Jump to content

Calciomercato Triestina 2019/20


Recommended Posts

ma Forest se ce un contratto vigente firmato per DUE anni non uno perchè bisogna ridiscutere il contratto dando più soldi? se le cose(speriamo di no) prossimo anno vanno male da subito che si fa? si taglia lo stipendio? ne dubito, io sta cosa del ridiscutere sempre un contratto firmato un anno fa non la capisco. Ci stava il premio promozione ok, non lo hai ottenuto per cui riprovaci, conquisti la promozione e poi sarai ricompensato(e pure più amato,e già lo è) da tifosi e società, è difficile?

Link to comment
Share on other sites

11 minuti fa, forest ha scritto:

Trovami una sola frase da cui si possa anche solo ipotizzare che a inizio stagione l'obiettivo fosse la B al primo anno.

Poi l'appetito vien mangiando, ed è naturale che sia così, ma diverse squadre nella considerazione generale ci partivano davanti.

Basta controllare sul web, puoi farlo anche subito.

Ovvio che la squadra poi è stata rinforzata, l'obiettivo strada facendo è diventato quello, ma ricordiamoci sempre che prima dei playoff eravamo consapevoli di avere sostanzialmente 25 probabilità su cento di salire, come tutte le altre semifinaliste, forse un pelo in più per i piccoli vantaggi di cui godevamo in semifinale.

Definire l'annata meno che positiva, al di là dell'ovvia delusione finale, significa dimenticare quelli che erano i presupposti di inizio stagione: ufficialmente i playoff, ufficiosamente un posto fra le prime cinque in regular season.

Per quale oscura ragione Pavanel non dovrebbe farlo notare, se non altro per bilanciare il principio perfettamente descritto da Lupo e Guiz secondo cui se le cose vanno male la colpa, per i giocatori, non è quasi mai la loro?

Ripeto: è un normalissimo gioco delle parti, inserito in una realtà di sport professionistico dove queste sono le dinamiche, che ci piacciano o meno.

Paragonarle al nostro vivere quotidiano può essere divertente, ma non è in alcun modo significativo: ognuno di noi giocherebbe nella Triestina gratis solo per l'onore di indossarne la maglia, perché come ovvio ragioniamo da tifosi, ma non possiamo fare finta di non sapere che per un professionista siamo nient'altro che una opportunità lavorativa da cogliere traendone il massimo profitto possibile.

Sarà anche brutto e poco poetico, ma mica per questo possiamo ignorarlo....

conosco molte persone  che pur di lavorare in una azienda sana hanno rinunciato altrove  a stipendi più alti anche del 50 percento. Non é una questione di poesia Forest. Chi preferisce la stabilità e la programmazione sceglie la triestina di oggi . Chi é attratto dal cambiamento e ci sta assolutamente niente da criticare  può anche scegliere il Trapani o il Venezia . Non c'è una cosa giusta o sbagliata il problema c'è l'ha milanese che deve capire chi ha davanti 

Link to comment
Share on other sites

2 minuti fa, Manuel90 ha scritto:

ma Forest se ce un contratto vigente firmato per DUE anni non uno perchè bisogna ridiscutere il contratto dando più soldi?

Potrei risponderti con un elenco infinito di calciatori che stanno in questi giorni ridiscutendo contratti ben lontani dalla scadenza.

Perché?

Perché esiste quello che nelle trattative si chiama punto di equilibrio, ed è quello in cui ci si siede senza che nessuna delle parti abbia un vantaggio di partenza.

Un calciatore di grande valore che ha il contratto in scadenza nel 2020 lo sta certamente già ridiscutendo, anzi molto probabilmente lo ha già fatto.

Questo nell'interesse stesso della società, che non vuole perderlo a zero a fine stagione.

Qua siamo a livelli molto più bassi, è ovvio, ed è normale e legittima la posizione di Pavanel che sa di aver fatto bene, sa di avere altre richieste e teme di trovarsi magari sostituito a novembre, dopo un brutto inizio, senza più i pretendenti che oggi ci possono essere.

E' una forma di cautela comprensibile, così come è altrettanto comprensibile che Milanese dal canto suo voglia avere le.mani il più libere possibili se le cose non dovessero andar bene.

