Jump to content

Leaderboard

Popular Content

Showing content with the highest reputation since 01/17/2021 in all areas

  1. negli anni scorsi ne abbiamo dette di tutti i colori a Da Ros poi come al solito al momento dell’addio tutti sono tristi non ha senso tornare ora sui pregi e difetti di questo giocatore a cui, parere personalissimo, ha fatto bene giocare senza pubblico quest’anno fino a un anno fa i mormorii al pala ad ogni iniziativa conclusa con un errore erano la regola tanto che spesso il giocatore non guardava nemmeno il canestro ma insomma, resta il ricordo delle splendide imprese vissute assieme al pala giocatore che ho talvolta detestato e tante volte amato ma è personaggio importante di alcune delle pagine più belle della storia della Pallacanestro Trieste sono pagine che sfoglio sempre con emozione e con una punta di commozione perché gli anni passano e chissà se potrò rivivere emozioni sportive così intense ma oggi mi alzo in piedi e tributo a Teo Da Ros la standing ovation che merita e che non mancherò di offrirgli alla prima occasione possibile in quella che è stata la sua arena grazie per questi 5 anni assieme e in bocca al lupo, sempre uno di noi
    10 points
  2. Se posso, mi permetto di rispondere per quella che è la mia opinione. Fin qua, nettamente meglio Bucchi. Prima di tutto, ne faccio un discorso essenzialmente numerico. Bucchi è arrivato relativamente tardi, ha iniziato con una squadra e gliel'hanno letteralmente stavolta in corsa (migliorandola, per l'amor di Dio...) Ha avuto il solo torto, fin qua, di una partenza col freno a mano tirato: due punti in quattro gare sono una zavorra che ci porteremo dietro per tutto il campionato. Ottenuti, va detto, con un organico ben diverso dall'attuale. Dalla quinta in poi la Triestina, nonostante a livello di infortuni non ci si sia fatto mancare nulla e nonostante la quantità di punti buttati nei minuti finali in gare che parevano formalità ormai archiviate, ha raccolto 28 punti in 14 gare. E 14 gare iniziano ad essere troppe per non considerarle attendibili. Due punti di media a partita, se mantenuti, sono una media nettamente superiore a quella di chiunque si sia seduto sulla panchina dell'Unione negli ultimi anni. Ma non è solo questo. Pillon aveva una sua idea di gioco, che a me tutto sommato piaceva. Ci ha messo poco, fra l'altro, per farla recepire. Ma quando usciva dai suoi binari abituali, vedi la sciagurata eliminazione ai playoff, pareva non sapere che pesci pigliare. Non esattamente un eclettico, secondo me. Bucchi, e te lo dico avendo visto tutte le partite dal primo all'ultimo minuto, diverse amichevoli comprese, pare aggiungere ogni tanto un tassello a quanto costruito fino a quel momento. Mi spiego meglio. Ha iniziato con una squadra falcidiata dagli infortuni, e anziché fare la vittima ha fatto di necessità virtù trovando in breve nel 3-5-2 un approdo sicuro per le caratteristiche di chi gli era rimasto. Lo ha portato avanti con pazienza, per poi passare a quattro quando gli interpreti glielo hanno consentito, senza che questo incida minimamente a livello di risultati, anzi trovando una solidità che ha garantito sette risultati utili consecutivi. La Triestina per lungo tempo ha giocato male, diciamolo, dando l'idea di cercare più il risultato che la prestazione, e sono personalmente convinto che questo sia servito per far acquisire una certa convinzione e autostima, insomma intanto facciamo i risultati e poi al gioco ci penseremo. Che può essere retorica, ma non in questo caso, perché chi le partite le vede ha certamente notato che da qualche gara la Triestina ha iniziato ad alzare notevolmente il baricentro, ha cominciato a pressare alto, i terzini arrivano sempre più spesso sul fondo (ieri Natalucci e Brey sono arrivati entrambi anche alla conclusione, e prima Rapisarda era stato il migliore). Si lavora sui particolari (blocchi per Ligi sui piazzati, siamo a tre gol finora) e ti posso garantire che sulle palle ferme, rimesse laterali comprese, Bucchi è un maniaco. Insomma, c'è una chiara sensazione di crescita, di una squadra che a inizio anno valeva 5,5, poi meritava nulla più che la sufficienza e adesso è diventata una buona squadra che potrebbe divenire ottima quando avrà tutti gli interpreti a disposizione. Ma in generale, quando si parla di progetto (e con Bucchi si è sempre parlato in termini biennali) io voglio vedere una crescita, nel gioco e nei risultati, a dimostrare che si lavora e si costruisce. Questa sensazione non l'ho mai avuta, né col comunque sottovalutato Guatieri e nemmeno con Pillon. Ti dirò di più: la squadra, intesa come giocatori, è consapevole del proprio valore, segue il mister e chi non lo fa viene accantonato dall'interno prima ancora che dall'esterno (non faccio nomi, si è capito). So benissimo che se prenderemo un'imbarcata col Sud Tirol torneranno quelli che non vedono l'ora di poter scrivere che facciamo schifo, ma non ho problemi in tal senso perché evito di dare giudizi sommari sulla singola gara o il singolo episodio e cerco di vedere se esiste un progetto e come si sta sviluppando. A me pare che ci sia, e che siamo in serie positiva giocando senza il nostro miglior difensore, senza il centrocampista più talentuoso e senza l'attaccante fin qua più convincente. Senza piangersi addosso e dimostrando sul campo che siamo competitivi lo stesso. A me, non sembra poco.
    7 points
  3. Certo che non fai in tempo ad affezionarti a una squadra, ad apprezzarne il gioco, che te la stravolgono in 4 ore...
    7 points
  4. resta la domanda perche’ un anno fa dopo una pessima stagione è stato confermato ed ora dopo una ottima viene congedato ? gli appelli ai tifosi vanno sempre di moda ma gli stessi non vanno trattati come dei fessi dunque mio caro pres, perché ? che ambiente ha bisogno di un cambio di guida, chi in particolare ? la stragrande maggioranza dei tifosi non sentiva questa esigenza e l’ambiente a Trieste sono i tifosi dunque chi ha deciso questo e perché ?
    7 points
  5. Salve a tutti. Mi ci sono voluti quasi 9 anni per il primo post....un record. Non ho mai postato visto che di calcio capisco poco o nulla, tifoso medio :), ed abitando prima in Inghilterra ed ora "oltre confine" non ero mai riuscito a seguire una partita con l'eccezione della finale con il Pisa. E se non vedo non commento. Con ElevenSport su YouTube ora le partite le posso vedere, salvo conflitti con il lavoro, quindi e' arrivato il momento di diventare un po piu attivo. Ovviamente spero di potervi salutare di persona al Rocco (e birra o coca-cola offerta dal sottoscritto) Forza Unione!
    7 points
  6. Ma guarda. Poco da dire. Io l'ho vista a cena con un po' di miei amici tutti ex giocatori di A, due presidenti, un massaggiatore e un magazziniere che portava il vino in tavola. Si era tutti d'accordo, si è visto benissimo: Valeri ha insultato la mamma di Lukaku imitando la voce di Ibrahimovic, per scatenare il baillamme e poter ammonire tutti e due a vantaggio della Juventus. La sceneggiata di Barella che si è tuffato meritava rosso e l'oscar al miglior attore. Adesso devo andare perché il pilota del mio jet privato rompe le palle e devo partire per Newyork dove mi aspettano per un intervento all'ONU. Da giovane andavo a nuoto, ma con l'età limito le uscite e non vado oltre la Dalmazia.
    7 points
  7. Mica è un problema. Io più che continuare ad andare allo stadio, prendere atto che la società, o meglio Mauro in particolare, hanno certamente parecchi difetti, ma che tutto sommato gli ultimi vent'anni dimostrano abbastanza chiaramente che uno disposto a mettere milioni a fondo perduto ogni anno non è semplice trovarlo, o almeno in vent'anni non ci siamo mai riusciti, e a ribadire che se mai un acquirente serio ci fosse Mario sarebbe ben contento di vedergli la società, non credo di poter fare. Poi ognuno ha le sue rispettabili opinioni, ci mancherebbe. Siamo al punto che l'allenatore supplica i tifosi di andare allo stadio, fosse anche per fischiare, dimostrando un po' di amore per la Triestina, ma tanto non succederà perché saremo in soliti novecento pronti a tornare a casa e farci prendere per il c**o dai Rigel di turno, che cercano a Chi l'ha visto i giocatori con la febbre e commentano partite che manco vedono. E io dovrei discutere con gente simile? Ma per l'amor di Dio, sono sufficientemente grandicello da ricordarmi di quando i tifosi illuminati insultavano Berti e inneggiavano a Tonellotto sotto la curva. Forse Berti non aveva difetti? Hai voglia se ne aveva, ma valeva Aletti, Tonellotto, Mehmeti, M'bock e Pontrelli messi assieme. Ma tanto cercare di spiegarlo ė tempo perso, trovi sempre l'imprenditore (segue risata chilometrica) che della società non sa un beato ca**o ma viene a spiegarti le cose facendo pure ironia. Lasciar perdere è palesemente la cosa migliore.
