Jump to content

La mia intervista a Tosolini


Recommended Posts

Nei giorni scorsi ho avuto modo di chiacchierare con Maurizio Tosolini: stamane sono riuscito a ottenere un'intervista a 360° su quanto sta accadendo alla Pallacanestro TS in questo periodo tormentato. Ho cercato di indicare gran parte dei dubbi che affliggono i tifosi giuliani.

Ringrazio il ds per aver cortesemente e prontamente risposto alle mie domande :piacere:

----

Sig. Tosolini, siamo a quota 7 sconfitte consecutive in sette gare.

Aldilà degli infortuni innumerevoli e gravi che si sono succeduti negli ultimi tempi, si aspettava un inizio di stagione così negativo?

Assolutamente no. Ci immaginavamo una partenza in salita, sia per le difficoltà del calendario, sia per il fatto di avere tanti giovani in squadra ai quali dare il tempo di crescere. Purtroppo questa è la storia di un progetto di squadra mai nato. Con Ancona, dopo le note traversie precampionato e già senza Cigliani (giovane, ma già ottimo tiratore e fisico pazzesco) eravamo tranquillamente in testa a metà tempo per 43 a 36, poi la rottura del tendine di Losavio ha complicato maledettamente le cose e da lì si sono succeduti tutta una serie di guai.

Dall'inizio dell'anno si sono visti molti infortuni. Ritiene ci sia stato qualche errore nella preparazione atletica o nella gestione dei carichi di lavoro durante gli allenamenti? O è solo la sfortuna che ha bersagliato il roster triestino?

Proprio l’altro giorno il pres di Gorizia mi ha ringraziato dicendomi che il preparatore che avevo loro consigliato sta facendo un lavoro enorme ricostruendo giocatori che sono arrivati rotti e che ora stanno gradualmente trovando la condizione. Noi, invece, avevamo dei giocatori senza traumi particolari ed, invece, nel corso di questi 3 mesi abbiamo dovuto sopportare più infortuni che negli ultimi due anni messi assieme.Io, per mia natura e credo che ciò sia provato dal mio comportamento in questi 2 anni e mezzo non sono solito affibbiare le colpe a destra e a manca e non lo farò in questa circostanza ben conoscendo le doti e le capacità del ns preparatore atletico Paoli, soprattutto paragonata alla mia ignoranza in materia. Credo non ci siano dubbi sulla sfortuna. Se poi fortuna e sfortuna ognuno di noi se la merita, allora questo è un altro paio di maniche ……… .

In campo si vede spesso che i giocatori non sono riusciti a creare un gruppo compatto, neanche tra quelli che si sono sempre allenati e non hanno avuto problemi di infortuni. Cosa manca per creare quella coesione che può aiutare la squadra nei momenti più difficili? Servirebbe forse un giocatore come lo è stato Pino Corvo che funga da collante per l'intero gruppo?

Non per insistere ma nessun giocatore è stato esente da infortuni. Quello che manca di più è Losavio, non tanto per i 10/15 minuti che avrebbe potuto dare, condensati da 3-4 rimbalzi, uno sfondamento subito etc etc, quanto per il lavoro che avrebbe fatto e che aveva iniziato a fare negli spogliatoi, ovvero due zighi quando serviva, un calcio nel sedere a qualcuno e una pacca, sempre nel sedere, a qualcuno altro: in poche parole creare gruppo.

Negli ultimi tempi si sono spesi discorsi lunghi e tormentati su Furio Steffè. I tifosi si stanno dividendo: c'è chi vede il cambio di allenatore come unica chance per un veloce cambio di rotta, e chi invece difende Steffè affermando che gran parte delle responsabilità della situazione odierna non portano necessariamente la firma del coach. Lei cosa ne pensa?

L’altro giorno in spogliatoio ho detto che in dieci anni io ho esonerato solo un allenatore(Bosini, perché non otteneva risultati pari al valore della squadra che aveva in mano, ma soprattutto perché parlava male del suo presidente in spogliatoio)e che se qualcuno giocava contro il coach poteva lasciare la borsa e andarsene. Meglio cinque che remino dalla stessa parte piuttosto che sette o otto di cui uno o due contro. Le responsabilità della situazione odierna portano la firma di tutti, mia, del coach, dei giocatori, dello staff tecnico etc etc.

Alla luce di quanto visto sinora, quale reputa il miglior acquisto estivo di Trieste? E quale quello meno positivo?

