Jump to content

Triestina - Sacilese


Recommended Posts

dopo il pareggio esterno l'esordio al Rocco con una Società che si sta ricostruendo dai disastri combinati degli ultimi due anni, una squadra che si sta ricostruendo in fretta e furia dai nuovi, una condizione atletica che si sta ricostruendo essendo iniziata con un mese di ritardo ed in uno stadio che si sta ricostruendo da anni di incuria sommata all'improvvido concerto ligabuesco... per avversaria una squadra sicuramente più tosta del mediocre Mezzocorona, la Sacilese che l'anno scorso è giunta ai playoff dove si è permessa se non ricordo male di sbattere fuori la corazzata Marano... un impegno duretto direi... si spera sempre nella vittoria ma io firmerei per il pareggio... anche se la Sacilese nel turno precedente si è fatta rimontare due volte dal Kras... più debole del previsto o molto forte il Kras?

Edited by morodesede
Link to comment
Share on other sites

  • Replies 141
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Molte assenze importanti nella Sacilese più che altro, strascichi dei play off dell’anno scorso, sia contro il Marano che nella sfortunata trasferta contro il Matelica persa solo ai rigori…e forse una certa sufficienza una volta andati sul 2-0. Purtroppo dovrebbero rientrare tutti. Comunque anche al Kras mancavano parecchi giocatori, ma hanno una rosa più profonda dei friulani, ed il Kras quest’anno sembra molto forte, almeno sulla carta, visto che molti giocatori sloveni non li conosciamo, ma insomma vengono sempre da una serie A. Piccolo vantaggio saranno impegnati in Coppa Italia questo mercoledì ed il campo, che sarà come minimo sconnesso del Rocco, non li faciliterà. Detto questo dov’è la penna per firmare per il pareggio?

P.S. Intorno a venerdì mattina avrò pronta la mia consueta presentazione degli avversari

Link to comment
Share on other sites

Mi non firmo lo monaco non xe mona xe la sua teoria xe giusta al rocco perderemo pochi punti.

In confronto a ti un fan de questa proprietà romana, xe un tifoso ostile...

guarda sinceramente non go capì!!! mi su una roba racontada da Guiz go fatto una battuda, ghe go da dei meridionali ignoranti se questo per ti xe tenir per sta proprietà no go altro de dir, anzi ancora una roba penso che per ti sia una roba personale contro sta proprietà e questo non te fa esser obbiettivo.

Link to comment
Share on other sites

La Sacilese è considerata da tutti gli esperti la terza forza del campionato, dopo le corazzate Padova ed Altovicentino. Reduce da una favolosa cavalcata l’anno scorso - finendo terzi, per poi addirittura eliminare l’alloraMarano ai play off, e solo arrendersi ai rigori contro il Matelica - le intenzioni per questa stagione sono quelle di puntare al colpo grosso. Proprio per questo motivo la compagine del presidente Gianpaolo Presotto non ha cambiato molto, e la scommessa più grande è stata trattenere Mister Mauro Zironelli, un giovane di 43 anni, dall’illustre passato da calciatore (Fiorentina, Chievo e Venezia in serie A nel suo curriculum), che ha allenato nei settori giovanili di Vicenza e Bassano, vincendo un titolo nazionale, e che era ambito da mezza Lega Pro, anzi ad un certo punto sembrava che il suo passaggio al Real Vicenza fosse cosa fatta, ma poi l’estroso professore ha preferito continuare nel suo progetto in terra friulana. Vivono però un momento di strano nervosismo dopo il pareggio interno col Kras, dove si sono fatti rimontare 2 gol di vantaggio (ma erano parecchi gli assenti per squalifica a causa degli strascichi dei play off) e l’eliminazione a sorpresa in Coppa Italia mercoledì scorso per opera del Tamai. Nell’allestire la rosa il DS Denis Fiorin, uno dei più scaltri di tutta la categoria, ha confermato tutti i capi saldi della stagione precedente, aggiungendo alcuni dei migliori under in circolazione e dei puntelli di categoria. Andiamo ad analizzarla.

