Jump to content

Il topic ufficiale del ciclismo


Recommended Posts

Certo per me è scontato che paghi tutta la filiera... dove spesso l'atleta è l'anello più debole... l'atleta va punito/radiato, gli altri dovrebbero andare in galera..a partire dai vari personaggi federali etc che hanno tutto l'interesse a coprire il fenomeno scaricandolo addosso all'atleta ogni responsabilità.

Link to comment
Share on other sites

fatto fora Valverde...ole'...

Froome dovra' stare attento..anche se senza Valverde e Rui Costa i Moviestar perdono tanto sul piano tattico..sempre se una tattica l'abbiano mai avuta..

Edited by alvin66
Link to comment
Share on other sites

nooo! non sono riuscito a vedere la tappa... mi sono collegato adesso e non ci sto capendo nulla...

prima la foratura di Valverde.che non e' riuscito a rientrare per pochissimo,poi la moviestar non e' riuscita a ricucire a causa del vento..

poi l'attacco quando il vento era trasversale ad una trentina di km dall'arrivo, attacco della Saxo di Contador e Kreuziger,con i nostri Tosatto e Bennati sugli scudi..dietro la Sky aveva solo 3 uomini oltre a Froome e non sono riusciti a reintrare nonostante le trenate delle squadre dei velocisti rimaste fuori dal gruppetto di Contador..e di qualche altre squadra in cerca di compiacere alla maglia gialla..(fdj)

Link to comment
Share on other sites

valverde a 10'. che botta!

veramente un pollo, inveze de cior la bici de castroviejo....

ma forsi cusi' el ga una scusa miglior per esser salta' (cosa che secondo mi prima o dopo ghe saria capita') :merodolodalrider:

Link to comment
Share on other sites

la sky devi anche far mea culpa per aver lasa' andar fora tempo massimo kyrienka nel giorno no de porte

la mancanza de una locomotiva simile in giornade come oggi (ma anche in salita) te la senti

Edited by fp17
Link to comment
Share on other sites

grazie per le info! sto guardando adesso, bello l'attacco di contador e kreuziger. il tour è riaperto, la sky comunque si sta dimostrando davvero debole, non all'altezza di vincere una corsa a tappe così importante. froome escluso ovviamente, ma da solo non va da nessuna parte. valverde fuori classifica non è una certo una novità, e il come ha preso il super-distacco di oggi che è un po' assurdo.

Link to comment
Share on other sites

Enormi Bennati e Tosatto.Deso al vedo più dura per Froome con una squadra decimada e con le salite toste che devi vignir. O lui xe veramente de un altro pianeta e nol gaverà problemi oppur ghe tocherà gestirse da solo insalita. E savemo che correrghe drio ai scatti de quei che vol farghe le scarpe vol dir spreco enorme de enrgie. Per adesso lo vedo el più forte ma...... mai dire mai. :s'ciopado: :s'ciopado:

Link to comment
Share on other sites

oggi Froome avra' una maglia gialla piu' sbiadita sul comodino della sua stanza d'albergo.

certo,un po' per il minuto perso, molto per la sicurezza persa di avere saldamente la corsa in pugno.

Belkin e Saxo hanno dimostrato che Parigi per Froome non e' ancora conquistata.

e devo essere sincero, un po' di dubbi comincio a averli pure io.

specie per la tenuta mentale di Froome, che non me ne voglia il buon Chris, non considero un corridore di classe cristallina.

e' il piu' forte,senza dubbio,ma nel ciclismo questo non sempre puo' voler dire vittoria certa:

Un corridore di classe sa disporre della propria squadra e ne conosce i limiti(domenica questo non l'ha dimostrato)

Un corridore di classe sa vincere anche quando non e' chiaramente il piu' forte

Un corridore di classe sa difendersi anche quando gli avversari sono molti ed agguerriti.

Un corridore di classe mantiene la freddezza anche in situazioni inaspettate.

Se Froome domenica reagira' sul mitico Mont Ventoux, direi che una x sulla sua tenuta mentale potremmo torglierla.

