Jump to content
Stefano79

Referendum del 12 e 13 giugno 2011

Cosa voterete al prossimo referendum?  

31 members have voted

  1. 1. Gestione e tariffazione dell'acqua

    • SI per la gestione (l'acqua deve restare un bene pubblico)
      26
    • NO per la gestione (l'acqua è una merce privata come le altre)
      2
    • SI per la tariffazione (non si può lucrare sull'acqua, si pagano solo le spese di manutenzione degli impianti)
      24
    • NO per la tariffazione (le aziende possono decidere il prezzo dell'acqua a loro piacimento)
      0
    • Non andrò a votare perchè voterei tutto NO, ed il modo più sicuro per vincere è che non venga raggiunto il quorum
      2
    • Non andrò a votare perchè non me ne importa nulla
      0
  2. 2. Energia nucleare

    • SI (viene vietata la costruzione di centrali nucleari in Italia)
      22
    • NO (è permessa la costruzione di centrali nucleari in Italia)
      5
    • Non andrò a votare perchè voterei tutto NO, ed il modo più sicuro per vincere è che non venga raggiunto il quorum
      4
    • Non andrò a votare perchè non me ne importa nulla
      0
  3. 3. Legittimo impedimento

    • SI (il legittimo impedimento viene cancellato)
      27
    • NO (il legittimo impedimento rimane)
      0
    • Non andrò a votare perchè voterei tutto NO, ed il modo più sicuro per vincere è che non venga raggiunto il quorum
      3
    • Non andrò a votare perchè non me ne importa nulla
      1


Recommended Posts

Inutile dir che son contento del risultato del referendum, ma non del comportamento generale degli italiani. Alla fine quasi metà della gente no ga votado, poco de far. Inutile far discorsi tipo "meno mal che la gente se ga sveiado" ecc, el 57% sarà anche un dato storico nei ultimi 16 anni, ma resta el fatto che un tot milioni de italiani xe andadi al bagno. Semo molto lontani dal defnirse un paese che credi e opera nella democrazia, imho.

Inoltre son d'accordo con Gimmi quando el disi che semo un paese fortemente emotivo (per no dir che se caghemo doso per ogni roba :D) vedi l'esempio del saccheggio dei supermercati in epoca Saddam. Se Fukuscima no gavesi fatto el botto no so come saria andada a finir.

Comunque per una volta xe stade scelte delle tematiche che riguarda veramente tutti, a parte el legittimo impedimento, che se fossi sta solo quel quesito là saria andà a votar forsi el 10% degli italiani. Acqua e nucleare riguarda veramente la totalità del paese e son contento che per una volta se gabi speso i soldi pubblici per un referendum veramente importante, cosa che ga contribuido indubbiamente al raggiungimento del quorum. Anni fa me ricordo un referendum per vietar la caccia al gallo cedrone, ma se rendemo conto?

Edited by Stefano79
Link to post
Share on other sites

Comunque per una volta xe stade scelte delle tematiche che riguarda veramente tutti, a parte el legittimo impedimento, che se fossi sta solo quel quesito là saria andà a votar forsi el 10% degli italiani.

però saria sta assurdo... xkè ala fine xè sbagliado pensarla nei confronti esclusivi del berluska. come go za scrito precedentemente,indiferente che partito te rapresenti ma se te son soto indagine no pol eser che te tiri/crei situazioni/scuse x no presentarte all'infinito.

se fossimo in un paese decente el referendum su questo punto no serviria nel momento in cui un parlamentare indagado in quele maniere se dimeti per difenderse, o se non altro se fa procesar per dimostrar che nol ga fato niente.

dato che no xè mai sta concesso el permeso a proceder in parlamento poi...far finta de niente purtropo gavesi confermado che in italia se pol far quel che se vol ala faccia nostra. saria sta peca.

cmq el 57% con la poca informazion dei media no xè mal....anzi.

Link to post
Share on other sites

...xe la seconda volta che commettemo un madornale error sul nucleare, error che pagheremo caro.

