Jump to content

Leaderboard

Popular Content

Showing content with the highest reputation since 05/07/2023 in all areas

  1. Le Donatella. I prezzi stracciati della campagna abbonamenti. La linea verde sul mercato. L’allenamento al Rocco a porte aperte. Bonatti incorona Sabbione come capitano. Bonatti il giovane Guardiola. Il 4-4-2 di Bonatti. Sicuramente con Bonatti arriverà qualcuno dalla Juventus. La costruzione dal basso di Bonatti. Bonatti is on fire. Fiorentina-Triestina in diretta Youtube. I countdown su Instagram. L’amichevole fantasma. Gabriele Parpiglia responsabile della comunicazione. I reels di Gabriele Parpiglia. Le dirette di Gabriele Parpiglia con Luca Marsi. Lavoriamo 20 ore al giorno dice Parpiglia. Le dirette di Gabriele Parpiglia con Luca Marsi ma parlando di OnlyFans ed erotismo. La nuova maglia. Giancarlo Romairone. Lo sponsor di maglia ibox.com che se vai su ibox.com l’indirizzo non esiste. Lollo arriva in extremis. Lollo è finito. Non male questo Lollo. Triestina-Pordenone con Sabbione alla Busquets. Rocchi e Sarzi Puttini. L’AlbinoLeffe che ci domina al Rocco. Il progetto Ferrini. Le vignette sediziose e indecenti di The Guo. Davide Bonolis. La società ringrazia Bonatti per l’impegno profuso e gli augura le migliori soddisfazioni in futuro. La Triestina Victory diventa Trieste Calcio Victory. Massimo Pavanel. Non el segna sempre lu. Francesco Lamazza e le fughe in avanti. Il Vicenza che ci domina al Menti. La nebbia del Garilli. L’account instagram societario che litiga con Condò. Elia Petrelli. La Triestina che mette paura al Pordenone ma esce sconfitta. Davide Mastrantonio a Pordenone. Davide Mastrantonio a Salò. Davide Mastrantonio titolare in under 19. Il papà di Ghislandi di educazione rara. Il retropassaggio di Lovisa. Il Trento ci domina al Rocco. Iacovoni a furor di popolo. Tik Tok il tempo è scaduto sul ponte di Valmaura. La giornata mondiale della gentilezza. Non c’è più la scintilla. Bejing-Trieste sola andata. Gli affitti del campo di Monfalcone. Capodanno da ultimi in classifica. Paganini in vendita. Paganini confermato. Paganini fuori rosa. Paganini confermato di nuovo. Mauro Giacomini. Salta il trasferimento di Maistrello. Le quote societarie saranno trasferite entro il 31 gennaio. Antonio Scaramuzzino in Gregoraci. Della Morte ci segna e il giorno dopo va a Vicenza. Dominato l’Albinoleffe a Zanica. Enrico Celeghin. Di Gennaro se ne va e viene promosso. La conferenza stampa annullata per motivi di ordine pubblico. Sono una persona intelligente, penso anche più intelligente della media. Il Vicenza non solo non ci domina al Rocco ma addirittura rischia di capitolare. L’uscita di Matosevic a Padova. Galliani zero minuti giocati una ammonizione. 4 gol al Renate. La squalifica di Cesarini. Claudio Morra al 97’ ed è finita. Amine Chackir al 101’ non è della stessa idea. Saccani cognome indigesto. Adorante. Mauro Giacomini che parla in terza persona. Mister X. L’aperitivo al bar del Famila a 8,90 con tagliere incluso. Presidente Operaio. Ho aperto la terza Spa. Dietro di me ci sono io. Il ricorso del Piacenza. Sbagliare strada e finire oltre Rho. Lo stadio Ferruccio.
    15 points
  2. UNA SALVEZZA MIRACOLOSA Mi piace credere che questo miracolo sia opera degli angeli rossolabardati in cielo. Purtroppo negli ultimi tempi abbiamo perso tanti, troppi, fratelli con l'Unione nel cuore, ma loro non si sono dimenticati di noi, "ga fato clapa" e da lassù hanno confezionato quello che solo gli angeli conoscono veramente: l'arte della consolazione che dallo scoramento innalza l’animo alla gioia. Non trovo altro modo per cercare di comprendere meglio quello che è successo nelle ultime settimane. Roba che se la vedi al cinema esci dalla sala dicendo "la solita americanata, fantascienza". Pensate, abbiamo ripetuto l'impresa di Lucca e Dro due volte, a Crema e Seregno, con l'antipasto di Pro Patria - Piacenza, quattro gol segnati nei minuti finali in situazioni impossibili. Partite così non si possono descrivere tecnicamente, vivono sugli episodi dove la linea tra essere villani o eroi è sottilissima. Eppure per il livello della Serie C la qualità è stata ottima. La punizione sul palo di Felici un gioiello, il gol in controbalzo di Tavernelli volato all'incrocio una perla di cui parecchi top player possono essere invidiosi, nel mezzo di una partita maschia, con parecchie buone trame di gioco, nonostante la comprensibile tensione e l'enorme posta in palio. Chi la pensa diversamente la categoria non la conosce, ed è meglio che continui ad amoreggiare con il "guardiolismo" in TV. Anche noi di "Solo la Maglia" abbiamo un piccolo segreto. Dopo Triestina - Sangiuliano al Rocco e il gol del Piacenza a Busto ho chiesto al mio socio Mauro Bettini, di preparare una grafica triste per commemorare l'ormai inevitabile retrocessione, l'ho rifatto inconsapevolmente anche dopo il gol della Pergolettese, ieri invece ci ho pensato, proviamoci - mi son detto - però non ci credevo veramente. Non può funzionare di nuovo, per la terza volta, avevo sottovalutato il potere degli angeli. Se possiamo parlare di tutto ciò vanno però attribuiti alcuni meriti particolari. Ai giocatori innanzitutto, i quali hanno saputo fare gruppo, sputare sangue, non mollare mai, seppure consci dei limiti strutturali in campo. Mi verrebbe da nominarli tutti, perché ognuno di loro il quale è sceso sul rettangolo verde in queste partite ha dato l'anima, ha sudato la maglia, tuttavia mi limiterò a tre, quelli che questa squadra l'hanno presa per mano, malgrado non fossero titolari fissi, ma che però in allenamento sono stati grandiosi, veri punti di riferimento. Non è un caso che ieri erano tra i più emozionati, mi riferisco a Malomo e Ciofani, lacrime di gioia da capitani coraggiosi. Il terzo è Mbakogu, sicuramente non il giocatore di qualche