Ma personalmente,non mi da,il simpatico inglese, la percezione di un ciclista di classe ..

Oggi ha avuto la fortuna che AGDR e FDJ si sono messe a tirare,per motiivi a me oscuri, negli ultimi 10 km,altirmenti Froome sarebbe arrivato con un ulteriore zavorra quantificabile in un minuto,al traguardo finale rispetto a Contador,Mollema,Kreiziger,Fuglsang..

domani mi aspetto una tappa da fuga da lontano..e chissa' che Valverde non si vendichi...

Tour2013_14_zps7f7fed80.jpg

Link to comment
Share on other sites

condivido in toto aggiungendo che un campione difficilmente gioca a carte scoperte come sta fasendo Froome ma le tien sempre ben nascoste... Cerca de non far mai venir fora i punti deboli a suo sfavor.. Lui inveze per far veder che iera el più forte prima ga manda fora giri tutta la squadra e dopo la ga fata sciopar nella tappa successiva e ieri el se ga fato sospender ai 30 dall'arrivo... Lo gaveva za vinto ma el sta fasendo de tutto per no vinzerlo. Adesso i avversari sa che el ga dei momenti de buio tattico (sia lui che la squadra) e che la sky con due elementi importanti in meno no pol tenir la corsa da sola.

Link to comment
Share on other sites

Finalmente ha vinto un italiano. Matteo Trentin, della stessa squadra di Cavendish, ha regolato il un gruppetto dopo una lunga fuga con una bellissima volata.

Magari non significa nulla, ma i vari commentatori della Rai hanno sottolineato l'espressione sempre più preoccupata di Froome. Si vedrà domani sul Mont Ventoux.

Link to comment
Share on other sites

Bellissima vittoria con una volata decisamente "intelligente". Che bel sentir un vincitor che sa esprimerse non in maniera telegrafica ma spiegando con naturalezza e con sicurezza la gara appena finida. :s'ciopado: :s'ciopado:

Link to comment
Share on other sites

Settanta mi da tanto...ecco Trentin..erano 70 le tappe consecutive in cui gli italiani non alzavano le braccia al cielo al Tour.L'ultimo fu un gia' stagionato Petacchi 70 tappe fa..

Ed e' stata una bella vittoria poiche' ottenuta indovinando la classica fuga da lontano.ove pero' non erano 6 o 7 corridori a comporla,ma ben 18.

Sinonimo di intelligenza ciclistica,conoscenza dei propri pregi e dei propri difetti in un contesto difficile con uomnin nella fuga obiettivamente piu' avezzi alle astuzie necessarie per far propria una tappa al Tour.

Trentin,dopo le fatiche del Giro, ripagate dalle vittorie a ripetizione del suo capitano Cavendish, il Tour non doveva nemmeno correrlo.E' ancora relativamente giovane,e' un 89, per sostenere 2 grandi giri uno dopo l'altro.Ma e' stato proprio Cavendish ad insistere con i suoi direttori sportivi per averlo nella grand boucle, talmente e' importante per le volate il nostro portacolori.penultimo uomo prima di Steegmans(ora ritirato) nel treno dell'omega .

Oggi si e' tolto una grandissima soddisfazione, e personalmente credo che non sara' l'ultima.se non a questo tour(tappe per lui non ce ne sono piu'), in altre occasioni..non escluse le classiche del nord,tipo Fiandre e forse Roubaix.

Ha dimostrato una certa classe oggi..molto buono per il futuro del nostro ciclismo.

per un italiano che vince,un altro che oggi ha confermato di attraversare un momento molto confuso..passi non tenere le ruote dei migliori.ma oggi nella fuga dei 18 Cunego doveva esserci.

non solo non c'era ma si e' avventurato in un'azione senza senso a bagnomaria tra i fuggitivi e il gruppo maglia gialla insieme all'altro pazzoide patentato di Hoogerland.Cunego deve darsi una svegliata, e se pensa che gli altri da cui viene bastonato vadano tutti a benzine maggiorate, faccia nomi e cognomi..ma dimostri di aver ancora voglia di andare in bicicletta..

classifica immutata e tappa tutto sommato tranquilla..

ma domani c'e forse la montagna piu' suggestiva dell'intero Tour..e non solo di questo..il Mont Ventoux..ma ne riparleremo , questo monte merita un capitolo a parte..

