Jump to content

Pallacanestro Trieste - Eagles Cividale (domenica 12 novembre 2023)


Recommended Posts

2 ore fa, forest ha scritto:

Beh, l'enorme vantaggio del fattore campo consiste nell'avere in casa la bella.

Se però ci si arriva.

Perché, vista dall'altra parte, tu che arrivi dietro hai prima di tutto due chance per venire a vincere a casa mia.

E se ne sfrutti anche solo una, ecco che si ribalta tutto.

Gli esempi, negli anni scorsi, direi che si sprecano.

Detto che mi pare prestino per considerare andato il primo posto a novembre, la Fortitudo ha ottimi giocatori ma non certo un roster lunghissimo.

Un paio di fisiologici infortuni e ne riparliamo, fermo restando che ai playoff giochi ogni due giorni....

Insomma, mi pare prestino per i verdetti definitivi, ma lo dico veramente da ignorante

Al momento i rapporti di foza sono questi, con la Fortitudo distante 3 vittorie, Forlì (da non sottovalutare) 1 e con noi che nel girone di ritorno dovremo andare a vincere a Bologna, Forlì e Udine se vorremo tentare di arrivare primi per evitare di affrontare Cantù e Trapani fuori casa nella fase ad orologio, con tutto quel che ne potrebbe conseguire di rischioso per la griglia play-off.

Perchè è inutile negarlo, ad avere la bella in casa, magari in una finale, con 6.500 tifosi come i nostri ad incitare la squadra, nessuno rinuncerebbe.

Edited by Orgoglio Triestino
Link to comment
Share on other sites

Mi permetto di proporre una lettura diversa, molto probabilmente azzardata e che sarà confutata o confermata solo alla fine del campionato.

Innanzi tutto si era detto che il nostro girone fosse quello mediamente più forte. Supposto che lo sia, ma non provato, per me le squadre più forti in assoluto in questo momento sono nell'altro, Trapani ora Cantù per non dimenticare forse Torino: bene, che se la giochino tra loro una promozione e noi con le altre in numero minore veramente forti. Ovvero nel nostro vedo solo la Fortitudo. E una Fortitudo con molti punti di domanda per me: squadra un pochino corta e avanti in età tra quelli che contano, con un ottimo allenatore ma furbo per raccogliere subito i frutti con cose semplici ma rigide, con una disciplina che usura e porta talvolta a scoppiare quando la fantasia e l'entusiasmo siano alimentati solo dalle vittorie (e dico poco) ma non dalla vera gioia di giocare a basket. Allora mi sono tornate in mente le parole di Berzot (scusate se scomodo i mostri sacri) ormai vecchio in un intervista. Alla domanda con che coraggio avesse portato in Spagna un Rossi fuori forma e in discussione per alterne vicende, rispose: si andava per vincere e potevo vincere solo con lui in squadra. Senza di lui non avevo possibilità e quindi la scelta era logica e semplice (qualcosa di simile). Riascoltavo la precedente puntata de tripladetabela e la spalla di Baldo che spiegava che Trieste non ha alternative che vincere tutto subito (in pratica quello che sta riuscendo alla Fortitudo). Bene io dissento: Trieste non ha alternative che costruire con pazienza e perseveranza il modello di gioco che ha deciso. Perseguire passo a passo anche di fronte alle sconfitte ed ai fischi se certa dei propri fondamentali. Perché solo così può vincere. Ha giocatori con grandi potenziali che stanno sottoperformando perché stanno imparando un gioco nuovo. Impossibile per dei giocatori maturi? Violenza per giocatori come Ruz che non hanno mai giocato così? Questa è l'unica possibilità. Creare qualcosa di diverso e dirompente e alla fine, anche non arrivando primi, spaccare le serie finali anche senza la bella in casa, o senza nemmeno aver bisogno di andare alla bella. Perché tanti arrivati primi non sono stati promossi, perché tanto conta la forza nel finale.