anno fa, spesso ingiustamente dileggiato, ma assolutamente indispensabile in questo nostro scacchiere tergestino. Naturalmente non posso dimenticare il maestro d'orchestra: Mister Gentilini. Arrivato a fine gennaio con una squadra ultima in classifica a cinque punti dalla penultima, ha perso solo tre gare e plasmato una compagine capace di viaggiare a ritmi d'alta classifica, certo a volte un pò sparagnina, ma Re Augusto sapeva quello che faceva. Lui ci ha portato nel purgatorio dove gli angeli potevano agire, raccattandoci dall'inferno. Un plauso anche per Pavanel, non per il suo percorso da allenatore, indubbiamente insufficiente, ma per avere creato questa squadra nel mercato di gennaio avendo il coraggio di dimettersi quando ha capito che il suo ruolo era finito. Ora godiamoci la vittoria, non è il momento di avventurarci troppo avanti, lo faremo a tempo debito. Nessuno ci la potrà levare queste emozioni intrinseche, qualunque cosa succederà in futuro. Il presidente Giacomini ha dichiarato che tante situazioni cambieranno, dice che hanno imparato dagli errori. Speriamo sia vero. Non serve fare cose fantasmagoriche. La base di giocatori c'è, va solo rinforzata, il mister va confermato, serve un DS competente e bisogna tenere la squadra a stretto contatto con la sua gente. Non è difficile. Tutti possono sbagliare, lavorate in silenzio con umiltà e il triestino vi ripagherà, continuate a scambiarci per dei tik toker e questa volta gli angeli non potranno ripetere il miracolo. Infine il pubblico. Vivace, caldo, colorato e pronto per una visita dal cardiologo. Sarebbe bello il suo apporto sia più costante anche durante la stagione però. L'Unione siamo noi e chi ne vol mal ne magni le culatte.
    10 points
  3. Buongiorno a tutti gli amici del forum, e soprattutto auguri a tutte le mamme del forum; innanzitutto colgo l'occasione per applaudire Giova e Faber per quanto di bello scritto nei loro due ultimi commenti, nei quali mi trovo assolutamente d'accordo, bravi. Provo a scrivere ciò che provo, ciò che ho vissuto ieri, ma anche nei giorni precedenti la sfida di Seregno. Partito in solitaria alla Pasquale Ametrano, non dalla Germania con Alfasud ma dalla Romagna con la Focus, la prima emozione forte, pura e tanto desiderata, è stato il ritrovo e la conoscenza al Blue Caribe Bar con i miei amici forumisti Forest e Company, immortalati tutti da una bellissima foto ricordo prima di salutarci e dividerci, loro settore ospiti e io tribuna C. Li mi ritrovo con parecchi Triestini, che come me non vivono più a Trieste ma hanno a cuore le sorti dell'Unione, e quando gli appuntamenti sono importanti, il tifoso Triestino c'è. Vado a salutare Romina...che non vedevo dai tempi spensierati dei Salesiani, saluto il bravo Guido Roberti, vedo un impresentabile Parpiglia, vestito in maniera indegna, preferisco osservare i ragazzi rosso alabardati e qualche bella ragazza seduta in tribuna. La partita inizia, adrenalina a mille, avviso la coppia di triestini al mio fianco, che mi scusavo in anticipo, ma difficilmente sarei rimasto seduto al mio posto, e così è stato. Della cronaca della partita non c'è bisogno di dire nulla, perché in un modo o nell'altro avete già visto tutto, mi sento di dire soltanto l'attaccamento e il cuore che ci hanno messo i ragazzi, pur con i loro limiti tecnici, ma oggi chissenefrega, è andata. Sinceramente io ho lasciato lo stadio al 90mo esatto, non potevo vedere per l'ennesima volta festeggiare gli avversari, sono uscito e mi sono diretto verso la mia Focus ascoltando però gli ultimi minuti (6) di recupero proprio attraverso la voce di Guido Roberti, passando in un istante inaspettato a quel punto, dall'inferno al paradiso, dalle stelle alle stalle, e io incredulo e festante, ma anche dispiaciuto per non essere rimasto al mio posto, a urlare da solo in strada per l'incredibile e incontrollabile felicità, davanti agli occhi attoniti di alcuni poliziotti e carabinieri. Bravo Guido Roberti, non potrei mai fare il tuo lavoro, te l'ho detto ieri di persona che sei bravo, ma soprattutto ieri ti sei emozionato giustamente, ma sei riuscito in maniera professionale a raccontare qualcosa di straordinario, che sul piano emotivo in quei momenti è cosa assai difficile. Ho preso la mia Focus, sono passato sotto il settore ospiti, a finestrini abbassati, per sentire i cori di festa e di entusiasmo dei nostri tifosi, e io con loro, in auto, con il cuore a mille e le lacrime agli occhi, mentre decine di uomini in divisa anti sommossa e altrettante camionette mi fanno passare e la mia Focus che va lenta direzione autostrada. Ho pensato soprattutto a tre cose durante il viaggio di ritorno; a quanto è assurdo il gioco del calcio, a quanto è bello e sofferente tifare l'Unione, e la terza (ma mi verrebbe da dire come prima..) che ho pensato che da lassù il buon Mario Biasin ci abbia messo del suo per salvare la sua amata Triestina, a pochi giorni da anno esatto della sua tragica morte. Ah sì, ovviamente ho pensato, e me l'ha detto anche mia moglie al telefono, che forse ero io a portare sfiga, visto che uscendo dallo stadio, l'Unione ha fatto gol e si è salvata! Poco importa, ciò che conta è che la mia squadra del cuore ha vinto, meritatamente o no, ha vinto, e si è salvata. E soprattutto ho condiviso momenti stupendi con i miei amici del forum, perché posso dirlo tranquillamente che da ieri ho conosciuto realmente persone meravigliose, Forest (Mauri)che assurda carrambata, suo figlio, Lupo Cecoslovacco, il Prof, Gigi-To al quale oggi dico che rileggerò tutto d'un fiato "ultima stagione da esordienti" di Cristiano Cabina, a voi un grande abbraccio, così come voglio abbracciare tutti i ragazzi (o quasi) che da febbraio insieme a Gentilini hanno dato tutto per questa maglia, grazie muli. Scusate la lungaggine, ma lo dovevo proprio.