Spesso in questi casi si trova un compromesso, del tipo che ti garantisco il rinnovo in automatico se a dicembre o a gennaio la posizione in classifica sarà consona alle mie aspettative (sto facendo solo esempi, ovviamente, della trattativa non so nulla e se lo sapessi certo non la metterei in piazza).

Qua il problema, però, non è questo: un accordo si trova, fra chi vuole trovarlo.

Si tratta invece di stabilire se Milanese è convintissimo che puntare di nuovo su Pavanel sia la scelta migliore, e se Pavanel è da parte sua convinto che rimanere sia la cosa giusta da fare.

Se i presupposti sono questi, si farà.

Altrimenti meglio di no.

Il resto è aria fritta

Link to comment
Share on other sites

27 minuti fa, forest ha scritto:

Potrei risponderti con un elenco infinito di calciatori che stanno in questi giorni ridiscutendo contratti ben lontani dalla scadenza.

Perché?

Perché esiste quello che nelle trattative si chiama punto di equilibrio, ed è quello in cui ci si siede senza che nessuna delle parti abbia un vantaggio di partenza.

Un calciatore di grande valore che ha il contratto in scadenza nel 2020 lo sta certamente già ridiscutendo, anzi molto probabilmente lo ha già fatto.

Questo nell'interesse stesso della società, che non vuole perderlo a zero a fine stagione.

Qua siamo a livelli molto più bassi, è ovvio, ed è normale e legittima la posizione di Pavanel che sa di aver fatto bene, sa di avere altre richieste e teme di trovarsi magari sostituito a novembre, dopo un brutto inizio, senza più i pretendenti che oggi ci possono essere.

E' una forma di cautela comprensibile, così come è altrettanto comprensibile che Milanese dal canto suo voglia avere le.mani il più libere possibili se le cose non dovessero andar bene.

Spesso in questi casi si trova un compromesso, del tipo che ti garantisco il rinnovo in automatico se a dicembre o a gennaio la posizione in classifica sarà consona alle mie aspettative (sto facendo solo esempi, ovviamente, della trattativa non so nulla e se lo sapessi certo non la metterei in piazza).

Qua il problema, però, non è questo: un accordo si trova, fra chi vuole trovarlo.

Si tratta invece di stabilire se Milanese è convintissimo che puntare di nuovo su Pavanel sia la scelta migliore, e se Pavanel è da parte sua convinto che rimanere sia la cosa giusta da fare.

Se i presupposti sono questi, si farà.

Altrimenti meglio di no.

Il resto è aria fritta

In sintesi questo è...  La mia paura è che si sentano costretti a farlo e/o che nessuno dei due voglia fare il primo passo, magari sperando lo faccia l'altro...

Link to comment
Share on other sites

Considerazione: Petrella in uscita da svincolato e' un ottimo acquisto per il Potenza.

Una considerazione a riguardo della passata stagione e del ritorno in casa con il Pisa, mai e poi mai era da mettere a terzino destro Formiconi, loro piazzando un'ala sinistra veloce ci hanno fatto scacco matto. Libutti tutta la vita se devo difendere, gia' all'andata entravano come nel burro. Per me un grave errore tattico. all'andata ci sono stati superiori ...... C'era da cambiare qualcosa....

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Manuel90 ha scritto:

ma Forest se ce un contratto vigente firmato per DUE anni non uno perchè bisogna ridiscutere il contratto dando più soldi? se le cose(speriamo di no) prossimo anno vanno male da subito che si fa? si taglia lo stipendio? ne dubito, io sta cosa del ridiscutere sempre un contratto firmato un anno fa non la capisco. Ci stava il premio promozione ok, non lo hai ottenuto per cui riprovaci, conquisti la promozione e poi sarai ricompensato(e pure più amato,e già lo è) da tifosi e società, è difficile?

Disemo che chieder un prolungamento xe un modo come per dir 'te credi in mi? Dimostrimelo'. 

Poi, come disi forest xe el zogo delle parti. 

Xe le trattative. Che se fa anche de sti zogheti.

