Jump to content
Le ultime news
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble
Slate Blackcurrant Watermelon Strawberry Orange Banana Apple Emerald Chocolate Marble

Recommended Posts

Ho letto che a metà giugno potrebbero riaprire cinema e teatri , mi chiedo e lo chiedo a voi , è verosimile un'apertura degli stadi nella stagione 20/21 , oppure dovremo abituarci alle partite giocate negli acquari ? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
29 minuti fa, goffi ha scritto:

Ho letto che a metà giugno potrebbero riaprire cinema e teatri , mi chiedo e lo chiedo a voi , è verosimile un'apertura degli stadi nella stagione 20/21 , oppure dovremo abituarci alle partite giocate negli acquari ? 

Mi sembra prematuro ora fare un pronostico, ma lo trovo difficile fino a quando non ci sarà il benedetto vaccino. Forse in inverno ma boh, vedremo.

ps, ieri ho visto la bundesliga, un altro calcio senza tifosi,sembra un altro sport,tristezza totale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, goffi ha scritto:

Ho letto che a metà giugno potrebbero riaprire cinema e teatri , mi chiedo e lo chiedo a voi , è verosimile un'apertura degli stadi nella stagione 20/21 , oppure dovremo abituarci alle partite giocate negli acquari ? 

Non può saperlo nessuno, a oggi.

I dati paiono incoraggianti, si può solo aspettare.

C'è un dato che nessuno considera e mi pare più preoccupante: se gli spettatori allo stadio non possono assistere, neanche distanziati con le mascherine, come.si può pensare che ripartano dilettanti e settori giovanili, che dovrebbero addirittura giocare?

Boh, aspettiamo....

Di sicuro il resto d'Europa potrebbe fare da traino, anche se per la verità vedo che vanno di nuovo a scuola dappertutto e qua si parla di misure d'emergenza per settembre...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo ci sia molta diffidenza sul  comportamento dei tifosi , intervenire in una curva "calda" cercando di fare rispettare eventuali disposizioni può essere  molto complicato  ; altrimenti non si spiega il benestare a cinema e teatri . 

A queste condizioni nn so quante squadre di serie C saranno regolarmente al via alla stagione 20/21 . 

Share this post


Link to post
Share on other sites

@forest  Quante partite hai visto della Bundesliga? 😁

Se dal 15 giugno consentono spettacoli all'aperto fino a 1000 persone forse i Dilettanti potrebbero concludere la stagione con il pubblico, quantomeno le competizioni regionali fino all'eccellenza e lasciando perdere spareggi a carattere nazionale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
16 minuti fa, mario-manzanese ha scritto:

@forest  Quante partite hai visto della Bundesliga? 😁

Se dal 15 giugno consentono spettacoli all'aperto fino a 1000 persone forse i Dilettanti potrebbero concludere la stagione con il pubblico, quantomeno le competizioni regionali fino all'eccellenza e lasciando perdere spareggi a carattere nazionale.

Viste un paio: ieri Dortmund- Shalke (senza storia, il secondo tempo buttavo l'occhio facendo altro) e oggi Union-Bayern (i berlinesi mi sono simpatici ma c'erano un paio categorie di differenza).

La mancanza del pubblico mi ha disturbato fino a un certo punto: è molto brutto l'inizio, l'entrata in campo nel slenzio e quella roba la', ma dopo guardo la partita, il gioco e i giocatori e a me il calcio piace proprio.

Sui dilettanti, escludo che riprendano quest'anno.

Sarebbe già oro se accadesse a settembre, ma mi ripeto: se i dilettanti giocano, significa che gli stadi sono aperti, non mi pare si scappi da qua...

E di stadi aperti a settembre, per ora, non sento parlare nessuno, anche se è pur vero che fino a ieri si parlava di cinema forse a dicembre....

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mario, mi pare ti sfugga che il problema non è se il pubblico distanziato e con mascherina  può andare a vedere i dilettanti, ma se i dilettanti possono giocare a giugno.

