Jump to content

Il futuro della Pallacanestro Trieste (pensieri in libertà)


Recommended Posts

7 ore fa, Flaming ha scritto:

Spero che ciò che scrive Insider nn sia vero altrimenti il trionfalismo di Ghiacci lo troverei ridicolo. Dopo tre anni in cui si poteva e doveva pianificare per il futuro, lavorando dal punto di vista di valorizzazione del prodotto (vedi marketing) nn è stato fatto nulla e a quanto pare nulla è stato trovato. Quindi ci ritroveremo all’inizio di una nuova stagione con le pezze al c**o nn avendo investito nulla per sperare un domani di cambiare passo. Sicuramente sono stati bravi a chiudere il buco di bilancio ma se poi nn investi nel resto il destino finale non cambia. Quantomeno si poteva provare a dare spazio di manovra a Settimo sperando in un cambio di marcia. Trovo il tutto davvero molto desolante, ero convinto avessero trovato la quadra invece pare che fosse solo fumo. Continuo a sperare che le info di insider si rivelino errate ma temo che nn sarà così!


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Anche mi continuo a sperar che gli scritti de Insider sia pessimistici, o sbagliadi, o finti, no ga importanza. Basta che la realtà no sia quella ipotizzada.
Sarò diventado (senza accorgermene al caso :lol:  ) un ottimistone, ma fino a provo contaria, preferisso attender e sperar che drio alla calma e fiducia de Ghiacci, ghe fossi/sia qualcossa de più de quel pugno de mosche (o poco più) preconfigurado.

  • Mi piace 2
  • Grazie 1
Link to comment
Share on other sites

Secondo la Prealpina la Pallacanestro Trieste, visti i problemi a trovare risorse ed un budget inferiore alle aspettative, potrebbe concretamente affidare la panchina a Legovich.

Da parte mia temo che, con tutto il bene e la stima che ho per Marco, possa essere un grosso azzardo farlo ora. Non solo per i risultati in campionato e l'eventuale salvezza da raggiungere, ma anche e soprattutto per la sua carriera.

In primis perchè sarebe il suo primo anno da coach in A senza avere l'esperienza di 2/3 anni di gestione di un campionato intero da solo in qualche lega minore.

In secundis perchè potrebbe avere a disposizione una squadra molto risicata in termini di qualità (inoltre il 5+5 che non concede errori nella costruzione del roster), con una situazione societaria non certo solidissima economicamente, le solite alte aspettative dei tifosi e soprattutto , trattandosi della sua città, dovrebbe gestire i normali momenti di down della squadra - magari con decisioni difficili da prendere - avendo addosso sempre una pressione mostruosa.

Anche il fatto di affiancargli una persona esperta non cambierebbe molto la situazione, temo.

Link to comment
Share on other sites

5 minuti fa, Orgoglio Triestino ha scritto:

Secondo la Prealpina la Pallacanestro Trieste, visti i problemi a trovare risorse ed un budget inferiore alle aspettative, potrebbe concretamente affidare la panchina a Legovich.

Da parte mia temo che, con tutto il bene e la stima che ho per Marco, possa essere un grosso azzardo farlo ora. Non solo per i risultati in campionato e l'eventuale salvezza da raggiungere, ma anche e soprattutto per la sua carriera.

In primis perchè sarebe il suo primo anno da coach in A senza avere l'esperienza di 2/3 anni di gestione di un campionato intero da solo in qualche lega minore.

In secundis perchè potrebbe avere a disposizione una squadra molto risicata in termini di qualità (inoltre il 5+5 che non concede errori nella costruzione del roster), con una situazione societaria non certo solidissima economicamente, le solite alte aspettative dei tifosi e soprattutto , trattandosi della sua città, dovrebbe gestire i normali momenti di down della squadra - magari con decisioni difficili da prendere - avendo addosso sempre una pressione mostruosa.

Anche il fatto di affiancargli una persona esperta non cambierebbe molto la situazione, temo.

