Jump to content

Italia-Brasile 3-2 (5 luglio 1982)


Recommended Posts

Guest massi

Che ricordi avete di 35 anni fa? Dopo Lucchese - Triestina per me quella è la 'Partita'. Una gara che non dimenticherò mai, così come quella nazionale. Una squadra condotta in panchina da un uomo che fumava la pipa: poche parole e tanto buon senso. Tornando a quel 5 luglio, ricordo un caldo pomeriggio in una casa ancora con gli scatoloni del trasloco da Trieste all'Emilia. La tensione ad ogni gol del Brasile che continuava a non darsi vinto dai gol di un Paolo Rossi scatenato e rinato dopo la nube, esagerata nella punizione, del calcio-scommesse. Io, un 11enne che guardava la sfida in piedi sul divano con un'energia mai più ritrovata mentre mio padre fumava una Malboro dopo l'altra pronto a scattare dal divano ad ogni parata di Zoff. Il grande Dino riscattò l'errore sulla rete di Socrates (gol sul suo palo) con grandi interventi nel secondo tempo. Una parata fu mozzafiato. Mancava poco alla fine ma bloccò il pallone sulla linea. Il cuore di noi italiani si fermò un attimo finché non vedemmo il direttore di gara (niente moviola nascosta allora o auricolari) tornare serenamente a centrocampo. Poi il fischio finale e la sensazione di aver fatto parte, anche se da lontano e minimamente, di qualcosa di storico. Non me ne voglia Lippi, ma per me resterà quella l'Italia Mondiale. In Germania è stato bello ma non un trionfo epico. L'Italia di Scirea, dell'urlo di Tardelli, del giovane-vecchio Bergomi, delle giocate di Conti e dell'apporto della panchina (Causio e Altobelli) prima derisa e poi rinata resterà sempre nel cuore di noi nati nel 70 o prima.

E voi cosa ricordate di quel 5 luglio e di quel Mundial?

Edited by massi
Link to comment
Share on other sites

36 minuti fa, massi dice:

Che ricordi avete di 35 anni fa? Dopo Lucchese - Triestina per me quella è la 'Partita'. Una gara che non dimenticherò mai, così come quella nazionale. Una squadra condotta in panchina da un uomo che fumava la pipa: poche parole e tanto buon senso. Tornando a quel 5 luglio, ricordo un caldo pomeriggio in una casa ancora con gli scatoloni del trasloco da Trieste all'Emilia. La tensione ad ogni gol del Brasile che continuava a non darsi vinto dai gol di un Paolo Rossi scatenato e rinato dopo la nube, esagerata nella punizione, del calcio-scommesse. Io, un 11enne che guardava la sfida in piedi sul divano con un'energia mai più ritrovata mentre mio padre fumava una Malboro dopo l'altra pronto a scattare dal divano ad ogni parata di Zoff. Il grande Dino riscattò l'errore sulla rete di Socrates (gol sul suo palo) con grandi interventi nel secondo tempo. Una parata fu mozzafiato. Mancava poco alla fine ma bloccò il pallone sulla linea. Il cuore di noi italiani si fermò un attimo finché non vedemmo il direttore di gara (niente moviola nascosta allora o auricolari) tornare serenamente a centrocampo. Poi il fischio finale e la sensazione di aver fatto parte, anche se da lontano e minimamente, di qualcosa di storico. Non me ne voglia Lippi, ma per me resterà quella l'Italia Mondiale. In Germania è stato bello ma non un trionfo epico. L'Italia di Scirea, dell'urlo di Tardelli, del giovane-vecchio Bergomi, delle giocate di Conti e dell'apporto della panchina (Causio e Altobelli) prima derisa e poi rinata resterà sempre nel cuore di noi nati nel 70 o prima.

E voi cosa ricordate di quel 5 luglio e di quel Mundial?

:ave::ave::ave:

Link to comment
Share on other sites

17 minuti fa, fp17 dice:

gioia sconfinata

credo che solo triestina-parma 1983 2-1 che sanciva dopo un bon ventennio la serie B sia stada superior per mi

eh sì! Idem.

Ruffo gaveva segnado el gol dela vitoria (dopo el vantaggio de Totò e el pareggio de Cannata su rigor) e a fine gara, coi risultati all'altoparlante:   A Carrara:  Carrarese 0 Brescia 1. La Triestina è in serie B! 