Non xe questa scelta che pagheremo cara gimmi, ma eventualmente la mancanza de una nova politica strategica riguardo l'energia.

Mi son d'accordo con ti che 25 anni fa xe stado un grosso error rinunciar al nucleare, ma adesso xe molto diverso. Se gavessimo butado oggi su qualcosa che saria stado pronto fra vari anni, mentre i altri ghe sta rinunciando ed i francesi ga un grosso progetto de studio sul metodo della fusion. Insomma tutti va avanti, saria ora che cominciassimo a farlo anche noi!

Per esser finalmente tra una generazion anche noi all'avanguardia magari e no sempre al traino.

L'esito del referendum devi gaver un solo e chiaro sbocco, farne pensar ad adottar finalmente una strategia energetica, a lungo termine, basada su ricerca e innovazion.

Certo, se el nucleare no se lo fa più e po' no se farà gnanche un klinz de altro beh alora chiaro che la pagheremo cara a quel punto. Ma no sarà colpa del mancato nucleare.

El 57% me par un ottimo risultato, migliore de molte amministrative, dato piuttosto interessante imho. Ottenudo oltretutto con el referendum sganciado dalle elezioni, a ulteriore conferma che in Italia ormai xe troppe persone che a priori grida sempre e solo al lupo, afflitte da pessimismi cosmici e che pensa che tutto ruoti sempre e solo intorno al Berluska. Fortunatamente no xe cussì . Animo Italia, coraggio!

Edited by chompo
Link to post
Share on other sites

però saria sta assurdo... xkè ala fine xè sbagliado pensarla nei confronti esclusivi del berluska. come go za scrito precedentemente,indiferente che partito te rapresenti ma se te son soto indagine no pol eser che te tiri/crei situazioni/scuse x no presentarte all'infinito.

Ara che son perfettamente d'accordo con ti :) Però meto la man sul fogo che, per quanto se tratti de un problema importante, no se gaveria raggiunto el quorum presentando solo quel quesito là. Quindi xe sta bravo Di Pietro a rivar ad accorparli tutti.

cmq el 57% con la poca informazion dei media no xè mal....anzi.

Ma no dai, questo no xe vero. Sulla RAI iera ogni giorno uno spot pubblicitario ogni tot tempo. Su Mediaset forsi no (no so perchè no vardo) ma la RAI ga ben che pubblicizzà.

Link to post
Share on other sites

[quote name='Stefano79' timestamp='1308001825' post='10622524

Ma no dai, questo no xe vero. Sulla RAI iera ogni giorno uno spot pubblicitario ogni tot tempo. Su Mediaset forsi no (no so perchè no vardo) ma la RAI ga ben che pubblicizzà.

Vero, posso confermarlo,che su la Rai ghe iera publiciatà su tute le reti drio man!

Link to post
Share on other sites

El presidente della CISL ga affermà che questa xe la vittoria del popolo della sinistra, dei pensionati, dei studenti e delle famiglie in difficoltà ...

Visto che anche mi go votà 4 SI (anche se iero fino all'ultimo in dubbio sul nucleare), e visto che non son nè pensionà nè studente, gradiria che el presidente della CISL me spieghi a quale delle altre 2 categorie appartengo ... son in difficoltà o son de sinistra ??

Queste patetiche strumentalizzazioni politiche me fa decisamente :cesso:

Iero in forte dubbio sul nucleare, e go votato SI solo perchè go sentì che el referendum xe valido 5 anni.

In questi 5 anni voio veder se se riva a puntar sulle energie alternative.

Altrimenti, se gavemo sempre de comprar corrente dai paesi limitrofi dotati del nucleare (che comunque no xe a distanza sufficiente per garantir la sicurezza) tanto fa farse corrente da soli.

Son convinto che una centrale nucleare de nuova concezion non pol dar problemi.

A fukushima xe successa una calamità naturale più grnade de quel che se podeva immaginar, se no tutto quel casin non saria successo.

Link to post
Share on other sites

Xe notizia de oggi, toh che strano, che krsko anderà avanti almeno fino al 2043. dicasi trentadue anni...

