Jump to content

Situazione manto erboso Stadio Rocco


Recommended Posts

A partire dal 25 novembre, sino a data da destinarsi, la Triestina giocherà le partite casalinghe allo stadio Omero Tognon di Fontanafredda. E non è da escludere una trasferta friulana anche per il super derby del 23 dicembre con il Padova, questa volta, però, sul terreno di gioco dell’Udinese.
L’ITER Triestina, Comune di Trieste e Figc Fvg stanno chiudendo il cerchio per dare l’avvio agli interventi di riqualificazione dell’erba dello stadio Nereo Rocco. Da un punto di vista squisitamente burocratico, la riunione conclusasi mercoledì in serata a Trieste tra i tre soggetti ha decretato una (necessaria) accelerazione sintetizzata in due passaggi fondamentali: venerdì la Giunta comunale darà l’ok al progetto dei lavori, lunedì 20 (ultimo giorno disponibile) la Federcalcio regionale consegnerà tutti gli incartamenti necessari alla Regione per ottenere così dall’amministrazione Fedriga il finanziamento pubblico di un milione e 300 mila euro per rizollare il campo di gioco del Rocco e per organizzare il torneo internazionale riservato alla categoria Primavera.
GLI AZZURRI Nella giornata di mercoledì, oltre ad avere la conferma che il prossimo anno il nuovo Rocco ospiterà una partita di qualificazione agli Europei dell’Italia Under 21, è emerso anche che nella mal augurata ipotesi in cui la Nazionale maggiore non dovesse centrare l’obbiettivo degli Europei gli azzurri di Spalletti potrebbero giocare una partita amichevole in regione proprio al Rocco.
LA TRIESTINA Ma al di là del ritorno dei colori azzurri a Trieste, la questione della rizollatura del Rocco riguarda prettamente una squadra: la Triestina. Ecco quindi che la dirigenza dell’Unione ha deciso di optare per lo spostamento del campo di gioco di casa: sarà ancora Fontanafredda ad ospitare le partite dei rossoalabardati.
Si inizierà subito, ossia a partire da sabato 26 novembre quando il calendario prevede l’incontro con l’Arzignano Valchiampo. Da lì l’Unione farà ritorno a casa solamente quando i lavori al Rocco saranno conclusi. Quanto durerà l’esilio? Una certezza a tale proposito, in questo momento, ancora non c’è, ma sostanzialmente si può ipotizzare che la Triestina rimarrà lontano da Trieste almeno sino a fine marzo.
IL PADOVA Calendario alla mano, in questo fine 2023, sono ancora tre gli incontri casalinghi da giocare per l’Unione. Fontanafredda ospiterà i match contro l’Arzignano (sabato 26 novembre) e contro la Giana Erminio (sabato 9 dicembre).
Resta da capire dove si disputerà il derbyssimo contro il Padova di venerdì 22 dicembre. L’opzione di giocare anche questa partita al Tognon è da escludere a priori, in primis, per motivi di ordine pubblico. Dunque, che fare? Per ora le bocche dei diretti interessati rimangono ancora cucite, ma l’ardita ipotesi dello stadio Friuli di Udine non pare affatto da escludere. Anzi. Per struttura, capienza e vicinanza il campo di gioco dell’Udinese è in pole position per ospitare l’ultimo incontro dell’anno solare di Unione e biancoscudati. Peraltro il 23 dicembre l’Udinese sarà di scena fuori casa, sul terreno di gioco del Torino.
CONCOMITANZA Mercoledì è stato anche trovato un accordo per evitare sovrapposizioni al Tognon tra la Triestina e i veri padroni di casa, ossia quel Fontanafredda Calcio che milita nel girone A del campionato di Promozione. I rossoneri giocheranno tra le mura amiche solo domenica 19 novembre e sabato 2 dicembre: i restanti incontri del Fontanafredda verranno disputati all’Ottavio Bottecchia di Pordenone, permettendo così alla Triestina di avere la precedenza assoluta per giocare al Tognon.
LA FIGC «Nell’interesse soprattutto della Triestina, l’erba dello stadio Rocco verrà riqualificata. Le tempistiche burocratiche per dare il via ai lavori sono molto strette, ma direi che siamo veramente in dirittura d’arrivo per consegnare le carte alla Regione», ha commentato a margine dell’incontro il presidente della Figc Fvg Ermes Canciani.
Il numero uno della Federcalcio regionale è ottimista sull’avvio del cantiere: «Entro fine mese-inizio dicembre verranno assegnati i lavori alla ditta che dovrà occuparsi di un intervento molto importante per lo sport triestino e regionale. Regione, Comune, Triestina e Figc Fvg stanno lavorando per ridare ai tifosi il miglior Rocco possibile».
Fonte: Il Piccolo

Link to comment
Share on other sites

28 minuti fa, pinot ha scritto:

Ritorno al Rocco a fine marzo con i lavori iniziati a dicembre ??

dunque l’ipotesi 60 giorni era una cazzata ?

Se i lavori partono ad inizio dicembre (come si spera), credo che la partita del 14/02 con il Renate o più probabilmente quella con il Legnago del 03/03 siano quelle più probabili di un ritorno al Rocco. Se si parte successivamente allora sarà fine marzo. 