Quindi, e scusate la prolissità, possiamo discutere delle altre, delle loro sconfitte, della posizione finale alla vigilia dei playoff... Alla fine nella testa di Arcieri Trieste arriverà come una corazzata vincete, da formichina operosa e non cicala canterina (trapanese o bolognese).

Scommessa, salto mortale senza rete... Ai posteri...

Link to comment
Share on other sites

Condivido il discorso.. 

Però purtroppo.. I due posti per la promozione possono andare a due squadre dello stesso girone... 

Quindi in a possono andarci sia Trapani, Cantù e Torino.. Ecc. Ecc.. Una non esclude l'altra. 

Edited by alvin66
Link to comment
Share on other sites

11 ore fa, GMarco ha scritto:

Mi permetto di proporre una lettura diversa, molto probabilmente azzardata e che sarà confutata o confermata solo alla fine del campionato.

Innanzi tutto si era detto che il nostro girone fosse quello mediamente più forte. Supposto che lo sia, ma non provato, per me le squadre più forti in assoluto in questo momento sono nell'altro, Trapani ora Cantù per non dimenticare forse Torino: bene, che se la giochino tra loro una promozione e noi con le altre in numero minore veramente forti. Ovvero nel nostro vedo solo la Fortitudo. E una Fortitudo con molti punti di domanda per me: squadra un pochino corta e avanti in età tra quelli che contano, con un ottimo allenatore ma furbo per raccogliere subito i frutti con cose semplici ma rigide, con una disciplina che usura e porta talvolta a scoppiare quando la fantasia e l'entusiasmo siano alimentati solo dalle vittorie (e dico poco) ma non dalla vera gioia di giocare a basket. Allora mi sono tornate in mente le parole di Berzot (scusate se scomodo i mostri sacri) ormai vecchio in un intervista. Alla domanda con che coraggio avesse portato in Spagna un Rossi fuori forma e in discussione per alterne vicende, rispose: si andava per vincere e potevo vincere solo con lui in squadra. Senza di lui non avevo possibilità e quindi la scelta era logica e semplice (qualcosa di simile). Riascoltavo la precedente puntata de tripladetabela e la spalla di Baldo che spiegava che Trieste non ha alternative che vincere tutto subito (in pratica quello che sta riuscendo alla Fortitudo). Bene io dissento: Trieste non ha alternative che costruire con pazienza e perseveranza il modello di gioco che ha deciso. Perseguire passo a passo anche di fronte alle sconfitte ed ai fischi se certa dei propri fondamentali. Perché solo così può vincere. Ha giocatori con grandi potenziali che stanno sottoperformando perché stanno imparando un gioco nuovo. Impossibile per dei giocatori maturi? Violenza per giocatori come Ruz che non hanno mai giocato così? Questa è l'unica possibilità. Creare qualcosa di diverso e dirompente e alla fine, anche non arrivando primi, spaccare le serie finali anche senza la bella in casa, o senza nemmeno aver bisogno di andare alla bella. Perché tanti arrivati primi non sono stati promossi, perché tanto conta la forza nel finale.

Quindi, e scusate la prolissità, possiamo discutere delle altre, delle loro sconfitte, della posizione finale alla vigilia dei playoff... Alla fine nella testa di Arcieri Trieste arriverà come una corazzata vincete, da formichina operosa e non cicala canterina (trapanese o bolognese).

Scommessa, salto mortale senza rete... Ai posteri...

Aggiungo che, la capacità della società di mantenere la calma in un momento francamente difficile (tra contestazioni, fischi e malcontento generale), ha permesso a questa squadra di risollevarsi da sola, contribuendo a costruire una certa solidità mentale. Non so se alla fine saremo quella creatura che Arcieri ha in testa (lo spero), quel che è certo è che noi, a differenza delle altre top, siamo già stati nel fondo della palude e siamo stati capaci in qualche modo di uscirne, le altre devono ancora vederla la palude, e alla fine in un campionato così lungo chi prima e chi dopo tutte ci fanno un passaggio. La differenza sta poi nel sapersi tirare fuori e quanto velocemente

Link to comment
Share on other sites

Dalla palude ti salvi solo con il gioco: efficace, elaborato, con tanti schemi e con le giuste spaziature in attacco (dove la bravura del coach è quella di adeguarlo alle caratteristiche dei propri giocatori per esaltarle al massimo) e fisico, con pressione alta sul perimetro, tagliafuori, chiusura dell'area, cambi adeguati e automatismi ben oliati in difesa.

