Jump to content

I suntini sandrini di lunedì 3 giugno 2019


Recommended Posts

LUNEDI' 3 GIUGNO 2019

- Costantino-Granoche e per la Triestina è finale play-off contro il Pisa (mercoledì in Toscana, domenica prossima al Rocco la gara di ritorno): il 2-0 sulla Feralpisalò, davanti a quasi 9000 persone, viene salutato naturalmente con gioia da parte di Massimo Pavanel a fine match. «Devo fare veramente i complimenti ai ragazzi, perché non era affatto una partita facile. Ora ci giocheremo la serie B fino al novantesimo dell'ultima gara, era il nostro obiettivo e ci siamo riusciti. Abbiamo giocato contro un avversario molto forte ed è stata una grande impresa. Siamo stati bravi in tantissime cose ed è venuta fuori la partita che volevamo».La Triestina, rispetto a Salò, ha infatti tenuto un buon ritmo anche nella ripresa. Merito anche di una condizione atletica che sta crescendo: «Sapevamo che stavolta sarebbe andata sicuramente meglio rispetto a mercoledì - afferma il tecnico alabardato - ora credo che andrà ancora meglio e soprattutto stiamo recuperando giocatori. Si sono già visti Malomo e Beccaro, anche se Codromaz è stato davvero fantastico. E anche Mensah sta meglio. Rispetto a mercoledì scorso non abbiamo mai smesso di giocare, siamo riusciti a uscire bene anche fraseggiando, poi loro si stavano giocando il tutto per tutto ed è ovvio che qualcosa concedi».Pavanel infatti rende merito agli avversari: «Offredi è stato davvero bravo in più occasioni. Loro hanno avuto le loro occasioni ma non le hanno concretizzate e per quanto fatto avrebbero sicuramente meritato una rete. E lì poteva cambiare la partita. Ma anche noi avremmo dovuto raddoppiare subito su quel contropiede dopo il primo gol. Nel primo tempo in effetti arrivavamo sempre un pelo tardi sulla destra e loro riuscivano a mettere palloni pericolosi nel mezzo. Dovevamo bloccarli un po' prima, ci siamo riusciti meglio poi on Mensah». A livello di singoli, oltre a Offredi una menzione è d'obbligo anche per Procaccio: «Gli faccio ancora i complimenti, non è facile trovare un 1996 così, credo sia la miglior sorpresa del campionato: ha dimostrato tecnica, controllo della palla, posizionamento tra le linee, ora basta perché altrimenti si monta la testa».

- Sul numero odierno di  City Sport c'è un'intervista al gm della Pallacanestro Trieste Mario Ghiacci: “I cambiamenti per causa di forza maggiore hanno responsabilizzato tutta la nostra struttura, sia societaria che tecnica, a raggiungere ugualmente gli obiettivi prefissati. Partivamo da una salvezza tranquilla, ci siamo migliorati in corso d’opera grazie alla copertura di Alma che si era posta traguardi ambiziosi. Dopo quanto è successo, abbiamo lavorato tutti all’unisono, dai soci allo stesso Gianluca Mauro, per arrivare in fondo al campionato senza ulteriori sussulti negativi”. Un compito non facile il vostro, specie per chiudere l’anno e soprattutto per proiettarsi verso il futuro. “Impegnativo raccogliere 700 mila euro in due mesi per completare questa stagione, sicuramente molto più impegnativo fissare e trovare le risorse per un budget di 4 milioni per il prossimo campionato. Tutto questo sapendo che al momento, per raggiungerlo, manca il 30% dello stesso e, a parte Allianz e Jeep, in questo momento non abbiamo altri sponsor da mettere sulla maglia 2019/2020. Partiamo da qui come punto prioritario, assieme al completamento dell’aumento di capitale per arrivare a quota 500 mila euro”. E poi c’è la parte tecnica, a partire dal futuro coach. “La nostra prima scelta rimane Eugenio Dalmasson, che giustamente vuole capire quali saranno gli obiettivi del futuro. Il suo ruolo non è in discussione, certo è che sino a quando non ci saranno certezze a livello di budget non possiamo parlare di altro. Ecco perché stiamo lavorando su due ambiti differenti, con l’area societaria che deve confluire di pari passo con quella tecnica. E i tempi non sono larghi. Personalmente mi auguro di chiudere questa partita entro i primi quindici giorni di giugno: se il coach rimarrà, sapremo poi cosa potergli dare. In caso contrario dovremo pensare a qualcosa di diverso”. Come può, secondo Mario Ghiacci, ripartire la Pallacanestro Trieste post-Alma? “Affrontando gli impegni con le risorse che avremo, senza mai fare il passo più lungo della gamba, con i tifosi al palazzo che rappresentano forse l’unica vera certezza che questa società può vantare. Partiamo inoltre da una base importante di soci esistenti che sono persone molto serie. La speranza è quella di allargare questa base con forze fresche, il prodotto Pallacanestro Trieste ha avuto un’ottima visibilità nel campionato appena concluso ed è una realtà sana”. A proposito di nuovi investitori: ci sono novità? “Tra i nomi che abbiamo contattato, ce ne sono alcuni importanti dal punto di vista della solidità. Speriamo di poter definire qualcosa di concreto nell’immediato futuro. Ma lo ripeto: le vere certezze al momento solo il nostro pubblico e gli sponsor già presenti”.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×