E la risposta è NO, ma proprio senza pensarci un secondo.

Fa fatica a giocare a giugno la A prevedendo 4000 tamponi e misure sanitarie da sbarco su un pianeta radioattivo, come pensi che possano giocare in Eccellenza?

Share this post


Link to post
Share on other sites
32 minuti fa, forest ha scritto:

Mario, mi pare ti sfugga che il problema non è se il pubblico distanziato e con mascherina  può andare a vedere i dilettanti, ma se i dilettanti possono giocare a giugno.

E la risposta è NO, ma proprio senza pensarci un secondo.

Fa fatica a giocare a giugno la A prevedendo 4000 tamponi e misure sanitarie da sbarco su un pianeta radioattivo, come pensi che possano giocare in Eccellenza?

D'accordo! Ma se autorizzi spettacoli al chiuso fino a 200 persone, all'aperto fino a 1000.... con delle precauzioni si.... ma stai facendo intravedere che il quadro normativo possa cambiare.
Se non ricordo male ripartono a giugno i centri estivi per i piccoli, qualche precauzione all'entrata ma poi si gioca credo.... Il centro estivo dei Piccoli Amici e Pulcini credo possa giocare a pallone. Poi nel calcio dilettantistico ti confronti solo con formazioni della tua regione fino all'eccellenza. Penso che se liberalizzano tante attività forse dovrebbero rivedere quello che chiedono allo Sport in generale, le norme di cui sinora si è parlato avevano un senso diverso in un contesto di tutto chiuso, continuando con le aperture lo stanno perdendo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, mario-manzanese ha scritto:

D'accordo! Ma se autorizzi spettacoli al chiuso fino a 200 persone, all'aperto fino a 1000.... con delle precauzioni si.... ma stai facendo intravedere che il quadro normativo possa cambiare.
Se non ricordo male ripartono a giugno i centri estivi per i piccoli, qualche precauzione all'entrata ma poi si gioca credo.... Il centro estivo dei Piccoli Amici e Pulcini credo possa giocare a pallone. Poi nel calcio dilettantistico ti confronti solo con formazioni della tua regione fino all'eccellenza. Penso che se liberalizzano tante attività forse dovrebbero rivedere quello che chiedono allo Sport in generale, le norme di cui sinora si è parlato avevano un senso diverso in un contesto di tutto chiuso, continuando con le aperture lo stanno perdendo.

Al momento le linee guida ministeriali per parchi e giardini pubblici, giardini privati, fattorie didattiche e realtà simili e per i centri estivi prevede sempre il distanziamento di un metro.

E da quello che ho visto anche concerti e teatro devono prevedere 1 metro fra chi sta sul palco

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, GiGi-TO ha scritto:

Al momento le linee guida ministeriali per parchi e giardini pubblici, giardini privati, fattorie didattiche e realtà simili e per i centri estivi prevede sempre il distanziamento di un metro.

E da quello che ho visto anche concerti e teatro devono prevedere 1 metro fra chi sta sul palco

Esattamente..

E nel FVG un metro e pure la mascherina, oppure in caso di attività fisica intensa la mascherina si può togliere ma la distanza di sicurezza aumenta.

Ergo, giocare a calcio al momento non è neanche un'ipotesi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah, io al momento prenderei tutto abbastanza con le molle.....anche le stesse disposizioni di giugno (apertura di cinema, teatri, ecc...)

Qui le cose sono in evoluzione da settimana in settimana, onestamente fino ad un paio di settimane fa non immaginavo possibili alcune riaperture di oggi, come ad esempio le palestre.

Fino a settembre ce ne passa di tempo, quindi i vari campionati potrebbero riprendere con il pubblico come potrebbe darsi che non riprenda nulla, neppure la serie A.

Alla storia che fino al vaccino ci saranno sempre limitazioni cmq ci credo poco.....vedremo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il calcio mi piace parecchio.