Link to comment
Share on other sites

Alle 14.00 l'esame di matematica finanziaria con il compianto Deferra. 30, ma la testa era già alla partita. Dopo l'insperata vittoria con l'Argentina una fiammella di speranza si era accesa, ma piccola perché quel Brasile sembrava la squadra più forte di sempre.. falcao Socrates Eder Zico.. chi li tiene questi?

A casa mia in prima fila sulle poltrone io e mio papà. Dietro, sul divano, mio fratello e tre amici. Nevio, Caste e Cima, me ne ricordo ancora come fosse adesso. Le urla e gli abbracci al primo gol di rapinadi Pablito, la rassegnazione al gol di Socrates, il delirio al secondo gol, l'ansia e poi lo sconforto al gollasso di Falcao.  Gentile come un tatuaggio su Zico, Cabrini a stantuffo, Conti brasileiro più dei brasiliani, Tardelli incontenibile, Scirea monumentale e poi ancora il giubilo, la piantana del salotto che cade nel casino e si rompe ma chissenefrega, Rossi di nuovo, pazzesco. E poi ancora avrei ucciso per quel gol annullato ad Antognoni noooooo... e Zoff sulla linea all'ultimo minuto, pazzesco,  incredibile, orgasmico. . Vai, tutti in strada è la festa spontanea più incredibile che io ricordi, c'erano tutti quella sera in piazza.

LA PARTITA, poco da fare. La più grande emozione calcistica della mia vita.

Link to comment
Share on other sites

Guest massi

Da brividi il racconto di Gimmi. Certi ricordi sono senza tempo rimangono davvero scolpiti nella memoria. Ricordo tutto il contorno di quella partita come fosse ieri...  anche la faccia del vigile che voleva multare tutti per gli strombazzamenti per le strade... 

Link to comment
Share on other sites

Mi me ricordo Con Brasile e Argentina in  TV posta nell'ala destra della Galleria Tergesteo. Poi con la Polonia in un bar. La finale coi tedeschi a casa de un mio amico. Un vero patimento perchè a lui no ghe fregava niente dela partida e sua mama secada che la vardavimo. Alla fine prima de andar fora ghe domando se el gaveva una bandiera e lui cossa el me da? Una bandiera de Siena!  Bon, nell'ocasion bona anche quela... Me ricordo de uno a Barcola che fumava due sigarette contemporaneamente ficade nel naso!  Dopo un poco robe che bruso el motor dell'auto perchè a furia d sonar el clacson gavevo brusado el fusibile che iera el stesso dela ventola! A proposito de strombazar per la strada....

Link to comment
Share on other sites

Guest massi

Hit Parade estiva : partite incancellabili

1 - Lucchese - Triestina 3-3 - 10 giugno 2002

2 - Italia - Brasile 3 - 2 - 5 luglio 1982

3 - Triestina Siena  - 29 dicembre 2002

Link to comment
Share on other sites

Triestina - Siena era il 6 gennaio 2003 se non ricordo male :)

In ogni caso per me che nel 1982 (e 83) ero piccolino e lontano da Trieste, per me Lucchese - Triestina resta LA PARTITA. E per quanto riguarda la nazionale Italia - Germania del 2006, mentre da milanista dico il derby vinto 3-2 dopo lo 0-2 nel primo tempo.

Link to comment
Share on other sites

però ve poderà sembrar incredibile ma giuro che al momento no me ricordo dove e con chi go visto quella finale, tanto iero immerso nella tv e el contorno no esisteva

mentre ricordo perfettamente la citada (da bunk) italia germania '70: sedicenne, solo davanti la tv, da mezzanotte in poi, mio pare lavorava de notte e mia mare in letto che ogni tanto la se alzava a zigarme se iero matto a far tutto quel casin a quelle ore (ora pianzendo, ora zigando, ora esultando)

Link to comment
Share on other sites

Italia-Brasile... la piu' grande partita di sempre della nazionale, penso, vinta in maniera meritatissima contro una formazione di extraterrestri

Ricordo di essere tornato da Barcola pochi minuti prima dell'inizio, si giocava alle 5... caldo pazzesco sia a Trieste e soprattutto al Sarria', 38 gradi dicevano

Credo che sul colpo di testa di Oscar al 90' con Zoff che inchioda la palla sulla linea si sia fermato il battito cardiaco di un'intera Nazione...

