Jump to content

Situazione manto erboso Stadio Rocco


Recommended Posts

13 ore fa, ndocojo ha scritto:

Se oggi te rifà el Rocco fra due mesi la Triestina zoga al Rocco fin a fine stagion. Se oggi non te rifà el Rocco fra due settimane fin a fine stagione la Triestina non zoga al Rocco. 

Più tautologico de cussí... 

 

Deso go capì..... ma te son più criptico de Quasimodo e.......  😃

Link to comment
Share on other sites

2 ore fa, Guiz ha scritto:

Intanto si legge sul Piccolo di oggi dell'immondezzaio del Grezar del quale la Lodi ne viene a sapere solo per via di alcune foto scattate dagli spettatori presenti a un meeting di atletica. Madonna in che mani siamo...

Prendo da qui lo spunto per puntare il dito sul problema della manutenzione degli impianti e di tutto ciò che è "bene comune" la cui punta dell'iceberg è il prato del Rocco.

Ne parliamo perchè ci sembra incredibile che tutto ciò accada, e accada con le modalità che ci indignano e le commentiamo con i criteri delle persone civili che ancora li adottano.

Forse però dobbiamo renderci conto che le sane regole cui facciamo riferimento sono in via di accantonamento da un bel pezzo. Penso che non dobbiamo mai smettere di indignarci, ma renderci conto che abbiamo a che fare con una parte della società e una classe politica con regole nuove...

C...o a me secca dargliela vinta !!!

Noi secondo loro siamo fuori dal mondo? Un mondo al quale bisogna però ancora dare delle risposte. Quelle che ci danno sono per lo più risposte di facciata, per aggirare il momento critico e poi riprendere l'andazzo.

Leggo ora dell'immondezzaio del Grezar.  E' normale! Si fanno gli impianti, si spendono i denari della comunità, si reclama il merito per l'opera compiuta e lì finisce. Il Rocco non ha manutenzione. Le scale, il sottotribuna andrebbero ripuliti; i caditoi, le griglie per lo scorrimento delle acque piovane sono pieni di terra dalla quale esce l'erba. La stessa cosa nello spiazzo davanti al PalaRubini. Eppure ci passiamo sopra, ci scivoliamo, ci sporchiamo le scarpe come se fosse una cosa normale. Eh no !!!

Abbiamo il dovere di non mollare.

Tutto ciò restando nello sport e cercando di non finire troppo OT, ma con l'ntento di non cessare di lottare per ottenere il pieno godimento dei beni su cui la comunità ha investito.

Il prato del Rocco non è una protesta dei tifosi, è una richiesta di ONESTA' e di LEGALITA'

Link to comment
Share on other sites

3 ore fa, Guiz ha scritto:

Intanto si legge sul Piccolo di oggi dell'immondezzaio del Grezar del quale la Lodi ne viene a sapere solo per via di alcune foto scattate dagli spettatori presenti a un meeting di atletica. Madonna in che mani siamo...

tutte le sue dichiarazioni ga una struttura uguale, divisibili in 3 parti, e cioè:

PARTE 1) - Sono venuta a sapere (o, in alternativa, "sono venuta a conoscenza", come a dir oh, ma non me aspettavo una cosa de questo tipo, son proprio sorpresa, basita, un fulmine a ciel sereno, se devi far immaginar al lettore una situazione improvvisa che ga dado molto disagio a questa giunta che lavora 25 ore al giorno, ma sto problema ora diventa prioritario su tutto, codice rosso).

PARTE 2). Mi sono immediatamente attivata (sottolinear l'immediatamente, segno de vigoria, prontezza, gente che punta al fare, concreta, proprio te devi immaginarla che appena che ghe riva la foto incriminata sulla sua scrivania de legno rovere la ciol in man el telefono, e la coordina i suoi sottoposti, la fa un piano d'azione, per poi sospirar tra ela e ela "son sempre mi che devo risolver le cose qua", te devi sentir anche el peso de questa grande responsabiltà)

PARTE 3) E' impegno di questa giunta risolvere la problematica nel minor tempo possibile (senza specificar cosa vol dir "minor tempo possibile", in fondo xe la giunta del "fare", non importa come, non importa quando, ma va fatto, cioè se punta all'operosità, allo sporcarse le mani).

