Jump to content

Womex, The World Music Expo


Recommended Posts

Oh, dunque. Eccomi.

Intanto, come molti di voi sapranno, l'Inghilterra non è proprio il miglior posto dove andare se magari durante la permanenza vuoi anche mangiare: solo ristoranti italiani (ehm) e indiani :blearghh:

Inoltre, Newcastle sta assurgendo all'invidiabile primato di città 'alcolica' per eccellenza, per cui ogni weekend ci sono pellegrinaggi di etilisti inglesi che si stonfano fino a morire, esibendo la propria ubriachezza molesta in ogni dove. Aggiungete che le ragazzine (sono proprio piccole, lì la sera escono dai dodici-tredici anni... O| ) non si vestono praticamente - la sera sono in canottierina e microgonna senza calze, davvero - e che per l'alcool sembra ci sia un giro di prostituzione neanche troppo velato, e capirete come non sia proprio il paradiso. Questo il lato meno allettante della città. Ho evitato di fare foto sul tema, mi perdonerete. :puntini:

Detto questo... ci sono comunque un sacco di belle cose in città che vale la pena vedere: direi che comincio con quelle.

Newcastle è la città dei ponti, perché in realtà è costituita di due paesi (Newcastle e Gateshead, di qua e di là del fiume Tyne). Questo è uno piuttosto vecchio, come vedrete, ed è dell'autostrada. Fate conto che la costruzione die ponti è veramente scriteriata, ce ne sono sei in meno di un km! :unsure:

post-15-1130932636_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites

Tra i ponti, il più noto è sicuramente il Millennium Bridge, ovviamente molto recente. Per il momento è l'unico ponte curvo d'Europa (cioè guardandolo dall'alto è a forma di 'C').

Qui di sotto una foto by day e una by night.

Ammirate lo sfondo grigio: è una costante... :down:

post-15-1130932841_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites

La costruzione più sensazionale è comunque 'The Sage', un monumentale auditorium dove si svolgevano i concerti collegati all'evento a cui ho partecipato. L'autore è Norman Foster, architetto inglese a cui stnno commissionando un gran numero di edifici di questo genere per tutta la Gran Bretagna. Qui dentro, oltre a tre sale concerti (una molto grande, una piccolina e una a dimensione club), c'è una biblioteca, una discoteca (nel senso di raccolta di dischi), vari bar e un ristorante, una scuola di musica ed altre aule.

Foto da davanti, dal fianco e da dietro. :cossaaa?:

post-15-1130933110_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites

Per finire, il sottoscritto sul Millennium Bridge... ehm, vabbè, non proprio una bellezza locale ;)

Quello dietro, enorme, è il 'Baltic', una ex fabbrica riconvertita a museo di arte contemporanea. È il secondo più grande della Gran Bretagna dopo la Tate Modern di Londra e uno dei più grandi d'Europa.

Scappo a pranzo: a più tardi per le foto dei concerti!

:bye:

d.

post-15-1130933461_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites

Rieccolo!

Dunque: la fiera si chiama Womex, che sta per 'World Music Expo'. Si tratta di un grande raduno di operatori del settore della musica folk ed etnica in generale, è organizzata da un'etichetta tedesca che si chiama Piranha e oltre alla fiera vera e propria, con stand da tutto il mondo, ospita una serie di showcases (brevi concerti di poco più di mezz'ora) in cui si esibiscono i musicisti di questo genere musicale. Non sono quasi mai nomi di 'grido', ma molto spesso sono artisti che nel loro paese sono considerati delle star e che comunque hanno molto da dire (e da cantare :rolleyes: ).

Vi anticipo subito che il nome più succoso era Robert Plant, ex Led Zeppelin, che ora fa musica del Nord Africa con un gruppo particolare. Ma non l'ho fotografato, perché ero lontanuccio e francamente mi ha anche parecchio deluso. Peccato! :baston:

Vi allego qualche foto degli altri, tutti piuttosto sconosciuti, ma segnatevi i nomi: se per caso passano di qua fate un salto, ne vale la pena.

La prima è Ljiljiana Butler, LA voce per eccellenza della Bosnia. A dispetto dell'aspetto (giochino di parole :baba: ) è elegantissima, e la passione che mette nella sua musica non ha rivali.

post-15-1130937465_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites

Personaggio molto noto in Francia è Erik Marchand, musicista di estrazione zingara che ha messo insieme in un suo recente progetto artisti dalla Serbia e dalla Romania, per un miscuglio di generi incredibile. Tutti dei grandi virtuosi!

Lui è quello a sx, e come potrete notare dallo sguardo è noto per essere astemio... ehm... :vino:

post-15-1130937642_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites

Divertentissimo è stato lo spettacolo di Eliseo Parra, musicista spagnolo che porta sul palco un sacco di strumentisti uno più bravo dell'altro. La sua musica copre l'intera Spagna, dalla Galizia (che è affine al mondo celtico come suoni) all'Andalusia (terra invece del Flamenco e con reminescenze della musica araba e nordafricana).

Sul palco era un simpaticone, ma ha chiuso con un paio di pezzi molto toccanti suonando le percussioni tipiche del Mediterraneo - tamburi cosiddetti 'a cornice', delle specie di grandi tamburelli.

post-15-1130937844_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites

Per finire, a proposito di musica arabo-andalusa, una stella nascente - a livello internazionale - della musica cosiddetta 'transe' è Cherifa. Lei è berbera o kabyle, cioè della zona ai confini con il Sahara tra Tunisia, Algeria e Marocco: un'etnia 'spalmata' su più stati, più o meno il principio dei curdi o degli occitani. La musica è molto basata sul ritmo ed è ripetitiva all'ossessione, perché è votata all'ipnosi durante le cerimonie o le feste. Senza allenamento rischia di essere piuttosto noiosa :chesonno: , ma vi assicuro chedopo un po' che la si conosce e la si apprezza riserva sorprese incredibili.

Detto questo, fine del fotoreportage, che poi se a scrivere mi incasino spesso e volentieri, con la macchina fotografica sono un disastro... pazienza! L'importante è il pensiero :unsure:

:bye:

d.

post-15-1130938183_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites

Wow, grassie a tutti dei complimenti, dai che mi emossiono! :wub:

Comunque vi anticipo che se quest'anno lo sfondo grigio è stato una costante, l'anno prossimo si cambia scenario: dalla piovosa Newcastle alla solare Siviglia! Yeah! :foracolcul:

Baci e abbracci a todos!

d.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×