Link to comment
Share on other sites

43 minuti fa, pinot ha scritto:

Ritorno al Rocco a fine marzo con i lavori iniziati a dicembre ??

dunque l’ipotesi 60 giorni era una cazzata ?

Per il poco che so io, sono una sessantina di giorni di lavori salvo nevicate o ghiacciate.

Ma qualcosa non mi torna.

Se davvero i lavori partissero a inizio dicembre, e per me sarebbe sorprendente, si potrebbe pensare di avere il Rocco a febbraio

Ma il Piccolo parla di consegna a fine marzo giocando a Fontanafredda da fine novembre.

A me pare difficile che burocraticamente i lavori inizino prima di gennaio, e ho sempre pensato che a quel punto tanto vale giocare al Rocco le tre gare prima di quella data, Padova compreso, se non altro per evitare che gli abbonati si ritrovino con un totale di oltre metà gare di campionato in Friuli.

Sono perplesso, ma adesso è tardi e posso solo prendere atto di quel che scrive il Piccolo, in attesa di saperne di più domani....

Link to comment
Share on other sites

Non si sa come andrà a finire, certo è che su quel campo terrificante non si poteva andare più avanti e ha prevalso il buon senso, credo che abbiamo perso diversi punti e avuto due infortunati, per fortuna non gravi. Dispiace per gli abbonati e per chi dovrà spendere parecchi soldi per assistere alle partite “casalinghe”. Speriamo che i lavori finiscano a febbraio e non a fine marzo. Vediamo. Qua ogni giorno si cambiano date e previsioni, al solito.

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

Questa decisione se non altro porta ad una certezza, pur riconoscendo la follia della politica e dei suoi amministratori, che i concerti con un campo nuovo di zecca usato tra l'altro solo da fine marzo sono evidentemente messi in soffitta per ciò che concerne il Rocco perchè spendere un milione di euro per dieci partite difficile ne faremo di più da fine marzo compresi i play off e rovinare il campo con i concerti una cosa illogica. Sappiamo che la politica è illogica ma i soldi per il campo si spendono una volta non ogni dieci partite. Certo direte Voi non vi sono certezze per ciò che concerne i concerti ma voglio vedere chi si prende l'onere di far concerti su un campo nuovo appena fatto con cifre di non poco conto

Link to comment
Share on other sites

7 minuti fa, marcoc ha scritto:

Questa decisione se non altro porta ad una certezza, pur riconoscendo la follia della politica e dei suoi amministratori, che i concerti con un campo nuovo di zecca usato tra l'altro solo da fine marzo sono evidentemente messi in soffitta per ciò che concerne il Rocco perchè spendere un milione di euro per dieci partite difficile ne faremo di più da fine marzo compresi i play off e rovinare il campo con i concerti una cosa illogica. Sappiamo che la politica è illogica ma i soldi per il campo si spendono una volta non ogni dieci partite. Certo direte Voi non vi sono certezze per ciò che concerne i concerti ma voglio vedere chi si prende l'onere di far concerti su un campo nuovo appena fatto con cifre di non poco conto

È molto più complessa di così.

Spostare i concerti ha un costo, in penali, che non scrivo in quanto non ufficiale ma è decisamente elevato.

Poi può pure essere che spostandoli a Udine ci si metta d'accordo, ma sulla carta così è.

Quanto al campo, un conto è il fondo e un altro il manto erboso.

Ipoteticamente, si possono fare i concerti e successivamente rifare solamente il manto erboso, non è che butti via un milione per intendersi....

Quanto allo spostamento immediato a Fontanafredda, confermo che i lavori non partiranno immediatamente e dunque il Rocco sarebbe "disponibile" per le prossime partite, certamente per quella del 26 e forse anche per le due successive, anche se su queste non c'è certezza.

È una scelta della società trasferirsi subito, scelta maturata nella riunione di ieri sera, per preservare l'integrità dei giocatori e perché si ritiene che il terreno del Rocco, così com'è, penalizzi la Triestina.

Quindi non si parla di tre mesi di lavori, ma di un periodo a Fontanafredda anche prima che i lavori abbiano inizio.

I teloni appena arrivati serviranno a preservare in futuro il campo rifatto, non questo perché su questo l'intenzione è di non giocarci più.

Spero di aver chiarito la situazione.