Xe tutto molto poetico

  • Mi piace 5
  • Haha 2
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Euskal Herria ha scritto:

tutte le sue dichiarazioni ga una struttura uguale, divisibili in 3 parti, e cioè:

PARTE 1) - Sono venuta a sapere (o, in alternativa, "sono venuta a conoscenza", come a dir oh, ma non me aspettavo una cosa de questo tipo, son proprio sorpresa, basita, un fulmine a ciel sereno, se devi far immaginar al lettore una situazione improvvisa che ga dado molto disagio a questa giunta che lavora 25 ore al giorno, ma sto problema ora diventa prioritario su tutto, codice rosso).

PARTE 2). Mi sono immediatamente attivata (sottolinear l'immediatamente, segno de vigoria, prontezza, gente che punta al fare, concreta, proprio te devi immaginarla che appena che ghe riva la foto incriminata sulla sua scrivania de legno rovere la ciol in man el telefono, e la coordina i suoi sottoposti, la fa un piano d'azione, per poi sospirar tra ela e ela "son sempre mi che devo risolver le cose qua", te devi sentir anche el peso de questa grande responsabiltà)

PARTE 3) E' impegno di questa giunta risolvere la problematica nel minor tempo possibile (senza specificar cosa vol dir "minor tempo possibile", in fondo xe la giunta del "fare", non importa come, non importa quando, ma va fatto, cioè se punta all'operosità, allo sporcarse le mani).

Xe tutto molto poetico

Hai dimenticato il dichiarare date che regolarmente non vengono mai rispettate e rimandate all’infinito, ogni volta con una scusa diversa, sempre non dipesa da lei ma da altri, dalle ditte appaltatrici, dagli eventi atmosferici, dagli imprevisti continui, dalle cavallette, ecc, sempre esente da colpe e anzi fa la vittima cercando consensi come colei che cerca di fare il possibile ma ha sempre, guarda caso, le mani legate e più di così non può fare.

Edited by Spunk199
Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, Euskal Herria ha scritto:

tutte le sue dichiarazioni ga una struttura uguale, divisibili in 3 parti, e cioè:

PARTE 1) - Sono venuta a sapere (o, in alternativa, "sono venuta a conoscenza", come a dir oh, ma non me aspettavo una cosa de questo tipo, son proprio sorpresa, basita, un fulmine a ciel sereno, se devi far immaginar al lettore una situazione improvvisa che ga dado molto disagio a questa giunta che lavora 25 ore al giorno, ma sto problema ora diventa prioritario su tutto, codice rosso).

PARTE 2). Mi sono immediatamente attivata (sottolinear l'immediatamente, segno de vigoria, prontezza, gente che punta al fare, concreta, proprio te devi immaginarla che appena che ghe riva la foto incriminata sulla sua scrivania de legno rovere la ciol in man el telefono, e la coordina i suoi sottoposti, la fa un piano d'azione, per poi sospirar tra ela e ela "son sempre mi che devo risolver le cose qua", te devi sentir anche el peso de questa grande responsabiltà)

PARTE 3) E' impegno di questa giunta risolvere la problematica nel minor tempo possibile (senza specificar cosa vol dir "minor tempo possibile", in fondo xe la giunta del "fare", non importa come, non importa quando, ma va fatto, cioè se punta all'operosità, allo sporcarse le mani).

Xe tutto molto poetico

Da incorniciare 

Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, Euskal Herria ha scritto:

tutte le sue dichiarazioni ga una struttura uguale, divisibili in 3 parti, e cioè:

PARTE 1) - Sono venuta a sapere (o, in alternativa, "sono venuta a conoscenza", come a dir oh, ma non me aspettavo una cosa de questo tipo, son proprio sorpresa, basita, un fulmine a ciel sereno, se devi far immaginar al lettore una situazione improvvisa che ga dado molto disagio a questa giunta che lavora 25 ore al giorno, ma sto problema ora diventa prioritario su tutto, codice rosso).