Sto slogan che bisogna investir in energie alternative xe assurdo. No esisti oggi alternative veramente credibili, e per trovarle te pol investir quanto che te vol, ma passa tanti e tanti anni prima che la ricerca se tramuti in realtà operativa... no steme poi parlar della francia, che xe tanto brava a far ricerca... facile farla con 58 reattori nucleari attivi.. ma no se rendemo conto de ste robe??

Link to post
Share on other sites

El presidente della CISL ga affermà che questa xe la vittoria del popolo della sinistra, dei pensionati, dei studenti e delle famiglie in difficoltà ...

Visto che anche mi go votà 4 SI (anche se iero fino all'ultimo in dubbio sul nucleare), e visto che non son nè pensionà nè studente, gradiria che el presidente della CISL me spieghi a quale delle altre 2 categorie appartengo ... son in difficoltà o son de sinistra ??

Queste patetiche strumentalizzazioni politiche me fa decisamente :cesso:

Ma che scrivi? CISL sindacato di sinista?

http://napoli.repubblica.it/cronaca/2011/06/14/news/festa_per_i_referendum_ha_vinto_la_democrazia-17661638/

Riporto la frase che citi e chi l'ha detta:

Polemica la Cgil campana: «Una vittoria che ha visto l’impegno dei lavoratori, dei giovani, dei pensionati al fianco dei movimenti e di tante forze laiche e cattoliche. Dispiace che la Cisl non abbia preso una posizione netta per i beni comuni sostenendo un orientamento nuclearista e tacendo sul legittimo impedimento».

che non è nemmeno uguale a quello che dici perchè non parla di "sinistra" ma delle categorie rappresentate da un sindacato.

Inoltre si cita il contributo esterno delle aforze laiche e cattoliche.

Qui l'unico fazioso sei tu che riporti e distorci il pensiero e non conosci nemmeno le sigle sindacali e il loro orientamento.

Link to post
Share on other sites

Credo de esser sta l'unico mona ad aver votado NO per quanto riguarda el nucleare...

mi sul nucleare non iero convinto a votar si, pero' za che non me fido de come vien costruide le cose in italia , vien fatti appalti al massimo ribasso o supappalta tutto el possibile solo x spraragnar i costuissi scuole con la sabbia invece de cemento (vedi terremoto abruzzo..) e dar in man alla mafia o ai amici dei amici la costruzion de una centrale nucleare..... :muto:

Link to post
Share on other sites

Ma no dai, questo no xe vero. Sulla RAI iera ogni giorno uno spot pubblicitario ogni tot tempo. Su Mediaset forsi no (no so perchè no vardo) ma la RAI ga ben che pubblicizzà.

la rai se ga degnado de dar le notizie sui referendum nell'ultima settimana dopo numerosi avvertimenti dell'agcom (anche fatti a mediaset)...prima i passava le info in orari molto diversi.

questo xè un referendum passado sul passaparola, sulla rete, e sull'invito tra le persone de votar per dele bone ragioni.

Link to post
Share on other sites

Credo de esser sta l'unico mona ad aver votado NO per quanto riguarda el nucleare...

ghe gavevo fatto un pensier in principio anche mi, perchè nel 87 gavevo votado per el nuclear, per esser indipendenti energeticamente. Ma po me ga fato cambiar idea.. no Fukushima, ma che perfin i Svizzeri oltre che i tedeschi gabi deciso de molar el nuclear me ga convinto che xe de no afidarghese più. Disemo che xe stado el mio sì meno deciso dei altri. Capisso chi che ga votado no.
Link to post
Share on other sites

la rai se ga degnado de dar le notizie sui referendum nell'ultima settimana dopo numerosi avvertimenti dell'agcom (anche fatti a mediaset)...prima i passava le info in orari molto diversi.

Mah, mi me ricordo che xe da ben più de una settimana che vedevo quei spot ogni do per tre. Inoltre xe sta fatti vari programmi, da Porta a Porta ad Annozero. Cosa i doveva far de più?