In questo periodo, a parte le repliche che non riescono a coinvolgermi, l'unica roba da guardare è la Bundesliga.

Ho visto, da quando è ripresa, quattro partite, e devo dire che il Bayern fa abbastanza impressione.

Li avevo visti, subito prima del Covid, passeggiare in Champions a casa del.Chelsea.

Che non vale certo Liverpool o City, ma non è affatto una squadra di brocchi.

Dieci giorni fa li ho rivìsti con l'Union Berlino vincere sbadigliando, sabato con l'Eintracht addormentarsi sopra 3-0, far rientrare gli ospiti ma poi chiuderla immediatamente prima di rischiare davvero qualcosa, e infine oggi nella sfida scudetto a Dortmund.

Dove il Bayern avrebbe ipotecato il titolo con un pari, ma ci è andato per vincere e infatti ha vinto, con pieno merito, pur contro un'ottima squadra.

Mi pare il miglior Bayern degli ultimi anni, con un Neuer tornato se' stesso e una rosa lunghissima dove alcune nuove leve non ancora notissime al grande pubblico hanno fatto le scarpe a vecchi draghi che partono dalla panchina.

Il balbettante Kimmich che avevo visto esordire qualche anno in Champions contro la Juve è diventato un giocatore capace di decidere un big-match con un colpo da fuoriclasse, affatto casuale ma cercato e voluto.

Squadra solida e se serve anche dura, capace di andare a mille ma anche di rallentare i ritmi quando è opportuno.

Qualità dei singoli ottima, davanti un mostro di efficacia come oggettivamente è Lewandowski.

Per me, non gli manca nulla per puntare a vincere la Champions.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, forest ha scritto:

Il calcio mi piace parecchio.

In questo periodo, a parte le repliche che non riescono a coinvolgermi, l'unica roba da guardare è la Bundesliga.

Ho visto, da quando è ripresa, quattro partite, e devo dire che il Bayern fa abbastanza impressione.

Li avevo visti, subito prima del Covid, passeggiare in Champions a casa del.Chelsea.

Che non vale certo Liverpool o City, ma non è affatto una squadra di brocchi.

Dieci giorni fa li ho rivìsti con l'Union Berlino vincere sbadigliando, sabato con l'Eintracht addormentarsi sopra 3-0, far rientrare gli ospiti ma poi chiuderla immediatamente prima di rischiare davvero qualcosa, e infine oggi nella sfida scudetto a Dortmund.

Dove il Bayern avrebbe ipotecato il titolo con un pari, ma ci è andato per vincere e infatti ha vinto, con pieno merito, pur contro un'ottima squadra.

Mi pare il miglior Bayern degli ultimi anni, con un Neuer tornato se' stesso e una rosa lunghissima dove alcune nuove leve non ancora notissime al grande pubblico hanno fatto le scarpe a vecchi draghi che partono dalla panchina.

Il balbettante Kimmich che avevo visto esordire qualche anno in Champions contro la Juve è diventato un giocatore capace di decidere un big-match con un colpo da fuoriclasse, affatto casuale ma cercato e voluto.

Squadra solida e se serve anche dura, capace di andare a mille ma anche di rallentare i ritmi quando è opportuno.

Qualità dei singoli ottima, davanti un mostro di efficacia come oggettivamente è Lewandowski.

Per me, non gli manca nulla per puntare a vincere la Champions.

Lo sai che sono d'accordo... ma quale Champions ?  Il torneo di Ferragosto di quest'anno ?

Comunque vada a finire, e certo non è il problema piu' pregnante, tutte le manifestazioni sportive di quest'anno saranno una  seconda scelta. Un peccato per chi le vincera'.

Il Kimmich che ricordi contro la Juve, non ancora ventenne, venne schierato al centro della difesa per assoluta mancanza di alternative, si erano rotti tutti... Gia' agli Europei francesi era un titiolare della nazionale, ed è un polivalente come pochi a livello mondiale, destinato a migliorare ulteriormente come del resto Serge Gnabry che ha ben visibili le stimmate del fuoriclasse.

