Jump to content

Recommended Posts

49 minuti fa, Giova80 ha scritto:

guarda ho come l'impressione che quest'anno si punti più alla coppa che non ad un buon piazzamento in campionato.

Ho visto diverse partite degli Hammers ed in coppa giocano completamente diverse rispetto al campionato. Non so, magari è impressione mia.... Però certo è che bisogna iniziare a svegliarsi in campionato.

Ci potrebbe pure stare.

Se la piglia seriamente, il West Ham in Conference è il favorito.

Vincerla significa comunque guadagnarsi un posto in EL, difficile da raggiungere altrimenti.

E onestamente, con quei valori, mi rifiuto di pensare che il West Ham rischi qualcosa in Premier.

Certo, in Coppa sei legato agli episodi, se ti girano male vai fuori anche se non lo meriti, e viceversa, mentre il campionato alla lunga dà verdetti difficilmente appellabili.....

Link to comment
Share on other sites

il West Ham ha speso una marea di soldi in estate, e avrà bisogno di un minimo di tempo per trovare la quadratura, spero non boccino Scamacca presto!

In Conference sono tra le favorite assieme al Villarreal, ma vediamo chi scenderà dall'EL pure, poi come sempre la vera competizione inizierà a febbraio-marzo con la fase ad eliminazione diretta.

ps, tornando alla Premier con Potter andato al Chelsea per ben VENTI milioni di euro(pazzesco!!!) come vedresti De Zerbi come suo successore al Brighton? pare se la giochi con l'attuale allenatore del Bodo Glimt club norvegese!

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Manuel90 ha scritto:

il West Ham ha speso una marea di soldi in estate, e avrà bisogno di un minimo di tempo per trovare la quadratura, spero non boccino Scamacca presto!

In Conference sono tra le favorite assieme al Villarreal, ma vediamo chi scenderà dall'EL pure, poi come sempre la vera competizione inizierà a febbraio-marzo con la fase ad eliminazione diretta.

ps, tornando alla Premier con Potter andato al Chelsea per ben VENTI milioni di euro(pazzesco!!!) come vedresti De Zerbi come suo successore al Brighton? pare se la giochi con l'attuale allenatore del Bodo Glimt club norvegese!

Non sono un fan di De Zerbi, sinceramente.

Perfetto per un club con la salvezza garantita e dove lo scopo sia far divertire la gente, ma parliamo di uno che gioca un calcio molto spettacolare nel quale la fase difensiva è però un po' un optional.

Mi aspetto col tempo una mutazione stile Gasperini, quando capirà che l'integralismo non paga mai.

Se giochi contro il City come De Zerbi era abituato a far giocare il Sassuolo, probabilmente gli crei qualche pensiero ma  dietro ti serve la calcolatrice, secondo me.

Per quel che era il valore dei giocatori del Sassuolo, De Zerbi ha fatto bene ma non così bene, secondo me.

Se penso al Bodoe Glimt che batte la Roma 6-1 e poi va a fare 3-3 all'Olimpico, siamo invece a livello di miracoli calcistici.

Potter è costato, ma è una gran scelta per il Chelsea.

Conosce il campionato, prima di tutto, è inglese e ha zero problemi di lingua e ambientamento.

E ha fatto cose oggettivamente straordinarie: l'anno scorso il Brighton è rimasto a lungo a giocarsi l'Europa, il che è incredibile nel rapporto fra giocatori e rendimento.

Quest'anno lo attendevano tutti al varco, perché affermarsi è difficile ma confermarsi lo è molto di più.

Beh, sei partite e tredici punti.

Essendo uno ambizioso aveva, giustamente, chiesto e ottenuto una clausola rescissoria.

Altissima, certo, ma c'era.

Il Chelsea non ha fatto altro che pagarla.....

 

Link to comment
Share on other sites

16 minuti fa, forest ha scritto:

Da uno.

C'era Lampard al Chelsea :)

Ma in effetti è una rarità.

 

si esatto, poi devo dire che dopo tantissimi anni gli inglesi hanno 2 bravissimi allenatori, lui e pure Eddie Howe che a Bournemouth ha fatto letteralmente miracoli assoluti e lo scorso anno è arrivato al Newcastle da ultimo in classifica e li ha portati a metà classifica.

Erano anni che non cerano allenatori inglesi così bravi e preparati, chiaramente ora Howe avrà il tempo di costruire la sua squadra ideale del futuro, visto è ovvio che il Newcastle con superpotenza economica a disposizione(roba da dire che Mansour è poverissimo per intenderci) diventerà la prossima squadra top inglese come il City una decina di anni fa appunto.

