Jump to content

Stagione Triestina 2022/23


Recommended Posts

12 ore fa, Lorenzo72 ha scritto:

Per chi dice che in C non si può giocare bene al calcio consiglio di guardare su RaiSport....mi auguro che Bonatti veda la partita..e impari .

Beh, ti piace vincere facile....avendo visto l'Unione il giorno prima, ogni altra partita diventa bella o quasi 😉

La definizione di "bello" è relativo, chiaro che si può giocare meglio della Triestina attuale e nessuno dice che dobbiamo accontentarci della pochezza attuale.

Rimango poi dell'idea che a Salò sia più facile allenare rispetto a Trieste....e Vecchi è in sella già da un anno, in cui aveva già fatto bene. In C è un buon allenatore ed ha esperienza.

Link to comment
Share on other sites

1 minuto fa, Alessyum ha scritto:

La società non incassa, semmai paga chi la sponsorizza. E lo fanno perchè la triestina è una società morta seguita dalle mummie. Il buco generazionale che si è creato in sti anni è enorme e per fortuna stanno usufruendo dei canali giusti per attirare nuovi giovani tifosi

Su questo onestamente concordo.

Domenica, nel post-partita, fuori dal garage da dove escono giocatori, dirigenti e autorità, c'era una fila di ragazzini con in mano quaderni per gli autografi e smartphone per le foto ricordo.

Non ne comprendevo il motivo, ora lo so.

Tutto aiuta, e se questo serve ad avvicinare le nuove generazioni ben venga, assolutamente.

Link to comment
Share on other sites

2 hours ago, Alessyum said:

La società non incassa, semmai paga chi la sponsorizza. E lo fanno perchè la triestina è una società morta seguita dalle mummie. Il buco generazionale che si è creato in sti anni è enorme e per fortuna stanno usufruendo dei canali giusti per attirare nuovi giovani tifosi

I tiktoker mi risultano essere della stessa Stardust, quindi credo a costi minimi, se non zero, forse la trasferta al limite. Il marketing porta guadagno, a fronte di un investimento iniziale, ma alla base ci dev’essere un prodotto qualitativo, se il prodotto, come in questo caso, fa schifo, al momento, speriamo in seguito di no, ovviamente, puoi fare tutto il marketing del mondo, che, dopo poco ti sgamano, la gente non è fessa. Magari pensare prima ad avere un allenatore che sappia fare il suo mestiere e dopo il resto. Altrimenti si fa il marketing sul nulla, o peggio di una squadra che rischia seriamente di retrocedere, se va avanti così. Spero di essermi spiegato.

Link to comment
Share on other sites

14 ore fa, Lorenzo72 ha scritto:

Ussignur, che nostalgia che go de anni fa!

Poveri noi, anzi, poveri giovani.

Guarda, giusto qualche giorno fa discutevo de questo con un più vecio de mi e ricordavo come ai suoi tempi se se acculturava con un semianalfabeta e arrogante come pochi come Mike Bongiorno e se rideva con la comicità de livel del Bagaglino, per non parlar de quel raduno de figame bon per i pedofili che iera Non è la Rai, con presentatrice una che in quanto ad intelligenza podeva far a gara con la sedia che go davanti, Enrica Bonaccorti. E non sparo sulla croce rossa buttando in mezzo Mara Venier, Alba Parietti o Simona Ventura. 

Ecco, forse che oggi I tiktoker non xe poi neanche malissimo. 

  • Mi piace 1
Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, Spunk199 ha scritto:

I tiktoker mi risultano essere della stessa Stardust, quindi credo a costi minimi, se non zero, forse la trasferta al limite. Il marketing porta guadagno, a fronte di un investimento iniziale, ma alla base ci dev’essere un prodotto qualitativo, se il prodotto, come in questo caso, fa schifo, al momento, speriamo in seguito di no, ovviamente, puoi fare tutto il marketing del mondo, che, dopo poco ti sgamano, la gente non è fessa. Magari pensare prima ad avere un allenatore che sappia fare il suo mestiere e dopo il resto. Altrimenti si fa il marketing sul nulla, o peggio di una squadra che rischia seriamente di retrocedere, se va avanti così. Spero di essermi spiegato.