Va da se' che vincere al Westfalen senza 75000 persone a spingere i gialloneri  - gli altri avrebbero riempito il settore di curva rosso - non è proprio la stessa cosa. E anche se parliamo di valori molto diversi, sarebbe stato meno agevole affrontare l'Union in quel piccolo inferno che è l'Alte Foersterei.   Come è stato piu' che dimezzato il derby berlinese di sabato, che certamente avrebbe esaurito lo stadio. E il Revier derby di 10 giorni fa, probabilmente la partita piu' sentita di Germania, giocato in quell'acquario è stato come fare Natale senza albero e presepe.

Io che in cantina ho ancora da qualche parte i vecchi Kicker degli anni '80 e '90 con la presentazione di 1. e 2. Bundesliga, ho appreso da te il risultato del Bayern. 

Non c'è niente da fare, non mi ci diverto. Ho fatto proprio il contrario. Per alleviare l'astinenza, sono passato dalle vecchie partite dei Mondiali su Rai Sport, a tutto cio' che si puo' trovare sul web. Ho rivisto mezzo mondiale del 1974 con al qualificazione della Polonia ai danni degli inglesi, vecchi spezzoni di partite anni '70 ( ma anche la vittoria in trasferta del St.Pauli nel derby di Amburgo visto dalla gradinata, ci sono figate vere sul web ), pezzi di Domeniche Sportive anni '80 e '90 dove sceglievo le sintesi che mi interessavano, e notavo che di alcune partite mi ricordavo come non fossero passati trenta e passa anni. Un derby in casa del Toro in un Comunale gremitissimo  ( all'epoca la capienza era quasi 70.000 persone : oggi si esaltano quando i granata riempiono 

l'Olimpico....), la Juve a inaugurare il girone di ritorno al Del Duca di Ascoli davanti a quasi 40.000 spettatori. Ad Ascoli.  Un ragazzo che segue da poco il calcio non ci crederebbe.

Sono arrivato, pensa, a questa conclusione. Baratterei volentieri le dirette Sky di oggi e la possibilita' di vedere tutte le partite della mia squadra in cambio degli stadi stracolmi di una volta, del calcio d'inizio alla stessa ora dalla A alla seconda categoria. Dei servizi della DS che ti facevano vivere il pre e il post partita, al posto delle inguardabili e stucchevoli chiacchierate di quella di oggi.

Terrei il sistema televisivo attuale solo per la Champions, anche se sarebbe impossibile. Ma il Covid ha sublimato  - speriamo per poco tempo - la trasformazione del calcio in spettacolo eminentemente televisivo.

Meglio che niente dira' qualcuno. Piuttosto niente è la mia opinione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, andyball ha scritto:

Meglio che niente dira' qualcuno. Piuttosto niente è la mia opinione.

Concordo al 100%

Mi permetto un aggiunta: i numeri che faceva Ascoli al tempo sono qualcosa di assurdo, contando che è una città piuttosto piccola e che in provincia e regione hanno tanta concorrenza(Samb su tutte) ... Mi chiedo veramente da dove arrivasse tutta quella gente 😅

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, LungomareNatisone ha scritto:

Concordo al 100%

Mi permetto un aggiunta: i numeri che faceva Ascoli al tempo sono qualcosa di assurdo, contando che è una città piuttosto piccola e che in provincia e regione hanno tanta concorrenza(Samb su tutte) ... Mi chiedo veramente da dove arrivasse tutta quella gente 😅

 

1 ora fa, LungomareNatisone ha scritto:

Concordo al 100%

Mi permetto un aggiunta: i numeri che faceva Ascoli al tempo sono qualcosa di assurdo, contando che è una città piuttosto piccola e che in provincia e regione hanno tanta concorrenza(Samb su tutte) ... Mi chiedo veramente da dove arrivasse tutta quella gente 😅

Ascoli xe poco più grande de Gorizia... Impressionante

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 ore fa, andyball ha scritto:

Lo sai che sono d'accordo... ma quale Champions ?  Il torneo di Ferragosto di quest'anno ?