Link to comment
Share on other sites

Pensavo che Pavanel tutto avesse in mente, meno che pensare ad una eventualità di andare via. Se adora questa città ed è ricambiato, non vedo perché valutare un’alternativa. Penso che pure lui abbia la voglia di riprovarci, soprattutto per non lasciare il lavoro a metà. Poi è ovvio che parliamo di professionisti che si devono mettere in gioco ogni anno per portare a casa dei contratti possibilmente pluriennali perché pure loro tengono famiglia. Comunque d’accordo con Forest e Guiz. Se esiste un minimo dubbio sia da una parte che dall’altra, meglio lasciar perdere.

Link to comment
Share on other sites

Xe probabile che la maggioranza de noi gabi pensado che trattandose de Pavanel, uno de noi, la cosa se risolvessi in un attimo

Domani xe passada una settimana e obiettivamente non xe molto tempo... credo sia sensato dir che se non se risolvi entro la prossima, xe giusto cambiar

Link to comment
Share on other sites

5 minuti fa, smaramba ha scritto:

capisco le posizioni di entrambi i soggetti coinvolti, mentre non capisco perchè far uscire una "conferma" da parte di milanese l'altro giorno, quando in realtà non c'erano ancora certezze

La conferma è stata pubblica, ed è avvenuta ben due volte e non una.

Magari un modo per forzare un po' la mano: io ti confermo subito dopo una sconfitta, mica porrai condizioni? ?

Ci sta, dai...

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, maimolar ha scritto:

 

Una considerazione a riguardo della passata stagione e del ritorno in casa con il Pisa, mai e poi mai era da mettere a terzino destro Formiconi, loro piazzando un'ala sinistra veloce ci hanno fatto scacco matto. Libutti tutta la vita se devo difendere, gia' all'andata entravano come nel burro. Per me un grave errore tattico. all'andata ci sono stati superiori ...... C'era da cambiare qualcosa....

Ultimo commento che concedo sulla partita con il Pisa, poi basta ho chiuso la discussione apposta...  Però la tua osservazione mi pare alquanto curiosa, dettata credo più da pregiudizi che un'attenta osservazione tattica delle partite.  Formiconi all'andata è stato nettamente il migliore dei nostri, al ritorno tra i migliori nel grigiore generale. Loro da sinistra non sono mai stati pericolosi, se non nell'azione del primo gol al ritorno (all'andata mai) dove effettivamente Formiconi ha concesso un cross che però una difesa non distratta come la nostra doveva gestire con tranquillità. Loro casomai ci hanno messo sotto a centrocampo con il loro palleggio, e forse li era da cambiare qualcosa, ma soprattutto abbiamo sbagliato cose elementari nelle uscite, nelle chiusure preventive, nelle ripartenze  che di solito non sbagliamo mai, e credo che in questo la tattica conti meno che zero.

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, forest ha scritto:

La conferma è stata pubblica, ed è avvenuta ben due volte e non una.

Magari un modo per forzare un po' la mano: io ti confermo subito dopo una sconfitta, mica porrai condizioni? ?

Ci sta, dai...

chiaro, una lettura che ci sta tranquillamente

Link to comment
Share on other sites

El pensiero de Milanese oggi sul Piccolo riassumi quanto go scritto in sti giorni: 

BUONGIORNO ALABARDATI!!
BUONI PROPOSITI PER UNA GRANDE STAGIONE SPORTIVA E UN PRIMO POSTO CHE MANCA DA TROPPO TEMPO.

 «Innanzitutto  vorrei sottolineare  -  afferma l’amministratore  unico  della  società alabardata  -  che  con  le  regole dello  scorso  anno  o  il  girone della  passata  stagione,  noi  saremmo già  in  serie  B.  La  Triestina ha fatto 5 punti in più del Padova, poi se restavano le regole  delle  reti  in  trasferta  nei play-off, il doppio pari con il Pisa  sarebbe  andato  a  nostro vantaggio. Senza dimenticare che con quel rigore su Procaccio  a  pochi  minuti  dalla  fine, in  B  c’eravamo  davvero.  Questo per dire che ci vuole anche tanta  fortuna,  ma  anche  che siamo già una squadra da vertice».   Una  compagine  forte ma non certo  priva  di  lacune, anche  se  poche.  E  Milanese  è su questi ritocchi che vuole lavorare per migliorare ulteriormente la rosa: «La volontà della  società  è quella  di fare  sempre  meglio.  E  basta  guardare le  sessioni di mercato delle ultime stagioni. Due campionati fa  siamo  partiti  con  una  rosa, poi  a  gennaio  l’avevamo  migliorata  con  Lambrughi  e  Coletti.  Quindi  in  estate  tanti  altri  rinforzi  capeggiati  da  Granoche,  poi  a  gennaio  ulteriori puntelli come Offredi, Costantino  e  Frascatore  per  sopperire  alle  lacune  evidenziate  nei primi mesi». 