Li hanno pagati, e lo so per certo. Pubblicizzare è il loro lavoro.

Vedremo alla fine se retrocederemo ;). Al momento abbiamo gli stessi punti della squadra più forte del girone

Link to comment
Share on other sites

9 ore fa, Spunk199 ha scritto:

Il marketing non fa punti in classifica, purtroppo, certo, ci fa conoscere di più, incassare soldi alla società, ecc., ma se andremo ai play out non saranno certo i tiktoker a salvarci. Preferisco avere un po’ meno riscontro mediatico, ma una squadra che almeno prova a giocare a calcio.

Una partita che arriva a 2 milioni di ragazzini vuol dire poter attrarre uno sponsor che ha quel target e che per arrivare a 2 milioni di persone sponsorizza pesantemente

Che i tiktoker non ti salvano è ovvio, ripeterlo ad ogni evento mediaticamente valido è stucchevole

  • Mi piace 1
Link to comment
Share on other sites

3 minutes ago, LungomareNatisone said:

Una partita che arriva a 2 milioni di ragazzini vuol dire poter attrarre uno sponsor che ha quel target e che per arrivare a 2 milioni di persone sponsorizza pesantemente

Che i tiktoker non ti salvano è ovvio, ripeterlo ad ogni evento mediaticamente valido è stucchevole

Evidentemente non si è capito ciò che ho scritto, ma non fa nulla. W i tiktoker e i 2 milioni di ragazzini che hanno assistito a uno spettacolo indecoroso. Bene così.

  • Grazie 1
Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, ndocojo ha scritto:

Guarda, giusto qualche giorno fa discutevo de questo con un più vecio de mi e ricordavo come ai suoi tempi se se acculturava con un semianalfabeta e arrogante come pochi come Mike Bongiorno e se rideva con la comicità de livel del Bagaglino, per non parlar de quel raduno de figame bon per i pedofili che iera Non è la Rai, con presentatrice una che in quanto ad intelligenza podeva far a gara con la sedia che go davanti, Enrica Bonaccorti. E non sparo sulla croce rossa buttando in mezzo Mara Venier, Alba Parietti o Simona Ventura. 

Ecco, forse che oggi I tiktoker non xe poi neanche malissimo. 

Boh ...mi so solo che al gfvip i fantastici veci de una volta cressudi nel mondo de una volta ga bullizzado el depresso Marco Bellavia, con una stigmatizzazion schifosa nei confronti de una malattia comunissima. Ecco, uno dei pochi ad esserse comportado umanamente nei confronti de sto povero cristo cercando un minimo de starghe vicin xe quel mona de tiktoker della Stardust de George Ciupilan... Ah, sti tiktoker, iera meio una volta co el branco emarginava i depressi...

Link to comment
Share on other sites

1 minuto fa, Spunk199 ha scritto:

Evidentemente non si è capito ciò che ho scritto, ma non fa nulla. W i tiktoker e i 2 milioni di ragazzini che hanno assistito a uno spettacolo indecoroso. Bene così.

I ragazzini hanno assistito a qualche storia instagram e hanno scoperto che esiste una squadra che si chiama TRIESTINA e che ha uno stadio stupendo, mica hanno guardato la partita su eleven sports

Così come 5 anni fa hanno scoperto che esiste il Pordenone grazie alla geniale campagna social in occasione di Inter-Pordenone

  • Mi piace 1
Link to comment
Share on other sites

2 minutes ago, LungomareNatisone said:

I ragazzini hanno assistito a qualche storia instagram e hanno scoperto che esiste una squadra che si chiama TRIESTINA e che ha uno stadio stupendo, mica hanno guardato la partita su eleven sports

Così come 5 anni fa hanno scoperto che esiste il Pordenone grazie alla geniale campagna social in occasione di Inter-Pordenone

Quindi, è sufficiente che conoscano il nome, vedano un bellissimo stadio e una squadra con la maglia rossa, che poi di calcio non gliene importi un fico secco o che poi seguano le partite, perché la Triestina, quello è, una squadra di calcio, importa poco. Lo scopo allora mi sfugge, conoscenza del brand a un target under 15, per quale motivo? Perché il marketing serve a vendere, alla fine, fondamentalmente.