    7 points
  4. Sulla partita. Emotivamente è stata una roba senza senso, un'altalena da infarto. Dal gol del 2-1 ho perso anni di vita in quei quattro minuti, poi tutti si sono sfogati dopo il fischio finale coi giocatori e Gentilini ovviamente sotto il nostro settore, e molti di noi che piangevano per l'eccesso di emozioni accumulate. È andata, cosa devo dire.... So bene che adesso scatterà la retorica del manipolo di eroi ecc.ecc., e nonostante l'ovvia felicità non riesco mai a distinguere prestazione e risultato. La prestazione è stata in linea con le solite a cui questa squadra ci ha abituato, non è mancato l'impegno ma i limiti sono evidenti. L'approccio nel secondo tempo è stato sorprendente, motivati e aggressivi fino al gol. Il vantaggio è durato pochissimo, sul rigore l'errore di Matosevic almeno da qua è parso evidentissimo. Dopo, diciamolo, non c'è stata reazione A memoria, dopo il gol subìto non abbiamo creato nulla. Il clima era di scoramento, soprattutto dopo l'espulsione, io continuavo a ripetere agli amici che più tardi lo facevamo e meglio era. Lo abbiamo fatto. Ancora faccio fatica a crederci. Ci sono stati molti segnali (Piacenza-Pro Patria e Triestina-Piacenza prima di oggi) che alla fine qualcuno lassu' ci guardava. Chiunque sia stato, grazie ❤️
    7 points
  5. Complimenti e auguri per un futuro più coerente per una gloriosa squadra come la Triestina! Orgogliosi di tifare per la squadra della propria città. Un saluto caloroso da Catania
    7 points
  6. La storia di allenatore che è responsabile di un fallimento 2 anni dopo la sua dipartita non l'avevo ancora letta. Dicci che ti sta sul ca**o senza inventarti storie.
    5 points
  7. "Non vogliamo restare in lega2 più di un anno" Non mi sembra poco chiaro,anzi...qua mi sa che vogliamo ad ogni costo trovare robe che non esistono. Se non fanno comunicati ogni 3gg, è una tragedia,se li fanno: non sono chiari,insomma dai
    4 points
  8. Perché @forest finisce il contratto con sds il 30 giugno??
    4 points
  9. Quoto più o meno tutti, tranne l'ultimo passaggio. Secondo mi el Monza ga sperperà tantissimo, intivando quasi solo el cambio de panchina. Con quel tipo de investimenti non servi esser oculai... Basta andar a cior tutti i migliori della fascia media. Quel che ga fatto.
    4 points
  10. Tua personalissima opinione basata non comprendo su cosa, io baso la mia sui fatti dimostrati. Ad esempio, è un fatto che Ceferin ha messo nel mirino sia il Barca che il Real, esattamente come la Juve, né più né meno: https://www.tuttomercatoweb.com/i-fatti-del-giorno/barcellona-juventus-real-madrid-ceferin-ne-ha-per-tutte-il-presidente-uefa-torna-a-tuonare-1812108 https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/2023/04/04-105971678/juve_barc_a_e_real_ceferin_minaccia_tutti I club inglesi si sono tirati indietro perché è partita una sommossa popolare di dimensioni esagerate, tale da costringere alcuni club a chiedere scusa ai tifosi. Tifosi che non avrebbero fatto iniziare nessuna partita prima di un dietrofront ufficiale. Dunque inglesi niente, le tedesche non ci sono mai state, Milan e Inter cosa avrebbero dovuto fare se non sfilarsi? La Juve ha vinto nove scudetti essendo per anni la società migliore dal punto di vista organizzativo, l'unica con una stadio di proprietà, quella con la disponibilità economica senza paragoni possibili con le altre. Tutt'ora la Juve ha un monte stipendi più che doppio rispetto ad altre big. Il problema, come scrive oggi l'ottimo Franco Arturi sulla Gazzetta (uno dei miei giornalisti di riferimento, il curriculum parla per lui) è aver voluto alzare l'asticella a tutti i costi, ed essere stata disposta a tutto per arrivare alla Champions. Copio e incollo: "Naturalmente i pregi indicati non diminuiscono per nulla la gravità dei comportamenti, improntati all'arroganza, che le dirigenze Juve hanno dimostrato con una serie senza precedenti di condotte censurabili. Ed è soltanto una fuga dalla realtà sostenere che quest'anno senza penalizzazioni la Juve sarebbe seconda sul campo: se quella rosa, che ti conferisce il piazzamento, è stata costruita anche sulla.slealta' e sui magheggi di bilancio, come stanno dimostrando sentenze in serie, non ha proprio senso essere orgogliosi di quel secondo posto, come Allegri continua a fare. Ma temo che sia proprio questa la tossina letale che tradisce spesso la Juve: considerare la vittoria "l'unica cosa che conta". Un vero e proprio antivalore, l'anticamera di errori in serie". Gazzetta di oggi, pagina 20 Nulla da aggiungere
    4 points
  11. Riportiamo la discussione a un livello più reale. L'altro giorno c'è stato l'ufficiale rompete le righe, ma parecchi giocatori sono rimasti per assaporare la gioia un poco più a lungo con i loro compagni d'avventura. Un gruppo molto unito (quasi tutti) che non ha mai smesso di crederci come questo foglietto, quasi scolastico, dimostra. Molti hanno manifestato l'intenzione di voler rimanere per lottare questa volta per altri traguardi. Non disperdiamo questo assetto perché ciò che nasce spontaneamente negli spogliatoi ha un valore inestimabile che nessun assegno può comprare. Poi certo qualcosa si potrà e dovrà migliorare.