E’difficile, per non dire impossibile dirlo ora, nella attuale situazione di classifica. Se sono costretto a rispondere dico da un lato Valentini, che si stava dimostrando lineare, costante, può giocare n. 2, 3 e all’occorrenza anche 4; per contro è palese che Drusin è quello che stà incontrando più difficoltà. Al di là della parvenza fisica, lui è sempre stato così, preoccupa la sua condizione mentale; è difficile spiegare come un giocatore abituato a fare quasi venti di media sia invece così in difficoltà.

Rimpiange di non avere ancora a Trieste un giocatore del recente passato biancorosso?

Qui vorrei fare una premessa e una domanda. Voi credete che noi non abbiamo pensato ai giocatori che voi di volta in volta indicate? Fra l’altro sarebbe più facile anche per noi giustificare eventuali flop in nome della triestinità; io, poi, anche precedentemente a Gorizia avevo dato spazio a triestini – vedi Giacomi, Rezzano, Budin,Becera, Franceschin etc etc – Rispondo che a volte motivi tecnici ci hanno spinto a bypassare alcuni nomi e altre volte sono stati motivi diversi. Abbiamo appurato ad esempio che spesso quelli contattati venivano a Trieste solo se davamo gli stessi soldi – non un euro in meno – di altre società e poi quasi tutti chiedono la casa perché abituati a vivere fuori casa, non vogliono tornare magari con i genitori. Mi è dispiaciuto quest’estate quando stavamo per chiudere con Gori. Prima ci era stato chiesto x + la casa, oppure x + y e la casa a suo carico, ci siamo poi trovati a dover accettare x+y+ la casa. Ripeto, mi è dispiaciuto, come so che è dispiaciuto anche a Gori, ma le logiche dei procuratori a volte ‘impediscono’ ai giocatori libera scelta. Certo, con Gori si poteva chiudere a metà strada, ma poi diventa una questione di principio. Certo per Franz Gori. Ho un po’ il rammarico.

Molti tifosi lamentano una mancanza di comunicazioni e chiarezza da parte della società. Lei come risponde?

Io posso solo dire una cosa: l’Acegas ha diminuito il suo contributo, ma resta credo il primo sponsor dal punto di vista remunerativo fra tutti quelli di serie B. Ha garantito la sua disponibilità anche su base pluriennale, ma certo non fa piacere alla società, ma anche alla presidenza essere criticati perché non si fa di più. Credo che sia più facile criticare chi già dà o fa rispetto a quelli che, invece, non fanno. Nelle altre società ci sono sponsor principali che mettono il 50% il 70% di quello che è il contributo Acegas, ma vengono affiancati da tutto un pool di imprenditori che consentono l’innalzamento del budget. Credo che noi siamo stati carenti nel presentare un progetto ritarato, pluriennale che ci consentirà di avere i prossimi anni giovani come Valentini, Cigliani, Tonetti pronti per la categoria assieme ad altri più maturi, più esperti e altri giovani ancora. In attesa, magari che il presidente possa far confluire altre risorse nella società. Vi chiedo: siete sicuri che senza Dipiazza e Paniccia ci sarebbe basket a Trieste? Ho letto in questi giorni di Fucka….. Io ho partecipato a qualche riunione: in buona sostanza il gruppo Fucka era interessato poco prima del fallimento a mettere un proprio allenatore, dei giocatori di loro interesse (naturalmente pagati), ma senza cacciare un euro.

La campagna abbonamenti non ha dato i risultati sperati. Si vede sempre meno pubblico al PalaTrieste e la sensazione è che lo zoccolo duro di spettatori, rispetto agli altri anni, sia sensibilmente calato. Secondo Lei quali sono le cause?

E’ un pò collegato alla risposta precedente. E' chiaro che i risultati non aiutano. E’ altrettanto chiaro però che una persona o una società non possono sempre accollarsi le differenze negative alla fine e quindi uno dice, io do fino a quella cifra poi arrangiatevi; non è mica scritto da nessuna parte che io devo mettere ancora di più. In questo momento servirebbe anche dal punto di vista economico una spinta per ridare entusiasmo. Sotto questo aspetto la Triestina, dove però mi permetto di dire che è più facile lavorare con contributo Lega, contributo Sky grazie alla Juventus, è riuscita a veicolare meglio il suo progetto.

Dopo l'acquisto di Marco Pilat, la società si sta già muovendo per trovare un' ulteriore pedina da inserire nel roster giuliano da gennaio in poi?