Lego ha molta esperienza come II e I assistente in L2 ed in LBA, vive di pallacanestro 24 7 365, conosce alla perfezione l'ambiente, lavora moltissimo sempre comunque.

Da triestino amante della Pallacanestro mi entusiasma l'idea di vederlo come head coach della nostra squadra.

Fondamentali saranno gli assistenti, necessariamente due, ed il supporto, costante e solido, della società. 

 

Link to comment
Share on other sites

4 minuti fa, Gianca.81 ha scritto:

Fondamentali saranno gli assistenti, necessariamente due, ed il supporto, costante e solido, della società. 

 

Fondamentale sarà la squadra che avrà a disposizione. Semprecchè non sia incaricato di traghettare in A2, ma esordire con una retrocessione, seppur scritta, non è il massimo

  • Mi piace 1
Link to comment
Share on other sites

7 minuti fa, a vanvera ha scritto:

Fondamentale sarà la squadra che avrà a disposizione. Semprecchè non sia incaricato di traghettare in A2, ma esordire con una retrocessione, seppur scritta, non è il massimo

Dopo quanto ha lavorato, e lavora, per così tanti anni, nella sua città, nella squadra che tifa, alla prima esperienza da head coach, ossia ciò che desidera diventi il suo lavoro, Lego accetterebbe un incarico del genere?

MAI (secondo me)

 

  • Mi piace 1
Link to comment
Share on other sites

2 minuti fa, Gianca.81 ha scritto:

Dopo quanto ha lavorato, e lavora, per così tanti anni, nella sua città, nella squadra che tifa, alla prima esperienza da head coach, ossia ciò che desidera diventi il suo lavoro, Lego accetterebbe un incarico del genere?

MAI (secondo me)

 

Me lo auguro!!!

Link to comment
Share on other sites

26 minuti fa, Gianca.81 ha scritto:

Lego ha molta esperienza come II e I assistente in L2 ed in LBA, vive di pallacanestro 24 7 365, conosce alla perfezione l'ambiente, lavora moltissimo sempre comunque.

Da triestino amante della Pallacanestro mi entusiasma l'idea di vederlo come head coach della nostra squadra.

Fondamentali saranno gli assistenti, necessariamente due, ed il supporto, costante e solido, della società. 

 

oddio su che 5 anni siano "molta esperienza" ho qualche perplessità

Link to comment
Share on other sites

41 minuti fa, a vanvera ha scritto:

Fondamentale sarà la squadra che avrà a disposizione. Semprecchè non sia incaricato di traghettare in A2, ma esordire con una retrocessione, seppur scritta, non è il massimo

Ma chi può essere mai incaricato di traghettare una squadra in a2? Ma chi accetterebbe ? Non capisco neanche cosa vuol dire? Perdere apposta? Allora non serve neanche l'allenatore? 

In tanti anni,non go mai visto nessun traghettar squadre a retroceder,xe una fantasia del tifoso che possa esister robe del genere.

Edited by MangiafuocoMcrae
  • Mi piace 1
  • Grazie 2
Link to comment
Share on other sites

49 minuti fa, MangiafuocoMcrae ha scritto:

Ma chi può essere mai incaricato di traghettare una squadra in a2? Ma chi accetterebbe ? Non capisco neanche cosa vuol dire? Perdere apposta? Allora non serve neanche l'allenatore? 

In tanti anni,non go mai visto nessun traghettar squadre a retroceder,xe una fantasia del tifoso che possa esister robe del genere.