Link to comment
Share on other sites

"come si pronuncia Kwitowski?" "Domani si pronuncerà Quintana" :merodolodalrider: ahaha Beppe Conti che battuta. Certo che dopo 70 tappe di digiuno italiano i telecronisti RAI non si erano accorti della vittoria di Trentin ed erano convinti avesse vinto Albasini :mescondo:

Link to comment
Share on other sites

il monte calvo

Oggi,nell'anniversario della presa della Bastiglia, e' in programma la tappa che arriva in cima al Mont Ventoux, che e' forse la montagna piu' mitica del Tour.

senza voler mancare di rispetto al Galibier, al Tourmalet, all'Alpe d'Huez ecc ecc.,montagne che fanno parte della storia del tour e del ciclismo, il monte ventoso , per la sua storia,per le sue caratteristiche(uniche), per i duelli a colpi di pedale , per lo scenario,per i drammi consumati e' la montagna piu' suggestiva della Francia e della sua corsa ,

la storia:

il mont Ventoux entra nella storia,non solo sportiva, molto tempo prima che venga creato il tour de france.ma che dico,molto tempo prima che venga inventata la bicicletta.

II 26 aprile del 1336, venerdi' santo, Petrarca e suo fratello Gherardo scalano il monte ventoso.questa data viene considerata l'inizio dell'alpinismo.

le cronache dell'epoca riportano di un Petrarca in difficolta' rispetto a suo fratello, di un incontro con un pastore che sconsiglio' loro di proseguire verso la vetta.

Della scalata il sommo poeta scrisse un resoconto epistolare inviato poi al monaco Dionigi da Borgo san Sepolcro. "Ascesa al monte Ventoso" per gli studiosi rappresenta un allegoria della vita del Petrarca sempre in bilico tra le magneficenze carnali dell'esistenza e quelle spirtuali dell'animo.

Il Luogo

Il mont Ventoux, o monte calvo si trova in Provenza, e' alto 1912 metri, il nome e' dovuto al maestrale,o mistral che arriva a toccare punte di violenza pari se non superiori alla nostra bora.Ed e' proprio il vento lo scultore di questo monte:ne ha levigato le rocce donando al paesaggio un aspetto lunare, ne ha modificato la fauna facendo crescere tra le sue petraie il papavero della Groenlandia,una delle poche forme di vita presenti oltre una certa quota.

Il clima d'estate e' terribile, si possono raggiungere temperature notevoli,con degli sbalzi dovuti appunto al vento, repentini e intensi verso il basso. si racconta che nei primi km di ascesa l'asfalto si scioglie sottosi le ruote.

le caratteristiche tecniche.

SI tratta di una salita lunga,il versante che verra' affrontato oggi,da Bedoin, misura quasi 23 km.C'e' da dire che i primi sono facilissimi con pendenze abbordabili che non superano il 6%. dal settimo km iniziano le rampe piu' arcigne,sempre comprese tra il 7 ed il 10%. Ma non sono sono pendenza lungherzza rendere questa scalata durissima.

Ad un certo punto la vegetazione scompare l'aria presenta sempre meno ossigeno,caldo e vento rendono la scalata estrema.Fino in cima non esiste ombra o zona riparata dal vento.Il ripetitore,ove e' posto il traguardo diviene visibile gia' 4-5 km dall'arrivo.ma sembra lontanissimo.

Non e' lo Zoncolan,ne' il Mortirolo come pendenze, ma puo' essere molto piu' duro ed estremamente selettivo.

oltre al versante che verra' scalato oggi,ve ne sono altri 2.Uno in particolare, da Sault molto piu' pedalabile ed adatto a cicloamatori non allenatissimi.