Che sia sta un vittoria del popolo de internet me fa anche bastanza rider. Semo el paese informaticamente più arretrato del primo mondo, mi penso che in Italia le persone che sappi anche solo impizar un pc no rivi al 57%, figuremose saver doprar ben Google :D

El passaparola, mah...pol esser ma sai marginalmente.

La vittoria xe stada de TUTTI gli Italiani, che per una volta i ga preferì guardar i tg, star attenti alle pubblicità elettorali piuttosto che al zogo dei pacchi, e legger i giornai.

Link to post
Share on other sites

Ma che scrivi? CISL sindacato di sinista?

http://napoli.repubblica.it/cronaca/2011/06/14/news/festa_per_i_referendum_ha_vinto_la_democrazia-17661638/

Riporto la frase che citi e chi l'ha detta:

Polemica la Cgil campana: «Una vittoria che ha visto limpegno dei lavoratori, dei giovani, dei pensionati al fianco dei movimenti e di tante forze laiche e cattoliche. Dispiace che la Cisl non abbia preso una posizione netta per i beni comuni sostenendo un orientamento nuclearista e tacendo sul legittimo impedimento».

che non è nemmeno uguale a quello che dici perchè non parla di "sinistra" ma delle categorie rappresentate da un sindacato.

Inoltre si cita il contributo esterno delle aforze laiche e cattoliche.

Qui l'unico fazioso sei tu che riporti e distorci il pensiero e non conosci nemmeno le sigle sindacali e il loro orientamento.

Chiedo perdono ! Non ti agitare per così poco ...

Sarò fazioso, sarò stato addormentato stamattina, ma così ha parlato il TG5 delle 8, io ho confuso CIGL e CISL, sicuramente non avranno parlato di "sinistra", ma l'avrò pensato io, o mi sarò fatto io una sega mentale, mentre mostravano bandiere con falce e martello sventolare in piazza.

Avrò anche sbagliato le sigle, ma non credo assolutamente di aver distorto il pensiero, che viene confezionato e venduto così da più di qualche esponente politico.

Edited by El Capitano
Link to post
Share on other sites

Chiedo perdono ! Non ti agitare per così poco ...

Sarò fazioso, sarò stato addormentato stamattina, ma così ha parlato il TG5 delle 8, io ho confuso CIGL e CISL, mentre mostravano bandiere con falce e martello sventolare in piazza.

Avrò anche sbagliato le sigle, ma non credo assolutamente di aver distorto il pensiero, che viene confezionato e venduto così da più di qualche esponente politico.

Che ci vuoi fare è la vecchiaia. C'è chi si agita e chi guarda il Tg5 e poi lo trasla. :imbriaghele:

Link to post
Share on other sites

Che dire. Molto soddisfatto dall'affluenza, abbiamo dimostrato che non è vero che la maggioranza degli italiani è composta da pigri, menefreghisti o peggio furbetti che pur di far vincere la propria fazione provano a sabtare la democrazioa il trucchetto del non raggiungere il quorum.

Certo è che sono comunque tanti quelli che non sono andati a votare ne abbiamo ancora di strada da fare.

Contento ovviamente anche per l'esito. Sopratutto del fatto che i SI sono sufficienti a fare quorum anche se tutti quelli che hanno votato NO non fossero venuti, dimostrando che se gli italiani si mobilitano i furbi non vincono :p

Credo de esser sta l'unico mona ad aver votado NO per quanto riguarda el nucleare...

Pur non concordando con il tuo NO non te son mona ma un ottimo cittadino. Chi è andato ed ha votato NO resistendo alla tentazione del cercare di vincere con il non raggiungimento del quorum ha dimostrato di tenere alla democrazia e di rispettarne l'esito. Bravo!

Link to post
Share on other sites

Riguardo agli spot quoto Dido. Hanno iniziato a farli quando sono stati obbligati epr gli interventi iniziati a sguito delle denunce.

E poi non dimentichiamo i lapsus come gli sbagli di date ed orari fatti dai Tg 1 e 2... se non son segno di dolo sono almeno segno di menefreghismo e di qualcosa fatto solo perché obbligati.