Giocheranno con il consueto spavaldo modulo voluto da Zironelli, il 3-4-3 di olandese memoria, dove soprattutto il gioco sulle fasce e gli inserimenti dei centrocampisti possono creare parecchi scompigli agli avversari, ma il laif motive del loro gioco è di mantenere costantemente il comando delle operazioni, si tratta di una squadra “maschia”, che sa però essere micidiale nelle ripartenze. In porta quest’anno puntano su un nuovo arrivo, il giovane Alessandro Favaro (95) di scuola Udinese, dove si alternava a Scuffet come titolare della primavera, l’anno scorso alla Virtus Vecomp Verona in Lega Pro, dove però non ha giocato in prima squadra, i suoi punti di forza sono la reattività e le uscite basse, ed è sicuramente un ottimo prospetto per il futuro. La difesa a 3 sarà rivoluzionata dalla partita col Kras perché rientrano dalla squalifica 2 baluardi come Andrea Manucci (82), una lunga carriera tra serie B e C con Cremonese, Cittadella e Prato ed il perno centrale Riccardo Baggio (87), un gigante di oltre 1.90, ma dai piedi buoni, con trascorsi in C con Bassano e Feralpi Salò; ad affiancarli sarà presumibilmente confermato il gioiellino mancino di scuola Inter, ma con trascorsi anche nella primavera del Verona, Alex Mihai Biasi Manolache (96), ambito da parecchie squadre anche di categoria superiore. Resta invece al palo per un po’ di tempo Francesco Grazzolo (89), fermato da un infortunio al ginocchio.

Centrocampo a quattro dove ci potrebbe essere un ballottaggio sulla fascia destra tra Marco Pederiva (93), gran gol il suo contro il Kras al volo nell’angolino, da 4 anni a Sacile, ma l’anno scorso in prestito all’Azzanese e, più probabilmente, Mattia Craviari (95), titolarissimo la passata stagione con 30 presenze e 4 gol, un vero e proprio jolly, che può giocare in una infinità di posizioni (se il prescelto sarà Pederiva, Craviari sarà obbligatoriamente il terzo in attacco, per la regola degli under); a sinistra una delle colonne portanti della squadra quel Alessandro Beccia (85), con trascorsi a Verona, Bassano e Treviso, che con il suo mancino sapiente è in grado di tagliare le difese in 2 con le sue sgroppate sulla fascia ed i suoi cross al bacio, ma non disdegna di certo di andare al tiro, infatti per lui l’anno scorso ben 10 marcature; metronomi del centrocampo altri 2 pezzi da 90, Stefano Favret (81) ex di Bassano, Virtus Entella, Portogruaro e Mestre sempre in C, che insieme a Dal Dosso dell’Altovicentino è considerato il miglior regista del campionato, da lui prende spesso il la delle loro operazioni ed è lui che amministra il passo della gara; ad affiancarlo Andrea Boscolo Papo (90), protagonista della cavalcata trionfale del Delta Porto Tolle 2 anni fa, e reduce da un ottimo campionato, con 29 presenze e 4 gol, attenzione alle sue conclusioni da fuori, infatti è lui che spesso va a rimorchio degli attaccanti in fase offensiva. Molto ben assortito anche il trio davanti, anche se dovrebbe (e concedetemi si spera) mancare ancora per questa partita il nuovo acquisto: bomber Dario Sottovia (89) dal Marano, quindi penso che come punta centrale agirà Alberto Spagnoli (94), giovane attaccante di scuola Milan, a segno 7 volte l’anno scorso, in netta crescita e con veramente un gran potenziale essendo completo in tutti i fondamentali della punta moderna; ai suoi lati potrebbe essere utilizzato Craviari (che, come abbiamo già visto, probabilmente giocherà a centrocampo), ma penso che Mister Zironelli punterà su Jacopo Grion (94), 30 presenze e 2 gol l’anno scorso, giocatore più di quantità che di qualità; mentre sull’altro lato agirà il botto del calciomercato biancorosso (insieme a Sottovia) e cioè Marco Beccaro (89), pure lui dal Marano, dove l’anno scorso ci fece impazzire, ma dove è stato sottoutilizzato, in precedenza nel Real Vicenza dove andò a segno per 14 ben volte. Ci sono parecchie altre soluzioni a partita in corso come il difensore Peressini (96), il fantasista Cima (92), in grado di cambiare il ritmo della partita se necessario, e la punta albanese Fatmir Sakajeva (96) in prestito dal Pordenone, dove l’anno scorso con la Juniores è andato a bersaglio 25 volte.

Insomma, a leggerla così, sembrerebbe che non abbiamo la benché minima speranza, ma il calcio non è fatto solo di numeri… impegno, abnegazione, voglia di vincere spesso in questa categoria fanno la differenza ed il campo in condizioni pessime non li favorirà di certo, poi sta a noi, al pubblico del Rocco a spingere i nostri ragazzi, e se loro sono veramente così nervosi come si dice, irrtiamoli ancora di più, sarà una battaglia e che vinca il migliore - ciò speremo de no - come diseva el bon Paron…
Edited by guiz
Link to comment
Share on other sites

sono curioso di vedere con quale spirito calcheranno il Rocco i nostri al debutto, mi auguro veramente di vedere una banda di enfants terribles che sputano sangue in totale trance agonistica e sognano di arrampicarsi sulla rete della Furlan per festeggiare indiavolati. io non firmo per il pari, anche perché a inizio campionato anche la sacilese, sulla carta superiore, sarà tutt'altro che rodata.

oggi abbonamento e domenica Forza Unione!!!

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×