Una squadra costruita con un budget risicato che ha poche speranze di salvezza da cui ci si aspetta nulla più che una retrocessione in attesa di tempi migliori e una ripartenza da un campionato meno impegnativo economicamente come la A2, ma con nel roster alcune scommesse a basso costo che si posdono rilevare utili l'anno successivo come la definiresti? Non ti piace traghettamento? Dimmene un altro di tuo gradimento che non sia espressione di una fantasia di tifoso

Edited by a vanvera
Link to comment
Share on other sites

Ipotesi Lego indubbiamente è stimolante ma solo se accompagnata da un progetto, se così fosse allora sarebbe una mossa che verrebbe presa bene dall’ambiente e che potrebbe fungere anche da rilancio mediatico locale, se invece fosse, come prospetta la Prealpina, una mossa perché siamo alla canna del gas allora sarebbe una scelta scellerata per noi e per la carriera di Lego.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

  • Mi piace 3
Link to comment
Share on other sites

Ragazzi oggi cosa avete pessimismo cosmico, intolleranza al basket. Scusate entra un nuovo socio con riferimento a Trieste sia come azienda sia come agganci e la sua aspirazione sarebbe quella di retrocedere, fare una squadra che voi immaginate già retrocessa, pensate solamente un pochino con il cervello : Ghiacci che si è battuto in quest'anni per salvare bilanci e squadra resta a Trieste confidando di retrocedere ma che film avete visto o che sostanze prendete. Poi se ci si salva o si retrocede vedremo la squadra allestita ma un po di pasienza

Link to comment
Share on other sites

Siccome poco o nulla trapela su progetti, ambizioni, programmi si valutano e si sprimpno, in un forum di tifosi, in un thread concernente il futuro, al 5 giugno (e non 5 gennaio), in mancanza di altro, le sensazioni e, personalmente, non le ho positive

  • Mi piace 1
Link to comment
Share on other sites

17 minuti fa, marcoc ha scritto:

Ragazzi oggi cosa avete pessimismo cosmico, intolleranza al basket. Scusate entra un nuovo socio con riferimento a Trieste sia come azienda sia come agganci e la sua aspirazione sarebbe quella di retrocedere, fare una squadra che voi immaginate già retrocessa, pensate solamente un pochino con il cervello : Ghiacci che si è battuto in quest'anni per salvare bilanci e squadra resta a Trieste confidando di retrocedere ma che film avete visto o che sostanze prendete. Poi se ci si salva o si retrocede vedremo la squadra allestita ma un po di pasienza

Infatti io resto convinto che se uno entra come socio non lo fa per rovinarsi il nome o per indebolire una società. O entra per rafforzarla o rinuncia ad entrare. E questo vale in qualsiasi campo. Non solo in una società di basket professionistico.

Link to comment
Share on other sites

41 minuti fa, a vanvera ha scritto:

Una squadra costruita con un budget risicato che ha poche speranze di salvezza da cui ci si aspetta nulla più che una retrocessione in attesa di tempi migliori e una ripartenza da un campionato meno impegnativo economicamente come la A2, ma con nel roster alcune scommesse a basso costo che si posdono rilevare utili l'anno successivo come la definiresti? Non ti piace traghettamento? Dimmene un altro di tuo gradimento che non sia espressione di una fantasia di tifoso

I tifosi di Varese ad una certa definivano vertemati come traghettatore per  accontentare la società e scendere in a2,infatti la società lo ha cacciato e con una squadra inguardabile si è salvata, quella fu esattamente una fantasia da tifosi,una roba che non esiste appunto. Un altro esempio Pol esser Galbiati, traghettatore per 2anni di fila con Cremona. Un anno ha fallito e uno no. 

Edited by MangiafuocoMcrae
Link to comment
Share on other sites

Solo in un paese geriatrico come l’Italia in cui si è Gggiovani a 40 anni e si va a fare l’aperitivo si può guardare ad un 28enne con 200 e passa panchine con terrore….

Gli metti vicino uno di esperienza per gestire gli aspetti relazionali che a 28 hai meno che a 50 e via andare, troverei la cosa molto interessante qualsiasi sia il background economico.

Link to comment
Share on other sites

Una cosa sono le panchine fatte da assistente, una cosa sono quelle da head coach in serie A (una quest'anno), dove oltre a preparare le partite in settimana devi prendere le giuste decisioni durante la singola gara, inventarti le contromosse per bloccare gli avversari, magari cambiare le gerarchie in campo o strigliare i tuoi giocatori per stimolare una reazione.