    6 points
  8. un grandissimo STICAZZI comunque ghe sta tutto, se podessi cortesemente tornar in topic? Grazie.
    6 points
  9. Sennò basta andare al Ferrini e tiriamo su una squadra di cricket pakistana.
    6 points
  10. Buh.. sarà che son diventato il classico vecchio rompiballe da gradinata che sputtanavo qualche decina di anni fa, ma francamente fatico ad entusiasmarmi o a cambiare atteggiamento perchè è arrivato Bucchi. Per tutta una serie di motivi. 1) Bucchi costa non poco, questo è sicuro. Ed abbiamo a busta paga, come una sorta di certificazione degli errori commessi, altri due allenatori. Mi è difficile pensare che questo non inciderà sulla qualità della rosa che potrà essere messa a disposizione del nuovo mister. E come si usa dire, sono i giocatori che vanno in campo. 2) Lo stesso entusiasmo l'ho visto all'annuncio di Pillon. La tragicomica fine della sua esperienza a Trieste dimostra inequivocabilmente che tra avere un allenatore con un ottimo curriculum ed ottenere risultati sul campo ci sia un "lieve" margine di incertezza. 3) Come credo almeno il 98% dei tifosi che scrivono qui e su FB, di Bucchi allenatore non so una beata cippa, non avendone seguito le gesta nemmeno superficialmente. E con tutto il rispetto dovuto agli esperti, delle loro opinioni mi interessa il giusto, visto appunto il recente e recentissimo passato. Vedo che ha vinto e perso come tutti. Come tutti è stato preso tra l'entusiasmo della piazza e talvolta esonerato. Non sono nella situazione di conoscere le dinamiche interne in società, e francamente anche di queste mi interessa poco. Non so come si sia giunti al divorzio con Pillon, non so il perchè ed il percome di tante cose sulle quali, per essere obiettivi e poter dare un giudizio, occorrerebbe sentire, e sentire bene, tutte le campane. Ma, ripeto, mi interessa poco. Quello che mi interessa è la cosa che per me è sempre stata più importante, dai tempi dei tempi. L'Unione è l'espressione di una città, l'unione è dei tifosi. Non è un modo di dire, è davvero così perchè alla fin fine è dal suo seguito che si classifica la grandezza di un società di calcio. Il seguito, certo, arriva con i risultati, principalmente. E su quelli staremo a vedere. Ma secondo me arriva anche con una gestione che metta il tifoso al centro, che si ponga quale primo obiettivo la crescita del seguito, la famosa costumer satisfaction. La gestione attuale della società è quanto di più lontano riesca ad immaginare da questo punto di vista. Conflitti aperti, comunicazione assente, censura pesante, atteggiamenti di sfida e piccoli ricatti (le famose cartoline dall'Australia) ecc.ecc. Senza stare a pontificare sull'one man band che tante volte abbiamo avuto modo di criticare, io penso che queste cose debbano essere urgentemente riviste con un visione aperta e costruttiva, perchè i tifosi si rompono facilmente le palle quando si sentono più polli da spennare che parte di un progetto. O almeno, io personalmente mi sono rotto le palle, magari appunto perchè vecchio e abbastanza rincoglionito.
    6 points
  11. non so dove postare, eventualmente Sandro sposta lunga intervista a Dalmasson nel Piccolo di oggi il passaggio chiave è laddove si dice amareggiato per la conclusione della sua esperienza triestina traspare delusione per la gestione umana del congedo, che evidentemente non si aspettava del resto il suo mood nelle ultime partite era risultato indiscutibilmente anomalo e non ci voleva molto acume per interpretarlo nel modo corretto a me dispiace molto che l'addio di ED sia avvenuto in sordina, senza che il red wall abbia potuto offrirgli il suo tributo e la standing ovation che sarebbe stata interminabile come gli 11 anni sulla panchina della PT spero ci sia l'occasione per farlo all'inizio della prossima stagione anche se forse non sarà felice di rivedere qualche persona a bordo campo mi aspetto una replica di Ghiacci in cui finalmente dice la sua verità e non frasi fatte di circostanza i tifosi meritano chiarezza, non è stato esonerato - perchè di questo si tratta - un allenatore qualunque ma un pezzo di storia della pallacanestro triestina e il modo in cui è stato fatto è sconcertante, tanto più dopo una stagione asolutamente positiva la tempistica con cui a qualche giornata dalla fine della stagione è stato fatto capire al coach che non veniva più visto come una risorsa per questa società ( cit. ) è stata tale da compromettere il finale di stagione e i PO che per 2/3 abbiamo giocato in un clima di smobilitazione direi che per quanto mi riguarda il rapporto con la PT è ai minimi storici, questa non è la società in cui mi riconosco e a cui ho dedicato una passione travolgente
    6 points
  12. Ma in questo preciso momento cosa c'entra l'erba del vicino,gli allenamenti a porte aperte,i coach pagliacci... La tua è una vera ossessione,spero davvero che ED rimanga per sempre, altrimenti non ce la faresti e ti perderemo,e mi dispiacerebbe molto.
    6 points
  13. Annotazioni sparse: finiamo 14- 14 il che lo trovo per lo meno equo nel cogliere il nostro campionato peccato per il break Covid che ci è costato almeno la partita con Cantù all'andata, buona per strappare il 6° posto che è quello che secondo me questa squadra valeva, ossia la migliore dietro alle top 5 Punti alti: la vittoria a Milano ovviamente, la qualificazione alle final 8 e ai play off Punti bassi: le sconfitte con Brescia (si arrivava da Milano) e con Treviso e Trento (per le modalità) QUesta squadra a palazzo avrebbe incendiato e si sarebbe incendiata Annoto la grande Pesaro terz'ultima (io sempre e solo annoto) Grazie Eugenio, facciamo qualcosa di clamoroso, lo possiamo fare e poi se necessario, salutiamoci come solo i grnadi professionisti e i grandi uomini sanno fare, con classe
    6 points
  14. una sorta di appagamento è il pericolo insito in qualunque partecipazione continuativa ad un campionato di massimo livello in una dimensione di metà classifica a noi la serie A nel calcio pare un miraggio, a Udine si stanno annoiando siamo in A da appena 3 anni dopo essere stati per 15 nelle minors ed aver rischiato di finire in C e questo post è l'esempio lampante di cosa significhi appagamento perchè partecipiamo al campionato ? beh, partecipiamo intanto per salvare una categoria che abbiamo conquistato con grande entusiasmo e difeso con una mobilitazione collettiva 2 anni fa dopo il crack Alma partecipiamo per conquistare la miglior posizione possibile e magari per giocare l'extra season con la speranza di passare in futuro un turno o addirittura di imitare Trento arrivato 2 volte in finale scudetto imbroccando stranieri formidabili giochiamo per questo, per cos'altro ? ci dimentichiamo dello scorso campionato in cui abbiamo rischiato fortemente di lasciarci le penne e covid ci ha tolto dall'impiccio ? questa è la nostra dimensione, un sogno solo 10 anni fa quando stavamo in DNA ed è arrivato Dalmasson tu preferisci andare a farti massacrare in giro per l'Europa con trasferte in Russia, Turchia, Israele, Spagna per poi rimediare sonore bastonate anche in campionato con la squadra a pezzi ? io anche no, preferisco giocare un ottimo campionato se sono stato in grado di assemblare un roster competitivo per il contesto in cui mi trovo, non certo per andare a vincere a Badalona, Malaga, Istanbul o Kazan se un giorno dovesse arrivare una proprietà che mette sul piatto 10 mln come Brugnaro ne riparliamo così almeno la vedo io
    6 points
