Jump to content

Chiude la Fissan


Recommended Posts

Una delle aziende storiche de questa città devi serar i battenti e spetar qualche comprator. La multinazional americana Sara Lee, proprietaria dei marchi prodotti dalla stessa Cover, ga comunicado de no voler rinnovar il contratto in scadenza a fine anno.

Per sto scherzo ghe sarà 80 dipendenti per strada :ehno:

Link to comment
Share on other sites

mi son anda via per quel...dopo mesi in attesa...no me xe rimasto altro de ciapar a trovarme de viver fora de TS con grande dispiaser...

go come l'impression che pian pianin sta città sta morindo o come disi mio nonno i ne sta fazendo morir....

ma che bel quando el me conta de come iera Ts una volta....

e poi scrivemo de voler più soldi per società de basket,calcio...qua me par de capir che xe già tanto se gavemo,noi triestini, i soldi per tirar avanti...

ad ogni modo un saludo affettuoso a tutta sta gente che ghe toca star per strada....li capisso ben..anche perche anni fa xe toccà anche a mi pare...e ve giuro che xe sai brutto....

ma cossa se pol far per far riviver sta città....concordo che no se vivi de commercio ne de turismo perche no ghe xe.... :pianto::pianto::pianto::pianto::pianto:

Link to comment
Share on other sites

Me dispiasi sempre tornar indrio e ricordarme/ve vecie discussioni fatte sul mondo Industriale Triestin. Quando esternavo le mie incazzadure perchè vedevo la MIA TRIESTE sparir dalla mappa delle città Industriallizade per colpa de un disegno Politico scellerado portado avanti da uno Stato incapace che ga usado questa Città come un Fazzolletin usa e getta, solamente perchè quando serviva ierimo visti come l'ultimo confin e quindi baluardo contro lo strapotere dei cosidetti Paesi dell'Est .Probabilmente no xe colpa vostra ,data l'età, ma per uno come mi vizin ai 60 che ga lotta per mantignir verte Fabbriche Storiche come el San Marco ,L'Arsenal e la fabbrica Macchine la Dreher e tantissime altre e ultima ma non ultima La Ferriera e adesso la Fissan e domani........personalmente me vien una grande tristezza. Ma no per mi che oramai son in pension e do pici li ciapo sicuri ogni mese.Ma come go dito son un maledettissimo Idealista e soffro, soffro tantissimo quando guardo e sento e leggio i commenti drammatici de molti ssimi giovani che no trova lavor o se lo trova el xe quasi sempre,precario. E no rivo a no pensar al futuro anzi al non-futuro che ve se presenta davanti. Sarà dovudo alla veciaia ma go incominciado a esser meno ottimista per el futuro de Trieste, forse dovudo anche ai discorsi fumosi e irrealistici che sento da parte dei Politici Locali. Trieste ga una immensa potenzialita: EL MAR Mar che ghe ga permesso de viver e far viver migliaia de famiglie per decenni. Ecco adesso che go finiodo de romperve, ve domando scusa per el sfogo , ma dovevo butar fora la rabbia che go dentro. Ve voio ben muleria. :bye::bye::vino::testadamuro:

Link to comment
Share on other sites

mi cmq fossi in quei dela Fissan

1: ghe romperia le bale ai politici

2: ghe romperia le bale ai "giornalisti"

3: se no cambia niente, gueriglia urbana, autostrade e treni blocai, cossa so mi... tanto, pezo che restar in strada.. se no altro dopo i giornai ghe ne parla.

Cmq xe poco cossa far.. el turismo e el comercio xe la strada che ga deciso DiPiazza. I triestini xe dácordo? I lo ga votá do volte, penso proprio de sí.

E qua me fermo perché andaria decisamente contro le regole del forum...

Link to comment
Share on other sites

grazie diego xe bellissimo quel che te ga ditto...nonchè verissimo...te giuro he noi "MULERIA" da come te pol legger in questo fantastico forum,semo sai legadi a trieste el problema xe che no gavemo possibilità de portar avanti niente perche tutto xe finido o quel che no xe finido se vivo per un pel..a parte 2 o 3 aziende...mi me son laureado e volevo a tutti i costi restar a TS..ma no i me ga volù disemo...e alora me toca andar via...

ripeto che mio nonno e anche mio pare me ga fatto innamorar de trieste..e xe de quela trieste che mi voio usufruir...voio aiutar la città ma no i me lo permetti...

forse no c'entra col topic questa discussio e me zigarè drio....ma son veramente arrabià anche mi

e son d'accordo sul fatto che i ne ga dimenticado tutti qua....

Link to comment
Share on other sites

Trieste non se la passa bene questo e certo. Ma non è che siamo solo noi.