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, Spunk199 ha scritto:

Quindi, è sufficiente che conoscano il nome, vedano un bellissimo stadio e una squadra con la maglia rossa, che poi di calcio non gliene importi un fico secco o che poi seguano le partite, perché la Triestina, quello è, una squadra di calcio, importa poco. Lo scopo allora mi sfugge, conoscenza del brand a un target under 15, per quale motivo? Perché il marketing serve a vendere, alla fine, fondamentalmente.

Ma sai che nel calcio servono ad esempio cose come gli sponsor? 

Link to comment
Share on other sites

10 minutes ago, ndocojo said:

Ma sai che nel calcio servono ad esempio cose come gli sponsor? 

Certo, come in ogni altra attività culturale, musicale, sportiva, ecc. e chi ne ha più ne metta, ma non vedo l’urgenza di trovarne ora o di soddisfare le richieste di quelli già esistenti, quando il prodotto o lo spettacolo che offriamo è pessimo, credimi che se la squadra gira e iniziamo a viaggiare spediti in zone alte, poi arriva tutto, basta fare le cose in ordine di importanza, qua abbiamo Schettino che comanda la nave e ci facciamo pure pubblicità che ci vedano tutti, mi sembra che ci sia un po’ di confusione, sinceramente e vendere fumo è una cosa sbagliata per principio.

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, LungomareNatisone ha scritto:

Una partita che arriva a 2 milioni di ragazzini vuol dire poter attrarre uno sponsor che ha quel target e che per arrivare a 2 milioni di persone sponsorizza pesantemente

Che i tiktoker non ti salvano è ovvio, ripeterlo ad ogni evento mediaticamente valido è stucchevole

Hai sicuramente colto nel segno.

Due milioni di persone, ancorché ragazzini, sono un bacino enorme.

Ecco che qualsiasi scritta appaia sulla maglia o nello stadio ed inquadrata può portare ad un ritorno.

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, Spunk199 ha scritto:

Quindi, è sufficiente che conoscano il nome, vedano un bellissimo stadio e una squadra con la maglia rossa, che poi di calcio non gliene importi un fico secco o che poi seguano le partite, perché la Triestina, quello è, una squadra di calcio, importa poco. Lo scopo allora mi sfugge, conoscenza del brand a un target under 15, per quale motivo? Perché il marketing serve a vendere, alla fine, fondamentalmente.

I ragazzini fanno spendere i loro genitori.......

E spenderanno di loro entro qualche anno......

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, Spunk199 ha scritto:

Quindi, è sufficiente che conoscano il nome, vedano un bellissimo stadio e una squadra con la maglia rossa, che poi di calcio non gliene importi un fico secco o che poi seguano le partite, perché la Triestina, quello è, una squadra di calcio, importa poco. Lo scopo allora mi sfugge, conoscenza del brand a un target under 15, per quale motivo? Perché il marketing serve a vendere, alla fine, fondamentalmente.

Se non capisci che un pubblico di due milioni di utenti sono un bacino importante per un'azienda che magari ha proprio quel target di utenti non so cosa dirti...

Che ranzido mamma mia, su 100 post che scrivi almeno 100 sono di lamentele...

  • Mi piace 1
Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, Spunk199 ha scritto:

credimi che se la squadra gira e iniziamo a viaggiare spediti in zone alte, poi arriva tutto

Certo... come nel 2003 con la scritta peace no war perché pure da primi in Serie B di trovare qualcuno che volesse sponsorizzare la Triestina non se ne parlava....

Link to comment
Share on other sites

44 minuti fa, LungomareNatisone ha scritto:

Certo... come nel 2003 con la scritta peace no war perché pure da primi in Serie B di trovare qualcuno che volesse sponsorizzare la Triestina non se ne parlava....

Intervengo anche se i post sono tra te e Spunk199.

Tristemente vero. Anche se però erano altri anni.

Chiaro che la "visibilità" ai nostri giorni è diversa. Viaggia su altri canali. Social in primis. 