Su De Zerbi concordo sulla fase difensiva, per me è un bravo allenatore ma non so se il campionato inglese sia l'ideale per lui adesso, me lo vedo più in qualche club spagnolo per esempio, ma resta il fatto che il Brighton in PL inglese sarebbe la squadra ideale per lui in quel campionato.

ps, ha rifiutato il Bologna giorni fa per solidarietà a Sinisa Mihajlovic.

Edited by Manuel90
Link to comment
Share on other sites

9 ore fa, Manuel90 ha scritto:

ps, ha rifiutato il Bologna giorni fa per solidarietà a Sinisa Mihajlovic.

Non so perché ma la mia impression xe che a Bologna non ghe saria andado comunque, a prescindere de chi stava prima…

se Miha fossi stado esonerado - chesso - dal Chelsea o dal Milan o dall’Atletico Madrid sa che fine fazeva la solidarietà de De Zerbi 🤣

Link to comment
Share on other sites

3 minuti fa, Euskal Herria ha scritto:

Non so perché ma la mia impression xe che a Bologna non ghe saria andado comunque, a prescindere de chi stava prima…

se Miha fossi stado esonerado - chesso - dal Chelsea o dal Milan o dall’Atletico Madrid sa che fine fazeva la solidarietà de De Zerbi 🤣

Che poi De Zerbi gaveva contatti col Bologna za alla fine dello scorso campionato.

Poi, evidentemente, el Bologna ga scelto de proseguir con Miha nonostante i problemi noti. Mettighe el trattamento a un collega, metti sto dietrofront, ghe sta che De Zerbi no gabi nessuna voia de andar la.

Detto ciò, secondo mi De Zerbi xe l'allenador meno adatto a subentrar in corsa per el suo attaccamento ai suoi dogmi. Meio cussì per el Bologna , che me xe sempre stado simpaticissimo per Cremonini, Dalla etc

Link to comment
Share on other sites

Un disastro vero.

Gli alibi si sprecano, a partire dalla difficoltà ad assemblare una ventina di nuovi arrivi fino ad arrivare al peso delle assenze continuate di Niakhate e, soprattutto, Mangala.

Ma per la seconda volta consecutiva il Forest butta in pochi minuti una gara che appare indirizzata.

Col Bournemouth il vantaggio era addirittura doppio, ieri sera Nottingham sopra e apparentemente in controllo a inizio ripresa.

Poi arriva il pari su corner e si spegne letteralmente la luce: tre gol subiti in sei minuti, la partita apparentemente in discesa che diventa un Everest da scalare, l'inutile gol del 2-3.

Non è solo la classifica a preoccupare, quattro punti in sette gare sono pochissimi e la media da tenere per una salvezza certa è di un punto a partita, quanto una fragilità psicologica che in Premier League non ci si può permettere.

Basta un gol preso e la difesa perde certezze e riferimenti, la squadra si squaglia, gli altri giustamente ne approfittano.

Marinakis è sufficientemente pazzo da cambiare Cooper anche oggi stesso, ma visto che parliamo dell'allenatore che ci ha portati in Premier e che è oggettivamente alle prese con problemi seri, dalla squadra completamente nuova a un centrocampo a pezzi causa infortuni, io aspetterei e con trentuno partite da giocare non mi farei prendere dal panico.

Ma che la situazione, dopo un inizio addirittura superiore a ogni previsione (quattro punti fra West Ham e Everton) sia rapidamente degenerata con quattro sconfitte di fila di cui tre al City Ground (più che preventivabili quelle con City e Tottenham, gravi quelle con Bournemouth e Fulham) non è argomento di discussione....

Il calendario sembra dare una mano, Leicester, Aston Villa e Wolverhampton sono i prossimi avversari e paiono tutti abbordabili, ma se non arrivassero almeno quattro-cinque punti a rimetterci in linea di galleggiamento, la preoccupazione rischierebbe di trasformarsi in disperazione....

  • Triste 1
Link to comment
Share on other sites

Si vero, il Forest ogni volta che prende gol poi si scioglie troppo facilmente in modo inspiegabile, 3 gol presi in casa sia con il Fulham che con il Bournemouth(che comunque ha il doppio dei punti), son sconfitte pesanti contro le altre due neopromosse, non direi che il calendario all'orizzonte possa dare una mano, proprio perchè la squadra è in difficoltà e le altre son comunque squadre esperte... voglio dire che saranno partite non scontate e combattute per entrambe, è la Premier.

Il Leicester(11 gol presi in 2 gare) è attualmente ultimo e sembra la squadra più mal messa in questo periodo iniziale di campionato chissà se mantengono Rodgers alla guida.

