magnada i se va a far.

Persuto crudo el xe taiado grosso,

la gente se lo cuca co'l vin rosso.

El Schinco carsolin xe rinomà,

bagnado co'l Teran che nassi là.

Ve prego el nostro Carso lassè star,

ne piasi in mezo al verde caminar.

Meteve soto un albero e scoltè i usei cantar,

el Carso xe stupendo, dovè lassarlo star

Link to comment
Share on other sites

Me fa piazer de no esser la sola a scriver qualcossa...

Comunque la poesia che ve propongo ogi xe de Carolus Cergoly

'bastanza cruda che fa pensar...

Arone Pakitz

Arone Pakitz

ebreo coi rizzi

del ghetto de Cracovia

un misirizzi

import export

morto a Varsavia

suo fio Simon

chirurgo a Vienna

fatto baron

per ordine del Kaiser

morto a Gorizia

Paola sua fia

cantante d'operetta

fatta savon

per ordine del Führer

morta a Mathausen.

Link to comment
Share on other sites

Comunque la poesia che ve propongo ogi xe de Carolus Cergoly

'bastanza cruda che fa pensar...

Abbastanza cruda.. me se gà gelado el sangue! :pauraaaa:

Rispondo con una poesia dissacrante. La parla del rapporto uomo/donna nei festini.

Bionda

Bionda,

che te me bali de fianco,

te me piasi sai,

son ben carburado

ma me servi un paranco.

Go una rosa in boca,

una fiasca de bianco,

far un caschè

come farse un bidet,

se se pol ribaltar.

Bionda,

son mucho contento,

e incanforado

nei cambi de ritmo

te seguo a stento.

Me lancio sul coto,

tartina de struto,

dago el tuto per tuto

o me ribalto de bruto,

o se se pol inamorar.

Bionda,

xè svolada la noche

tra ritmi africani,

limbi hawaiani,

terani nostrani.

Go bevuto un po’ tropo,

adesso me gira tuto.

Sì, go pagado lo scoto,

ma piegà sul condoto

te domando ‘sto sì!

Link to comment
Share on other sites

Ancora Saba

Tre momenti

Di corsa usciti a mezzo il campo, date

prima il saluto alle tribune. Poi,

quello che nasce poi,

che all'altra parte rivolgete, a quella

che più nera si accalca, non è cosa

da dirsi, non è cosa ch'abbia un nome.

Il portiere su e giù cammina come

sentinella. Il pericolo

lontano è ancora.

Ma se in un nembo s'avvicina, oh allora

una giovane fiera si accovaccia

e all'erta spia.

Festa è nell'aria, festa in ogni via.

Se per poco, che importa?

Nessun'offesa varcava la porta,

s'incrociavano grida ch'eran razzi.

La vostra gloria, undici ragazzi,

come un fiume d'amore orna Trieste

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×