  15. Salvo presentarsi in ventimila alla finale playoff, peraltro raggiunta esattamente da chi adesso è molto facile denigrare. Sì, lo so bene che la mentalità a Trieste è questa, ci convivo purtroppo mio malgrado da anni. Vedi Kaiser, lungi da me pensare che vada tutto bene, o che Mauro non abbia commesso (e commetta) errori. Hai voglia... È un accentratore, ed è un errore. Vuole avere l'ultima parola, e spesso è un errore. Fa più cose di quelle che dovrebbe, altro errore. Sul mercato non è il miglior ds possibile, e questo più che un errore è un limite. Fin qua, tutti d'accordo. Dopodiche', mi permetto qualche osservazione. La prima. Noi siamo, piaccia o no, una società anomala. Che può permettersi, con tutti i suoi limiti, di viaggiare a livelli che la realtà misera e micragnosa del territorio non consentirebbe neanche vagamente. Con i limiti e i difetti di cui sopra, ci mancherebbe, ma tutto sommato fra una C da alta classifica e una Eccellenza senza la certezza di vincerla io continuo a preferire la prima. Un amico tifoso del Napoli rileva spesso che ADL ha un sacco di difetti, proprio tanti, ma che tutto sommato fra lottare fra le prime in serie A e andare in Champions tutti gli anni e fare i playoff di C senza neanche vincerli, come capitava qualche anno fa, lui sceglie la prima opzione, e io faccio fatica a dargli torto. Nonostante questo, gli "ADL vattene" a Napoli si sprecano non meno che a Trieste i "Milanese cambia mestier", che può essere un valido incentivo se non si tiene conto del fatto che via Milanese il proprietario lo sorteggi a scelta fra politici di basso calibro o malavitosi assortiti, tutta roba di cui abbiamo una certa esperienza. Il discorso "Mario se va avanti cussì se stufa" invece parte da presupposti di non conoscenza, ma neanche minima, di come stiano le cose. Mario che secondo te sta per stufarsi ha infatti appena investito per un impianto sportivo una cifra che il doppio di quella già considerevole con la quale finanzia ogni anno la squadra, e se un giorno si stuferà sarà leggendo facebook (qua i toni sono decisamente più morbidi), dove tutti sono esperti e tutti danno consigli, dimenticando un piccolo particolare: se tu, Kaiser, sei un multimilionario e decidi di girare un kolossal a Trieste per dare un lavoro a tuo figlio che fa l'attore, tua figlia che fa la regista, tuo nipote che fa il produttore ecc.ecc., io potrò anche eccepire che con Stanley Kubrick il film sarebbe venuto meglio, a patto di dimenticare che semplicemente quel film non ci sarebbe mai stato... Chiarito questo, secondo punto: si fa passare come disastrosa una gestione che ha avuto alti e bassi e all'interno della quale sono stati commessi certamente degli errori, ma che disastrosa non è stata neanche vagamente. Se permetti, al primo anno l'obiettivo era salvare una squadra con un piede e mezzo in Eccellenza. Fatto. Al secondo, salire immediatamente in C. Fatto, al primo tentativo. Poi, dopo un anno di consolidamento in cui spero nessuno si attendesse la promozione, si è puntato a salire in B. Obiettivo che ogni anno nel nostro girone si pongono cinque o sei squadre con budget sovrapponibile al nostro e spesso superiore, per cui un semplice calcolo matematico rileva che non salire è, e rimane, assai più probabile rispetto a riuscire a farlo. Comunque, al primo tentativo siamo arrivati a due minuti dalla B, quelli che mancavano alla fine quando un arbitro (capita, non parlo di malafede e lo sai) non vede un rigore evidente che, se trasformato, ci porterebbe adesso a parlare di altre partite. Capita, sono le sliding doors della vita ma mi riesce difficile considerarla una annata negativa. Dunque ci si riprova, mettendo su una squadra che gli osservatori che la C la seguono per mestiere (quindi non tu o io) considerano all'unanimità di altissimo profilo e favorita per la.promozione. E che invece fa male, ma viene rinforzata a gennaio e in piena rimonta verso i primi posti (è la squadra con più punti nel girone di ritorno) viene fermata dal Covid con quel che ne consegue, ovvero i playoff ma partendo da posizioni di rincalzo dalle quali salire è quasi impossibile. Ciononostante si passa il primo turno vincendo in trasferta, e si passerebbe ragionevolmente anche il secondo se (altra sliding door) l'arbitro se la sentisse di assegnare anche qua un rigore tanto evidente quanto decisivo nel finale. Ma resta, ne convengo, una stagione comunque nel complesso negativa. Che però, se permetti, non cancella le precedenti. Arriviamo a oggi, e a una squadra costruita "a pene di segugio" (cito il tuo tecnicismo). Peccato che quella squadra non l'abbiamo mai vista, per la ragione piuttosto intuibile che tredici infettati dal Covid (con tutte le conseguenze fisiche che ne derivano, spesso per parecchie settimane) e una serie mondiale di sfighe (Ioime mai avuto, Procaccio frattura prima della prima partita, Litteri iniziato benissimo poi Covid e tutt'ora fermo e debilitato, Gomez che salta mezze partite, Boultam che si fa male e ne salta dodici, Paulinho che si rompe i legamenti, ecc.ecc.) rendono se permetti gli insulti e le patenti di incompetenza un pelo gratuiti, anche perché dei problemi fisici sopra citati non ce n'è uno (Covid compreso) riconducibile ad acquisti incauti (Ioime ha sempre giocato, Gomez pure, Paulinho, Boultam e Procaccio non hanno precedenti di infortuni). Allora, in un mondo normale, il tifoso di queste cose tiene conto, ed evita magari di dare giudizi questi sì "a pene di segugio" su una realtà che non è fin qua neanche vagamente quella che si era costruita e immaginata, e non lo è per le ragioni suddette, e non per colpa di qualcuno. Tenerne conto nei giudizi sarebbe a mio parere dimostrazione di intelligenza, invece leggo che il Mantova meritava di vincere (ed è verissimo) dimenticando che allo stesso modo noi avremmo meritato largamente di vincere domenica scorsa, e personalmente mi terrei volentieri i tre punti anziché uno se non fosse per il fastidio che quando le cose vanno bene a livello di buona sorte facendo risultati immeritati piove me**a dai social, e quando invece vanno male perché si raccoglie meno di quanto meritato piove me**a uguale. Leggo di gente sconvolta perché a Mantova siamo andati ad accontentarci del pari. Ma secondo voi, un allenatore dell'esperienza e delle capacità di Pillon, se sa che ha i mezzi per andare a vincere a Mantova non prova a farlo? Ma se invece realizza che dovrà andarci facendo a meno del suo centrale più veloce e affidabile, del migliore fra i suoi centrocampisti di quantità e di entrambi i terminali offensivi, va a prendersi il punto in attesa di tempi migliori. Sarà incompetente anche lui, cosa devo dire....
    6 points
  16. 😷 (Purtroppo in tempi di Covid-19 e uso obbligatorio di mascherine ... non si vede se sorride o no ...)
    5 points
  17. Punti di vista, ti pregherei solo cortesemente di non entrare nel merito con offese velate e commentare in modo critico come fanno tutti. Grazie.
    5 points
  18. Eh bon,ma adesso basta però...se perdemo,semo ciompi,roba da playout,anno da buttare via....se vinzemo,ma no xe giogo,quel xe cussi,quell'altro xe colá...rendemose conto che semo in c dove mai nessuna squadra ga fatto calcio champagne,ma se vinzi segnando un gol in più dei avversari...mi firmassi subito x vinzerle tutte così sto anno...se bisogna solo criticar,e no veder mai il bicchiere mezzo pieno,allora ve meritê veramente El derby col cjarlins
    5 points
  19. quando siamo falliti, l'ultima volta, è intervenuto Biasin con Milanese. Non altri. Il duo ci ha garantito 5 anni normali, in cui finalmente abbiamo smesso di parlare di valigette che arrivavano venerdì, o di norme tributarie, ma solo delle prestazioni sul campo. Leggo di questi possibili compratori cosa che sembra coinvolgere un po' tutto lo sgangherato calcio italiano. Mi sorprende tutto questo interesse per una onesta società di terza divisione. Non sempre lasciare la via vecchia per quella nuova è un bene.