Link to comment
Share on other sites

Chiaro che prima di saper con certezza l'allenatore è difficile per Milanese muoversi sul mercato, se non altro perché prima va definito il modo di giocare. Nell'incontro avuto l'altro giorno tra i due l'idea era quella di continuare con il 4-4-2 con la variabile del 4-3-3. Il prossimo incontro sarà martedì e vediamo cosa ne viene fuori. Premesso che se non si è convinti al 100% da entrambe le parti per me è meglio lasciare che prendere, spero che indifferentemente da chi ci allenerà si possa alzare il livello del gioco attraverso un passaggio ad un 4-3-1-2 sempre con la variabile del 4-3-3 e con il 4-4-2 da usare solo in circostanze particolari.  Partendo da questa mia convinzione, per me i rinforzi dovrebbero essere 6: un tz dx da affiancare a Libutti o Formiconi, un centrale difensivo di valore a sostegno di Malomo e Lambrughi (con Codromaz quarto), un regista dai piedi buoni, una mezzala abile sui calci piazzati, un trequartista anche lui competente sulle palle inattive ed una prima punta per dare fiato a Granoche e Costantino. Insomma la nuova Unione la vedrei così:

Offredi

X Malomo Lambrughi Frascatore

Maracchi X X

X

Granoche Costantino

Resto della rosa: Matosevic, terzo portiere giovane, Formiconi o Libutti, X (centrale difesa), Codromaz, Pizzul (o altro tz sx giovane se Luca vuole andare a giocare), Steffè, Beccaro, Hidalgo, Mensah, Procaccio, X (prima punta), varie ed eventuali.

Quindi lascerei partire oltre ovviamente a Valentini e Sabatino anche Coletti (questi 3 sotto contratto, quindi soluzioni da trovare), Boccanera, Bariti, Petrella, uno tra Formiconi (sotto contratto) e Libutti, Messina e Bolis. Pedrazzini in prestito come Gubellini e qualche altro Berretti.

Nomi non ne faccio, ma chiaramente su ogni X mancante ho in mente un paio di variabili.

 

 

Link to comment
Share on other sites

20 minuti fa, Guiz ha scritto:

Chiaro che prima di saper con certezza l'allenatore è difficile per Milanese muoversi sul mercato, se non altro perché prima va definito il modo di giocare. Nell'incontro avuto l'altro giorno tra i due l'idea era quella di continuare con il 4-4-2 con la variabile del 4-3-3. Il prossimo incontro sarà martedì e vediamo cosa ne viene fuori. Premesso che se non si è convinti al 100% da entrambe le parti per me è meglio lasciare che prendere, spero che indifferentemente da chi ci allenerà si possa alzare il livello del gioco attraverso un passaggio ad un 4-3-1-2 sempre con la variabile del 4-3-3 e con il 4-4-2 da usare solo in circostanze particolari.  Partendo da questa mia convinzione, per me i rinforzi dovrebbero essere 6: un tz dx da affiancare a Libutti o Formiconi, un centrale difensivo di valore a sostegno di Malomo e Lambrughi (con Codromaz quarto), un regista dai piedi buoni, una mezzala abile sui calci piazzati, un trequartista anche lui competente sulle palle inattive ed una prima punta per dare fiato a Granoche e Costantino. Insomma la nuova Unione la vedrei così:

Offredi

X Malomo Lambrughi Frascatore

Maracchi X X

X

Granoche Costantino

Resto della rosa: Matosevic, terzo portiere giovane, Formiconi o Libutti, X (centrale difesa), Codromaz, Pizzul (o altro tz sx giovane se Luca vuole andare a giocare), Steffè, Beccaro, Hidalgo, Mensah, Procaccio, X (prima punta), varie ed eventuali.