Ho svariati amici a Roma a Milano ed in piemonte che sono finiti per strada o hanno dovuto cercar lavori di ripiego negli ultimi 3 anni.

:(

Per quanto riguarda le proteste. Non so cosa servirebbero. Siamo una società sempre meno produttiva che comincia a perder tocchi... fare blocchi e disordini che peggiorino ancor di più la cosa non è proprio una soluzione utile.

Bisogna cercar finanziatori magari anche all'estero. Quindi è per questo che bisogna farsi sentire.

Link to comment
Share on other sites

Ho svariati amici a Roma a Milano ed in piemonte che sono finiti per strada o hanno dovuto cercar lavori di ripiego negli ultimi 3 anni.

Ga dito giusto Ghost. anche altre città no vivi tempi migliori dei nostri, ma lori ga una roba che noi no gavemo. I ga delle città che intorno pol vantar un territorio vastissimo dove ben o mal se insedia piccole o medie realtà industriali che teoricamente pol portar lavor. Trieste no ga nianche questo, el nostro "retroterra" xe el MAR. Ciapila come battuda, ma iera e xe cusì. Non esisti alternative, semo nati e se gavemo svillupado solo con e sul Mar.Da sempre.Infatti el declino de questa benedetta/maledetta città xe cominciada con lo smantellamento delle Realtà che go citado nell'intervento precedente.Sicuramente con le Politiche attuali, servi a poco far casin, anche quel estremo.Anche perchè, con le Multinazionali xe come batter la testa contro un muro de gomma. :vino::vino:

Link to comment
Share on other sites

Sarà perchè son un inguaribile ottimista , ma mi vedo el bicier mezzo pien sull'economia de Trieste.

Se consideremo i ultimi 100 anni ,a fronte de una chiusura de stabilimenti tipo Dreher , cantieri navali etc. etc. altre nove aziende xe nate e se ga sviluppà nel frattempo.

Penso alla grande affermazion de Pacorini e Illy leader mondiali nel campo del caffè , penso alla wartsila , alla Fincantieri alla Sertubi nel campo navalmeccanico, alla Stock in forte ripresa , alla Pasta Zara , alla Ortolan , alla Orion, al Terminal Siot , al terminal dei traghetti Turchi ,alle ottime performance del molo VII , alle assicurazioni Generali e al Lloyd Adriatico e poi l'area de ricerca e le piccole aziende ad alto contenuto tecnologico , alla ripresa del traffico crocieristico , e in ultima analisi no dimentichemose che TS ga el più alto reddito procapite nazionale insieme a Milano e risulta ai primi posti per qualità della vita e servizi , insomma no stemose sempre pianzer adosso.

Poi tutto se pol migliorar e sicuramente trieste xe migliorabile ma dir che semo messi mal me par fora ogni logica.

Saluti

Link to comment
Share on other sites

@Diego

Bhe... anche qua da noi possiamo "spostarci" per risolvere la cosa.

Un Milenese che si traferisce fuori città per lavorare è come un Triestino che abbandona trieste per cercar lavoro.

Il fatto che spostarsi di 100km per un milanese è normale spostarsi di 10km per un triestino è abbandonare il proprio mondo è solo una questione di mentalità.

PEr un Triestino abbandonar trieste è inconcepibile. Eppure è pieno di gente che dalla slovenia

Comuque quoto alex869.

Abbiamo svariate realtà industriali in contro tendenza.

E siamo comuque pieni di gente che dalla slovenia, ma anche da gorizia o mofalcone viene a lavorare qua... questo vuol dire una sola cosa... c'è chi sta peggio e si lamenta meno di noi ma si rimbocca le maniche.

Non sono più anni per avere l'industria fiorente sotto casa. Talvolta tocca muoversi.