PARTE 2). Mi sono immediatamente attivata (sottolinear l'immediatamente, segno de vigoria, prontezza, gente che punta al fare, concreta, proprio te devi immaginarla che appena che ghe riva la foto incriminata sulla sua scrivania de legno rovere la ciol in man el telefono, e la coordina i suoi sottoposti, la fa un piano d'azione, per poi sospirar tra ela e ela "son sempre mi che devo risolver le cose qua", te devi sentir anche el peso de questa grande responsabiltà)

PARTE 3) E' impegno di questa giunta risolvere la problematica nel minor tempo possibile (senza specificar cosa vol dir "minor tempo possibile", in fondo xe la giunta del "fare", non importa come, non importa quando, ma va fatto, cioè se punta all'operosità, allo sporcarse le mani).

Xe tutto molto poetico

Manca el punto 4… la soluzione dei problemi… si perché comunque prima o poi se risolvi… e indifferente come sarà un successo!!

Link to comment
Share on other sites

Il 31/10/2023 at 17:13, Gazza ha scritto:

Allora... 
oggi mi è capitata l'occasione di scambiare quattro chiacchiere con un agronomo esperto. Si parlava di fitofarmaci (insetticidi, funghicidi, diserbanti...). Mi diceva che i campi da calcio, campi sportivi in genere e i campi da golf sono uno dei luoghi più inquinati al mondo. Per tenere sane le 3000 (!!!) piante per metro quadro che compongono un tappeto erboso di uno stadio viene usata una quantità impressionate di prodotti, in deroga alle direttive. Tipo che un campo da golf viene trattato con fitofarmaci una volta ogni 2 settimane... un campo di calcio non sarà da meno. Mi diceva che molte delle patologie rare che colpiscono calciatore e atleti, sono dovute ai prodotti estermamente tossici (insetticidi, funghicidi, diserbanti selettivi) utilizzati per il mantenimento del prato. 

Il futuro, immagino, sarano campi sintetici o misti.

Edited by Shatterd Backboard
  • Grazie 1
Link to comment
Share on other sites

Nota stampa del Presidente Ben Rosenzweig sulla situazione dello Stadio Nereo Rocco:
 
"Vorrei ringraziare la Regione Friuli Venezia Giulia per il sostegno e il contributo al progetto di recupero del campo del Nereo Rocco, oltre che per i lavori di adeguamento necessari per poter ospitare un Torneo Internazionale Giovanile a Trieste. Dobbiamo anche ringraziare il Comitato Regionale della FIGC per la sua disponibilità a collaborare con noi nelle nostre ambizioni di crescita del calcio giovanile a Trieste. Dal momento che tutti i finanziamenti necessari sono stati stanziati e che la Triestina ha già ottenuto molteplici proposte dalle migliori aziende agronomiche d'Italia, è necessario che tutte le parti coinvolte lavorino collaborativamente per raggiungere rapidamente il nostro obiettivo comune: l'immediata restituzione del campo del Nereo Rocco a uno standard degno di uno stadio di livello internazionale e della città a cui appartiene.
 
I nostri giocatori meritano di meglio che giocare su un campo come quello attuale, che li espone a un rischio maggiore di infortuni e che alla fine può rivelarsi un fattore determinante per ostacolare la corsa del club verso la promozione. Durante i miei colloqui con loro il Presidente Fedriga e il Sindaco Dipiazza mi hanno confermato che sono d'accordo con me sul fatto che, per dare seguito a una seria ambizione sportiva, una città come Trieste merita uno stadio con un campo che sia significativamente migliore del semplice "non il peggiore". Non c'è dubbio che vogliamo giocare al Nereo Rocco.
 