Quindi lascerei partire oltre ovviamente a Valentini e Sabatino anche Coletti (questi 3 sotto contratto, quindi soluzioni da trovare), Boccanera, Bariti, Petrella, uno tra Formiconi (sotto contratto) e Libutti, Messina e Bolis. Pedrazzini in prestito come Gubellini e qualche altro Berretti.

Nomi non ne faccio, ma chiaramente su ogni X mancante ho in mente un paio di variabili.

 

 

Sono d'accordo in linea generale, infatti avevo già scritto praticamente gli stessi tagli da fare a pagina 4 o 5 di questa discussione.
L'unico dubbio è: dovessimo giocare col 4-3-1-2, oltre a prendere un ottimo regista e un ottimo trequartista, non servirebbero anche due loro validi rincalzi? Posto che Coletti dubito resti a fare il secondo, e abbiamo visto quest'anno cosa vuol dire non avere una riserva di ruolo (quando era fuori Granoche). Per la riserva del trequartista si potrebbe adattare uno tra Hidalgo, Beccaro e Procaccio, ma se vuoi vincere un campionato non credo che schierare giocatori fuori ruolo sia un'ottima soluzione.

Link to comment
Share on other sites

8 minuti fa, Poggioreale del Carso ha scritto:

Sono d'accordo in linea generale, infatti avevo già scritto praticamente gli stessi tagli da fare a pagina 4 o 5 di questa discussione.
L'unico dubbio è: dovessimo giocare col 4-3-1-2, oltre a prendere un ottimo regista e un ottimo trequartista, non servirebbero anche due loro validi rincalzi? Posto che Coletti dubito resti a fare il secondo, e abbiamo visto quest'anno cosa vuol dire non avere una riserva di ruolo (quando era fuori Granoche). Per la riserva del trequartista si potrebbe adattare uno tra Hidalgo, Beccaro e Procaccio, ma se vuoi vincere un campionato non credo che schierare giocatori fuori ruolo sia un'ottima soluzione.

Farei giocare Steffè in caso o anche l'altra mezzala che ho in mente che può fare anche quel ruolo, mentre per il trequartista decisamente Hidalgo, suo ruolo naturale.

Link to comment
Share on other sites

Guest massi
22 minuti fa, Erreemme ha scritto:

Confermate che domani in serata si saprà se Pavanel resta o si cambia?

Milanese ha detto che sarà il nostro allenatore per la prossima stagione. Questo è l'unico fatto concreto, il resto è "dare la propria opinione" su fatti che non si conoscono nel dettaglio. Un andazzo che trovo personalmente sbagliato. 

Link to comment
Share on other sites

su una cosa concordo...cassare il 4-4-2, che può andare bene solo in condizioni di emergenza e non come soluzione base, a meno di modificare tutto il centrocampo (il problema sono soprattutto gli esterni, l'ultimo 4-4-2 come dio comanda lo ricordo ai tempi di maran)

Edited by smaramba
Link to comment
Share on other sites

26 minuti fa, Erreemme ha scritto:

Confermate che domani in serata si saprà se Pavanel resta o si cambia?

Domani si deciderà per il bene di tutti, se ci sono le condizioni per andare avanti si andrà avanti, altrimenti amici come prima. L'importante è che si sia convinti al 100% da entrambe le parti, se così non fosse lascerei perdere.  Massimo è un professionista, è giusto che dopo una delusione cocente come quella di domenica scorsa, rifletta e valuti tutte  le possibili variabili, insieme ai suoi agenti. Saranno lui e Milanese insieme ai procuratori di Max a valutare pro e contro e poi vedremo.

Link to comment
Share on other sites

6 minuti fa, smaramba ha scritto:

su una cosa concordo...cassare il 4-4-2, che può andare bene solo in condizioni di emergenza e non come soluzione base, a meno di modificare tutto il centrocampo (il problema sono soprattutto gli esterni, l'ultimo 4-4-2 come dio comanda lo ricordo ai tempi di maran)

Il problema non sono tanto gli esterni che li trovi, ma i centrocampisti, trovarne che sappiano giocare sia a 2 che a 3 non è facile, mentre quelli che abbiamo in rosa Maracchi, Steffè ma anche Beccaro sono molto più adatti a giocare a 3.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...