I dieci/quindici mila triestini allo stadio (e parecchie migliaia alla TV per le trasferte sparsi nei bar cittadini in quell'annata) non avrebbero potuto portare un ritorno come possono portare due milioni di "followers" sparsi che magari non sanno neanche quali siano i nostri colori sociali (ops, non lo sanno neanche i nostri neo ultras, ma quello è un altro discorso.....) ma fanno audience e possono portare introiti da sponsor.

Piaccia o no così è il futuro.

E questa proprietà ne è ben (ma molto ben....) conscia.

PS: Non ho detto che mi piaccia (da boomers quale sono), solo che è l' evidenza dei fatti.....

Edited by stets
Link to comment
Share on other sites

7 minuti fa, stets ha scritto:

Intervengo anche se i post sono tra te e Spunk199.

Tristemente vero. Anche se però erano altri anni.

Chiaro che la "visibilità" ai nostri giorni è diversa. Viaggia su altri canali. Social in primis. 

I dieci/quindici mila triestini allo stadio (e parecchie migliaia alla TV per le trasferte sparsi nei bar cittadini in quell'annata) non avrebbero potuto portare un ritorno come possono portare due milioni di "followers" sparsi che magari non sanno neanche quali siano i nostri colori sociali (ops, non lo sanno neanche i nostri neo ultras, ma quello è un altro discorso.....) ma fanno audience e possono portare introiti da sponsor.

Piaccia o no così è il futuro.

E questa proprietà ne è ben (ma molto ben....) conscia.

PS: Non ho detto che mi piaccia (da boomers quale sono), solo che che è l' evidenza dei fatti.....

Ma infatti...

A meno non frega nulla di sti tiktoker (oddio, di Rebecca Parziale mi potrebbe anche fregare non fosse per l'età..), ma se portano visibilità all'Unione ben venga.

La Triestina oggi i quindicenni non sanno nemmeno che esiste e in che serie gioca, pure maggior parte di quelli che seguono il calcio. Al massimo conoscono le squadre che negli ultimi anni erano in B perché le hanno viste su fifa.

Prima di domenica, probabilmente il quindicenne medio pensava che la Triestina fosse tipo la Pro Patria o la Pro Vercelli. Vedendo le storie di un Luca Campolunghi che esulta tutto fomentato al gol del 3-2, ora sa che la Triestina gioca in uno stadio enorme, è tifata da una curva e da una gradinata ben popolate e magari penserà pure che siamo forti visto che i tiktoker vanno a vederla come di solito vanno a vedere la Juve o il Milan

Fare polemica anche su questo lo trovo surreale

  • Mi piace 1
  • Triste 1
Link to comment
Share on other sites

17 minutes ago, LungomareNatisone said:

Ma infatti...

A meno non frega nulla di sti tiktoker (oddio, di Rebecca Parziale mi potrebbe anche fregare non fosse per l'età..), ma se portano visibilità all'Unione ben venga.

La Triestina oggi i quindicenni non sanno nemmeno che esiste e in che serie gioca, pure maggior parte di quelli che seguono il calcio. Al massimo conoscono le squadre che negli ultimi anni erano in B perché le hanno viste su fifa.

Prima di domenica, probabilmente il quindicenne medio pensava che la Triestina fosse tipo la Pro Patria o la Pro Vercelli. Vedendo le storie di un Luca Campolunghi che esulta tutto fomentato al gol del 3-2, ora sa che la Triestina gioca in uno stadio enorme, è tifata da una curva e da una gradinata ben popolate e magari penserà pure che siamo forti visto che i tiktoker vanno a vederla come di solito vanno a vedere la Juve o il Milan

Fare polemica anche su questo lo trovo surreale

Non faccio polemica, sto cercando di focalizzare le priorità. Se a tutti voi va bene che la squadra viaggi in zona retrocessione perché guidata da un incapace, ma con una miriade di sponsor e un seguito enorme di 15 enni che esultano a un pareggio con l’Arzignano dopo una partita inguardabile, ma che fanno spendere tanti soldini ai genitori affinché gli comprino i biscotti Crick e Crock, allora mi arrendo e dico complimenti alla società, a noi che ci frega del calcio e della squadra, l’importante è fatturare sempre e comunque, la qualità del prodotto offerto lasciamola ai vecchi ranzidi. Ottimo così, mi associo anch’io allora.