IL Dramma

Il 13 luglio 1967, il tour arrivava sul monte calvo.Tommy Simpson,campione del mondo,vincitore di svariate classiche nonche' baronetto di sua Maesta' britannica, per superare meglio le fatiche del gigante della Provenza penso' bene di aiutarsi ingerendo anfetamine

Questo mix gli fu pero' fatale.Non avendo piu' la percezione della fatica,l'inglese volle andare avanti anche quando il suo corpo gli suggeri' di fermarsi.

Partito settimo in classifica prima di quella tappa, Simpson ambiva ad un posto piu' nobile, sul podio.Quel 13 luglio faceva maledettamente caldo.si parla di 42 gradi.le cicale della provenza facevano da colonna sonora alla carovana che arrivata a Carpentras, fece il giro sotto il Ventoux per attaccare la salita dal versante classico di Bedoin.

All'epoca le ammiraglie non davano le borracce.erano i gregari che andavano a saccheggiare i bar incontrati sul percorso per portare il sollievo ai propri capitani.

successe che un gregario di Simpson,l'inesperto C.Lewis al bar,oltre che dell'innocente coca cola,prese anche mezza bottiglia di cognac.Simpson era talmente assetato che non si pose il problema del contenuto della bottiglia e spavaldamente ne tracheggio' il contenuto.Soddisfatta l'esigenza della sete,Simpson dal taschino della maglia tiro' fuori un tubetto contenente pasticche di anfetamine,in precedenza comprato dall'inglese da 2 loschi trafficanti italiani, e ne ingoio' una.

inizio' l'ascesa:scatto' Jimenez seguito dall'eterno secondo Poulidor.Simpson sembro' fin da subito un po' in affanno nelle ultime posizioni del gruppetto dei migliori con Gimondi,Pinegeon in maglia gialla e Jansen.I 2 di testa non riuscirono a prendere il largo,il gruppetto li riprese.

L'ossigeno diventava sempre merce piu' rara nell'aria,Simpson perse contatto con i primi.

Scomparirono gli alberi.l'ombra sembro' un'irraggiungibile chimera.Simpson inesorabilmente si stacco'.la sua andatura sembrava sempre piu' pesante.affannosa.

Venne raggiunto da un gruppetto di ritardatari,tra i quali il francese Aimar che in seguito disse:gli ho offerto una borraccia, ma lui non mi ha potuto sentire. Il suo sguardo era perduto nel vuoto. Eppure la cosa più strana era che continuava a tentare di superarmi. Io gli ho detto di non fare sciocchezze. Ma lui non mi ha nemmeno risposto.

questo a 5 km dall'arrivo.a 2 km dall'arrivo Simpson,evidentemente insensibile alla fatica che stava richiedendo al suo fisico, comincio' a zig zagare.Senza l'effetto stimolante delle anfetamine probabilmente si sarebbe fermato,o avrebbe rallentato l'andatura.Il suo staff se ne accorse e cerco' in ogni modo di fermare la sua agonia.On, on, on.

rispose il corridore.

Put me back on my bikerimettetemi in sella..furono le ultime parole di Tommy Simpson.

In sua memoria nel punto esatto dove trovo' la morte,ora sorge una stele in suo ricordo.

Successivamente l'autopsia decreto' che le cause della morte erano da imputare ad un collasso dovuto al caldo,alla rarefazione dell'ossigeno, allo sforzo.I cui sintomi non sarebbero stati percepiti dall'inglese a causa del mix di anfetamine e alcool..

i Vincitori:

non sono molti gli arrivi sul Ventoux,circa una decina.Ma su questo traguardo hanno trionfato le leggende di questo sport.