Si

Come considera la riforma dei campionati che si sta attuando?

Purtroppo (nel senso che noi in questo momento siamo preoccupati per la ns situazione di classifica) necessaria. Bisogna ridurre il numero delle squadre e risuddividerle in modo diverso. Il discorso è complesso…… Dobbiamo però renderci conto che il prodotto basket, al contrario del calcio dove se si lavora bene sia può anche guadagnare, è in perdita in partenza. Se uno lavora bene può limitare le perdite, ma qualsiasi tipo di programmazione ora prevede sempre e solo perdite e vive sulla passione di alcuni personaggi, sui progetti industriali di certi sponsor e sulla visibilità che può dare

Facciamo un passo in avanti, verso quello che potrebbe essere lo scenario futuro del basket in città. Alcuni temono, soprattutto se le cose dovessero andare male sul campo, un secondo fallimento della pallacanestro trieste. Si sente di garantire a tutti i tifosi che ci sono delle basi forti affinchè la nuova pallacanestro trieste 2004 non

corra il rischio di chiudere i battenti?

Posso garantire che non ci sono rischi di fallimento, ma le prospettive più o meno rosee sono legate al coinvolgimento di alter entità. Poi io sono una piccola ruota del carro e non posso andar oltre alla mia passione ed esperienza.

Da d.s della Pallacanestro Trieste, quale sarà la sua prossima mossa per tentare di arrestare il momento buio di questo inizio campionato?

Continuare sulla strada intrapresa ieri. Per la prima volta, dopo Ancona, ho avuto la sensazione che si poteva vincere. Se avremo un minimo di fortuna, potremo allenarci in un certo modo e i ragazzi daranno l’anima come ieri, ne usciamo…….

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 109
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Senza voler far la carogna o farghe la punta al s....o ma se questa intervista te ghe la fazevi 5 settimane fa le risposte, me dispiasi dirlo, ma penso che le iera uguali.Xe la politica che la Società ga tignudo tutta l'estate e ancora adesso, e no dirme che son cattiverioso o prevenudo, xe cusì e basta. :vino::vino:

Link to comment
Share on other sites

Grazie a Sandro per la bella intervista: credo che mai come adesso serva essere costruttivi nei confronti della squadra, continuare a criticarli sarebbe troppo facile.

Giusto quindi vedere il bicchiere mezzo pieno, e per questo condivido le parole del nostro ds.

Unico rammarico, poter leggere le parole del sig. Tosolini solo tramite un'intervista...

Link to comment
Share on other sites

L'intervista iera sai bela e grazie anche al Sig. Tosolini che ga risposto. Certo però che forsi Diego poderia anche gaver ragion... Mi ad esempio critico tanto sta società perchè secondo mi non xè stade fate le robe come doveva eser fate. Lasa perder Barbieri, Ciampi, Mariani ecc. ecc., el discorso xè che za sta estate non xè stada fata chiareza con quei inutili silenzi, e poi anche tuto el resto... Mi ad esempio l'anno scorso go sempre difeso in tuto e per tuto squadra, società e alenador, perchè ritenevo che se stava fazendo tuto el posibile per far ben. Credevo se gaveva instaurado un bon raporto società-tifosi, senza ciolte pel cul. Ma dopo sta estate me devo ricreder pesantemente. No voio sputanar o eser s*****, ma xè un dato de fato che semo nela m**** più totale, e speremo solo che qualchedun no cali l'acqua... Anche perchè poso acetar el discorso che i tropi infortuni non permeti de veder el real valor dela squadra, ma fin a un certo punto. Mi nela mia totale ignoranza e mona de tifoso qual son, quando me fazo la squadra de balon col zogheto Scudetto, zerco de farme una rosa de zogadori (pensando sempre ale mie finanze) che me dia la posibilità de soperir a eventuali infortuni e/o squalifiche de zogadori

Link to comment
Share on other sites

Bella questa intervista.Dico solo che saria stado meio dir fin dall'inizio certe cose,e come stava le robe.L'incazzatura resta,le delusioni anche,ma adesso comunque xe de far quadrato e venir fora de questa situazion.Xe triste ma per sto anno xe assolutamente de salvar la B1 e dopo se vedrà :unsure: .