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, Spunk199 ha scritto:

Non faccio polemica, sto cercando di focalizzare le priorità. Se a tutti voi va bene che la squadra viaggi in zona retrocessione perché guidata da un incapace, ma con una miriade di sponsor e un seguito enorme di 15 enni che esultano a un pareggio con l’Arzignano dopo una partita inguardabile, ma che fanno spendere tanti soldini ai genitori affinché gli comprino i biscotti Crick e Crock, allora mi arrendo e dico complimenti alla società, a noi che ci frega del calcio e della squadra, l’importante è fatturare sempre e comunque, la qualità del prodotto offerto lasciamola ai vecchi ranzidi. Ottimo così, mi associo anch’io allora.

E però, Spunk, tu mescoli cose che non vanno mescolate.

A me non va bene che siamo a metà classifica, non in zona retrocessione, ma come gioco e togliendo i punti fatti in modo fortunoso, giusto sarebbe stato essere proprio in fondo.

Non mi piace il modo in cui Bonatti imposta le partite. Non sono un esperto di tattica ma direi che in questo momento lo vedo come una palla al piede.

Per me prima cambiamo guida tecnica meglio è (e la vittoria con la Virtus l' ho vista come un procrastinare un problema, quindi una perdita di tempo).

Non mi sta' particolarmente simpatica la dirigenza (a pelle).

Ma, a meno che io (o tu, o altri tifosi) vinca un centinaio di milioni di euro al SuperEnalotto (e porterei l' Unione in A.... pur se mi contestereste, e succederebbe comunque....) ogni altra proprietà che non è andata allo stadio a cinque anni accompagnata dal babbo, e quindi di questa squadra si è innamorata, cercherà di fare del business nel calcio.

Potrebbero arrivare i cinesi con un occhio al molo settimo o americani per investire in porto vecchio. L' Unione sarebbe solo un veicolo per i loro affari.

Metto 10 (in perdita), e ricaverò 20 in futuro. Mi apro le strade verso città e (soprattutto) istituzioni.

Questi tik tokers il business lo hanno individuato nel loro ambito. La Triestina è un veicolo.

Di questo bisogna tenerne conto e prenderne atto.

Non ci piace ? Ok. Che altro possiamo fare ? 

Datemi 6 numeri vincenti quando il jackpot è al massimo.....

Edited by stets
Link to comment
Share on other sites

16 ore fa, ndocojo ha scritto:

Guarda, giusto qualche giorno fa discutevo de questo con un più vecio de mi e ricordavo come ai suoi tempi se se acculturava con un semianalfabeta e arrogante come pochi come Mike Bongiorno e se rideva con la comicità de livel del Bagaglino, per non parlar de quel raduno de figame bon per i pedofili che iera Non è la Rai, con presentatrice una che in quanto ad intelligenza podeva far a gara con la sedia che go davanti, Enrica Bonaccorti. E non sparo sulla croce rossa buttando in mezzo Mara Venier, Alba Parietti o Simona Ventura. 

Ecco, forse che oggi I tiktoker non xe poi neanche malissimo. 

Aspetta un attimo. La platea che seguiva quei programmi è paragonabile a chi oggi guarda la De Filippi o il grande fratello. Non è corretto generalizzare in questo modo a mio avviso.

Link to comment
Share on other sites

7 ore fa, Spunk199 ha scritto:

Non faccio polemica, sto cercando di focalizzare le priorità. Se a tutti voi va bene che la squadra viaggi in zona retrocessione perché guidata da un incapace, ma con una miriade di sponsor e un seguito enorme di 15 enni che esultano a un pareggio con l’Arzignano dopo una partita inguardabile, ma che fanno spendere tanti soldini ai genitori affinché gli comprino i biscotti Crick e Crock, allora mi arrendo e dico complimenti alla società, a noi che ci frega del calcio e della squadra, l’importante è fatturare sempre e comunque, la qualità del prodotto offerto lasciamola ai vecchi ranzidi. Ottimo così, mi associo anch’io allora.

Non capisco perché devi mischiare due piani di lettura...

E poi lo dici a me, che spero nell'esonero di Bonatti dalla metà del secondo tempo col Pordenone?

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    • No registered users viewing this page.
×
×
  • Create New...