Comunque vada a finire, e certo non è il problema piu' pregnante, tutte le manifestazioni sportive di quest'anno saranno una  seconda scelta. Un peccato per chi le vincera'.

Il Kimmich che ricordi contro la Juve, non ancora ventenne, venne schierato al centro della difesa per assoluta mancanza di alternative, si erano rotti tutti... Gia' agli Europei francesi era un titiolare della nazionale, ed è un polivalente come pochi a livello mondiale, destinato a migliorare ulteriormente come del resto Serge Gnabry che ha ben visibili le stimmate del fuoriclasse.

Va da se' che vincere al Westfalen senza 75000 persone a spingere i gialloneri  - gli altri avrebbero riempito il settore di curva rosso - non è proprio la stessa cosa. E anche se parliamo di valori molto diversi, sarebbe stato meno agevole affrontare l'Union in quel piccolo inferno che è l'Alte Foersterei.   Come è stato piu' che dimezzato il derby berlinese di sabato, che certamente avrebbe esaurito lo stadio. E il Revier derby di 10 giorni fa, probabilmente la partita piu' sentita di Germania, giocato in quell'acquario è stato come fare Natale senza albero e presepe.

Io che in cantina ho ancora da qualche parte i vecchi Kicker degli anni '80 e '90 con la presentazione di 1. e 2. Bundesliga, ho appreso da te il risultato del Bayern. 

Non c'è niente da fare, non mi ci diverto. Ho fatto proprio il contrario. Per alleviare l'astinenza, sono passato dalle vecchie partite dei Mondiali su Rai Sport, a tutto cio' che si puo' trovare sul web. Ho rivisto mezzo mondiale del 1974 con al qualificazione della Polonia ai danni degli inglesi, vecchi spezzoni di partite anni '70 ( ma anche la vittoria in trasferta del St.Pauli nel derby di Amburgo visto dalla gradinata, ci sono figate vere sul web ), pezzi di Domeniche Sportive anni '80 e '90 dove sceglievo le sintesi che mi interessavano, e notavo che di alcune partite mi ricordavo come non fossero passati trenta e passa anni. Un derby in casa del Toro in un Comunale gremitissimo  ( all'epoca la capienza era quasi 70.000 persone : oggi si esaltano quando i granata riempiono 

l'Olimpico....), la Juve a inaugurare il girone di ritorno al Del Duca di Ascoli davanti a quasi 40.000 spettatori. Ad Ascoli.  Un ragazzo che segue da poco il calcio non ci crederebbe.

Sono arrivato, pensa, a questa conclusione. Baratterei volentieri le dirette Sky di oggi e la possibilita' di vedere tutte le partite della mia squadra in cambio degli stadi stracolmi di una volta, del calcio d'inizio alla stessa ora dalla A alla seconda categoria. Dei servizi della DS che ti facevano vivere il pre e il post partita, al posto delle inguardabili e stucchevoli chiacchierate di quella di oggi.

Terrei il sistema televisivo attuale solo per la Champions, anche se sarebbe impossibile. Ma il Covid ha sublimato  - speriamo per poco tempo - la trasformazione del calcio in spettacolo eminentemente televisivo.

Meglio che niente dira' qualcuno. Piuttosto niente è la mia opinione.

Lo digo da anni ....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Opinione ovviamente lecita e certamente non isolata, Andy

Ne abbimo parlato spesso:' io non posso rimpiangere tempi in cui anzichè vederle le partite le immaginavo.  

Molto romantico, indubbiamente, ma è la differenza fra vedere un film e guardarne il trailer.