1958:Gaul

1965:Poulidor

1970:Merckx

1972:Thevenet

1987:(crono) JF. Bernard

2000:Pantani

2002:Virenque

2009:Garate

Transito in vetta.non arrivo:

1951:Lazarides

1952:Robic

1955:Bobet

1967:Jimenez

1974:Gonzale Aja

1994:Poli

record di scalata versante Bedoin

I.Mayo, tappa cronometro del Delfinato 2004 tempo 55 minuti 51 secondi

Nella nostra memoria restera' per sempre impresso il duello Amstrong Pantani,nel 2000, dove l'americano lascio' presumibilmente vincere lo scalatore romagnolo, meritevole di esser stato l'unico a riuscire di restare sulle ruote,non senza un certo affanno,del corridore texano.Il quale con gesto non proprio elegante,fece intendere nelle interviste di fine tappa, di aver concesso la vittoria a Pantani.Il bandito ed il campione..

La tappa odierna:

Tour-de-France-Stage-15-1371041949.png

si snoda su 242 km.Nervosi e frastagliati i primi 220,quelli che precedono la scalata al monte calvo

Probabilmente si sviluppera' un fuga da lontano con all'interno discreti scalatori che punteranno ad arrivare a Bedoin con un vantaggio sufficiente per scongiurare di venir raggiunti dai migliori, che nel frattempo si daranno battaglia, prima del traguardo.

Non si esclude che fra questi vi siano nomi importanti.Non mi soprenderebbe(anzi,un pochino si,vista il poco coraggio piu' volte dimostrato dallo stesso) la presenza di Valverde,ultile per una eventuale vittoria di tappa,ma anche per scardinare gli Sky prima dell'erta finale.Presumibile quella di Schleck,Moreno,Rolland.

Staremo a vedere:

Borsino:

***** Froome

****Kreuziger,Mollema,Quintana

***Contador,Valverde

**Schleck,Moreno,Rolland,D.Martin,JRO,Fuglsang

* Cunego,Malacarne,Peroud,Rui Costa

per Froome e' una tappa importante.se dimostrera' di essere il piu' forte in salita darebbe una bella mazzata ai sogni gialli dei suoi avversari ringalluzziti dopo il blitz in pianura di venerdi.

Se mostrera' segni di cedimento o quantomeno di una forma calante,allora le cose sulle Alpi della settimana prossima potrebbero diventare molto interessanti.Anche perche' di terreno per metterlo in crisi lui e la sua Sky, ve ne e' in abbondanza..

Link to comment
Share on other sites

Per quanto riguarda Cunego, resto convinto che vincere il giro del 2004, quello della cronometro di Trieste, in qualche modo gli abbia condizionato negativamente la carriera. In fin dei conti quel giro lo vinse sul compagno alla saeco Simoni, grazie ad un'azione pianificata dalla squadra e dopo un attacco in salita il giovanissimo Cunego trovò 2 compagni (non ricordo i nomi...) che fecero un gran lavoro in pianura e lo scortarono alla grande fino ai piedi dell'ultima salita... E così strappo la maglia rosa a Simoni. Sinceramente, non ricordo altri casi recenti di attacchi tra compagni di squadra...

Comunque, dopo quel giro vinto in modo - diciamo - un po' particolare, Cunego ha riprovato un sacco di volte a fare classifica, anche al tour. Ma era evidente la sua netta inferiorità su decine di corridori. Discreto in salita, ma non un fenomeno, praticamente fermo a cronometro. Evidentemente gli hanno consigliato male, anche perché la sua dimensione è quella di corridore da corse di 1 giorno. Infatti nel 2008 ha vinto il Lombardia e l'amstel, sempre nel 2008 secondo al mondiale dietro ballan. E adesso lo si nota sempre più in affanno, ieri ha perso la ruota di hoogerland... Una involuzione evidentissima per un corridore comunque di classe. Buh!

Link to comment
Share on other sites

Nel 2000, dopo la vittoria di courchevel, quando pantani staccò facilmente Armstrong, alla domanda della giornalista Rai De Stefano (sempre quella di oggi) rispose: "oggi sono andato via da solo perché l'altra volta sul Ventoux non mi piaceva la compagnia".

Ed era un pantani che ormai si allenava pochissimo e senza voglia, ancora bastonato dal famoso 5 giugno 1999.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...