La vera campagna stata fatta dal absos sta votla. Passaparola, internet ed anche gli interventi di molti artisti comici ed intellettuali. Ma sopratutto giovani che hanno rotto le scatole, informato e convinto genitori e nonni ad andare a votare.

Anche se io non sono riuscito a smuovere mia nonna che ha risposto chiaramente "son vecia a me non me ne frega nulla del futuro" -_-

Link to post
Share on other sites

Sto slogan che bisogna investir in energie alternative xe assurdo. No esisti oggi alternative veramente credibili, e per trovarle te pol investir quanto che te vol, ma passa tanti e tanti anni prima che la ricerca se tramuti in realtà operativa... no steme poi parlar della francia, che xe tanto brava a far ricerca... facile farla con 58 reattori nucleari attivi.. ma no se rendemo conto de ste robe??

In che senso assurdo gimmi ?

A oggi non esisti ancora alternative credibili rispetto alla potenza del nucleare, va naturalmente approfondido el discorso rinnovabili, energia pulita etc puntando sull'innovazion e puntando magari anche tramite la ricerca a scoprir qualcosa de novo, perchè no? Quel che oggi no xe e par impossibile, doman xe za diventà consuetidine, xe la storia del mondo in definitiva, dall'omo con la clava in poi, ad arrivare ai gg nostri.

Mi credo che bisogna gaver el coraggio de far questo, per dar un respiro diverso alla prossima generazion, all'Italia che sarà tra 20 anni.

Certo nel frattempo continueremo a pagar più cara l'energia, xe innegabile, ma mi credo che se no se fa scelte coraggiose, questo rischia de perdurar molto nel tempo. E far el nucleare desso gavessi risolto una parte de questi problemi, ma no da subito, tra anni (breve-medio periodo). Costruindo qualcosa che saria stado pericoloso per altri 50? 60? anni, ma soprattutto col riscio che quando gavessimo finido de costruir le nostre centrali, altri gavessi tirado fora qualcosa de altro, più novo, più pulito, più sicuro, magari anche più efficiente! E noi de novo in fondo al gruppo...Mi son per puntar sul medio-lungo periodo.

El fatto che i francesi (per cui go una certa antipatia) gabi tanto nucleare e sia in botta sulla ricerca, per mi xe un'aggravante per noi e no el contrario. Lori che ga za el cul coverto i studia e noi no?

Link to post
Share on other sites

interessante la sortita del vescovo crepaldi sul referendum

in pratica ha detto che tutti i cattolici che hanno votato sì sono stati dei perfetti mone, si sono fatti abbindolare senza capire niente dei quesiti referendari

e fin qua ci sarebbe già da discutere

ancor più sorprendente quello che dice alla fine del suo intervento

Può capitare che uno pensi di andare a votare per l’acqua e invece voti per il divorzio breve. Ogni appuntamento referendario ha anche una ricaduta sul quadro politico. Si vota sull’acqua ma le ripercussioni politiche aprono (o chiudono) altre porte. Alcune associazioni che promuovono i diritti umani e votano per l’acqua sono anche a favore dell’aborto. Il voto sull’acqua non è stato solo un voto sull’acqua. Di quel voto altri ne approfitteranno per fare cose che ai cattolici non dovrebbero andare bene. Sono emerse in definitiva discrepanze, scollamenti, incertezze sugli obiettivi da raggiungere e sulla strada da percorrere

con il rispetto che mi sforzo di portare nei confronti del prelato, il discorso mi pare, nel complesso, diversamente intelligente

il vescovo, che già aveva invitato in piena campagna elettorale i fedeli a votare per i partiti che si ispirano agli ideali cattolici, cioè al PDL che ha un leader puttaniere e bestemmiatore e alla lega che mitraglierebbe quei disgraziati sui barconi, non ce la fa proprio ad evitare comizi politici

intelligenza dovrebbe suggerirgli di dire, eventualmente, che ha votato no sull'acqua o è andato a farsi una gita, come suggerito dal suo politico di riferimento

ma dire che tutti i cattolici che hanno votato sì sono degli stupidi lo mette sullo stesso piano del berlusca che aveva definito senza cervello tutti quelli che votano pisapia e de magistris

dire poi che votare sì ha una ricaduta sul piano politico e alcuni, ringalluzziti da questo successo, potrebbero varare leggi contrarie agli ideali cattolici - a proposito cos'è il divorzio breve, sua eminenza ? - lascia letteralmente sbalorditi, frasi degne di giovanardi....