Ma ho sempre detto che abbiamo intrapreso un progetto pluriennale che deve poggiare su basi solide. Sono convinto che ricostruire il campo ora, anche a metà stagione, metta fine all'incertezza che circonda lo stadio e sia la migliore decisione a lungo termine per il club. Con i finanziamenti stanziati, le proposte finalizzate e il torneo giovanile approvato, la Triestina e i suoi tifosi si aspettano un impegno per approvare immediatamente il progetto".
Link to comment
Share on other sites

30 minuti fa, Shatterd Backboard ha scritto:

Mi diceva che molte delle patologie rare che colpiscono calciatore e atleti, sono dovute ai prodotti estermamente tossici (insetticidi, funghicidi, diserbanti selettivi) utilizzati per il mantenimento del prato. 

Plausibile, ma al momento è un'opinione (dell'agronomo), anche se da anni se ne parla. Come si parla delle sostanze cancerogene dei campi sintetici. Al momento, mi pare di avere capito, non ci sono abbastanza studi sul tema

  • Mi piace 1
Link to comment
Share on other sites

40 minuti fa, Shatterd Backboard ha scritto:

Allora... 
oggi mi è capitata l'occasione di scambiare quattro chiacchiere con un agronomo esperto. Si parlava di fitofarmaci (insetticidi, funghicidi, diserbanti...). Mi diceva che i campi da calcio, campi sportivi in genere e i campi da golf sono uno dei luoghi più inquinati al mondo. Per tenere sane le 3000 (!!!) piante per metro quadro che compongono un tappeto erboso di uno stadio viene usata una quantità impressionate di prodotti, in deroga alle direttive. Tipo che un campo da golf viene trattato con fitofarmaci una volta ogni 2 settimane... un campo di calcio non sarà da meno. Mi diceva che molte delle patologie rare che colpiscono calciatore e atleti, sono dovute ai prodotti estermamente tossici (insetticidi, funghicidi, diserbanti selettivi) utilizzati per il mantenimento del prato. 

Il futuro, immagino, sarano campi sintetici o misti.

Ma per favore....... con tutte le schifezze che uno sportivo si ingurgita nel corpo nel corso della sua carriera, i fitofarmaci dei prati sono una roba da far ridere i polli...... .

Link to comment
Share on other sites

8 minuti fa, numanecia ha scritto:

Ma come scontro frontale Dario......  dai....... una mano lava l'altra 

Direi che il comunicato mette in chiaro che tutto lo scaricabarile di Codarin, Lodi e Canciani (cioè, quello che ripetono in continuo di dover 'ascoltare le necessità della Triestina' lasciando il non detto che le tempistiche le decide l'Unione... e altre favole...) non è fondato: la Triestina vuole rifarlo subito! 

Link to comment
Share on other sites

Adesso, numanecia ha scritto:

No poso sentir ste robe... el campo da golf uno dei luoghi più inquinadi al mondo..... dopo el Fiume Citarum xe el campo dove i ga giogado la Ryder cup a Roma qualche settimana fa.....eeeee certo a....... eeeee divento matto su ste fesserie 

Ci sono campi da golf e campi da golf.

Tendenzialmente l'impatto ambientale per uso di acqua e prodotti chimici (antifungini, insetticidi, fertilizzanti, corroboranti) è molto alto.

Poi ci sono circoli con altre impostazioni e il discorso è lungo e da specialisti.  Ma è difficile ci siano gestioni non chimiche.

Link to comment
Share on other sites

1 minuto fa, ndocojo ha scritto:

Direi che il comunicato mette in chiaro che tutto lo scaricabarile di Codarin, Lodi e Canciani (cioè, quello che ripetono in continuo di dover 'ascoltare le necessità della Triestina' lasciando il non detto che le tempistiche le decide l'Unione... e altre favole...) non è fondato: la Triestina vuole rifarlo subito! 

Ma assolutamente...... come diciamo in tanti qui dentro, ma uno scontro frontale è altra cosa. 

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×