Le dinamiche sono molto diverse, e soprattutto si parla di un'intera stagione, non di soli 40 minuti.

Se le cose si mettono male nel corso del campionato, cosa quasi naturale e che spesso accade, devi affrontare il gruppo, magari anche a muso duro, e dimostrare il carisma necessario per farti seguire dai tuoi uomini senza se e senza ma.

 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, poli ha scritto:

Solo in un paese geriatrico come l’Italia in cui si è Gggiovani a 40 anni e si va a fare l’aperitivo si può guardare ad un 28enne con 200 e passa panchine con terrore….

Gli metti vicino uno di esperienza per gestire gli aspetti relazionali che a 28 hai meno che a 50 e via andare, troverei la cosa molto interessante qualsiasi sia il background economico.

Ma noooooo.....noi lo mandiamo a fare esperienza con una squadra tutta sua per 4/5anni e poi lo richiamiamo...perché dovrebbe dire di no? 

Link to comment
Share on other sites

1 minuto fa, Orgoglio Triestino ha scritto:

Una cosa sono le panchine fatte da assistente, una cosa sono quelle da head coach in serie A (una quest'anno), dove oltre a preparare le partite in settimana devi prendere le giuste decisioni durante la singola gara, inventarti le contromosse per bloccare gli avversari, magari cambiare le gerarchie in campo o strigliare i tuoi giocatori per stimolare una reazione.

Le dinamiche sono molto diverse, e soprattutto si parla di un'intera stagione, non di soli 40 minuti.

Se le cose si mettono male nel corso del campionato, cosa quasi naturale e che spesso accade, devi affrontare il gruppo, magari anche a muso duro, e dimostrare il carisma necessario per farti seguire dai tuoi uomini senza se e senza ma.

 

In base all'ultima tua affermazione,chiedo:  secondo te, nell'anno Elmore/Justice,ED,con 30anni di esperienza da allenatore è riuscito a farsi seguire dal gruppo senza se e senza ma? Il carisma non ce l'hai a 60 anni o a 30. O ce l'hai o non c'è l'hai

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Orgoglio Triestino ha scritto:

Una cosa sono le panchine fatte da assistente, una cosa sono quelle da head coach in serie A (una quest'anno), dove oltre a preparare le partite in settimana devi prendere le giuste decisioni durante la singola gara, inventarti le contromosse per bloccare gli avversari, magari cambiare le gerarchie in campo o strigliare i tuoi giocatori per stimolare una reazione.

Le dinamiche sono molto diverse, e soprattutto si parla di un'intera stagione, non di soli 40 minuti.

Se le cose si mettono male nel corso del campionato, cosa quasi naturale e che spesso accade, devi affrontare il gruppo, magari anche a muso duro, e dimostrare il carisma necessario per farti seguire dai tuoi uomini senza se e senza ma.

 

Prerogative, impegno, doveri e qualità necessarie sono molto diverse tra assistente ed head coach. È fattuale.

Sarà fondamentale nel caso capire chi saranno i due assistenti.

Piuttosto che andare in cerca di un allenatore low cost in giro per il mondo, condivido l'incarico a Legovich. La società dovrà essere SEMPRE al suo fianco.

Passare da assistente ad head coach ti porta ad un livello di aspettative, pressioni e tensione diverse. L'aria si fa terribilmente più rarefatta.

Con sacrificio, perché purtroppo il COVID-19 ha picchiato durissimo nel mio settore lavorativo, ove dovesse realmente essere Lego il nostro head coach mi abbonerò convintamente.

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, MangiafuocoMcrae ha scritto:

In base all'ultima tua affermazione,chiedo:  secondo te, nell'anno Elmore/Justice,ED,con 30anni di esperienza da allenatore è riuscito a farsi seguire dal gruppo senza se e senza ma? Il carisma non ce l'hai a 60 anni o a 30. O ce l'hai o non c'è l'hai

Alla fine il suo carisma ED lo ha dimostrato, anche quell'anno: il chiarimento nello spogliatoio - anche drammatico per certi versi - e tra tifosi e società c'era stato, e la squadra si era ricompattata.