Tra le altre molto bene il City con l'ennesimo gol di Haaland, e anche l'Arsenal che vince molto bene.

Edited by Manuel90
Link to comment
Share on other sites

Giornata monca, essendo le forze dell'ordine tutte impegnate a gestire gli eventi legati alla morte della Regina.

In vetta non ci sono state comunque sorprese, con le larghe vittorie di City e Arsenal (3-0 esterno.per entrambe, sui campi di Wolverhampton e Brentford) e quella tennistica del Tottenham (6-2 al Leicester).

Non riesce ancora a risollevarsi il West Ham, sconfitto di misura e abbastanza sorprendentemente dall'Everton.

In testa si stacca il terzetto formato da Arsenal (18), Tottenham e City (17), in attesa di stabilire le date dei recuperi di Chelsea-Liveepool, Man U-Leeds e Brighton-Crystal Palace, tutte rinviate.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

In attesa del vero big-match, che ovviamente è Leicester-Nottingham di lunedì sera (Foxes che si giocano tantissimo, Forest non di meno, rivalità accesissima fra tifoserie), il sabato offriva già parecchio.

Soprattutto il North London Derby, attesissimo dai tifosi di Arsenal e Tottenham e quest'anno significativo anche per la classifica.

Dove l'Arsenal si è confermato capolista, con un 3-1 che lo porta a sette vittorie in otto gare.

Partita molto bella, gli Spurs di Conte non ne escono ridimensionati ma la vittoria di un Arsenal che gioca davvero benissimo e ha alcuni elementi davvero sorprendenti (quanto è forte Martinelli?) è assolutamente meritata.

1-1 il primo tempo (Partey e Kane su rigore), la ripresa gira sul 2-1 di Gabriel Jesus (male Lloris) e l'espulsione poco dopo di Emerson.

In vantaggio e sopra di un uomo i Gunners la chiudono con Xhaka.

Il City resta la squadra più forte, ma questo Arsenal almeno fra le quattro ci arriva.

Chissà che non gli faccia posto il Liverpool, che proprio non ce la fa a ritrovarsi.

L'esordio di De Zerbi a Anfield è...... alla De Zerbi: il Brighton al 18' è sopra 2-0 (!!!), ma dopo un'ora i Reds l'hanno già ribaltata.

Ma è un Liverpool pasticcione, che rischia tantissimo e viene punito dal 3-3 a pochi minuti dal termine.

Vince al 90' il Chelsea in rimonta a casa del Crystal Palace, e Potter inizia bene il suo lavoro.

 

Link to comment
Share on other sites

Il Chelsea ha avuto fortuna ieri mentre il Liverpool ha seri problemi in difesa, prendere 3 gol in casa dal Brighton(e da Trossard, gran bel giocatore) non ti farà andare da nessuna parte se non lottare per un piazzamento CL.

Perchè il City che oggi ha travolto lo United nel derby(ben più nettamente del 6-3 finale con triplette di Foden e Haaland) oggettivamente è di un altro pianeta rispetto a tutte, anche ad un Arsenal che comunque pare abbia finalmente trovato la quadratura che cercava da tempo.

Da segnalare infine il primo gol in PL di Scamacca nella vittoria degli hammers sul Wolves.

Link to comment
Share on other sites

Quando una partita finisce 4-0 c'è ben poco da recriminare, eppure la sensazione che stasera al Forest sia andato male tutto ciò che poteva andar male rimane.

Almeno per quanto concerne il primo tempo, perché la partita di fatto è finita lì.

Partita che il Nottingham aveva addirittura approcciato meglio, comunque equilibrata fino ai 5' che l'hanno decisa poco prima della mezz'ora 

Prima il palo di Anowiyi per il Forest al 22', poi tre minuti dopo lo sfigatissimo autogol sul tiro di Maddison che porta avanti il Leicester al 25', infine la punizone di Barnes che chiude i giochi tre minuti dopo.

Partita, di fatto, finita, perché da lì in poi è calata la notte su un Forest incapace di segnare pure a porta vuota (e' successo sul 3-0, nulla sarebbe cambiato).

Di buono il rientro del fondamentale Mangala a centrocampo,  che a partita ormai andata almeno ha fatto mezz'ora utile in vista di un rientro dall'inizio.

Spero che Marinakis, piuttosto umorale, lasci almeno per ora Cooper al suo posto.

La classifica ci vede ultimi ma nessuno si sognerà di contestare lunedì prossimo quando al City Ground arriverà l'Aston Villa.

Lo stadio sarà come sempre esaurito, il supporto non mancherà come non è mancato stasera, anche sullo 0-4.