A quel punto il talento del roster farà la differenza, anche sull'eventuale organizzazione degli avversari.

Il tempo può lavorare a nostro favore, la panchina lunga anche, ma occorre progredire velocemente perchè le altre squadre faranno lo stesso.

Link to comment
Share on other sites

12 minuti fa, Orgoglio Triestino ha scritto:

Dalla palude ti salvi solo con il gioco: efficace, elaborato, con tanti schemi e con le giuste spaziature in attacco (dove la bravura del coach è quella di adeguarlo alle caratteristiche dei propri giocatori per esaltarle al massimo) e fisico, con pressione alta sul perimetro, tagliafuori, chiusura dell'area, cambi adeguati e automatismi ben oliati in difesa.

A quel punto il talento del roster farà la differenza, anche sull'eventuale organizzazione degli avversari.

Il tempo può lavorare a nostro favore, la panchina lunga anche, ma occorre progredire velocemente perchè le altre squadre faranno lo stesso.

Credo, pero', che i margini di miglioramento piu' ampi appartengano alla nostra squadra..

Non e' detto che si materializzino,eh..pero' ,in teoria, potremmo essere quelli che miglioreranno di piu' rispetto agli altri

Link to comment
Share on other sites

15 minuti fa, Orgoglio Triestino ha scritto:

Dalla palude ti salvi solo con il gioco: efficace, elaborato, con tanti schemi e con le giuste spaziature in attacco (dove la bravura del coach è quella di adeguarlo alle caratteristiche dei propri giocatori per esaltarle al massimo) e fisico, con pressione alta sul perimetro, tagliafuori, chiusura dell'area, cambi adeguati e automatismi ben oliati in difesa.

A quel punto il talento del roster farà la differenza, anche sull'eventuale organizzazione degli avversari.

Il tempo può lavorare a nostro favore, la panchina lunga anche, ma occorre progredire velocemente perchè le altre squadre faranno lo stesso.

Certo, ma la capacità di affrontare i momenti difficili con solidità mentale potrebbe far la differenza. In una serie playoff saper reagire ad un momento difficile o dopo una sconfitta potrebbe cambiare gli esiti finali.

Detto ciò concordo con quanto scrivi tu e anche con quanto dice Alvin. Teoricamente siamo noi ad avere sulla carta i maggiori margini di miglioramento, detto ciò non è detto però che questo avvenga....

Link to comment
Share on other sites

21 minuti fa, Veltro ha scritto:

Scusate, se il campionato finisse oggi, contro chi giocheremmo nella famosa fase ad orologio? ancora non mi e' chiaro

Fuori casa con le prime 4 del girone opposto e l'ultima. In casa con la sesta fino all'11ma del girone verde 

  • Grazie 1
Link to comment
Share on other sites

Ci provo giusto per comprendere il meccanismo (non perché ci capisca di basket, solo perché mi ha incuriosito..) 

Da quarti 

In casa

Rieti (5a), Cremona (6a), Milano (7a), Vigevano (8a), Casale o Agrigento (9e)

In trasferta

Torino (3a), Cantù (2a), Trapani (1a), Latina (12a), Roma (11a)

Edited by Riodario
  • Grazie 1
Link to comment
Share on other sites

23 ore fa, gpetrus ha scritto:

a nostro svantaggio , per il primo posto gioga che el campionato prevedi ancora 13 sole giornate e la F dovessi perder 4/5 piu' de noi ( dipendi dal recupero a UD ) avendo anche scontro a favor ( salvo miracoli ). Ecco perche' a oggi me par assai difficile rivar primi.....poi....xa fra un mesetto gaveremo le idee piu' chiare. 