Link to comment
Share on other sites

17 minuti fa, marcoc ha scritto:

Questa decisione se non altro porta ad una certezza, pur riconoscendo la follia della politica e dei suoi amministratori, che i concerti con un campo nuovo di zecca usato tra l'altro solo da fine marzo sono evidentemente messi in soffitta per ciò che concerne il Rocco perchè spendere un milione di euro per dieci partite difficile ne faremo di più da fine marzo compresi i play off e rovinare il campo con i concerti una cosa illogica. Sappiamo che la politica è illogica ma i soldi per il campo si spendono una volta non ogni dieci partite. Certo direte Voi non vi sono certezze per ciò che concerne i concerti ma voglio vedere chi si prende l'onere di far concerti su un campo nuovo appena fatto con cifre di non poco conto

"non è un problema mio, il campo è perfetto"

Link to comment
Share on other sites

11 minuti fa, marcoc ha scritto:

Questa decisione se non altro porta ad una certezza, pur riconoscendo la follia della politica e dei suoi amministratori, che i concerti con un campo nuovo di zecca usato tra l'altro solo da fine marzo sono evidentemente messi in soffitta per ciò che concerne il Rocco perchè spendere un milione di euro per dieci partite difficile ne faremo di più da fine marzo compresi i play off e rovinare il campo con i concerti una cosa illogica. Sappiamo che la politica è illogica ma i soldi per il campo si spendono una volta non ogni dieci partite. Certo direte Voi non vi sono certezze per ciò che concerne i concerti ma voglio vedere chi si prende l'onere di far concerti su un campo nuovo appena fatto con cifre di non poco conto

La vedo anch'io così. Tanto più avendo a disposizione la comoda soluzione di spostarli a Udine (dove è già programmato un concerto), ottimizzando così i costi e dovendo poi affrontare solamente il rifacimento di un campo.

Sicuramente la nostra Giunta non sarà contenta, ma spero e mi aspetto che la Regione, che ha messo i fondi per il Rocco ed è coinvolta nell'organizzazione dei concerti, spinga per questa scelta, che è semplicemente la più logica e conveniente.

Link to comment
Share on other sites

Comunque mi pare impossibile che ieri durante la riunione di Regione Comune e Triestina parlando prima del campo non si sia affrontato il problema concerti anzi sono sicuro che avranno parlato del problema e senza spifferare nulla qualcosa si saran detti. Sia nell'interesse della Triestina di fare i play off al Rocco sia della Regione che ha appena rifatto il campo e sia del Comune che organizza concerti senza saper che il campo sia occupato

Link to comment
Share on other sites

2 minuti fa, marcoc ha scritto:

Comunque mi pare impossibile che ieri durante la riunione di Regione Comune e Triestina parlando prima del campo non si sia affrontato il problema concerti anzi sono sicuro che avranno parlato del problema e senza spifferare nulla qualcosa si saran detti. Sia nell'interesse della Triestina di fare i play off al Rocco sia della Regione che ha appena rifatto il campo e sia del Comune che organizza concerti senza saper che il campo sia occupato

Certo che se lo saranno detti.

Se è solo per questo, se lo dicono ad ogni riunione.

Le posizioni sono chiare e sono pure pubbliche, quindi non c'è motivo per non parlarne: il Comune insiste per fare i concerti al Rocco, e di sicuro non ha cambiato idea.

La Triestina ha dalla sua un contratto di utilizzazione fino al 14 giugno, la Regione sarebbe disponibile a uno spostamento.

Sono posizioni note, ripeto, senza entrare in particolari.

Link to comment
Share on other sites

5 ore fa, forest ha scritto:

 

È una scelta della società trasferirsi subito, scelta maturata nella riunione di ieri sera, per preservare l'integrità dei giocatori e perché si ritiene che il terreno del Rocco, così com'è, penalizzi la Triestina.

 

Ed è una scelta saggia (al netto di perdere l'impatto del tifo di casa), perchè il terreno penalizza la Triestina, direi dato di fatto incontrovertibile.

Link to comment
Share on other sites

9 minuti fa, poli ha scritto:

Ed è una scelta saggia (al netto di perdere l'impatto del tifo di casa), perchè il terreno penalizza la Triestina, direi dato di fatto incontrovertibile.

L'impatto del tifo non lo perdi, anzi a Fontanafredda si riesca a essere più calorosi, meno dispersivo. Certo ci rimette chi non può andarci, seppure abbonato, però viste le circostanze è la migliore decisione possibile.

Link to comment
Share on other sites

20 minuti fa, poli ha scritto:

Ed è una scelta saggia (al netto di perdere l'impatto del tifo di casa), perchè il terreno penalizza la Triestina, direi dato di fatto incontrovertibile.

Ci sta, assolutamente.

Ieri sera sono rimasto sorpreso perché le sensazioni fino a ieri l'altro erano leggermente diverse, ma parlo solo di sensazioni e non certo di dichiarazioni ufficiali, e perché credo di sapere che per quanto velocemente si faccia prima di gennaio inoltrato i lavori non partiranno.

Dunque non pensavo ad una scelta così drastica anche in relazione alla gara col Padova, dove ritenevo si preferisse sfruttare l'effetto del Rocco mentre a Udine, di fatto, si giocherebbe in campo neutro.

Invece si è scelto di giocare altre tre gare in Friuli adesso, più almeno altre quattro a lavori iniziati, che andranno ad aggiungersi naturalmente a quelle già giocate.

Avendo qualche problema logistico a raggiungere Fontanafredda al sabato, da abbonato diciamo che non faccio i salti di gioia.

Però comprendo la situazione, ovviamente, tanto più se inserita chiaramente in un contesto di evidente braccio di ferro col Comune a proposito del quale non tutti i particolari sono pubblicabili.

Diciamo che me la faccio andar bene nel nome di un interesse superiore che ovviamente è il bene della Triestina.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×