È dura, ma con trenta gare da giocare e la zona salvezza distante due punti sarebbe a mio parere un errore ribaltare già tutto.

Link to comment
Share on other sites

21 minuti fa, pinot ha scritto:

domanda per l’insigne “ liverpoolista “ Forest

a te pare che Van Dijk dopo il crociato sia tornato quello di prima ?

No, non ci si avvicina neanche.

Direi fisiologico, e del resto vediamo che per Kjaer è lo stesso (giusto per fare un paragone con un pari ruolo).

E credo sia una delle ragioni per cui il Liverpool deve rassegnarsi a lasciar perdere ambizioni da titolo (il City attuale è inarrivabile) e fare molta attenzione non dare per scontato un posto fra le prime quattro.

Perché Tottenham e soprattutto Arsenal attualmente gli sono superiori, e il Chelsea  in un modo o nell'altro è ragionevole pensare che fra le prime quattro ci arrivi.

Van Dijk non è quello di prima e coinvolge inevitabilmente nel crollo l'altro centrale, chiunque esso sia.

I vari Gomez  Matip e Konate', affatto fenomeni, hanno infatti sempre vissuto benone alla sua ombra.

Aggiungiamo a questo la cessione di Mane', l'incredibile sequela di infortuni fra i centrocampisti e che comunque non ha risparmiato altri ruoli (giocare con Robertson è una cosa, con Tsimikas un'altra) e si completa il quadro di una squadra che ha perso attualmente, direi inevitabilmente, pure quella autostima che la rendeva quasi invincibile.

Secondo me torneranno su, Klopp è bravo e i giocatori li hanno, ma adesso è davvero un brutto momento.

Link to comment
Share on other sites

8 minuti fa, forest ha scritto:

No, non ci si avvicina neanche.

Direi fisiologico, e del resto vediamo che per Kjaer è lo stesso (giusto per fare un paragone con un pari ruolo).

E credo sia una delle ragioni per cui il Liverpool deve rassegnarsi a lasciar perdere ambizioni da titolo (il City attuale è inarrivabile) e fare molta attenzione non dare per scontato un posto fra le prime quattro.

Perché Tottenham e soprattutto Arsenal attualmente gli sono superiori, e il Chelsea  in un modo o nell'altro è ragionevole pensare che fra le prime quattro ci arrivi.

Van Dijk non è quello di prima e coinvolge inevitabilmente nel crollo l'altro centrale, chiunque esso sia.

I vari Gomez  Matip e Konate', affatto fenomeni, hanno infatti sempre vissuto benone alla sua ombra.

Aggiungiamo a questo la cessione di Mane', l'incredibile sequela di infortuni fra i centrocampisti e che comunque non ha risparmiato altri ruoli (giocare con Robertson è una cosa, con Tsimikas un'altra) e si completa il quadro di una squadra che ha perso attualmente, direi inevitabilmente, pure quella autostima che la rendeva quasi invincibile.

Secondo me torneranno su, Klopp è bravo e i giocatori li hanno, ma adesso è davvero un brutto momento.

il problema è che il crociato se l’è rotto 2 anni fa

Link to comment
Share on other sites

Il 3/10/2022 at 23:05, forest ha scritto:

Quando una partita finisce 4-0 c'è ben poco da recriminare, eppure la sensazione che stasera al Forest sia andato male tutto ciò che poteva andar male rimane.

Almeno per quanto concerne il primo tempo, perché la partita di fatto è finita lì.

Partita che il Nottingham aveva addirittura approcciato meglio, comunque equilibrata fino ai 5' che l'hanno decisa poco prima della mezz'ora 

Prima il palo di Anowiyi per il Forest al 22', poi tre minuti dopo lo sfigatissimo autogol sul tiro di Maddison che porta avanti il Leicester al 25', infine la punizone di Barnes che chiude i giochi tre minuti dopo.

Partita, di fatto, finita, perché da lì in poi è calata la notte su un Forest incapace di segnare pure a porta vuota (e' successo sul 3-0, nulla sarebbe cambiato).

Di buono il rientro del fondamentale Mangala a centrocampo,  che a partita ormai andata almeno ha fatto mezz'ora utile in vista di un rientro dall'inizio.

Spero che Marinakis, piuttosto umorale, lasci almeno per ora Cooper al suo posto.

La classifica ci vede ultimi ma nessuno si sognerà di contestare lunedì prossimo quando al City Ground arriverà l'Aston Villa.

Lo stadio sarà come sempre esaurito, il supporto non mancherà come non è mancato stasera, anche sullo 0-4.