Link to comment
Share on other sites

Gavevo premesso,meno mal, che la grande differenza tra la mia ottica sulle attuali situazioni del mondo del lavoro Triestin e la vostra xe sicuramente dovuto all'abisso generazionale ma sopratutto alle diverse realtà socio -economiche che vivi Attualmente la Città.. Rientra nella normalità delle cose per la vostra generazion , dai 25 ai 35 anni, dir che el dover spostarse de 100 km per andar a lavorar no xe un dramma.Sicuramente xe cusì. Se un Milanese se sposta de 100km resta in Lombardia, idem per un Piemontese o un Emiliano-Romagnolo, e questo da sempre , prprio dovudo al fatto che el territorio de queste regioni xe grandissimo, a differenza de noi.Me par che xe za da diversi anni che i Trestini va a lavorar a Monfalcon nei Cantieri.El discorso della Slovenia , scuseme , ma lasa el tempo che trova, lori i vien qua per bisogno e sopartutto per sopperir alla mancanza de lavoratori Triestini che NO fa certi lavori. Xe anche un discorso de convenienza per el dator de Lavor, ma saria troppo luingo e fora tema.De tutte le fabbriche nominade da alex869 poderia far un discorsetto sui numeri, i nomi xe solo de facciata, credeme ,per esperienza personale.Solo una considerazion, dati alla mano in un confronto fra le Fabbriche chiuse e quelle sottolineade da alex869 xe una differenza de organici da far paura.Aldilà della Wartsila e della Ferriera, fabbriche che pol mostrar grandi numeri de lavoratori (manualità) no xe a Trieste.Xe de ieri l'articolo in cui i Sindacati xe allarmai per la situazion attuale nel comparto Industriale. Trieste xe l'unica città della Region che stà subindo un calo occupazionale.@Gosth, forsi no te ga letto ben quel che go scritto, ma xe storia scritta. Te me disi che no xe più tempo per Fabbriche sotto casa, le gavevimo za e fazevimo ROBETTE che ne invidiava tutto el mondo.I ingegneri navali che veniva fora dalla nostra Università iera richiesti in tutto el mondo, oltre naturalmente a trovar occupazion in Fabbrica Macchine, Arsenal, San Marco. No vignirme a dir che no se pol aver tutto sotto casa (lo gavevimo za), e proprio adesso che el settor Marittimo sta gavendo uno sviluppo impressionante. Gavevo za scritto che nel periodo che i ga serà el San Marco i doveva serar 5 Cantieri in Italia, per motivi Politicamente scorretti ,guarda caso Ga pagado Trieste per tutti. E xe stà solo l'inizio.Me piaseria tanto parlar faccia a faccia con voi de queste robe che reputo importantissime per farve conoser el perchè del declino della Nostra Trieste. :bye::bye::vino::vino:

Link to comment
Share on other sites

mi anche quoto alex 869, ma anche la malinconia de diego verso qualcossa che gavessi podù esser ma no xe

in quanto alle multinazionali, me dispiasi ma credo che le scamperà e no solo da ts, queste xe aziende che ga varie sedi nel mondo e no se occupa della gente quanto dei profitti (ma le 2 robe xe ligade, niente profitti e niente paghe per la gente in un'ottica molto più vasta de quella della singola sede)

le tasse per gli industiali "ricchi" ormai le se ga alzado, e cussì anche quelle sugli interessi dei soldi in banca (mi no go un e me frega poco, ma se li gavessi i sarìa za alle caiman), senza contar che oggi no se sa quel che succederà domani, la finanziaria cambia de giorno in giorno

un'altra batosta de cui se parlava l'anno scorso e adessono se parla più, chissà perchè, xe el tfr: quei xe si soldi nostri che la ditta ne torna co andemo in pensio, ma nel frattempo la li usa per far rinvestimenti e aver soldi liquidi: se tutto in un colpo la li devi tirar fora per dargheli all'inps, a mi me cambia poco, ma la dittta va in fallimento dall'oggi al domani

e chi che pol scampa prima

certo, no xe un problema de desso le fabbriche che sera, ma go apura che peggiorerà

una sicurezzagò: perderemo fabbriche, perderemo posti de lavor, ma la ferriera continuerà a sporcarme el pergolo, anche se dentro ghe lavora meno de quei della fissan. ma la fissan sera e nissun se volta, se i tocca la ferriera xe su tutti i giornai

Link to comment
Share on other sites

Alex le ottime performance del molo VII? Ma te son sicuro de quel che te disi :D te ga mai parlado con qualchidun là dentro?

Scuseme, ma mi proprio perchè vado un poco in giro son iperpessimista con quel che sucedi a Trieste.. perchè vedo come va le robe in giro: le robe se le fa. A Trieste calma piatta, alberi de nadal e panchine.

El chi che pol scampa prima xe ridicolo come ragionamento, no vedo dove che possi portar.. per mi xe sempre de zercar de evitar un certo pessimismo cosmico, "populistico" :) ma atignirse ai fatti, per quanto che se posi..

Sula question del punto de vista maritimo condivido al 100% con Diego, anche perchè qualchidun che ghe girava e lavorava in quei cantieri li go conosudi, e se ghe ne senti dele bele, efetivamente. E xe inegabile anche che el setor dei trasporti maritimi sia in forte crescita in sto periodo, ma se una multinazional (de quele che no vol scampar?) vol far la sede grande noi ghe disemo che nooo un grataciel de ben 6 piani sul lungomar, un obrobrio :D e nisun obietta, njanca la "oposizion", mah...

Link to comment
Share on other sites

@diego

Non nego la storia scritta, anzi proprio li sta il punto, è STORIA. Non nego che in passato si potesse avere tutto sotto casa ma è PASSATO.