E tagliando Elmore, limitando l'irruenza in campo di Dequan Jones e inserendo nuovi giocatori, la squadra nelle ultime partite era ben diversa nello spirito rispetto alle precedenti (memorabile la vittoria in casa di 1 contro Sassari con quel canestro da 3 di Fernandez allo scadere), e sono strasicuro che ci saremmo salvati anche senza l'interruzione del campionato.

Che poi... tra tutte le annate più che positive di Dalmasson qui a Trieste, sempre quella con budget limitato subito dopo il traumatico patatrac Alma e con l'ingaggio sbagliato di Elmore e Justice (in due ruoli fondamentali) e di Mitchell (centro titolare) si tira fuori per dimostrare gli aspetti negativi della sua guida in panchina? 

  • Mi piace 1
Link to comment
Share on other sites

A parte che al momento xe tutte ciacole a svodaz...
e magari iera solo una mia impression, ma... decima de campionato, Trieste vs Trento... a 12,4 dalla fine Desonta Stocazzo Bradford scula da 3, sukemo de 4 ... 12,4 secondi a finire...  l'unico reattivo xe Legovic che ciama el time out... !
Ripeto, magari xe stada solo una mia impression, dovuda all'entusiasmo del buzzer-beater de Grazulis, ma là go avudo la netta sensazion che Legovic xe un grande!

lego.png

Edited by Shatterd Backboard
Link to comment
Share on other sites

7 ore fa, Gianca.81 ha scritto:

Lego ha molta esperienza come II e I assistente in L2 ed in LBA, vive di pallacanestro 24 7 365, conosce alla perfezione l'ambiente, lavora moltissimo sempre comunque.

Da triestino amante della Pallacanestro mi entusiasma l'idea di vederlo come head coach della nostra squadra.

Fondamentali saranno gli assistenti, necessariamente due, ed il supporto, costante e solido, della società. 

 

Nel caso fosse vero, sono curioso di vedere quale assistente esperto sarebbe capace di accettare un ruolo di secondo ad un esordiente. Forse qualcuno dalla serie B, perché di A1 o A2 dubito 

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Orgoglio Triestino ha scritto:

Alla fine il suo carisma ED lo ha dimostrato, anche quell'anno: il chiarimento nello spogliatoio - anche drammatico per certi versi - e tra tifosi e società c'era stato, e la squadra si era ricompattata.

E tagliando Elmore, limitando l'irruenza in campo di Dequan Jones e inserendo nuovi giocatori, la squadra nelle ultime partite era ben diversa nello spirito rispetto alle precedenti (memorabile la vittoria in casa di 1 contro Sassari con quel canestro da 3 di Fernandez allo scadere), e sono strasicuro che ci saremmo salvati anche senza l'interruzione del campionato.

Che poi... tra tutte le annate più che positive di Dalmasson qui a Trieste, sempre quella con budget limitato subito dopo il traumatico patatrac Alma e con l'ingaggio sbagliato di Elmore e Justice (in due ruoli fondamentali) e di Mitchell (centro titolare) si tira fuori per dimostrare gli aspetti negativi della sua guida in panchina? 

Ho citato ED solo perché era un esempio che avevamo in casa,nessun altro motivo.e  cmq era già stato esonerato, e poi rimasto come sappiamo già. In ogni caso ripeto,avere 15/20 anni di panchina non vuol dire avere carisma,ci sono allenatori che non ce l'hanno a 60anni e altri che c'è l'hanno a 28. 

Galbiati ha vinto una coppa Italia a 34 partendo da assistente di recalcati e sostituendolo,per esempio.senza praticamente mai allenato una squadra senior prima di allora.

Edited by MangiafuocoMcrae
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...