È dura, ma con trenta gare da giocare e la zona salvezza distante due punti sarebbe a mio parere un errore ribaltare già tutto.

intanto hanno preso un nuovo DS che è un italiano(ex Watford)... comunque dopo aver speso 150 milioni sul mercato i risultati al momento non arrivano...

Si sa che è un campionato difficilissimo anche per le altre squadre in zona pericolo al momento che hanno ottimi giocatori comunque.

Link to comment
Share on other sites

15 ore fa, Manuel90 ha scritto:

intanto hanno preso un nuovo DS che è un italiano(ex Watford)... comunque dopo aver speso 150 milioni sul mercato i risultati al momento non arrivano...

Si sa che è un campionato difficilissimo anche per le altre squadre in zona pericolo al momento che hanno ottimi giocatori comunque.

Sì, Filippo Giraldi ha dimostrato di essere bravo alle dipendenze di Pozzo, portando fra l'altro a due lire quel Richarlison oggi protagonista nel Tottenham.

Buona mossa in prospettiva del mercato di gennaio, ma bisogna arrivarci iniziando a fare qualche risultato.

Fin qua, l'unica vittoria è stata oggettivamente un mezzo furto col West Ham.

Perdere con City e Tottenham era scontato (peraltro con gli Spurs facendo un'ottima figura), buono e meritato il pari a casa dell'Everton e ci può stare la sconfitta a Leicester.

Ma quelli che bruciano, e mancano, sono i punti buttati col Bournemouth (sopra 2-0, persa incredibilmente 3-2) e col Fulham (altro 3-2 dopo essere stati in vantaggio fino a mezz'ora dalla fine).

Edited by forest
Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, forest ha scritto:

Ma quelli che bruciano, e mancano, sono i punti buttati col Bournemouth (sopra 2-0, persa incredibilmente 3-2) e col Fulham (altro 3-2 dopo essere stati in vantaggio fino a mezz'ora dalla fine).

<We lost against Fulham and Bournemouth because the focus was "let's win">

-Steve Cooper

  • Haha 2
Link to comment
Share on other sites

93' di sofferenza, ma si interrompe finalmente la serie di sconfitte del Forest, e in fondo il quart'ultimo posto è distante adesso solo due punti.

Mi è piaciuto molto il modo di affrontare la crisi: i tifosi sul web hanno perlopiù scritto che "con Cooper ci siamo guadagnati la Premier, con Cooper ce la giochiamo", lo striscione per lui stasera è stato eloquente, Marinakis gli ha allungato il contratto fino al 2025.

Quel che speravo, onestamente.

Stasera nessun miracolo, ma contro un Aston Villa che Steve Gerrard mette sempre in campo come Dio comanda, Cooper ha dato un'identità precisa fatta di difesa e ripartenze velocissime, col sacrificio del fin qui deludente Anowiyi e un centrocampo a tre dove Freuler ha trovato finalmente un posto da titolare.

Nottingham avanti dopo un quarto d'ora con una girata di testa di Dennis, e raggiunto 7' dopo da una rasoiata da fuori di Ashley Young.

Poi, sinceramente, più Aston Villa che Forest, ma un Nottingham ordinato ha ridotto i rischi al minimo e per ora va bene così.

Il resto della giornata ha confermato che l'Arsenal fa sul serio e il Liverpool rischia seriamente di non arrivare fra le prime quattro, se non si dà una mossa.

Lo scontro diretto, molto bello, ha premiato a mio parere giustamente i Gunners, raggiunti due volte ma non la terza.

Gran bella squadra, mentre il Liverpool deve risolvere in fretta i suoi problemi e guardare realisticamente al quarto posto come traguardo, tenendosi aperta la Champions dove se mai tornasse ad essere il vero Liverpool farebbe in tempo a tornare protagonista anche col nuovo anno.

Potter ha confermato che il Chelsea vale molto più della sua attuale classifica, è arrivato a tre vittorie di fila e nessuno si ricorda più di Tuchel, mentre Guardiola e Haaland continuano uno a vincere e l'altro a timbrare.

Infine, Conte vince il duello con De Zerbi e il Tottenham può tranquillamente aspirare a un posto Champions.

Classifica:

Arsenal 24

Man City 23

Tottenham 20

Chelsea 16

Man United 16

Newcastle 14

Brighton 14 

Bournemouth 12

Fulham 11 

Liverpool 10

Everton 10

Brentford 10

West Ham 10

Leeds 9

Crystal Palace 9

Aston Villa 9

Southampton 7

Wolverhampton 6

Nottingham 5

Leicester 4

 

Chelsea, Man U, Brighton, Liverpool, Leeds e Crystal Palace una partita in meno

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.


×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×