Oggi giorno avere un posto fisso a pochi metri da casa facendo il lavoro che ci piace è sempre meno realizzabile.

Ma non solo qua. Guarda in Francia hanno fatto guerriglia urbana per mesi a causa di questi combiamenti sociali. Oppure in America, o in Germania, o anche in Inghiterra.

L'ho visto con numerosi miei colleghi o amici, praticamente tutti precari che hanno dovuto scegliere se andar lontano per far quello che gli piace o rimaner qua ma far un lavoro che gli scontenta.

Purtroppo il mondo e cambiato. Si è globalizzato con tutti i pro ed i contro che questo comporta. Oggi un bottegher non ha da preoccuparsi solo del negozio concorrente nel rione. Ma gli tocca essere competitivo con aziende che stanno dal altra parte del globo. Ma d'altro canto non è nemmeno costretto a vendere nel prorio rinone, ma può farlo dal altra parte del globo.

Quindi la scarsa capacità di adattamento del Triestino medio, che non si vuole spostare, che non vuole radicali cambiamenti (che siano un nuovo palazzo da 6 piani o qualsiasi altra cosa) che non sa aprirsi al mondo sta costando carissimo alla nostra città.

Non so se è una cosa intrinseca nel Triestino o è solo causa dell'età media da record di Trieste. Certo è che essendo abitata da un numero enorme di persone che vogliono godersi la pensione senza che nessuno li rompa le scatole e ovvio che loro non vogliano industrie o dicoteche sotto casa.

Fatto sta che abbiamo una mentalità vecchia, ancorata al passato ed incredibilmente cieca a quello che accade al di fuori della provincia, pure le notizie di Udine sono viste come qualcosa di esotico.

Abbiamo attorno un mondo enorme, in cui miglia di città stanno affrontando o hanno già affrontato gli stessi nostri problemi. E continuamo a liquindare il mondo come una cosa che non centra con Trieste.

Non abbimao più solo a che fare con i problemi di Trieste. Dobbiamo accettar il fatto che per tener qui a trieste aziende ed istituzioni a noi care, dobbiamo offrir e lavorare più del resto del mondo, altrimenti se ne vanno dove gli ofrono di più.

Ma come le cose nostre se ne fuggono possiamo anche attirare tante cose e persone nuove a Trieste. La strada è a due sensi. Basta aver la mentalità giusta epr fruttare la cosa.

PS:

Tra altro... già qua su questo forum abbiamo Malto che ci scrive dal "Giappone". Ne ha fatta di strada per trovare quello che voleva.

Link to comment
Share on other sites

son de novo in piena sintonia con Ghost.

basta dir che co i triestini parla che i ne ga cavado i cantieri, va ben , xe vero che i ga serado el san Marco, ma i parla come se o cantieri de Monfalcon fussi ai antipodi e che andar a Monfalcon sia za emigrar, un passetto prima de l'Australia.

Link to comment
Share on other sites

Sicuramente el porto de trieste xe ancora sottosfruttado rispetto alle sue grandi potenzialità , però se qualcosa funziona bisogna dirlo.

Penso al fatto che semo el terzo porto petrolifero d'europa e primo nel mediterraneo, el traffico container anche se lentamente xe in costante ripresa e ques'anno supererà abbondantemente i 200.000 teu ,la rotta turca dei traghetti xe la terza linea marittima più grossa al mondo, la ECF (European coffee Federation)massimo organo commerciale nel mondo del caffè evidenzia dati statistici sui quantitativi di caffè stoccato nei maggiori porti europei nel primo trimestre 2006 e dove risulta che el nostro porto ha conseguito in assoluto il miglior ritmo di crescita con un aumento complessivo del 50%piazzandosi al terzo posto dietro solo ad Anversa e Amburgo e primo nel mediterraneo, el traffico de cereali aumenta a ritmi del 150% all'anno.

Sicuramente altri settori merceologici del porto xe in forte contrazion(legnami,animali vivi,carbone), però molte notizie giornalistiche del nosto amato bugiardello tendi a crear inutili allarmismi e xe più legai alla logica dello scoop ad effetto giornalistico tipo l'ultima news del sorpasso de capodistria nel traffico container dell'ultimo mese di ottobre salvo omettere el fatto che nel lungo periodo gennaio - ottobre trieste ga movimentà più container.

In ultima battuda posso aggiunger ,tanto per far un esempio, che el nostro porto tanto in crisi movimenta quasi 50 milioni de tonnellate all'anno , tanto quanto tutti i porti del nord adriatico messi insieme(Venezia-Monfalcon-Capodistria-Ravenna-Fiume).

Saluti

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×