    4 points
  12. Viaggio di ritorno, tutti senza voce, l'adrenalina finalmente inizia a lasciare il posto alla stanchezza. A ripensarci, quel che è successo è incredibile. Eravamo retrocessi quando al Rocco è arrivata la notizia del gol del Piacenza a Busto. Gol arrivato non solo a tempo regolamentare scaduto, ma quando era scaduto pure il tempo di recupero. Possibilità che finisca pari dopo un gol al 96'? Una su mille. È successo. Col Piacenza eravamo sotto, abbiamo pareggiato nel finale ma parliamo tutto sommato di roba ancora normale, e non assurda come quanto successo a Crema. Dove sotto di un gol all'88' dovevamo farne due. E parliamo della squadra che fa più fatica a segnare di tutti i gironi della C. Fatica a segnare un gol, figuriamoci due..... Invece li abbiamo fatti, e la combinazione dei due eventi sfiora già probabilità da vittoria al SuperEnalotto. Oggi, sotto 2-1 con un uomo in meno, a novantesimo passato da due minuti e con l'ultimo tiro in porta che risaliva a trequarti d'ora prima, non solo è successo ancora ma una palla calciata di controbalzo, modalità nella quale neanche Haaland è in grado di mirare, ha finito la propria corsa all'incrocio, completamente imparabile. Non ho una spiegazione razionale, anzi proprio perché sono razionale avrei considerato possibile (ma solo aggrappandomi all'assurda imprevedibilita' del calcio) solo uno dei tre eventi sopra descritti. Sono accaduti tutti e tre, ed era l'unica combinazione in grado di darci la salvezza. Se qualcuno me lo avesse raccontato, avrei pensato a una evidente esagerazione, se lo avessi visto in un film avrei insultato fra me e me il regista, perché c'è un limite a ciò a cui uno può credere. Mai come oggi, quando detto per inciso al 91' la parte calda del nostro settore cantava "se andate in D vi facciamo un c**o così" ho avuto la percezione esatta di come nel calcio i giudizi siano legati a eventi che spesso hanno a che fare moltissimo col caso. Probabilmente c'è una lezione da imparare, qualcosa che adesso sono troppo stanco per afferrare. È finita bene, mi basta.
    4 points
  13. Cip ga già inizià a scriver el post de 4 pagine su tutti i errori de formazion iniziale Pioli. Finirà la revisione testi domani alle 17.00.
    4 points
  14. Parliamo di sport, ma è stata una conclusione mortificante e dolorosa. E' sport, ma è dolorosa perchè ci priva, priva la città di un patrimonio ottenuto in un percorso di anni, costruito con il contributo e la passione di molti e con la guida tecnica e soprattutto morale di una persona, Eugenio Dalmasson. Avrà avuto come tutti limiti e difetti, li conosco anch'io, ma è stato per dieci anni un solido punto di riferimento e mi pare giusto ricordarlo. Quello che temo è che sia difficile se non impossibile ricreare un percorso così. Quello che so è che ieri si è chiusa una storia fatta di idee, persone e parole così come le conosciamo. Quello che spero è che ne nasca un'altra, altrettanto bella anche se in modo diverso. Quello che non dimentico è che non si sia fatto abbastanza per conservare tutto ciò
    4 points
  15. Trovo molto spesso surreali le discussioni post retrocessione. Ragazzi, godetevi l'estate che intanto non possiamo farci nulla. Che facciano ricorso, non lo facciano, che sia A1, A2 o B ci saremo. Buona estate, Triestini!
    3 points
  16. Caio dai, non fingere di non vedere. Con Berti presidente abbiamo fatto 2000/01 3.500 di media 2001/02 4.040 2002/03 10.400 (primo anno in B) 2003/04 7.905 2004/05 6.333 2005/06 5.717 Per poi assestarsi tra i 6.000 e i 5.000 negli anni di Fantinel sempre in B. Se togli i primi due anni di B, nel quale eravamo comunque noni per presenze allo stadio, i numeri sono sempre più o meno quelli. Una città di 200mila abitanti che porta poco più di 5.000 abitanti allo stadio in B non è una grande tifoseria. Possiamo discutere ore sugli altri svaghi, sul pubblico delle grandi occasioni, sul un centinaio di cose superflue, ma questo è. Non si tratta di discorsi disfattisti, di abbattere il Rocco, di ritirarci dal campionato. Ma semplicemente di smettere di raccontarci una favola e di porre come punto di arrivo un fantomatico 'progetto serio' che riporterà migliaia di triestini allo stadio.