    5 points
  20. La tribuna non è aperta, infatti. Se non per autorità, giornalisti e portatori di handicap. È aperta solo la gradinata, al prezzo di 12 euro che diventano 10 per i vecchi abbonati. Prezzi da Promozione, credo. Questa è una delle cose che reputo positive di cui parlavo ieri. Un'altra, ad esempio, è stata una campagna acquisti che non mi è parsa improntata al risparmio. Questo non ha evidentemente niente a che fare con l'essere d'accordo su tutto, anzi ci sono parecchii aspetti sui quali sono in disaccordo e l'ho scritto, altri che non conosco approfonditamente nelle motivazioni e che dunque non giudico semplicemente perché per giudicare mi piace avere in mano gli elementi per farlo. Non credo di essere mai stato prono nei confronti di niente e nessuno in vita mia, e men che meno amo il tiro a segno per principio. Sulla curva chiusa, ribadisco l'obbligo stabilito dal questore di avere un minimo di 25 steward nel settore. Steward che come magari non tutti sanno vengono reclutati in buona parte fuori Trieste, in quanto anche per fare lo steward è necessario il patentino, ed essendo obbligatori in tutti gli stadi d'Italia sono piuttosto richiesti... Ragion per cui, il costo di 25 steward è di qualche migliaio di euro, cui andrebbero aggiunte ovviamente le altre spese per una curva che si è provato ad aprire in Coppa Italia col risultato di 80 biglietti venduti. Per renderlo economicamente sensato ce ne vorrebbero non dico dieci volte tanti, ma non andiamo lontani.... Considerando che col Seregno i biglietti venduti sono stati meno di mille in totale fra gradinata e tribuna, e che stavolta non solo si gioca di lunedì ma c'è la diretta tv, dimmi tu se è ipotizzabile aprire più di un settore. Sul perché la gradinata e non la tribuna, la ragione è evidentemente di offrire un minimo di colpo d'occhio a livello televisivo. Sul fatto che non si possa tifare se non in curva, sono scelte che personalmente non comprendo ma non mi permetto di giudicare. Mi risulta incomprensibile a puro titolo personale, stante che le ragioni della chiusura mi paiono abbastanza evidenti e frutto di una semplice opportunità economica. Lo dico, sia chiaro, da fruitore seriale della curva fin da quando lo stadio è stato costruito. Sabato ho visto il Padova in TV: una curva è in costruzione, ci sono gru, ruspe e lavori in corso e dunque è inagibile. L'altra era chiusa. Stavano tutti in gradinata, ultras compresi, senza problemi, mi dicono che fra l'altro era così anche gli scorsi anni. Ma sono dinamiche che conosco poco e sulle quali non voglio mettere becco perché non ho nessuna intenzione di alimentare polemiche. Siccome però questa dei settori aperti e chiusi è una cosa che credo di conoscere abbastanza bene, mi pareva sensato spiegarla.
    5 points
  21. Certo, non cado dalle nuvole...leggo il forum e sono a conoscenza di tutte le problematiche elencate, che anche condivido in parte. Ma io dico che siamo semplici tifosi e tante cose che a noi sono illogiche, magari non lo sono perchè non abbiamo in mano tutte le tessere del puzzle. Qualcuno ad esempio ha pensato che magari i commenti negativi vengono rimossi per non farli leggere a Biasin? Che mettendoci i soldi, immagino non apprezzerebbe leggere una marea di critiche riguardo alla gestione societaria. La mia è solo un'ipotesi eh. Che poi Milanese abbia un carattere per il quale non accetta di buon grado le critiche mi pare ormai appurato. Qualcuno sa veramente perchè si è scelto di fare il centro sportivo proprio dove sorge il Ferrini? Mi pare di no...e in questo ci possono essere dietro mille questioni. Io continuo a vedere il bicchiere mezzo pieno: - una società ricca che investe - una proprietà diciamo "triestina", che potrebbe garantire continuità per lungo tempo - una società che agisce in buonafede - una squadra che si trova nella categoria che le compete: se consideriamo gli ultimi 50 anni, a noi ci compete una alta C o una bassa B - investimenti in strutture sportive - legami con società dilettantistiche locali Poi chiaro che ci siano problemi, mi pare che nessuno lo nega. Ma qui ormai certi pseudo-tifosi aspettano al varco la società aggiornando la lista degli errori, già convinti che "con questi non se va da nessuna parte" e che ci siano chissà quanti milionari capaci ed interessati a prendere la Triestina (in periodo di covid!!). Io sono abbastanza convinto che Milanese sia quel tipo di persona che non gli fai cambiare idea criticandolo, ma che magari cambia se lasci che si accorga da solo degli errori. E anzi, le critiche lo spingono a non cambiare (si chiama "testardaggine"). Ho preso spunto dal tuo post, le critiche non sono rivolte a te ovviamente.
    5 points
  22. Ieri ero a vedere la partita e, per essere la prima uscita, mi sono piaciuti molto. Certo l'avversario non era di primo livello però delle indicazioni di massima si possono già ricavare e poi è sempre vivo nella mia mente il ricordo dell'esordio di due anni fa a Koper, quindi mi tengo ben stretta la partita di ieri :-). Vi scrivo le mie prime impressioni suoi nuovi giocatori: - KONATE: in assoluto quello che più mi ha impressionato. Fisicamente è davvero potente e inoltre ha messo in mostra un ottima meccanica di tiro, dimostrando di avere una buona sensibilità sui polpastrelli. In attacco ieri ha prevalentemente giocato sui P&R e sul gioco sotto canestro, quindi pochi movimenti alla Delia per intendersi, ma ha fatto vedere anche un coast to coast che lascia intravedere una buona tecnica. In difesa è una presenza: ottima mobilità laterale e capacità di difendere l'area con stoppate e chili. Durante il gioco l'ho visto poco incline ai sorrisi e a strette di mano con gli avversari, gioca duro e sgomita. Durante il gioco si prende qualche pausa di riflessione. Secondo me è un giocatore che potrebbe crescere esponenzialmente. - LEVER: mi aspettavo di vedere un giocatore perimetrale invece a sorpresa l'ho visto spesso fare a spallate e lottare sotto canestro. Ha indubbiamente un ottima tecnica e un ottimo tiro (seppur ieri ha sparato un pò a salve dalla lunga), però deve abituarsi alla velocità del gioco, spesso infatti non è stato pronto alla ricezione. In difesa ha tenuto molto bene e si è dimostrato più veloce di piedi rispetto a quel che pensavo. Sicuramente non è giocatore verticale ma tiene bene i movimenti laterali e le chiusure. Giocatore ancora acerbo ma, a mio avviso, già pronto per dare una mano concreta nel prossimo campionato. - SANDERS: la vera incognita. Sinceramente non sono riuscito a farmi bene un idea del tipo di giocatore che potrebbe essere. Mi aspettavo di vedere un play che costantemente attaccasse la prima linea difensiva, invece ieri l'ho visto molto più attento all'esecuzione dei giochi e all'eventuale extra pass. Ha sicuramente dimostrato un atleticità fuori dal comune, mi ha colpito infatti una stoppata su un tiro da tre partendo da una difesa in posizione di scivolamento ad un metro di distanza. Anche a rimbalzo spesso spicca il volo e ha un primo passo decisamente importante. In difesa l'ho visto attivo e capace. Deve indubbiamente abituarsi alla squadra e metabolizzare il gioco, soprattutto deve abituarsi a giocare un basket un pò più duro ed efficace, ad esempio nel P&R se sfruttasse i blocchi come Fernandez probabilmente salterebbe costantemente la prima linea difensiva e arrivato in area mi sembra giocatore capace di concludere in diversi modi. Son curioso di rivederlo nelle prossime partite - MIAN: a differenza degli altri è un giocatore che conosciamo quindi non mi dilungo in commenti. Ieri ha giocato per la squadra e ha costantemente cercato l'extra pass. Non me lo ricordavo così grosso. -DEANGELI: buona partita la sua, sicuramente è un fattore in difesa ed è costantemente in movimento in attacco. Non mi sembra abbia la tendenza a mettere la palla giù per creare gioco dal palleggio o per prendersi un tiro dalla media, presumo sia un aspetto del gioco sulla quale sta lavorando per consolidare il suo ruolo da ala piccola. In generale trovo che potremo vantare un roster molto lungo e molto versatile. Sicuramente ieri non mi aspettavo di vedere già un così bel gioco
    5 points
  23. No, ma trovo che fare paragoni adesso tra la squadra costruita quest'anno e quella costruita il primo anno di A1 giudicando i primi con gli stessi pregiudizi con cui si giudicavano i giocatori di allora ed i secondi con i risultati ottenuti sul campo non ha molto senso, almeno per me. Forse il paragone andrebbe fatto sulle aspettative del pre-campionato per entrambe le squadre Knox era uno senza palle, che Dio c'è ne scampi. Meglio del Delia attuale? Mosley un 4 buono solo a saltare. Meglio di Konate? Da Ros atleticamente impossibilitato a tenere qualsiasi 4 in LBA. Meglio di Lever? Peric un buon giocatore scartato da Venezia perché atleticamente sul viale del tramonto. Meglio di Grazulis? Dalmasson no sa marcar a zona, no sa l'inglese e in 40 anni de carriera no ga mai alenà in A1. Meio de Ciani? Magari si può cercare di vedere il tutto da un'altra prospettiva, solo questo. Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk
    5 points
  24. per l'amor de Dio, basta con sti pensionati che vien a TS a svernar!! RESTA A TROPEA!!!