Link to comment
Share on other sites

Bella questa intervista.Dico solo che saria stado meio dir fin dall'inizio certe cose,e come stava le robe.L'incazzatura resta,le delusioni anche,ma adesso comunque xe de far quadrato e venir fora de questa situazion.Xe triste ma per sto anno xe assolutamente de salvar la B1 e dopo se vedrà :unsure: .

Già, se le robe veniva dite tute e subito senza crear inutili speranze e ilusioni, no se podeva dir niente. I bori xè quei che xè, e lora andava ben tuto basta che se tentava de far comuque el masimo

Link to comment
Share on other sites

Grazie al sig. Tosolini che ga spiegado el punto de vista societario e grazie a Sandro per questa bella intervista :ehsi:

Concordo con 80 revival e con Jazz sul fatto che bisogna esser positivi, far el possibile per salvar tutto e andar avanti (vabbè che lo gavevo dito dall'inizio :D).

Quindi forza muliiiiiii :bandieraalabarda:

Link to comment
Share on other sites

Mah, dopo i meritati complimenti a Sandro e al sig. Tosolini per la disponibilità, alcune riflessioni...

Me ga piasso molto le risposte dade, ga fatto molta chiarezza. E adesso, con questa disponibilità e tranquillità palesada dallo stesso Tosolini, con le idee un po' più chiare tutti, e, IMHO, con la dimostrazione de carattere comunque dimostrada ieri, me sembra semo anche tutti noi più tranquilli e, forsi, maggiormente disposti ad aiutar questa squadra.

Me piasessi se ogni tanto, quando lo ritien opportuno, ma il più frequentemente possibile, il sig. Tosolini tornasse da queste parti a raccontarci gli sviluppi e le novità della Pall. TS

Di Valentini nell'intervista post-partida a memoria sempre Tosolini gaveva ditto che lo strappo de 4 cm xe ridotto ad 1.9, e tra un paio de settimane podessi esser de novo indrio. Ottimo! Non vedo l'ora de vederlo...

Son stado anche molto stupido dal legger che pochi (se non nessuno) dei giogadori de TS gabbi voludo ritornar qua... Onestamente non me l'aspettavo... La domanda che adesso me pongo xe: quale xe la percentuale de "colpa" de questi non-ritorni tra giocatore e procuratore? Mi onestamente penso comunque più del giocatore, perchè se ghe disi "voio andar là a qualsiasi prezzo" dubito che el procurator fazzi più de tanto casin. E de conseguenza me domando: "come mai?"

Onestamente non go capido la risposta alla domanda sulle presenze in palazzetto... in realtà i risultati degli anni scorsi iera più che buoni eppur me sembra che sia caladi anche gli abbonamenti... Non capisco cosa centra le differenze negative... Mah...

Ad ogni modo, nuovamente un grazie a Tosolini che xe un dei pochi che metti sempre, e per primo, la faccia.

:bye:

Link to comment
Share on other sites

A Tosolini diamogli atto che deve sempre confrontarsi con una delle categorie peggiori.... i procuratori... da una parte ... il budget da un altra....

Che devi esser come trovarse tra Margioglio e Vladimir Luxuria, tra incudine e martello, tra un vegetarian e mi, tra un astemio e sergio78, tra una zucheta e mi con un cortel, tra Robert Pershing Wadlow (guinness per l'omo più alto del mondo 2,72) e Sandro... :p

Link to comment
Share on other sites

bravo sandro e grazie a tosolini che se ga reso disponibile.

leggo poca autocritica però e questo me lassa poco tranquillo. credo che partir dal riconoscimento dei errori fatti saria una bona base de partenza. E inveze me par che aldilà de un accenno molto generico al fatto che i xè tutti responsabili no go letto altro. se parla sai della sfortuna e dei infortuni, invece.

me par un po pochetto vista e considerada la situazion. o no?

Link to comment
Share on other sites

Bravo Sandro e complimenti a Tosolini per disponibilità e chiarezza.

Viene un po' di amaro in bocca al pensiero che poteva esserci Gori al posto dell'inguardabile Druso...

Detto questo, la prossima volta un po' di autocritica: non si parte 0-7 (o 0-9 o quel che sarà) se non si è sbagliato qualcosa. Vero, ci sono stati tantissimi infortuni, ma alcuni acquisti si sono dimostrati totalmente errati sul piano umano ancora prima che sul piano tecnico - Lorenzetti e Drusin, tanto per non fare nomi. Fare gruppo con giocatori con questo atteggiamento certo non deve essere facile, Lo Savio o non Lo Savio.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×