    3 points
  17. Allora, è ovvio che si sa che c'è ancora: 1) l'indagine, per cui potremmo essere penalizzati o retrocessi o radiati da ogni campionato del globo terracqueo; 2) ci sono i milioni di debiti (11, anche se spalmati, come ci spiega Guido, ci sono sempre ...) quindi potremmo essere penalizzati o retrocessi o radiati da ogni campionato del globo terracqueo; 3) c'è ancora Parpiglia quindi potremmo essere penalizzati o retrocessi o radiati da ogni campionato del globo terracqueo; 4) Romairone non è chiaro dove diavolo sia e cosa faccia, quindi potremmo essere penalizzati o retrocessi o radiati da ogni campionato del globo terracqueo ecc. ecc. ecc. Il concetto semplice è che il discorso "Ricordati che devi morire" "Mo' me lo segno" di troisiana memoria non deve per forza essere una filosofia di vita. In sintesi, non è necessario martellarsi le palle 24 ore al giorno, ogni tanto si può anche interrompere, che la soddisfazione è doppia. 😉😉😉
    3 points
  18. mastrantonio meglio di pisseri. pisseri meglio di mastrantonio. preso matosevic.
    3 points
  19. Se posso aggiungere al tuo pezzo davvero divertente, ai confini del tragicomico: Vogliamo essere una squadra fastidiosa. Pjanic e Bernardeschi: credete nei vostri sogni. La voce radiofonica al Rocco per l'esordio contro il Pordenone. All'intervallo eravamo in vantaggio ed i ragazzi hanno avuto paura di vincere. Siamo in un percorso di crescita. Abbiamo una disomogeneità di forma fisica.
    3 points
  20. parlando di bulimia digitale direi che ci sei dentro fino al collo pure tu, visto che invece di staccare e festeggiare per una settimana hai letto tutti i commenti e commentato a tua volta 😀. La stessa cosa succedeva negli anni '80 al bar o a scuola, quando la settimana dopo la fine del campionato (che fosse quello della promozione 82/83 o quello della retrocessione dopo un Triestina-Taranto 4-6) ci si trovava per parlare di quale sarebbe stato il prossimo allenatore e quali i giocatori da confermare.
    3 points
  21. il seveso mormorava calmo e placido al passaggio dei primi alabardati il tredici di maggio il seveso mormorò non passa il sangiulianese oh no!
    3 points
  22. Sapete se è prevista una scorta per pullman e auto? Se sì, da dove? Grazie.
    3 points
  23. Sai cosa porta il tuo post? Un mare di qualunquismo. Il 90% degli utenti, come me, ha criticato l'ambiente di Scafati (deduco che a te piaccia...) senza usare del razzismo, ma tu ci dipingi tutti come razzisti. Te la canti e te la suoni, come fai sempre. Nessuna novità Poi come al solito offendi, ma non vuoi essere offeso. Anche qui, nessuna novità. Per fortuna non sei tu a stabilire lo "stile" del sito, perché il tuo, fortunatamente, non mi piace proprio. E se vuoi ribattere, trova una mia frase razzista e dimostrami che hai ragione... prima di sparare nel mucchio...
    3 points
  24. Il ricorso sul caso Varese sembrerebbe fosse pronto anche a Reggio e Napoli, come mai? Su Scafati, informati in che clima (non lo puoi immaginare) si disputano i match in quel posto. Comanda una certa frangia di pubblico? Io non ho certezze, ma non mi prendo dell'irritante sfigato per aver qualche dubbio sulla regolarità di questa me**a di campionato. Tutto qua. Poi il mio pensiero sarà anche "fuffa" non c'è problema. Accetto.
    3 points
  25. Dopo 30 partite retrocede chi merita . Epilogo imbarazzante,ma non per gli altri risultati,ma per la mancanza di competitività della squadra alla quale nessuno ha voluto porre rimedio. Non puoi pensare di andare a giocare partite decisive in trasferta con quel roster.
    3 points
  26. Hudson era un solista che non difendeva, senza tiro ma sicuramente grande penetratore. Ma avendo Davis e Bartley…
    2 points
  27. Il fatto che uno abbia il patentino UEFA o altri diplomi et simila, non fa di lui necessariamente una persona preparata e capace, io conosco laureati con tanto di specializzazione in diversi settori affini al mio, con cui purtroppo mi tocca collaborare e vedo fare delle cose allucinanti che neanche uno con la terza media. Non confondiamo istruzione con intelligenza o talento, per cortesia. Il fatto che praticamente tutti i portieri passati di qui hanno peggiorato nel tempo le loro performance, ci dovrebbe dire qualcosa, ma evidentemente qualcuno qui dentro non si convince neppure davanti a sei sette anni di dati concreti, non chiacchiere da bar. Contento lui. Speriamo finalmente di togliercelo dai cosiddetti definitivamente a partire da giugno, ha veramente sfibrato.
    2 points
  28. Se capisco giusto,il coach non ha avvallato l'operazione. Il coach ha avvallato Terry al posto di Spencer,non al posto di Pacher. Poi si è trovato col contratto di Terry firmato e l'impossibilità oggettiva di tagliare Spencer in quel momento. Come avrebbe dovuto fare? A mio modo di vedere sarebbe stato molto più grave prendere Terry per Pacher,ma ghiacci riconferma che non è stato così . Forse doveva avere il coraggio di tagliare cmq Spencer,ma restava il problema Pacher....faccio fatica a vedere delle vere colpe In questo scenario,la vera colpa è stata non passare al 6+6 e risistemare il roster dopo.