    5 points
  25. -quanto costa Banks non savemo, quindi difficile capir cosa se Pol trovar de mejo. -ga 35anni ,ma devi giogar una stagione, e senza coppe,no credo che firmerà un triennale,Logan ad esempio ne ga 37 e non me sembra sia stado un problema -offensivamente xe proprio quel che servi invece,tiratori sugli scarichi ne gavemo quanti te vol(mian, campogrande,Cavaliero,graziulis,Fernandez),servi qlcun che crei per se e per gli altri e lui lo fa. -la stagione merdosa,te lo ga scritto ti che non xe solo colpa sua,e basta legger i commenti dei tifosi Fortitudo,per capire che xe uno che in campo da tutto. Fora dal campo non sarà un signor,ma se ne faremo una ragione. In più sa benissimo come funziona El nostro campionato.
    5 points
  26. Mamma mia quanta malizia ... Meno male che siete tifosi di Pallacanestro Trieste. Baldini fa proseliti
    5 points
  27. Ed anche diria a quei ridicoli che ad ogni quarto perso inondava de post la pag Facebook scrivendo peste e corna del coach....forse l ' "ambiente" iera sti fenomeni. Gli stessi che ora i xe così accecadi dal pensar che arrivi Pozzecco e dal non capir che gavemo perso un qualcosa de enorme
    5 points
  28. Scusa, non volevo tornare sull'argomento, dunque non ho letto i msg e nemmeno la domanda. Ma visto che chiedi seriamente e non per perculare, ti rispondo volentieri... in parte. Nel senso che non entro minimamente nel merito delle vicende che riguardano Guido ed Emilio. La ragione, spero comprensibile, è che non ho nessuna intenzione di mettere in discussione amicizie, conoscenze ecc. per una riga magari scritta male, e siccome qua i protagonisti li conosco tutti, mi astengo con convinzione. Una cosa, però, te la dico senza problemi: la Triestina ha, con tutta evidenza, problemi di comunicazione. Che fra l'altro non dipendono da Ripari, che alla fine fa quel che gli dicono di fare, ma dal carattere testardo e permaloso di Mauro. Che indubbiamente non avrebbe dovuto fare quel comunicato su YouTube, o quantomeno nel farlo avrebbe potuto/dovuto seguire altre modalità. E non credo che nessuno glielo abbia suggerito... Ma detto questo, esiste questa percezione della Triestina come di una società dove Mauro sostanzialmente fa tutto, e non è esattamente così. O almeno non più, nella fase iniziale magari sì... Ci tiene ad avere sotto controllo tutto e si fida di pochi, questo sì, ma la struttura societaria si può definire più che sufficiente nell'ambito di una serie C, anzi la Triestina in questo contesto puo' definirsi decisamente un grosso club rispetto alla media, mentre sarebbe sicuramente sottodimensionata, così com'e', per la categoria superiore. Ma vengo al punto: un altro ds? Tenderei a escluderlo. Altri elementi a ingrossare la struttura societaria? In futuro, credo di sì. Io non penso, so di suscitare l'ilarita' di molti tanto quanto so che la maggior parte di essi parla per luoghi comuni e sentito dire, che Mauro.non sia un ds capace. Per l'amor di Dio, ce ne sono certamente in giro di migliori, ma il suo lavoro, in questo senso, lo sa fare. Lo dico con convinzione e la.presunzione di avere elementi per dirlo Per "suo lavoro" intendo la capacita' e la pazienza nel condurre una trattativa fino a giugere all'obiettivo, nei tempi (spesso lunghi) resi necessari dal non avere un budget illimitato, anche se buono per la categoria. Che poi non tutti abbiano reso secondo aspettativa, è pacifico. L'argomento "molta spesa, poca resa" è effettivamente applicabile a diversi acquisti recenti, ma permettimi di ricordare ad esempio un pomeriggio di lodi sperticate quando prendemmo Lodi, o Rapisarda. Ho la fortuna di avere buona memoria, e ricordo altresì con precisione i commenti e le sghignazzate quando invece prendemmo Litteri, o Lopez, o Lepore, fra lo stracciarsi le vesti di molti di coloro che adesso parlano di incompetenza, e che sono poi gli stessi che con faciloneria fanno l'equazione "età alta uguale infortuni inevitabili", un successo sicuro (come sempre quando si pesca nella retorica) specie se non si tiene conto dell'eta' di quelli effettivamente infortunati sopra la media fisiologica, né delle origini degli infortuni medesimi. Ma si va a slogan, so bene che funziona così e lo accetto senza problemi, a maggior ragione dopo una stagione così negativa dal punto di vista dei risultati. Ma so anche che ritenendoti comunque onesto intellettualmente, al di là dell'esposizione diciamo priva di freni inibitori, capisci in realtà da solo che il rapporto di stretta parentela fra Mario e Mauro renda inevitabile che sia quest'ultimo ad avere quel ruolo. Ultima cosa, poi davvero garantisco che non tornero' più sull'argomento: so bene che su questo forum faccio in fondo l'avvocato difensore, ammesso e non concesso che la società ne abbia bisogno. Mi infastidisce moltissimo che qualche utente dalle doti intellettive evidentemente scarsamente sviluppate (e non è a te che mi riferisco) scambi il mio "ruolo" per quello di un cretino incapace di vedere cio' che vedono tutti. In realtà, fidati, so benissimo che da molti punti di vista (alcuni emersi sul forum, altri molto meno per non dire mai ma a mio parere non meno importanti) questa sia una societa' con dei limiti precisi, e almeno in parte temo non superabili. Ma so anche, e te lo dico con certezza assoluta, che almeno al momento alternative migliori non ce ne sono, neanche vagamente. Dunque, le crociate moraliste in stile "si stava meglio quando si stava peggio" restano incomprensibili a chi, come il sottoscritto, di quel "si stava peggio" ricorda purtroppo ogni particolare. Spero di essere stato esauriente, nei limiti del possibile. Adesso, per me, con l'argomento basta davvero
    5 points
  29. Per me in società mancano diverse professionalità. Sono passati cinque anni dall'arrivo dell'attuale società, verso cui, come chiunque tifi Unione, nutro enorme gratitudine e rispetto (personalmente più verso il lato aussie) tuttavia mi pare vi siano alcuni elementi ricorrenti, oramai prassi, che limitino la crescita. 1. No DS, No GM; 2. No Responsabile Marketing, No Struttura Comunicazione; 2B. Stile di comunicazione basato su due elementi: interviste dell' A.U e comunicati ad oggetto lamentele e rimostranze nei confronti degli arbitri; 3. No struttura di scouting; 3B. Rapporti diretti con procuratori. Speriamo tutto ciò non sia un freno persistente alla crescita della società ed ai risultati della squadra. Al momento direi più si che no purtroppo.
    5 points
  30. Solo per curiosità, sta menata degli insulti non potreste continuarla in privato, che alla maggior parte dei lettori non interessa minimamente? Grazie. P.S. ho più anni di voi due messi assieme, probabilmente, quindi -secondo le teorie suesposte - posso dire ciò che voglio!! 🤣
    5 points
  31. Fin che anno parleremo de ste partide? Come se non contassi che iera un'altra Triestina e che senza quelle sconfitte forsi a sta ora non saria sulla panchina Pillon. Mi preferisso guardar al presente e all'immediato futuro, quindi l'unica che recrimino xe la partida recente col matelica O preferivi vinzer le altre e aver ancora Gautieri? Delle due l'una, facile ragionar per compartimenti stagni
    5 points
  32. Il bello è che credete pure a cosa dite. Nessuno, salvo pochi EBETI, ha insultato Lepore o Lopez. Molti, anzi moltissimi, hanno criticato il mercato. Mettendo in evidenza come ci siano lacune che non sono state colmate e si è invecchiata ulteriormente la più vecchia rosa della categoria. Gli anni scorsi a gennaio si diceva "si mettono le basi per la prossima stagione". Quest'anno "ma quale progetto se ogni anno si cambiano 20 giocatori?". Cambia la musica, si modifica la coerenza.