Quanto al calcio in epoca Covid, gli ascolti televisivi altissimi fanno testo relatîvamente, in periodo di astinenza.

Tuttavia, più della meta' delle partite che vedo in vita mia si svolgono su campi senza pubblico o quasi (dilettanti, giovanili, molte dirette di Eleven Sport) e non è un gran problema.

Meglio se c'è, evidente, un bella atmosfera rende senza dubbio più intrigante lo spettacolo, ma alla fine quel che mi interessa è la partita.

Se poi parliamo di A, le porte chiuse mi permettono l'opzione di cambiare audio su Sky, alzare il volume a palla e sentire allenatori e giocatori, il che personalmente mi trasporta virtualmente a bordo campo e mi diverte molto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, LungomareNatisone ha scritto:

Concordo al 100%

Mi permetto un aggiunta: i numeri che faceva Ascoli al tempo sono qualcosa di assurdo, contando che è una città piuttosto piccola e che in provincia e regione hanno tanta concorrenza(Samb su tutte) ... Mi chiedo veramente da dove arrivasse tutta quella gente 😅

  Eppure, una risposta c'è.

  Ascoli Piceno è forse l'esempio piu' eclatante, ma non l'unico. Anche l'Avellino riempiva per i big match un Partenio oltre i 35mila spettatori di capienza, il Catanzaro faceva i sold out in un impianto tre volte piu' grande di quello attuale, eccetera..La stessa Udinese ante - Zico faceva agevolmente 30.000 spettatori contro un Cagliari o un Cesena ( e noi contemporaneamente ne facevamo 10mila in C contro un Mantova, per dire).

 Ma per dire di Ascoli, una partita come quella con Juve o Inter richiamava un'intera regione, che altre possibilita' di vedere la A non aveva. E non solo. Una volta era normale spostarsi e fare parecchi km per vedere la partita.

 Amici sardi mi assicuravano che a vedere il Cagliari venivano in molti dal nord dell'ìsola, e da Sassari sono 250 km. Una partita di A, non necessariamente di cartello, era un evento.

 E l'elemento che simboleggia la voglia di calcio dell'epoca, è che il campionato, almeno fino all'inizio anni '80, a 16 squadre, era tutt'altro che spettacolare. Un mare di 0-0, partite molto tattiche, zero stranieri. Eppure...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se ci pensi, Andy, è abbastanza normale: l'unica possibilita' di vedere una partita in diretta era andarci di persona....

Share this post


Link to post
Share on other sites
19 minuti fa, forest ha scritto:

Se ci pensi, Andy, è abbastanza normale: l'unica possibilita' di vedere una partita in diretta era andarci di persona....

E' proprio questo il punto, Forest.

Abbiamo barattato il piacere dello stadio e della domenica consacrata alla partita con due ore sul divano - o al bar - per vedere partite in stadi semivuoti in giorni e orari talvolta assurdi.

Se mi fai tornare indietro, ti sembrera' un paradosso ma firmo subito.

Share this post


Link to post
Share on other sites
28 minuti fa, andyball ha scritto:

E' proprio questo il punto, Forest.

Abbiamo barattato il piacere dello stadio e della domenica consacrata alla partita con due ore sul divano - o al bar - per vedere partite in stadi semivuoti in giorni e orari talvolta assurdi.

Se mi fai tornare indietro, ti sembrera' un paradosso ma firmo subito.

Io non so cosa hai barattato tu, posso parlare solo per me 🙂

Per quanto mi riguarda, non rinuncerei mai allo stadio, e infatti mai lo farò.

Ma sono passato dal vedere di fatto solo la Triestina, e del resto o poco (sintesi serie A) o nulla ( campionati esteri) a un'offerta totale che comprende letteralmente tutto.

Poi sta a me, e a ognuno, scegliere cosa mi interessa e cosa no, ma è una scelta che prima non avevo.