    2 points
  29. se Giacomini disi questo allora xe fatta per Di Paolo come unico proprietario
    2 points
  30. Scusate se mi permetto di aggiungere qualche considerazione mentre si almanacca su quantità e qualità degli spettatori reali o potenziali dell'Unione. Quando ci paragoniamo ad altre realtà della nostra categoria non ci dobbiamo dimenticare che il bacino del pubblico non è semplicemante costituito dai cittadini, ma anche e soprattutto dalla provincia. La provincia anzi porta negli stadi delle città di riferimanto non solo un certo numero di spettatori, ma anche una carica di entusiasmo che viene dal provinciale che tifando per la squadra importante della sua comunità, sente in qualche modo di appartenervi. Per fare degli esempi, Padova ha nel suo entroterra immediato una cintura di nuclei abitati molto folta, non sto ad annoiarvi con le varie Cadoneghe, Albignasego eccetera, parlo di una serie di paesi e cittadine come Tombolo, Campodarsego, Piove di Sacco, Monselice che si riconoscono nella squadra del Capoluogo. Parliamo di centri di 10, 20 mila abitanti. Totale un milione. Vicenza ha Thiene, Schio, Bassano, Asiago, Marostica a cui potrei aggiungere una interminabile lista di paesi e paesini che tutti assieme fanno 850 mila. Trento rappresenta una regione intera e le sue valli, e così via le altre più importanti squadre paragonabili a noi. Fermandoci ai capoluoghi di provincia credo che tutti possano contare su un numero di potenziali spettatori come minimo il doppio del nostro. Noi abbiamo Muggia, Monrupino, Aurisina con quel poco che segue più qualche simpatizzante nella Bassa Friulana. Raccogliere un numero di spettatori paragonabile a quello delle nostre concorrenti a me sembra un mezzo miracolo, dato dall'affetto che ancora molti provano per la squadra che rappresenta la nostra città. E questo nonostante non dico le delusioni ma le umiliazioni che abbiamo vissuto in questi xxx anni. Ognuno ci metta il numero che gli compete. Non vorrei essere prolisso quindi vedo di concludere. Credo che una fantomatica e casuale promozione in serie B, non accompagnata dalla bellezza e dalla magia da cui fu toccata la Triestina di Berti, non sposterebbe in modo veramente significativo l'essenza dei numeri. Quella fu veramente la squadra dei sogni a cui ci affezionammo non solo perché giocava bene, ma perché la vedemmo nascere e crescere, e gli dei del calcio ci furono propizi....fino a un certo punto. Ma un campionato di mezza o bassa classifica porterebbe pian piano i numeri verso i 5/7 mila spettatori, che peraltro sono quelli che assistono normalmente alle partite di molte squadre di serie B. Personalmente preferirei vedere finalmente un altro tipo di percorso e non la solita caccia agli uomini giusti per fare il salto di qualità a cui assistiamo ogni anno. Altri scenari si potrebbero aprire in serie A perché i confini del bacino potenziale si allargherebbero molto, ma il pudore mi impone di fermarmi qui.
    2 points
  31. Corretto Forest, ma io non metterei la mano sul fuoco nemmeno per Biasin.
    2 points
  32. E quindi sta esaltazione di Mourinho su tutti i media, contrapposta al tiro ad alzo zero su Pioli, la trovo irritante. Perché il Mou degli ultimi anni è bravissimo a fare due cose: vendersi e mettere i pullman davanti alla porta. Questo, oggettivamente, non glielo può negare nessuno. Ma detto questo, nei pronostici di inizio stagione tutti i media mettevano la Roma nelle prime quattro con Inter, Milan e Juve a dispetto del Napoli. Non parliamo dei giornalai del Corriere dello Sport che la davano favorita per il titolo, perché lì ovviamente il giochino è far contento chi ti legge. Ora, sinceramente, l'anno scorso la Roma ha vinto la Coppa della Minchia, che non diventa più importante perché la vincerà il West Ham o la Fiorentina È la coppa delle settime classificate, ovvero non le big e neanche quelle sotto le big, bensì le squadre poco sopra il centro classifica. Tipo appunto Fiorentina o West Ham (che per la verità è quindicesimo, a essere precisi). Meglio vincerla che no, ci mancherebbe, ma non credo si possa paragonare quel successo (arrivato passando per gare memorabili tipo l' 1-6 coi pescatori di salmoni, seguito da un sofferto 2-2 al ritorno) allo scudetto di Pioli. Spero, almeno. Ovviamente la Roma fra le prime quattro non c'è arrivata. Quest'anno è finalista di EL, e su questo nulla da obiettare, e il Milan è stato semifinalista di CL, che rispetto alla EL è come Wimbledon rispetto agli Internazionali d'Italia. In campionato il Milan è (e secondo me resterà) davanti alla Roma, e se parliamo seriamente di infortuni Pioli ha giocato quattro mesi senza portiere, roba che Mou avrebbe fatto esondare il Tevere a furia di piagnistei. Se invece parliamo di risultati, in questi due anni meglio il Milan. Se parliamo di spettacolo lasciamo perdere, perché il Milan quando è in condizione gioca molto bene ma non sempre ci riesce, tuttavia in confronto a un gioco fatto come ieri sera di zero tiri in porta e svenimenti a ripetizione, il Milan può essere paragonato al City. Detto questo, riconosco senza problemi a Mourinho, che è stato un grandissimo allenatore fino a una decina di anni fa, una buona organizzazione difensiva e una capacità oratoria senza pari atta a farsi amici non solo i media ma anche i propri giocatori, senza dubbio disposti a molto per lui. Ma onestamente non molto di più.
    2 points
  33. Post come questo di @pinot sono come un gatto che ti si aggrappa ai coglioni. Però è condivisibile.
    2 points
  34. In 50 in trasferta in B?????? Ma dai Alessyum.... me le son fatte quasi tutte, da Acoli a Salerno di mercoledì, Genova, Terni, ecc ecc ..... stai dicendo cazzate.
    2 points
  35. E per avvalorar la tua convinzion che semo una grande tifoseria te me metti le foto de ESATTAMENTE VENTI ANNI FA? Dai, su..
    2 points
  36. Me lo sentivo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Allora xe tutto fatto de proposito!!!!!!!!!!!!! Col cazz° che andemo in A2!!! Merd€!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    2 points
  37. Una buona vittoria deve far gioioso il vinto, deve avere qualche cosa di divino che risparmi l’onta. Diceva Nietzsche. Io più modestamente aggiungo, bisogna assaporarla in tutte le sue sfaccettature, a qualunque livello. Questo non vuol dire non avere ambizioni più alte, ma diamo tempo al tempo.