    5 points
  33. Cazzata.. Quelle 3 le abbiamo affrontate con Capela-Lambrughi centrali, giorico play e rizzo incontrista Pillon è un allenatore che in carriera si è sempre distinto per la cura della fase difensiva, ed è su quello che lo giudico. In quelle 3, con gli uomini chiave a disposizione abbiamo fatto un figurone. In queste 3, con graduali perdite tra i quattro, abbiamo concesso gradualmente sempre di più. Col fano praticamente nulla, a mantova qualcosina, ieri 5-6 palle gol. Basterebbe analizzare attentamente le situazioni invece di parlare per slogan...
    5 points
  34. Sorvolando sull'isteria che aleggia in gran parte dei commenti, provo a dare la mia lettura della situazione visto che si inizia già a dubitare del lavoro di Pillon. Tanti giudizi sommari e un po' vuoti di contenuto (vinzemo=semo figoni, perdemo = buu, semo stufi de sta me**a) che non tengono minimamente conto che in partita ci vanno il lavoro settimanale unito al tasso tecnico della squadra. Solo una persona in malafede può tralasciare che il trittico padova-perugia-sudtirol l'abbiamo affrontato con tutti gli uomini più importanti a disposizione mentre le ultime 3 partite sono state un climax di assenze determinanti via via sempre più numerose (a fronte del rientro di gomez, abbiamo perso in sequenza capela, lambrughi, rizzo e giorico ovvero il fulcro della nostra fase difensiva). E il tasso tecnico differente fa tutta la differenza del mondo, perché un conto è preparare una partita lavorando tutta la settimana su come devono difendere capela-lambrughi-giorico-rizzo e un altro è preparare una partita contando su quelli che abbiamo oggi a disposizione, che in alcuni casi sono scarsi o sottoperformanti (ligi, Rapisarda, Maracchi) e in altri casi sono a pezzi ( Tartaglia, calvano). Chi di voi guarda attentamente la Serie A, avrà certamente notato che Milan, Verona, Spezia e Benevento sono le squadre più organizzate del campionato. Eppure Milan e Verona subiscono pochi gol, mentre lo spezia e il Benevento sovente ne prendono 4. Sarà mica che gli stessi meccanismi Kjaer e Romagnoli li fanno infinitamente meglio di Terzi e Chabot perché sono semplicemente più forti? Bene, questo esempio serve a spiegare perché un conto è avere in campo Lambru e Capela e un altro avere in campo Tartaglia e Ligi. Con i primi due, probabilmente oggi l'avremmo vinta perché avremmo concesso la metà se non di meno delle occasioni al matelica. Stesso discorso per la fase offensiva visto che quando siamo riusciti ad arrivare sulla trequarti, con Gomez in campo si è vista notevolmente la differenza rispetto a Granoche. Nell'ottica di un campionato che deve servire a gettare le basi per la prossima stagione, e stanti le assenze in massa che hanno impedito a entrambi gli allenatori di riuscire a preparare ANCHE UNA SINGOLA PARTITA con tutta la rosa a disposizione, non capisco a cosa serve tutta questa negatività. Se avessimo perso così a Cesena o Carpi, squadre che fondamentalmente valgono il Matelica, il tenore dei commenti sarebbe stato diverso. Sul 2-1 la partita era in bilico, però fate finta di niente perché è più comodo buttare me**a su tutto e tutti. Avevamo fuori il portiere, i due centrali, il regista e l'interno di rottura, però fate finta di niente perché è più comodo buttare me**a su tutto e tutti. Torniamo all'anno scorso e togliamo al Vicenza ogni domenica almeno 2 tra Rigoni, Cappelletti, Padella, Marotta e Giacomelli e a volte tutti insieme e vediamo se vincono il campionato. Togliamo al Pordenone di due anni fa ogni domenica almeno 2 tra Burrai, Barison, Candellone, Frabotta, Gavazzi e Ciurria e a volte tutti insieme e vediamo se vincono il campionato...
    5 points
  35. Vi leggo sempre ma per mille motivi in questo periodo nn ho scritto! Volevo solo unirmi ai festeggiamenti e salutarvi... Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    5 points
  36. mah, in disccordo totale il Sudtirol ha questa denominazione sociale semplicemente perché è l’espressione di una provincia che ha quel nome e non vedo perché dovrebbe cambiarla giocando nel campionato italiano allora tutte le squadre dell’altipiano dovrebbero cambiare nome ? Il Kras chiamarsi Carso ? e’ una società che si è strutturata negli anni passo dopo passo, con investimenti mirati ben fatti e una crescita progressiva certo sostenuta da un tessuto imprenditoriale solido dal lato strettamente sportivo la squadra è stata ritoccata e rinforzata negli anni nel contesto di un progetto chiaro e ambizioso, non può sfuggire che sono primi con una partita in meno ma di fatto a +4 avendo subito un gol in 10 partite a dimostrazione che una squadra si costruisce dalle fondamenta e non dal tetto come da altre parti….. insomma, se come è probabile approderanno alla B lo faranno con merito grazie ad una capacità di programmazione, ad una coerenza e ad una competenza altrove sconosciute anche e soprattutto in piazze di pseudo grande tradizione impariamo a rispettare gli altri, si chiamino Sudtirol o Renate, evitando presunzioni che mi sembrano assai fuori luogo ultimamente
    4 points
  37. Buongiorno amici triestini! Come anticipato provo a scrivere le mie impressioni sulla partita, anche se avete già scritto tanto voi e concordo su quanto scritto in questo thread. Pubblico al 60% della capienza, non è ancora un "vero" ambiente casalingo, ma tocca adattarsi. Come dicevo, questa Virtus è davvero impressionante anche per noi tifosi. Il primo quarto di sabato sera mi ha dato un'impressione che posso esprimere con una sola parola: onnipotenza. Una squadra così forte non l'avevo mai vista da molti anni a questa parte, credo che questa sia al livello di quella che fece lo Slam nel 2001. Ed è anche più lunga di quella di allora, con il rientro di Teodosic e Jaiteh avremo 12 titolari veri. Infatti il maggiore rammarico è non disputare un'Eurolega nella quale ci sono diverse squadre a mio avviso inferiori a questa Virtus... sono le storture dell'Eurolega chiusa, che personalmente detesto ma che purtroppo non posso cambiare. Il problema può essere semmai la gestione di un organico così lungo: per dire, Ruzzier che in tre quarti delle squadre italiane sarebbe titolare qui rischia di non andare nemmeno a referto. Per adesso, e ribadisco per adesso, Scariolo si è dimostrato bravissimo a gestire minutaggi e suddividere responsabilità. In questo è superiore al suo predecessore Djordjevic (a cui vorrò sempre bene ed a cui sarò sempre riconoscente) ed anche, se non è considerata lesa maestà, al sommo Messina che l'anno scorso arrivò alle finali scudetto con i titolari spremuti come limoni ed i rincalzi che ormai avevano perso ogni abitudine al ritmo partita e sfiduciati perché sapevano che al primo errore venivano panchinati. Tornando alla partita di sabato: primo quarto davvero impressionante per potenza di fuoco, poi ovviamente si è calati alla distanza. Non sembri spocchia, ma non ho mai pensato che la Virtus potesse perdere, anche quando Trieste è tornata a 4 punti. Venendo alla vostra squadra, come avete scritto voi, balza agli occhi la differenza fra il primo quintetto ed i cambi. Konate deve sgrezzarsi ma è sicuramente un elemento molto interessante e credo che farà molta strada, Delia è sempre molto elegante e concreto e mi piace sempre tanto, Mian mi ha stupito in positivo (non mi ricordavo sue prrestazioni così) e in generale l'impressione è che la squadra sia molto ben organizzata e gestita molto bene da Ciani. Ecco, Ciani è stato tanti anni nelle "minors" (tra cui 8 anni consecutivi ad Agrigento, credo che sia un record per i tempi moderni) ed a vedere come ha messo in campo la squadra mi domando come mai sia stato così poco cercato in serie A. Complimenti a lui. Fernandez è giù di forma, vero, ma è un giocatore che a me è sempre piaciuto molto: essenziale, concreto, mai sopra le righe. Sono certo che tornerà a fornire il suo consueto contributo. Due parole anche su Banks, giocatore non amatissimo da queste parti, ma il suo l'ha fatto egregiamente. Non è il tipo di giocatore che mi esalta, ma è sempre tremendamente efficace e da guardare con attenzione da parte degli avversari. In definitiva, credo che alle spalle di Milano e Bologna e, forse, Venezia (attualmente troppo brutta per essere vera) Trieste possa ambire tranquillamente ad una posizione nei playoff. Buona giornata a tutti!