imperdibile la chicca sulle " associazioni che promuovono i diritti umani e votano per l'acqua essendo anche favorevoli all'aborto ", cioè, se ho capito bene, un'associazione che difende i diritti umani ed è favorevole all'aborto può essere promotrice dell'iniziativa più sacrosanta di questo mondo ma, solo per la colpa di essere favorevole all'aborto, va osteggiata in ogni modo

acqua, divorzio, aborto, diciamo che siamo al gelato misto

per me questi prelati con pruriti politici, dovrebbero fare una mossa coerente e coraggiosa

si spogliano dei sacri paramenti, si iscrivono al partito di riferimento che li candida, in modo che possano fare tutti i comizi che vogliono

farli dall'altare o con l'autorità conferita dal ruolo di " pastore di anime " non è nè onesto nè intelligente

Link to post
Share on other sites

Può capitare che uno pensi di andare a votare per l’acqua e invece voti per il divorzio breve. Ogni appuntamento referendario ha anche una ricaduta sul quadro politico. Si vota sull’acqua ma le ripercussioni politiche aprono (o chiudono) altre porte. Alcune associazioni che promuovono i diritti umani e votano per l’acqua sono anche a favore dell’aborto. Il voto sull’acqua non è stato solo un voto sull’acqua. Di quel voto altri ne approfitteranno per fare cose che ai cattolici non dovrebbero andare bene. Sono emerse in definitiva discrepanze, scollamenti, incertezze sugli obiettivi da raggiungere e sulla strada da percorrere

La realtà è che esiste una parte dell'episcopato, e una parte del mondo cattolico praticante, che ragiona in temini di partito. La nascita di questo movimento in Italia risale al periodo drammatico seguito all'annessione dello stato pontificio dove i cattolici fuori dall'ambito religioso erano penalizzati nei confronti del nascente stato italiano.

Nel dopoguerra, la guerra fredda e la contrapposizione comune al pericolo rosso ha reso la DC, l'incarnazione di questo movimento potente e predominante sulla scena politica nazionale.

Con la caduta del muro sono venute meno certe spinte unificanti e si è assistito alla particelizzazione del movimento cattolico in politica.

Che rimane compatto solo su alcuni temi come la scuola privata (gestita da enti religiosi) e la difesa delle radici cristiane dell'europa.

Uno dei momenti di aggregazione è la lotta contro le forze laiche di questo paese. In questo il PDL, enorme contenitore perfettamente vuoto, ha avuto gioco facile nel rivendicare la propria posizione antilaicista.

Ad un certo punto le parole sul relativismo culturale sembrarono aprire ad una alleanza con questa parte della politica italiana. Sembravano, dico.

Radicale, referendario e relativista. Qualcuno è rimasto a questo schema. Come il vescovo in questione, almeno a giudicare dal virgolettato che riporti.

In realtà molti alti prelati hanno rilasciato dichiarazioni contrastanti con questa linea. Smontando lo schema appena descritto.

Pertanto preferisco pensare che almeno la fine politica dei partiti laici (PD, IDV e SEL non li considero tali) sia stato da questo punto di vista un bene.

Rimescolando le carte e abbattendo certi steccati molti hanno votato secondo valori etici laici personali e non politico partitici.

In definitiva certe affermazioni sono destinate ad essere minoritarie ed isolate e descrivono un mondo che si sta rimpiccolendo per una questione generazionale.

Credo che i papa boys, prendendo in prestito questa definizione di costume, siano una realtà eterogenea con idee politiche differenti.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


  • advertisement_alt
  • advertisement_alt
  • advertisement_alt


×
×
  • Create New...