Se non sbaglio mancano ancora 21 giornate alla fine, no 13

Link to comment
Share on other sites

11 minuti fa, marcoc ha scritto:

Mancano 13 alla fine del girone rosso, poi altre dieci con andata e ritorno delle squadre del girone verde

Scusa ho contato pure io male. 2 alla fine del girone di andata, 11 a quello di ritorno, 10 in quello ad orologio. Quindi prima di definire la griglia playoff mancano 23 giornate per 46 punti in palio, direi che la strada per tutti è ancora molto ma molto lunga

Link to comment
Share on other sites

Madonna santa, ma chi se inventa ste cagade???
Alternative:
Girone unico a 24 squadre con regular season da 46 giornate?
2 gironi da 12 come adesso con andata, ritorno e campo neutro?
Alla fine una seconda fase in cui si incontrano le squadre dell' altro girone in base alla classifica della prima fase, non mi sembra una idea malvagia.

Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk

Link to comment
Share on other sites

3 minuti fa, Genzo ha scritto:

Alternative:
Girone unico a 24 squadre con regular season da 46 giornate?
2 gironi da 12 come adesso con andata, ritorno e campo neutro?
Alla fine una seconda fase in cui si incontrano le squadre dell' altro girone in base alla classifica della prima fase, non mi sembra una idea malvagia.

Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk
 

Bastassi far una lega2 a 18 squadre e fine

Link to comment
Share on other sites

16 minuti fa, Genzo ha scritto:

Alternative:
Girone unico a 24 squadre con regular season da 46 giornate?
2 gironi da 12 come adesso con andata, ritorno e campo neutro?
Alla fine una seconda fase in cui si incontrano le squadre dell' altro girone in base alla classifica della prima fase, non mi sembra una idea malvagia.

Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk
 

infatti, è una soluzione ponte in attesa di arrivare alle 20 squadre in un girone unico nel prossimo campionato

a quel punto si giocheranno 38 partite solo di r.s. e qualcuno dirà che sono troppe, c’è da dire che effettivamente non sono poche

sara’ interessante capire come verranno strutturati i PO, coinvolgere solo 8 squadre potrebbe nel finale portarne troppe ad essere senza obiettivi con conseguenti risultati strambi e poco interesse 

sinceramente dopo una maratona da 38 partite premierei la prima classificata con la promozione diretta e l’altro posto lo assegnerei alla vincente dei PO giocati dalla seconda alla nona, magari introducendo play-in come in NBA e da quest’anno in EL

  • Mi piace 1
Link to comment
Share on other sites

Bastassi far una lega2 a 18 squadre e fine
Son d'accordo ma infatti come ha scritto Pinot, dal prossimo anno si passa a 20 a girone unico.
Con 24 quest'anno non potevi inventarti cose molto diverse

Inviato dal mio Redmi Note 7 utilizzando Tapatalk

Link to comment
Share on other sites

24 minuti fa, Davide69 ha scritto:

31 punti xe tanti.. nessun xe imbattibile 

non che questo giustifichi un -31, ma F senza Aradori

a parte questo, alla discussione su Caroti tiratore si’/tiratore no si aggiunge un nuovo interessante capitolo con il 6/8 da 3 di stasera

forse tiratore no in carriera, ma insomma che lo sia in questa stagione mi pare fuori discussione, un giocatore intelligente a 26 anni può anche migliorare i suoi fondamentali con il lavoro in allenamento

non mi meraviglierei di vederlo in A l’anno prossimo

per me noi abbiamo fatto un’impresona battendo Udine 10 giorni fa per giunta con un Reyes reduce da trasvolate atlantiche, a occhio l’APU mi pare la migliore del lotto e nemmeno di poco

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...
×
Il Forum di Elsitodesandro
Home
Activities
Sign In

Sign In



Search
More
×