    4 points
  38. Una cosa mi diverte molto, devo dire: l'ultima partita abbiamo giocato proprio male, e c'erano infatti 177 commenti a parlarne con malcelata soddisfazione. Immagino che il ragionamento sia: "Che figo, posso buttar me**a, aspetta che approfitto..." Oggi purtroppo abbiamo vinto, e infatti i commenti post-gara sono quattro esclusi i miei. È facilmente comprensibile, perché uno può anche non vedere la partita e scrivere lo stesso "che schifo, basta, speremo de salvarse, Mauro dimettite, vergogna, xe sempre la solita storia" ecc.ecc. fra gli applausi dei colleghi che approvano e rilanciano Ma se si vince senza subire un tiro in porta, uno può solo prenderne atto e sperare che almeno perdiamo mercoledì, sennò scegliere fra fingersi tifosi e salire sul carro, o più dignitosamente tacere, non è mica roba semplice....
    4 points
  39. - commenti dai social cancellati, solo perchè vengono fatte delle critiche, non mi riferisco a chi insulta che giustamente può venir bannato, ma commenti banalissimi, solo di critica, cancellati e utenti bannati. questo non esiste al mondo, non scherziamo. questo non è voler avere un buon rapporto con i propri tifosi. - city sport, che non leggo quasi mai, ma del quale nessuno qui dentro ha trovato scritte critiche gratuite o insulti o deliri vari, che viene ostracizzato vietando ai tesserati di parlarci. beh, sinceramente messa così pare abbastanza comica. se questi stanno a roma si suicidano tempo 2 giorni. nel caso vengano fuori novità lieto di sentirle. - milanese, che pochi mesi fa, si schiera apertamente contro una pagina facebook dei tifosi (quella di guido, tra l'altro una delle più seguite), tirando fuori in pubblico accuse gravissime e polemiche assurde. ora si sa quanto poco stimassi guido, ma qui si va oltre ogni logica. - gestione societaria sotto l'aspetto comunicativo pessima, si sono riportati qui nei mesi/anni svariati esempi di questo. non che si potesse pretendere altro visto chi è stato scelto come addetto stampa (no comment) - società gestita solo da una persona, con tutti i limiti del caso che questo crea, discorso trito e ritrito. - mercato con una quantità industriali di errori e maree di gente presa a fine carriera o alla frutta. - allenatori cambiati senza soste, senza mai dare un minimo di progetto e solidità tecnica. e si sa, chi cambia di continuo solitamente in queste categorie di risultati ne ottiene pochini. - e per concludere, uno dice,beh, ma almeno sono arrivati i risultati, e invece no. ultime 2 annate che sono state mediocri, e dopo 2-3 mesi di campionato sempre fuori dalla lotta promozione. ricordo che si partiva per andare su eh, non per andare ai playoff tra laltro da 6-7-8. - entusiasmo dovuto a tutte queste cose veramente sottoterra dopo le ultime 2 annate questi mi paiono aspetti negativi abbastanza oggettivi, e non per partito preso o cosa. io lo ripeto, già venisse affiancata a milanese una persona per il mercato e un addetto stampa di qualità, ci sarebbero dei miglioramenti, ma come detto e ridetto ciò pare non essere possibile. e quindi si beccano le critiche.
    4 points
  40. Sta a veder che zitto zitto MM per autoprodurre el materiale ga direttamente comprà la Nike, e noi sempre a criticarlo Comunque xe poco da dir, parlemo de dilettantismo puro. Sotto tutti questi punti de vista semo la barzelletta della Serie C. Presentarse in conferenza stampa con abbigliamento de (minimo) tre anni fa xe el motivo per cui sulle divise gavemo un fotografo, un'agenzia locale de assicurazioni e un'agenzia immobiliare. Tutti sponsor che podessi andar ben al massimo per el San Luigi o el Zaule. QUALSIASI azienda un minimo seria se ben guarda da metter due soldini in una squadra che se presenta con un'immagine simile. E in sto discorso podemo metterghe i post fatti con creaformazioni.com, le storie in cui el smm tagga el suo profilo personale, la parte merchandising del sito completamente inesistente, el sito fatto con paint etc etc Sarà che mi son de natura un perfezionista, ma co vedo sta approssimazion me vien de vomitar
    4 points
  41. basta per quanto mi riguarda discorso chiuso mi sono definitivamente rotto i coglioni
    4 points
  42. te ghe c hiedi ai muli in Puglia se ghe vanza un millin al mese da qua al 2055 per un mulo cocolo, un po' polemico, del SdS?
    4 points
  43. Secondo me ci sono molteplici cose da dire sull'argomento. O perlomeno sento di avere parecchie cose da dire sull’argomento. La prima è che una vergogna che una città come Trieste abbia permesso che un bene comune come il campo del Ponziana giacesse in abbandono e ridotto in quelle condizioni. Qui si fanno le pulci ad un milionario che da 16.000 km investe 10 m€ e si tace di come illuminati amministratori locali abbiano portato anni orsono al fallimento una società storica con la creazione di un cancro nel cuore di due quartieri storici come Ponziana e Chiarbola. Abbastanza disgustoso. In secondo luogo sono abbastanza irritato nei confronti di chi si mette a fare i conti in tasca agli altri permettendosi di pontificare o attribuendo paternità di piccoli o grandi passi sulla base di non si sa quali competenze. Anzi no si sa su quali basi, il web e la tuttologia. La Triestina ha 103 anni e da sempre a Trieste le giovanili dell'Unione sono andate dovunque per fare attività sportiva, Soncini e Opicina le prime che mi vengono in mente ma credo siano state dovunque. Tra niente e un centro nel cuore della città mi sembra che la crescita sia + infinito se ricordo ancora qualche rudimento di matematica. O bisognava chiedere il permesso? Tacendo dell’interesse per la comunità di avere una zona riqualificata, cosa che dovrebbe onestamente interessarci di + che del destino di una squadra di calcio. O no? Questo dovrebbe già a mio avviso mettere a tacere voci critiche... che poi criticare esattamente cosa? Sono soldi privati, che daranno un ritorno anche publico...sulla base di quale autorità / ruolo ci si può permettere di criticare? Perchè si è del "mestiere"? Perchè si è tifosi? Perchè piace pensare male? Perchè non si ha un ca**o a cui pensare? Buh resto francamente basito... Il che mi porta al punto successivo. Io non conosco Biasin, l'ho sentito parlare nel suo pseudo dialetto e in inglese un paio di volte, e credo come me tutti i tifosi dell'Unione. Chi può dire di conoscere le sue leve motivazionali? Credo pochissimi. Chiedo: secondo voi un Signore australiano di 60 anni che compra una squadra allo sbando in D in Italia, ci perde in 5 anni di gestione svariati e svariati e svariati milioni di € (e guai se così non fosse perché se no poi al tifoso triestino che un pò rimpiange i bei tempi dell'Eccellenza girano...) dicevo secondo voi la sua prima leva è fare business? Fare margine? Beh se quello era il suo fine dategli una telefonata e alla svelta perchè ha un bel problema... Se invece le sue leve sono altre, e per quel niente che l'ho sentito parlare e per i fatti che gli ho visto fare mi sembra proprio il caso, ebbene allora bisogna forse fare astrazione dalle logiche di IRR, NPV, cash on cash, Business Plan e mazzi e ca**i. Come mi sembra sia stato apertamente spiegato. Apertamente sottolineo. E che quindi la centralità nel cuore di quella che sente evidentemente ancora la sua città e la sanificazione e il lascito di qualcosa di tangibile (a suo nome!) alla comunità sia più importante di altre considerazioni economico / sportive. Oppure c’è una terza possibilità, è stato molto, ma molto, ma molto...mal consigliato, il che sconfina nella circonvenzione di incapace e nel dolo, e quindi nel reato. Se sapete qualcosa che noi non sappiamo vi invito a renderlo noto alle autorità competenti. Faccio umilmente presente comunque che trattandosi di un coinvestimento pubblico / privato i controlli saranno molto + stringenti che se si fosse trattato di una mero affaire privato ergo strani rischi di truffe / raggiri / evasioni mi sembrano ancor + complessi. Perchè qua si fanno professioni di diffidenza senza avere propriamente voglia di dire completamente quello che si pensa. Lecito però… Poi c’è la questione della proprietà verso concessione mettendolo in una prospettiva legata alla salute finanziaria dell’Unione (intesa come bene comune appartenente alla città) vs l’interesse del singolo proprietario. Ebbene se da un punto di vista dell’azionista non avere l’attivo a bilancio genera ovviamente meno valore su un BP e su una possibile transazione futura e altresì vero che NON avere l’attivo a bilancio rende la gestione finanziaria più “leggera” (soprattutto se sostenibile, cosa che ignoro ma che ad occhio mi sembra ambizioso, che il centro fosse a Ponziana, a Noghere o a Timbuctu) e potenzialmente meno pericolosa qualora l’Unione dovesse passare in mari agitati negli anni a venire. Non c’è niente di peggio se navighi in cattive acque di avere a bilancio un asset illiquido. Poi le alternative: ho scoperto questa di Padriciano ascoltando il caffè dello Sport, c’era questa alternativa citata da Gimmi. Ora il semplice fatto che la Triestina prima squadra non si sia praticamente mai allenata in altopiano nel corso della sua storia dovrebbe spiegare lo scarso interesse di farci crescere la tua casa. Turriaco, Monfalcone Villaggio del Pescatore mi sembra che da sempre abbiano rappresentato le sole alternative logiche. Figurarsi poi per un centro che ha per vocazione soprattutto quello di attirare la quasi totalità delle attività giovanili. Infine il discorso legato alla zona di Via Brigata Casale: posto che misure alla mano non li vedo proprio i 16.000 sqm pianeggianti menzionati a patto di radere al suolo svariati edifici, posto che è abbastanza a casa di Dio e poco funzionale ad un concetto di flagship, posto tutto questo, faccio notare che per chi bazzica un po sul private equity c’è tutta la differenza del mondo tra progetti greenfield e brownfield. Rischi e opportunità connesse. Direi che non c’è altro da aggiungere, mi sembra sufficiente. Non credo che queste parole raggiungeranno i professionisti tuttologi dello scetticismo (NOTA BENE: mi riferisco a tutti e nessuno in particolare, prima che qualcuno se la prenda a male...), spero invece che queste righe viaggino molto lontane lungo la fibra per ringraziare un anziano Signore di quello che sta facendo per questa città a volte così avara di soddisfazioni.