Link to comment
Share on other sites

5 minuti fa, roberto dice:

Triestina - Siena era il 6 gennaio 2003 se non ricordo male :)

In ogni caso per me che nel 1982 (e 83) ero piccolino e lontano da Trieste, per me Lucchese - Triestina resta LA PARTITA. E per quanto riguarda la nazionale Italia - Germania del 2006, mentre da milanista dico il derby vinto 3-2 dopo lo 0-2 nel primo tempo.

Sicuro! Se non puoi ricordare quel 1983 non puoi che ricordare Lucchese - Triestina

Link to comment
Share on other sites

17 minuti fa, fp17 dice:

però ve poderà sembrar incredibile ma giuro che al momento no me ricordo dove e con chi go visto quella finale, tanto iero immerso nella tv e el contorno no esisteva

mentre ricordo perfettamente la citada (da bunk) italia germania '70: sedicenne, solo davanti la tv, da mezzanotte in poi, mio pare lavorava de notte e mia mare in letto che ogni tanto la se alzava a zigarme se iero matto a far tutto quel casin a quelle ore (ora pianzendo, ora zigando, ora esultando)

Solo per "fapunteggiare", non era la finale, ma il secondo girone eliminatoria ... ;)

Link to comment
Share on other sites

Ero piccolo ricordo il sole di quel giorno e la bandiera tricolore imbracciata e giù di corsa a festeggiare con gli altri coetanei.

Molto più "maturo" e entusiasmante il 3-3 di Lucca .... Il palo di Carruezzo , l immagine di Venturelli che esce espulso ed il ricordo che ho netto di aver pensato , in quel momento, " oggi vinciamo noi", la gioia immensa e le lacrime , tante... Ho ancora la cassetta che uscì col Piccolo da qualche parte ma nn ho più un videoregistratore in casa per vederla.

Penso che Lucchese Triestina del 2002 sia "la partita" e potrebbe benissimo entrare nella top 10 delle partite più drammatiche nella storia del calcio mi pare assurdo che la ricordiamo solo noi tifosi dell' Unione... Dovrebbero vederla tutti quella partita.

Smetto di scrivere... Ho gli occhi lucidi e sono in sala con mia moglie vicino che guarda la TV ...mi vergogno un po' , se si accorge che mi viene da piangere dovrei poi spiegarle il perché....

 

Edited by Erreemme
Link to comment
Share on other sites

Guest massi

Io recentemente ho acquistato un videoregostratore esclusivamente per rivedere la cassetta uscita con il Piccolo su Lucchese - Triestina. Ricordo turto di quel giorno. La pioggia battente fino in Toscana. L'Alfa rossa che borbotta per i troppi km fatti per amore dell'Unione. Il pranzo mangiato velocemente per entrare presto in curva. Il gol di Del Nevo che sembra poter aprire le danze della festa. Marianini non ci sta è indemoniato.  La stanchezza sul 3 a 1. La rinascita a suon di gesti dell'ombrello alla tribuna lucchese dopo il flop di Carruezzo. Mio padre che già non stava bene (morì l'anno dopo a novembre con la Triestina lanciata nei quartieri alti dai gol di Fava) ma aspetta da casa notizie. Si è dimenticato dei supplementari e promuove con disperazione la Lucchese in B dopo il 90esimo. Rompo a tutti perché voglio il mio amico MirKo in campo, ma attorno mi dicono che el xe vecio. Entra Gube. Fa una finta tira, tira, ora tira. Rigore! La mia ex moglie piange non guarda il penalty tirato in modo preciso come un compasso da Gennari. Sembra la moviola e non entra mai, ma poi la rete sotto la nostra curva si gonfia. Poi Pagotto tra sangue e parate. Boscoleto sembra in guerra. Gube vede Ciullo che chiude la bocca allo stadio toscano. Ora ci siamo solo noi. E se stanote mi ciapo una sirena. Chiamo mio padre ignaro di tutto e gli dico siamo in B e lui: che mona che son diventato,  iera i supplementari. Abbraccia sua madre urlando: semo in B, no iera finida. I greghi ghe la ga fata. Mi metto il maglioncino alla rovescia. Mi siedo e chiedo di restare ancora un pochino. Voglio capire se è tutto vero. Berti! Berti! Berti!

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×