Per sapere il risultato del Forest, vent'anni fa, dovevo aspettare il Guerin Sportivo al giovedì, oggi DAZN mi mostra la partita live o persino quando mi pare, se ho altro da fare, che tanto il risultato di sicuro non lo vengo a sapere se non vado a cercarlo.

City-Liverpool la guardo, non la immagino, ed è decisamente un'altra cosa....

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aggiungo solo una cosa: gli stadi vuoti sono certamente un problema, ma italiano: in Germania sono pieni, in Inghilterra la gente non sanno più dove metterla...

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, forest ha scritto:

Aggiungo solo una cosa: gli stadi vuoti sono certamente un problema, ma italiano: in Germania sono pieni, in Inghilterra la gente non sanno più dove metterla...

per due motivi... una cultura sportiva e dell'appartenenza che va oltre i risultati e stadi che sono dei confortevoli salotti, dove noi in molti casi contrapponiamo autentiche schifezze.

Ci sono poi, dei casi particolari che proprio non mi spiego.

Il Torino è emblematico... 30 - 40 anni fa riempiva nei grandi eventi uno stadio da 70mila, oggi fa 20mila persone - spesso meno- e ha meno abbonati dell'Udinese. In uno stadio moderno e confortevole.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il Toro, ma Gigi ne sapra' di piu', non vince più nulla da una vita.

Avevo amici a Torino, orgogliosamente granata, che ai tempi non dico di Radice ma di Mondonico sostenevano, certamente esagerando, che "a Torino il gobbo non esiste, a parte i meridionali della FIAT e i fighetti che adorano Marisa".

Detto che Marisa era Boniperti, e che come detto certamente esageravano, da allora la forbice si è allargata a dismisura: Toro persino in B, la Juve vince lo scudetto tutti gli anni.

Per le giovani generazioni non c'è gara, io temo....

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 ore fa, andyball ha scritto:

  Eppure, una risposta c'è.

  Ascoli Piceno è forse l'esempio piu' eclatante, ma non l'unico. Anche l'Avellino riempiva per i big match un Partenio oltre i 35mila spettatori di capienza, il Catanzaro faceva i sold out in un impianto tre volte piu' grande di quello attuale, eccetera..La stessa Udinese ante - Zico faceva agevolmente 30.000 spettatori contro un Cagliari o un Cesena ( e noi contemporaneamente ne facevamo 10mila in C contro un Mantova, per dire).

 Ma per dire di Ascoli, una partita come quella con Juve o Inter richiamava un'intera regione, che altre possibilita' di vedere la A non aveva. E non solo. Una volta era normale spostarsi e fare parecchi km per vedere la partita.

 Amici sardi mi assicuravano che a vedere il Cagliari venivano in molti dal nord dell'ìsola, e da Sassari sono 250 km. Una partita di A, non necessariamente di cartello, era un evento.

 E l'elemento che simboleggia la voglia di calcio dell'epoca, è che il campionato, almeno fino all'inizio anni '80, a 16 squadre, era tutt'altro che spettacolare. Un mare di 0-0, partite molto tattiche, zero stranieri. Eppure...

Penso che la discriminante tra "ieri" e "oggi" sia una generale perdita del concetto di "identitarismo/appartenenza" che in questo caso vale per il calcio ma in generale anche in altri campi (in politica ad esempio, pochi miei coetanei fanno politica e io stesso mi sono scoglionato quasi subito mentre se fossi nato trent'anni prima avrei passato la mia adolescenza in viale xx settembre) 

Tu che vivi a Udine saprai bene che pochissimi giovani tifano per l'Udinese nonostante 25 anni di serie a, coppe europee e fuoriclasse in campo

Ma di ascoli mi ha sempre impressionato il numero di tifosi in rapporto alla popolazione... Perché ok i big match di A ma questi facevano numeri spaventosi pure nei decenni di Serie C1 con una provincia piccola e nemmeno tutta bianconera 

Dubito che un sambenedettese o un anconetano andasse a vedersi ascoli-catanzaro... 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...