    4 points
  44. Premetto che nn condivido troppo l’approccio con cui Italian District interagise verso l’esterno. Detto ciò la polemica che ho letto in queste ore mi sembra davvero assurda. È nata come Siamo Trieste, poi per chi la gestiva, che nn vedo perché debba fare beneficienza, è nata evidentemente l’opportunità di farla diventare un lavoro allargando il bacino a tutta Italia, inserendo adesso anche Cividale. Noi qua a Trieste anziché cogliere l’opportunità, si pensa solo a criticare o adesso a demonizzare perché si è andati anche a Udine...il risultato sarà che gli altri beneficeranno di quest’idea che di fatto nn toglie nulla a nessuno, mentre a Trieste, che ne avrebbe bisogno, nn andrà, perché come sempre, si sarà troppo impegnati a criticare. Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    4 points
  45. Io mi aspetterei, e son sicuro che lo faranno, che i soci attuali appianino le perdite, altrimenti che ci stanno a fare li. Per esempio, sono certo che fumaneri sarebbe disposto a conferire un importo quintuplo della sua attuale quota e gli altri, stimolati da un gesto così importante, gli andrebbero certamente a ruota
    4 points
  46. Possiamo parlarne, se si mantengono toni civili. Ieri Pioli, rimasto in 10, è passato a un 5-3-1 affiancando Meite' a Kessie e Bennacer e inserendo un centrale (Gabbia) per un trequartista (Chalanoglu). Non ha passato la metà campo per 25', salvo farlo al 92' in 2 contro uno e chiuderla. Oggi Conte, una volta segnato, ha fatto 10 minuti di barricate vere. Il problema è di natura tattica, ed è che a chi perde di prendere un altro non gliene frega nulla, per cui (come oggi il Perugia con Minesso e Bianchimano) passa praticamente a quattro punte, anche se non propriamente dette. Lo fa spesso anche Pillon col 4-2-4 nei finali di gara. A quel punto, l'allenatore in vantaggio ha due strade. Una è accettare il 4 contro 4 dietro e andare avanti come prima, ma se lo prende sarà impalato dai tifosi che gli diranno se è stupido a non aver inserito un altro difensore visto che mancavano solo 10'. L'altra soluzione è adattarsi e abbassarsi, sperando nel contropiede che essendo gli altri sbilanciati è certamente una possibilità. Alla fine, decide il risultato se sei furbo o scemo, ma in realtà se esistesse un metodo sicuro lo userebbero tutti. Ieri il Leeds ha vinto in casa del City 2-1 facendo 2 tiri contro 29 (statistiche ufficiali) e credo che nessun tifoso del Leeds oggi ce l'abbia con Bielsa. La verità è che si giudica sempre il risultato e non la prestazione, come dimostra il fatto che giovedì una Roma oscena è stata beatificata per una vittoria ottenuta grazie a una punizione che paravamo tu e io, e alla capacità di Tadic di calciare un rigore centrando letteralmente il portiere. Ma hanno vinto, dunque si parla di cinismo, carattere, palle e altre cazzate. Se la Triestina arriverà sesta o settima, come è possibile, sarà perché una serie di errori strutturali nella costruzione della squadra, uniti a una discreta dose di sfighe fra covid e infortuni, la rendono incapace di prendersi i tre punti nelle partite sulla carta facili. Non certo per aver perso a Perugia, contro.la squadra tecnicamente probabilmente più dotata del campionato, una partita giocata tatticamente alla perfezione fino a quando, inevitabilmente, gli altri hanno tentato il tutto per tutto e a volte ti va bene (vedi Bolzano) e a volte male come oggi. Poi so che il tifoso ragiona di pancia e solo il risultato orienta i commenti...
    4 points
  47. Ma sai,non si tratta di lui ne sa più di noi....quello è ovvio,ed allora non dovremo mai parlare di niente,se non di quanto sia bravo. Quello che mi chiedo io è un altra cosa : perché su 15 allenatori di serie A, almeno 10/12 usano e cercano giocatori versatili,propongono quintetti atipici molto più "moderni"(in certi frangenti,ovvio non sempre)e gli altri 2/3 no(tra cui il nostro) ? A me piacerebbe vedere altro anche da questo punto di vista,il go go guy non vuol dire tirare 25volte a partita,ma avere un leader quando conta. Sapere chi gestisce i palloni importanti. Poi gusti son gusti.
    4 points
  48. Sinceramente ho maturato la convinzione che proprio non sei in grado di interagire in un forum nel quale ognuno, ed è bello per questo, esprime la propria opinione, il quale, anzichè essere apprezzato per alimentare il dibattito, è controproducente sottoporlo ad attacchi e frecciatine; così facendo, infatti, svilisci ed ho l'impressione che se fosse solo per i contributi tipo i tuoi, qui ci sarebbe il deserto (anche se devo dire un certo principio di desertificazione la sto già notando). Aggiungo che, per abitudine, in un forum, laddove ci sia una direzione di commenti univoca, tendo a scrivere solo se ho da dire qualcosa di diverso, di controcorrente, posto che ritengo noioso aggiungere, e quindi ripetere, cose già scritte e scontate. Nello specifico, sul mio intervento post RE, dal mio punto di vista, era più stimolante provare ad intavolare una analisi circa le motivazioni che hanno portato il ns indispensabile play di rincalzo ad una involuzione del genere, soprattutto in una partita in cui tutti han giocato bene e lui non è riuscito a farsi trascinare positivamente (anche se i maggiori disastri li ha fatti all'inizio). Quindi, prova ad interpretare il mio silenzio come una entusiastica condivisione delle prodezze dei tuoi "eroi a prescindere", coach in primis ma, soprattutto, "che te lo dico a fare"
    4 points
  49. Da lettore della discussione, quasi per nulla partecipe... siccome hai una bella dialettica e uso della lingua scritta, non posso pensare che tu non riesca a scrivere esattamente quello che pensi, quindi trovo che tu stia diventando un grande arrampicatore sugli specchi!!
    4 points
  50. Eh sì, nessuno nasce imparato. Il mio post voleva evidenziare la differenza di approccio che hanno certi allenatori rispetto ad altri. C'è chi approffitta di essere al grande ballo,sapendo che si può anche fare il colpaccio(Avellino con boniciolli,Napoli, Torino, Cremona),e chi vorrebbe essere da un altra parte e spera di tornare a casa presto senza fare brutte figure. Questione di mentalità,io personalmente odio sentir dire della coppa Italia non interessa a nessuno. Ma perché? In Italia ci sono 2competizioni,una è inavvicinabile (4 partite con Milano le possono vincere solo Venezia e forse la Virtus), l'altra è con partite secche,dove è molto più facile essere protagonisti. Invece la mentalità è speremo de non qualificarse,speremo no se fazi mal nessun,speremo che al ritorno El pullman no trovi traffico in autostrada.
    4 points
×
×
  • Create New...