    2 points
  38. Sono arrivato adesso a casa ed ho ancora l'adrenalina in corpo, farò fatica ad addormentarmi. Avrò rivisto 100 e più volte il gol di Tavernelli durante il viaggio in pullman. Ragazzi, che emozione indescrivibile, al gol ho abbracciato chiunque mi fosse vicino, amici, conoscenti, sconosciuti, triestini, veronesi e chissà chi altro. Avevo gli occhi lucidi ma stavolta, rispetto a Crema, ci credevo. Non ho smesso un secondo di dubitare in questa squadra. È stato tutto assurdo, un inizio di anno disastroso, tre cambi di allenatore, eravamo ultimi a gennaio e praticamente senza speranza, ed infine mancava giusto un provvedimento per illecito, credevo di averle viste tutte... Ed invece no, la polizia che sbaglia strada e ci troviamo vicino San Siro in direzione Varese, ritardando l'entrata di mezz'ora.... Ma alla fine c'è l'abbiamo fatta, tutti noi: la squadra che ha avuto un attaccamento a questa maglia incredibile, un mister che è riuscito in una impresa quasi disperata, Pavanel che ha portato buoni giocatori e che ha avuto il coraggio di farsi da parte, e noi tifosi che abbiamo tifato fino all'ultimo ed oltre, che eravamo in 600 oggi. Tutti non abbiamo mollato: squadra, staff e tifo! Grandi, grandissimi. La Gioia di oggi ripaga tutto l'anno nefasto. Tra Lucca, Dro, la partita con la Vecomp ed oggi ho perso 20 anni di vita! Per il futuro, ne parliamo domani. Oggi è giusto gioire e festeggiare. Buonanotte.... Trieste dormi, el mar se movi appena, le stelle brillano e le me fa sognar.....
    2 points
  39. Ennesima dimostrazione della pochezza del nostro tifo organizzato. Se anche fossimo retrocessi questa squadra sarebbe stata ad un passo da un impresa incredibile. Si sono impegnati come bestie, e chi dice il contrario non ha idea di cosa sia lo sport (e mi sono veramente rotto i coglioni di sentire il coro "11 leoni", o gente in curva che dice che i giocatori devono sputare sangue perché sono veramente delle stronzate atomiche che non si possono sentire). Si sono impegnati come bestie e anche grazie ad una congiunzione astrale forse irripetibile si sono salvati. Peccato non si farà nulla per ringraziare questa squadra perché se lo meriterebbero. Grazie al mister, grazie ai giocatori, grazie anche a chi ha contribuito a puntellare la squadra andandosene poi da gran signore per dare una chance alla maglia che ama. Sperando che queste imprese in futuro non servano per non retrocedere ma per traguardi più ambiziosi
    2 points
  40. Fate un monumento a quel uomo!!!! Tavernelli come Rocco!!!!!!!! Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk
    2 points
  41. Anche basta dai con sta battaglia ad personam dai che palle
    2 points
  42. Francesco Ioni.... Per gli amici Checco!!! Ma ti senti sempre colpito e toccato? Non si può piu' scrivere qualcosa che ti poni sempre come vittima!!!! Vivi e lascia vivere.....anzi scrivi e lascia scrivere!!! Se vuoi commenta pure queste mie parole. Io non ti rispondo neanche!!! Saluti
    2 points
  43. So già cosa porterà questo mio post. Ma lo scrivo lo stesso. So che la volgarità e le forme di offesa e razzismo sono ormai sdoganare e tollerate perché ormai nessun si volta più indietro data la frequenza cui siamo esposti soprattutto sui social dai leoni di tastiera nell'anonimato dei nickname. Ma a me non vanno giù. Quindi se pur trovo assurdo reiterare sospetti su quella o questa partita e su vari complotti, detto che per me ci siamo strameritati la retrocessione per qualità di roster e di gioco dimostrato, trovo nei modi corretto chi argomenti su opinioni o evidenze personali ma senza offesa. Trovo invece al solito becera ottusa ignoranza definire Napoli e Scafati mafia1 e mafia2 o me**a di mafia. Non ho parentele campane e poche amicizie, ma non tollero e voglio rimarcare queste forme di razzismo. Per me da reprimere perché portano il tutto ad un piano di inciviltà che nulla a che vedere con lo sport né con lo stile generale di questo sito.
    2 points
  44. più che altro secondo me ha pagato un hubris spropositata e una certa (over)sicurezza nei propri mezzi se ho successo nel business A non è automaticamente detto che lo abbia anche nel business B lui pensava (e temo ancora pensi) che fosse così, che l'aver aperto la terza "gigantesca Spa" (cit.) ed essendo "una persona di successo" (cit.) "più che intelligente" (cit.) "che si sta affermando" (cit.) e che "esce su quotidiani di finanza" (cit.) lo portasse in automatico a dominare anche il mondo del calcio con due click. Non è così. e la conferenza stampa di sabato scorso temo pericolosamente confermi tale ipotesi: a parte il discorso combine presunta, mi aspettavo un Giacomini più tranquillo, umile, empatico, conscio della situazione. e invece.
