Jump to content

I suntini sandrini di martedì 3 ottobre 2023


Recommended Posts

MARTEDÌ 3 OTTOBRE 2023

- Sarà una Triestina completamente diversa rispetto al campionato, quella che scenderà in campo stasera allo stadio Gavagnin-Nocini per sfidare la Virtus Verona nel primo turno eliminatorio della Coppa Italia di serie C (inizio ore 20.45, arbitra Nigro di Prato). Come scrive oggi Antonello Rodio su "Il Piccolo", era prevedibile che in una partita che arriva in mezzo a tanti pressanti impegni di campionato, e che potrebbe anche andare per le lunghe (in caso di pareggio sono previsti due tempi supplementari di 15 minuti ciascuno ed eventualmente i calci di rigore) ci sarebbe stata una robusta rotazione dei giocatori. Una scelta confermata dallo stesso Tesser: «Contro la Virtus - dice il tecnico alabardato - la squadra cambierà totalmente perché la vera problematica è che veniamo da un inizio campionato in cui non ci siamo mai fermati. Ho deciso pertanto per un ampio cambiamento della formazione, e il motivo è che siamo sempre in giro, che giochiamo con grande continuità e viaggiamo tantissimo. Per i motivi che tutti sanno, anche quando si gioca in casa si rientra di notte, c'è poco tempo per recuperare. Anche domani rientreremo alle tre del mattino e poi venerdì si riparte per la partita col Renate. Tra l'altro lasciamo a casa D'Urso e Lescano: il primo ha un problemino in via di risoluzione mentre l'attaccante era molto affaticato dopo la partita col Mantova». Detto questo, mister Tesser non snobba assolutamente la Coppa Italia, anzi si aspetta da chi scenderà in campo e avrà l'occasione di farsi notare, una grande prova. Perché anche da questi passaggi cresce la mentalità del gruppo: «La Coppa Italia non è un intoppo - spiega il tecnico – ma si tratta di partite in cui crescere, c'è bisogno anche di queste nel percorso e quindi va affrontata con la testa, l'atteggiamento e la mentalità giusti. È questo che mi preme vedere da chi scenderà in campo. La gestione del gruppo passa anche da queste occasioni in cui c'è la possibilità di fare una certa rotazione. E chi scenderà in campo sono tutti calciatori della Triestina, fanno parte della rosa, quindi non c'è nessuna differenza con gli altri. Sono ragazzi che voglio vedere e la cui condizione può così migliorare: finora hanno giocato meno ma con il prosieguo del campionato ci sarà sicuramente bisogno anche di loro e queste partite servono per farli calare nella realtà del nostro campionato». Con queste premesse, è probabile quindi che oggi ci sarà spazio per chi finora ne ha avuto poco e niente, a partire dal portiere Agostino. In difesa si vedrà sicuramente Rizzo, probabilmente con Moretti accanto a lui, mentre Ciofani e forse Kacinari (che è stato provato da laterale sinistro fin dal periodo di inizio campionato) saranno i terzini. A centrocampo il terzetto potrebbe essere formato da Fofana play con Pierobon e Germano mezzali (oppure Kacinari se verrà schierato da centrocampista), mentre davanti dovrebbero trovare spazio El Azrak, Adorante e forse Kozlowski. Di fronte all'Unione una Virtus Verona che, come ricorda Tesser, è avversario sempre ostico: «La Virtus è una squadra che sta facendo grandi cose in questi anni, an che adesso la troviamo in alto in classifica grazie a Gigi Fresco che la sta mantenendo sempre a ottimi livelli»

-  Fiducia. Gruppo. Nel vocabolario della nuova Pallacanestro Trieste sono sicuramente due tra le parole più gettonate. E l'esordio in campionato, domani sera alle 20.30 al PalaTrieste, contro Orzinuovi viene atteso con rispettosa impazienza ma soprattutto - l'abbiamo già detto? - fiducia.