    2 points
  45. devo confessare che il discorso portato avanti da più d’uno, e cioè che è giusto confermare la formazione iniziale “ a timbro “ utilizzata finora, mi convince poco ho letto che sarebbe ottimo arrivare al 70esimo sullo 0-0 per poi fare l’all-in come a Crema non condivido, se al 70esimo fossimo 0-0 si giocherebbero poi al massimo 5 min, a stare larghi, dal momento che quelli del City sarebbero sempre per terra io credo che sia fondamentale sorprendere l’avversario come fece l’allenatore del Pisa nel ritorno al Rocco cambiando modulo rispetto all’andata e prendendo il tal modo il controllo del centrocampo, il che significò primo tempo dominato credo che la formazione fotocopia sia un vantaggio che non bisogna concedere agli avversari e mi aspetto che Gentilini stia preparando qualcosa di diverso rispetto alla solita minestra che usualmente concede un tempo agli altri cosa che davvero stavolta non possiamo permetterci di fare, ogni minuto che passa fa il gioco del City
    2 points
  46. Quindi i verdetti dei campionati dilettantistici locali delle triestine (tra parentesi i verdetti dei campionati in assoluto) Eccellenza: San Luigi sesto dopo essere stata la seconda squadra a fare più punti nel girone di ritorno, poco dietro in classifica Zaule e Sistiana Sesljan, salvo all'ultima giornata il Chiarbola Ponziana, retrocesso in largo anticipo il Kras (Promossa: Chions; agli spareggi nazionali: Tamai; retrocesse: Kras, Forum Julii, Virtus Corno, Pro Cervignano e forse Sanvitese se retrocede il Torviscosa dalla D) Promozione B: Primorec quarto ma fuori dai playoff per la troppa distanza dall'Ufm, Sant'Andrea ai playout in casa contro il Mariano (Promossa: Azzurra Premariacco; finale playoff: Lavarian Mortean- Ufm; già retrocesse Santamaria ed Aquileia) Prima Categoria 😄 Trieste Victory Academy in semifinale playoff contro l'Isontina, chi vince va in finale contro l'Azzurra Gorizia. Da segnalare che tutte 3 hanno più punti di tutte le squadre ai playoff negli altri gironi, quindi chi vincerà questi spareggi sarà promosso in Promozione. Retrocesso con largo anticipo lo Zarja, Domio ai playout in trasferta col Ruda, ampiamente salve Roianese, Costalunga e San Giovanni arrivate a ridosso dei playoff (Promossa: Fiumicello; retrocesse: Zarja, Bisiaca e Ism Gradisca) Seconda categoria F: Muggia stravincitore del campionato, Breg in finale playoff contro la vincente di Opicina-Audax Sanrocchese. Segnalo infine l'avventura del povero Flumignano, finito ultimo a -1 in seconda categoria girone D, che vince la palma di peggiore squadra del Friuli Venezia Giulia.
    2 points
  47. I bambini pensano che il mondo debba adeguarsi a loro, gli adulti hanno imparato che ci si deve adeguare al mondo. Così nei drammi il bambino adduce a colpe altrui, elementi esogeni sui quali lui non può fare nulla. L'adulto guarda a sé stesso e ricerca i propri errori per trovare gli ambiti dove può migliorare e imparare dai fallimenti. I tifosi, anche quelli di questo forum con i quali io sono in disaccordo, hanno tutto il diritto di recriminare per fatti esterni (Brescia Scafati Varese... TV-BO) perché i tifosi vivono di pancia le cose, perché, soprattutto se abbonati, pagano e hanno diritto di critica, perché, soprattutto, non sono i responsabili e non possono cambiare lo stato delle cose. Quindi legittimo parlare di tutto. Ma la società NO. Oggi ho sentito l'intervista di Ghiacci e mi sono incazzato ancora di più. Non una parola di scusa, non un'ammissione di errori e responsabilità. Una persona che ha dignità avrebbe dovuto presentarsi con le dimissioni. Il tono (a pelle di presa in giro) mi ha riportato alla conferenza stampa de due scappati di casa per il lancio degli abbinamenti. Solo che quei due erano (in piccola parte) proprietari che ci mettevano i proprio soldi. Ghiacci per un dieci anni è dipendente che ha ricevuto uno stipendio dalla società, che ha vissuto grazie alla società e che quest'anno ha commesso dei gravi errori. Invece Ghiacci ieri è stato il bambino... Il campionato strano, la sorte, tutti contro, le cavallette... Addirittura parlare della bellezza della città o di un orgoglio per risalire quasi a dire noi siamo gente seria e, soprattutto, non molliamo (ergo resto ancora). O che retrocediamo per una piccolezza di un canestro: caro signor Ghiacci se Scafati perdeva, eravamo salvi per ancora meno. La sorte si affronta: come giustamente segnalava Pinot in tempi non sospetti (anche durante il gennaio di gloria) la squadra era estremamente fragile e al primo soffio di vento si poteva spezzare. Perchè quando ci sono state le tempeste (Gaines Hudsun, Davis) si è gestito così? Se vogliamo cambiare passo dopo la gestione ormai decotta di questo anno agonizzante, le colpe vanno cercate all'interno perché solo cambiando le cose che possiamo cambiare potremo migliorare. Altrimenti anche in A2 qualcun ALTRO sarà stato brutto-cattivo.
    2 points
  48. Ma l'essere retrocessi senza fare nulla per evitarlo a me dice che sono sono poca roba. Posto che investire nello sport mi sembra sempre un gioco a perdere a parte rarissime eccezioni, mi pare assurdo che questi arrivino e non fanno NULLA per non retrocedere. non ci voleva uno scienziato per capire che con un allenatore con un minimo di esperienza e 2 giocatori decenti (non quelli utili solo per fare i video in slow motion su facebook con le schiacciate siderali) ci si salvava tranquillamente. Il roster è stato cambiato aggiungendo un centro che sa solo saltare (non un movimento sottocanestro, sta cosa mi fa impazzire) e un 3/4 dalla A2 di una lentezza esasperante. Per non parlare del fatto che i 2 americani migliori hanno fatto ciascuno i loro comodi (uno in campo giocando per se stesso, l'altro fuori facendosi squalificare). E di grazia che Ruzzier è triestino altrimenti questi discorsi li avremmo fatti 1 mese fa. Stagione iniziata male (ma ci stava visti i presupposti) e finita peggio (cosa non giustificabile per me).
    2 points
×
×
  • Create New...