Lo scrive oggi Roberto Degrassi su "Il Piccolo": gli incontri con i giocatori biancorossi si sono conclusi ieri al Double Tree Hilton con Justin Reyes e Giancarlo Ferrero, l'asse ex Varese voluto dal gm Michael Arcieri con la benedizione di coach Jamion Christian. Spiega Arcieri: «Ho un recente passato condiviso con questi ragazzi. Quando ho sentito Ferrero durante l'estate, mi aveva detto di voler fare qualcosa di speciale prima di lasciare il basket e io gli ho suggerito "Aiuta Trieste a tornare nel posto che le compete"». Un'accoppiata, quella Reyes-Ferrero, che Christian non vedeva l'ora di allenare: «Ho sempre pensato che sarebbe stato bello avere più leader in questa squadra, quando Michael mi ha parlato di Ferrero ero fermamente deciso di volerlo qui. Mi piace la versatilità che portano sul parquet, si tratta di una risorsa in più per noi».

REYES «Mi piace sentire la passione della gente, l'ho avvertita forte in questi giorni in città - spiega l'ala portoricana - Siamo consapevoli che ci aspetta un campionato duro ma sono ottimista. Arriva Orzinuovi e ritengo che possiamo avere fiducia. Miglioriamo passo dopo passo. Quando ho giocato in Supercoppa ero arrivato da poco tempo e mi sono reso conto che ad esempio in difesa la squadra giocava meglio senza di me, lavoro per inserirmi ogni giorno di più».

«Il mio ruolo preferito? Mi adatto di partita in partita a seconda di quello di cui c'è bisogno. Sono sempre stato abituato a giocare in modo fisico, praticavo anche il football americano, all'università ho giocato da ala forte, ho valorizzato l'atletismo e ho scoperto che con il mio metro e 93 posso schiacciare e lottare con i "4" o i "5". Acquisita questa attitudine ho lavorato per sviluppare anche altre caratteristiche, migliorando il tiro ad esempio. I Mondiali? Un'esperienza divertente, mi hanno dato l'opportunità di viaggiare e soprattutto ho potuto venire a contatto con sistemi di gioco diversi da quelli che ho sempre frequentato».

FERRERO Giancarlo Ferrero è una delle pedine biancorosse di maggior esperienza. Sa leggere ogni situazione con lucidità. «Sono grato alla società e alla città per come mi hanno accolto. Il mio obiettivo è restituire tutto quello che ho ricevuto in questo mese e mezzo, sento che possiamo davvero fare qualcosa di bello. Abbiamo voglia di iniziare, Orzinuovi, l'avversario di domani, è ostico ma è importante che ci concentriamo su di noi. Coach Christian l'ha detto e io lo sottoscrivo: ciascuno di noi dieci giocatori della rosa può essere protagonista».

«Io un leader? Sono in buona compagnia allora. Ho visto tanti ragazzi del nostro gruppo completamente coinvolti e dediti alla causa biancorossa. Deangeli è una persona d'oro, avevo giocato con Bossi e Ruzzier e percepisco la loro triestinità e quanto sia importante questa stagione. Vedo Michele e lo avverto nitidamente».

Al PalaTrieste ha lasciato uno dei ricordi più dolorosi per il pubblico biancorosso da parte di un giocatore avversario italiano. Ventotto punti con 6/7 da tre nel febbraio di quattro anni fa. Una bella responsabilità, dovrà farsi perdonare...«Sono consapevole che non ho molti anni da spendere come giocatore ed è vera la promessa fatta ad Arcieri. Voglio chiudere realizzando qualcosa di bello e per riuscirci a Trieste darò il mio meglio».

Trieste l'ha convinta non solo per il ruolo del gm Arcieri o per ritrovare l'ex compagno di squadra Reyes. Qui ha potuto riabbracciare una persona cui è legato da una profonda amicizia, il suo predecessore come capitano a Varese. «Per me Daniele Cavaliero significa famiglia. Abbiamo condiviso un anno e mezzo a Varese, a pensarci relativamente breve come periodo, lui era il mio capitano. Lasciò Varese perchè voleva tornare a giocare qui, nella sua città. In questi anni siamo sempre rimasti in contatto, un amico vero. Fantastico poterlo vedere adesso qui, ogni giorno in palestra»

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×